Piccolo vademecum per l’automobilista

Mi è già capitato più volte di scrivere a riguardo dello spostamento di animali lungo le strade a percorrenza più o meno elevata di automobilisti. Era argomento quasi quotidiano quando il mio mondo era quello del pascolo vagante.

sny6fv
Discesa dall’alpeggio Veplace lungo la strada di St. Barthélemy – Nus (AO)

In questi giorni, lungo le strade di montagna e di fondovalle, si possono incontrare le ultime transumanze. Oggi il cielo è un po’ grigio, l’aria freddina, passano meno turisti rispetto alle settimane scorse. Ma quello che sto scrivendo vale oggi, domani, quest’anno e anche il prossimo. E’ valido quando si incontra una transumanza, bisogna tenerne conto in caso si incrocino animali che vanno al pascolo o rientrano in stalla.

rxmjcy
Transumanza autunnale – Porliod, Nus (AO)

Chi incrocia con la sua auto gli animali, spesso è totalmente impreparato. Lo vedo in prima persona, camminando davanti a pecore, capre o bovini. Si fa segno agli automobilisti di rallentare, si fa segno di accostare a destra, possibilmente liberando la sede stradale quando c’è uno slargo, ma raramente il pilota capisce. C’è chi viene avanti fino ad “entrare” tra gli animali, chi prosegue a bassa velocità se vede parte della carreggiata libera, chi si ferma in mezzo alla strada e così via.

dw7huq
In fila indiana: le vacche preferiscono non camminare sull’asfalto – Vallone di St. -Barthélemy, Nus (AO)

Non so quanto possa servire, ma scrivo qui alcune regole che sono utili a preservare l’incolumità degli animali e dei mezzi guidati da chi incrocia il loro cammino. E’ vero che il codice della strada richiederebbe di occupare con il bestiame solo una carreggiata, ma non sempre questo è facile (e pratico) da rispettare. Chi conduce mandria/gregge, cerca sempre di agevolare il sorpasso degli automobilisti in coda quando ritiene che ci siano le condizioni di sicurezza per farlo.

2omgdv
Transumanza autunnale – Chatillon (AO)

Quando vedete che gli uomini vi fanno segno di sorpassare, non indugiate eccessivamente perché non è facile contenere gli animali sulla metà sede stradale, quindi occorre sfruttare il momento. Nello stesso tempo, prestate la massima attenzione perché gli animali non sanno che devono rispettare la mezzeria, può sempre esserci uno scarto improvviso. Tenete d’occhio i cani, che spesso corrono di fianco al bestiame proprio per aiutare gli uomini a contenerlo. Conoscono alla perfezione il loro compito, ma tengono d’occhio gli animali e non le auto. Questi principi valgono anche quando vedete degli animali al pascolo lungo una strada: rallentate e… massima attenzione.

wdpzi0
Desarpa (discesa dall’alpe) – Blavy, Nus (AO)

Se invece gli animali vengono nella direzione opposta alla vostra, fermatevi, possibilmente stando più a destra possibile. Se c’è uno spiazzo, una banchina larga, parcheggiate lì. Il vostro mezzo sarà più sicuro, saranno minori i rischi di contatto con gli animali. Inoltre, se non lasciate spazio alla vostra destra, si evita che un animale vada a passare proprio lì, danneggiando magari uno specchietto. Spegnete il motore o almeno evitate di accelerare (soprattutto se avete una moto), il rombo del motore potrebbe impaurire gli animali.

zt7ctz
Desarpa lungo il Vallone di St.Barthélemy – Nus (AO)

Specialmente se si tratta di bovini, potreste agevolare il lavoro di chi conduce la mandria uscendo dal vostro mezzo e posizionandovi appena davanti al lato sinistro. Basta agitare le braccia per allontanare gli animali, così da far sì che non urtino l’auto. Quando possibile, le persone che accompagnano la transumanza corrono a svolgere questo compito, ma talvolta è difficile arrivare in tempo, specialmente se nello stesso tempo c’è da evitare che gli animali passino dietro ad un guard-rail o scappino in un prato.

wo0lsy
Transumanza a Pontey (AO)

Fatelo anche quando incrociate un gregge. Se le vacche possono mettervi paura per la loro mole, con capre e pecore non correte sicuramente rischi. La lana non riga le carrozzerie, ma una campana o un corno sì, quindi costa poco scendere (e così vi godrete anche meglio lo spettacolo!). Non è poi così difficile da fare, ciò che vi ho chiesto. Ricordate comunque soprattutto che gli animali non ragionano come noi, quindi non potete mai pensare che rispettino certe regole “umane”. Massima prudenza sempre e… quando vedete un cartello stradale che segnala la presenza di animali, effettivamente in certi periodi dell’anno questi ci sono, anche solo per attraversare la strada tra la loro stalla e il pascolo. Fermatevi in modo da essere sicuri voi (in un luogo visibile da chi arriva alle vostre spalle) e da non intralciare il transito del bestiame. Quando passa anche l’ultimo agnello, capretto, vitello, cane… solo allora potete ripartire: un piccolo, separato dal resto del gruppo, può impaurirsi e scappare in tutt’altra direzione. Grazie a tutti per la pazienza e la comprensione.

Annunci

E’ inverno e nevica

Non so voi, ma a me era quasi venuta la paura di non vedere più l’inverno, le stagioni, la neve. Temevo che mi sarebbero toccati anni di clima anomalo, giornate in cui stare in camicia anche a gennaio o a dicembre. Ma poi invece…

ul5uej
Nevicata del 1 dicembre, Tussiot – Cumiana (TO)

La prima nevicata è arrivata all’inizio del mese ed ha imbiancato le vallate del Cuneese e del Torinese, arrivando anche in pianura. Che sollievo per le scorte idriche, per i boschi martoriati dagli incendi e per quelli dove i piromani ancora si accanivano ad innescare nuovi fuochi!

pwf9vr
Rientro in stalla, Cumiana (TO)

Dalle mie parti la neve caduta non era stata eccessiva, poco più a monte si sfiorava il mezzo metro, ma da me era caduta anche pioggia, compattando la neve, che poco per volta si era anche sciolta dove batteva il sole. Così si riusciva anche ad andare al pascolo!

pfzktm

La neve aveva schiacciato i rovi, così le capre si nutrivano ghiottamente delle foglie ancora verdi. Non erano giorni da fare le difficili e le schizzinose, qualunque cosa era appetibile in questi giorni di magra: felci, foglie di frassino ormai secche, cadute a terra da settimane, piccoli ciuffetti di erba già verde grazie all’umidità della pioggia e della neve.

fupysr
Pascoli aridi imbiancati da una spolverata di neve, Porliod – Nus (AO)

Ma non dappertutto aveva nevicato. In Val d’Aosta per esempio la neve caduta era stata proprio solo una spolverata. Discorso turistico-sportivo a parte, per la montagna serviva comunque ben altro, specie per vallate come questa, abbastanza arida d’estate, ma dove l’agricoltura e la zootecnia di montagna si basano sull’irrigazione attraverso un fitto sistema di canali e ruscelli artificiali.

yijcqs
La Combaz – Nus (AO)

Un inverno con solo freddo, ma scarse precipitazioni, sarebbe stato un vero e proprio disastro, dopo la siccità che già aveva compromesso l’estate e l’autunno. Stagione d’alpeggio breve, scorte di fieno inferiori alla norma, zero termico ad alta quota, con i ghiacciai che si sciolgono sempre più, estate dopo estate. Guai se fosse mancata anche l’acqua per l’anno successivo!

v44mzw
Inizia la nevicata, Petit Fénis – Nus (AO)

Ma poi ecco che, ieri mattina, pur con una temperatura abbastanza bassa, inizia a nevicare: è neve finissima, veri e propri cristalli, con tutti i loro aghetti e disegni diversi l’uno dall’altro. Sembra farina che viene giù dal cielo, pare incredibile che possa creare uno strato spesso, tanto è leggera e impalpabile.

4w1s48
Tra le vecchie case, Petit Fénis – Nus (AO)

Pian piano la neve va a coprire tutto, case abitate e case abbandonate. Copre i muri crollati, porta indietro nel tempo con la sua magia. E’ vero, tra non molto sarà tutto più complicato, quassù, ma è impossibile non lasciarsi rapire dalla sua magia.

o9f9yh
Petit Fénis – Nus (AO)

La nevicata va avanti, aumenta d’intensità, copre tutto ed è inverno. Si fanno i lavori inderogabili e poi ci si chiude in casa con la stufa accesa. Poi ci sono tutti gli altri, quelli che devono andare altrove, devono mettersi in viaggio, e allora protestano perché le strade sono difficili da percorrere… ma siamo d’inverno e siamo in montagna. La natura, quando si mette d’impegno, si fa rispettare e cerca di insegnare anche all’uomo del XXI secolo i suoi giusti ritmi. D’inverno tutto si ferma, d’inverno tutto riposa sotto il candido manto.

ksdrkg
Si porta il fieno in stalla, Petit Fénis – Nus (AO)

Non è solo tutta poesia: non sempre le stalle sono tutte vicine a casa, non sempre il fienile è adiacente, così i “due passi” con la balletta di fieno in quei momenti si fanno più impegnativi. Ma fin quando c’è fieno, gli animali stanno bene e c’è la salute anche per l’allevatore, si fa anche questo. Vivere e lavorare in montagna è diverso dalle grandi stalle di pianura…

uy83lk
Vitelli di razza valdostana, Petit Fénis – Nus (AO)

In stalla si sta al caldo, non ci si preoccupa minimamente di quel che accade all’aperto. Tanto il fieno nelle mangiatoie arriva come al solito, al massimo si protesta con muggiti e belati se la neve complica il lavoro fuori e c’è qualche slittamento di orario.

wjiwas
Dopo circa 10 ore di nevicata, Petit Fénis – Nus (AO)

…e la neve intanto si accumula… si affanna a toglierla chi deve uscire con l’auto, magari per andare al lavoro. Per una volta forse invidiano gli allevatori, che invece sono lì che finiscono di mungere o di pulire la stalla. Beati loro che non devono muoversi di casa… Ma per loro non c’è busta paga a fine mese, non c’è domenica, non c’è giorno di festa…

lkgsnm
Ritiro serale del latte, Petit Fénis – Nus (AO)

Per lavoro deve anche passare il camion del latte, al mattino e alla sera, per portare i bidoni in caseificio, dove subito inizierà la lavorazione della Fontina.

css7km
Pulizia della strada con la fresa, Petit Fénis – Nus (AO)

I mezzi fanno il possibile per mantenere aperte le strade, ma la nevicata continua e, il mattino dopo, nevica ancora. C’è chi si lamenta, ma penso sia materialmente impossibile, con una precipitazione così intensa e con strade dallo sviluppo così esteso come quelle dei comuni di montagna, togliere ogni singolo fiocco nel momento in cui tocca terra!! Anzi, tanto di cappello a quelle persone che hanno lavorato notte e giorno per cercare di pulire le strade, talvolta trovando come ostacolo i mezzi di chi si è fatto cogliere impreparato, senza mezzi e attrezzature idonee alla stagione e alla neve.

nzlpcd
Il villaggio al mattino presto, Petit Fénis – Nus (AO)

Ho pubblicato queste foto su Facebook, dove le immagini romantiche vanno di pari passo con le polemiche. Un’amica mi ha raccontato una storia che mi sembra giusto condividere anche con tutti voi. Scrive Augusta: “Era il 1986, fine gennaio inizio febbraio, in una frazione di un comune della bassa valle (non faccio nomi perché mi sembra più corretto) vivevano 4 famiglie, in quei giorni comincia a nevicare, lì sono quasi 1500 metri la neve ammucchia, si pala ma ne viene tanta…

09njxm
Tra le “vie” del villaggio, Petit Fénis – Nus (AO)

La strada asfaltata penso non arrivasse proprio ancora vicino alle case. Il comune è vasto e i soccorritori e volontari non arrivano. La frazione è isolata, ci si tira su le maniche e si pala. Sembra andar abbastanza bene, se non che un anziano muore… poverino… ma questi non si perdono d’animo, si sistema il nonnino in una stanza che fa da camera ardente, e si organizza i lavori, ci si aiuta a pulire stradine per andare nelle stalle dar mangiare alle bestie, pulire con le carriole il letame mungere, andare nei fienili, preparare il fieno… A quei tempi il fieno non era imballato, nel fienile c’era la “biesta” e per portarlo in stalla si usavano dei teli con delle corde negli angoli, si legavano dei mucchi che poi venivano portati direttamente nelle mangiatoie e slegati. Comunque senza perdersi d’animo c’era chi accudiva le stalle chi cucinava prodotti che avevano in casa.

gklcea
La parte non abitata del villaggio, Petit Fénis – Nus (AO)

Sicuramente non erano senza scorte di patate farina salumi, perché era febbraio e a dicembre avevano tutti lavorato il maiale. Intanto continuava a nevicare e si palava…
Alla sera dopo cena si passava dal nonnino per una corona. Un paio d’ore e poco più di riposo e si ricominciava, le giornate passavano così e in quella situazione ne passarono tre sicuro, forse quattro o addirittura cinque, fino a che i volontari del Comune arrivarono in soccorso.
Io la storia l’ho sentita raccontare, ma senza lamentele, semplicemente come un momento che la natura e la vita portavano a vivere, “quasi” una normalità. Adesso sarebbe uno scandalo roba da denunce, pagine di giornali, servizi tv ecc ecc ….
E forse… concludete voi.

grxjwa
Giornate difficili per tutti gli animali selvatici, Petit Fénis – Nus (AO)

Direi che non c’è altro da aggiungere a questa bella storia che mi ha scritto/raccontato Augusta Agnesod. qui nevica ancora, ma oggi molto meno intensamente di ieri. Ormai sono 36 ore, ma non c’è da stupirsene. E’ inverno, quello vero, come ai vecchi tempi. Abbiamo perso l’abitudine, ormai vogliamo che sia tutto ai nostri comandi, la neve solo per andare a sciare, l’acqua che scorra infinitamente dai nostri rubinetti, le strade sempre libere per permetterci di correre freneticamente qua e là per lavoro e per piacere.

Siamo talmente testardi… che non molliamo!

Da una parte all’altra della Vallée, eccomi in bassa valle, più precisamente a Lillianes, nella valle del Lys. Qui, per raggiungere l’alpeggio, mi inerpico per una stretta strada a tornanti, che tocca diverse frazioni. Arrivo a Santa Margherita, poi chiamo Italo. Devo prendere l’altra strada, poi girare “…dove c’è una biga parcheggiata…” e andare avanti fin quando trovo il suo camion trasporto animali.

f80hms
In alpeggio dai Lazier, Pra Pian – Lillianes (AO)

Più difficile a dirsi che a farsi, così con l’aria fresca del mattino, ancora prima che il sole arrivi alla baita, eccomi a Pra Pian. La famiglia Lazier è quasi al completo, manca il figlio maggiore, ma c’è un ragazzino che è in villeggiatura da quelle parti. La moglie di Italo deve scappare, sta per arrivare un elicottero con il carico dall’alpeggio dove ci sono i suoi genitori. “La sua famiglia ha sempre avuto le bestie, solo lei ha continuato, le due sorelle sono andate a fare altro…

wyrdf2
Uscita dalla stalla, Pra Pian – Lillianes (AO)

Qui gli alpeggi sono diversi rispetto ai valloni della media e alta valle. Le vacche sono ricoverate in almeno 3 diverse piccole stalle, una delle quali è al pian terreno dell’abitazione della famiglia. Sono diverse le strutture, ma anche i pascoli, il territorio… e la gestione è famigliare. “Non abbiamo operai, facciamo tutto noi. Passiamo qui tutta l’estate, da metà giugno a fine settembre, siamo in affitto. Io ci venivo già prima, poi abbiamo continuato insieme quando ci siamo sposati 20 anni fa.

cdq4is
Verso i pascoli, Pra Pian – Lillianes (AO)

A volte vorrei cambiare, affittare da un’altra parte, ma mia moglie preferisce restare qui. Una volta avevamo anche capre, mi ha spezzato il cuore doverle vendere, adesso abbiamo solo più mucche. Magari più avanti quando i ragazzi saranno più grandi… ne prenderemo di nuovo! Mungiamo e diamo il latte alla cooperativa a Fontainemore. Per lavorarlo, ci vorrebbero tutti i locali a norma… prima avevamo 2-3 tramuti e ci sarebbe stato da fare la spesa su tutti per mettere a posto. La burocrazia e i vincoli ci complicano troppo il lavoro!

leim5m
Pra Pian – Lillianes (AO)

Qui in bassa valle quasi tutti danno il latte alla cooperativa di Fontainemore, se hanno la strada. In alta valle lo lavorano ancora. Avere le strade mantiene vivo il sistema degli alpeggi, se i villeggianti vogliono andare a piedi, possono farlo lo stesso. Di qui passa abbastanza gente, vanno al Rifugio Coda o al ristoro.

jv72g5
Pra Pian – Lillianes (AO)

La pista interpoderale è stata fatta nel 1990, così abbiamo avuto tante agevolazioni… Adesso si munge a macchina, puoi usare la botte per spargere i liquami e concimare i pascoli. Una volta il latte si mandava giù con le teleferiche! A non lavorare noi il latte c’è più tempo, altrimenti senza operai non si riuscirebbe a far tutto. Ci facciamo parte del fieno… Quest’estate il figlio maggiore è giù a fare altri lavori, altrimenti ci aiuta anche lui.

h6ryaf
Pra Pian – Lillianes (AO)

Non è facile pascolare qui, la mandria deve passare in un corridoio di fili e picchetti tra le baite: alcune sono state ristrutturate, altre purtroppo sono abbandonate. “Anche se tiriamo il filo, uno al pascolo con le bestie c’è sempre. Ne abbiamo poi altri gruppi, i manzi da una parte, i vitelli dall’altra, quelli sono da soli e si spera che il lupo non diventi un problema! Non è il lupo che ha colpa… ma chi lo protegge!

xnqrv9
Pra Pian – Lillianes (AO)

Nonostante le difficoltà, i pascoli non ottimali, il meteo di questa stagione che forse costringerà a lasciare l’alpeggio in anticipo, i cinghiali che devastano tutto: “…siamo talmente testardi che non molliamo! Devi proprio amarlo, questo lavoro, non c’è mai un giorno di riposo, ma a me non pesa.

pml3vn
Pra Pian – Lillianes (AO)

Proprio nel mezzo de pascolo che Italo ha dato alla mandria per quella mattina, c’è un quadrato recintato con picchetti e vari giri di filo azzurro. “L’hanno recintato i padroni, stanno in quella casa lì ristrutturata, vengono dalla Francia. Non è facile pascolare in posti così…“. Mi mostra altri alpeggi, a quote maggiori, sui versanti fronte. Montagne forse migliori, ma comunque diversi da quelli dell’alta val d’Aosta. “Tutti gli anni cerchiamo di andare almeno un giorno a vedere qualche alpeggio su… ieri siamo andati al Piccolo San Bernardo a vedere la Battaglia. Abbiamo anche quella passione, lo scorso anno ne avevamo due alla finale regionale, quest’anno una…

 

Non so se in valloni così ci sia ancora un futuro

Sono fortemente debitrice con chi, sul territorio, si sta adoperando per segnalarmi alpeggi “meritevoli” o luoghi particolari dove andare a fare le mie interviste. Nel caso del vallone dell’Alleigne a Champorcher, il mio grazie va a Marco, che mi ha accompagnata. Anche lui allevatore (dice che lui lo fa solo per hobby! la sua famiglia gestisce l’agriturismo Relais des Reines), conosce bene molte realtà della zona e non solo.

ktenev
Sentiero del Vallone dell’Alleigne – Champorcher (AO)

Mi aveva detto che questo vallone meritava una visita sia dal punto di vista paesaggistico/territoriale, sia per chi avrei trovato il alpeggio. Se un paio di settimane fa ero stata in un alpeggio che continua a vivere grazie all’apertura di una strada, qui gli ambientalisti hanno avuto la meglio e si continua a salire con una stretta mulattiera. Le pietre del fondo sono consumate da milioni di passi di uomini e animali, provo a pensare cosa possa significare oggi salire e scendere con il mulo carico di provviste o di formaggi. “Era anche un’antica via del sale“, mi racconta Marco.

4wager
La pista, mai conclusa, nella prima parte del vallone dell’Alleigne – Champorcher (AO)

A dire il vero una strada la si voleva fare, una pista trattorabile, di cui è visibile il primo tratto, che si interrompe dopo qualche centinaia di metri. L’opposizione era stata fortissima e così alla fine il vallone è rimasto senza strada. “Che poi era stato individuato un tracciato che non andava a toccare la vecchia mulattiera, passava più in alto. E comunque non si voleva fare una strada… hai visto com’era nel primo tratto! Ai tempi avevano fatto il presidio e raccoglievano firme alla partenza del sentiero“, mi racconta Marco. La salita è impegnativa anche solo per una semplice escursione, quando nello zaino c’è al massimo una maglia, una borraccia e un panino.

ryk2d9
Vallone dell’Alleigne: il torrente – Champorcher (AO)

A fianco del sentiero, un torrente limpidissimo e fresco. La gita è piacevole, ma vi ricordo di provare a mettervi nei panni di chi deve salire e scendere per lavoro. Certo, una volta lo si faceva, lo facevano tutti, ma oggi almeno bisognerebbe riconoscere un valore doppio ai prodotti di chi lavora in certe condizioni. Chi è disposto a farlo? Ma poi, la gente, i turisti, salgono fino all’alpeggio? Quando incontreremo Mario, su in alto nei pascoli, dirà che la maggior parte dei turisti si ferma al primo pianoro, solo qualcuno prosegue per il lago e nessuno viene a comprare formaggio, mica hanno voglia di caricarselo a spalle!

yspybu
Peroisaz – Vallone dell’Alleigne, Champorcher (AO)

L’alpeggio di Peroisaz è stato in parte ristrutturato, ci sono ancora attrezzature e materiali per completare i lavori, chissà come, chissà quando. Gli animali sono già al pascolo più a monte, la salita per arrivare fin quassù è stata lunga e impegnativa. All’alpeggio ci sono Samuele e il suo fratellino. Samuele è qui per dare una mano ai fratelli Vallomy: “Giù sua mamma ha le capre, poi ha qualche mucca qui con le nostre“, racconterà Mario.

9k1qjk
Mario – Peroisaz, Champorcher (AO)

Nicola è sceso a valle, così chiacchieriamo solo con Mario, che comunque di cose da raccontare ne ha tante. “Sono 26 anni che veniamo qui, prima andavamo a Fontainemore e prima ancora a San Grato. Ho iniziato nel 1968 con mio papà, ho fatto un po’ di ferie nel 1968 quando sono stato ricoverato all’ospedale e poi quando ho fatto il servizio militare, altrimenti sono sempre stato con le bestie.

kxoyks
Mandria al pascolo – Vallone dell’Alleigne, Champorcher (AO)

Marco me l’aveva detto che qui avremmo incontrato animali “della razza vecchia”, vacche valdostane come esistevano una volta, sia per la colorazione, sia per le dimensioni, non incrociate e selezionate, ma più piccole e rustiche, adatte al pascolo (anche perché quassù di sicuro non vengono fatte integrazioni con i mangimi). “Sono 26 anni che vengo su e non so se merita continuare o no. I padroni della baite diventano vecchi, sono 4 privati, hanno aggiustato un po’, ma non hanno finito. Ci fosse la strada sarebbe differente. Gli altri alpeggi nel vallone sono tutti diroccati. Non so se in valloni così ci sia ancora un futuro: se non cambia niente, io non lo consiglierei a nessuno di continuare.

dqbws6
Capre valdostane – Vallone dell’Alleigne, Champorcher (AO)

Le capre le devo pascolare con le mucche e chiuderle a mezzogiorno, ci sono troppi lupi, appena siamo saliti qui ce ne ha presa una appena davanti alle baite, l’abbiamo visto! Giù al tramuto basso ce ne ha prese altre. Qui ci sono solo più brutte bestie, vipere e lupi! Patiscono ad essere chiuse a mezzogiorno, poi si picchiano, ma non possiamo fare diversamente. Abbiamo preso un maschio per far nascere capretti di un certo tipo, ma poi la selezione ce la fa in lupo, invece!

ohfilk
Eriofori al Lago Chilet – Champorcher (AO)

Avevamo anche le pecore, mi piacciono le pecore, ho le biellesi, quelle belle grosse. Le ho sempre avute, 100-110… Qui stavano bene, le mettevamo su al lago e andavamo a vederle, salivo a dare il sale. Adesso tutta quella bella erba che c’è là resta da mangiare, è troppo lontano andare con le mucche fino in cresta. Tre anni fa il lupo ci ha preso 12 pecore. Tre volte ho preso in mano il telefono per chiamare il commerciante e venderle, ma non me la sono sentita. Adesso ne ho solo più poche, le ho a Lillianes vicino a casa, se la sognano l’erba che avevano qui! Comunque il lupo ce le uccide anche là…

2pzmnb
Mandria al pascolo – Vallone dell’Alleigne, Champorcher (AO)

Marco e Mario chiacchierano in patois, riesco forse a capire qualche parola in più rispetto ad altre parti della val d’Aosta. “Il miglior burro di Dondena vale meno del letame di Peroisaz, così dicevano una volta, tanto qui è buona l’erba! Ci sono ancora i canali, e poi i tubi, dove metti il liquame della stalla di erba ne viene di più. Quando si saliva in autunno a vedere le pecore, l’erba era verde dove era stato messo il letame.

jsnnxy
Rientro a Peroisaz – Champorcher (AO)

Pian piano le vacche vengono fatte scendere verso l’alpeggio, il sentiero è ripido e sassoso. “Non le portiamo alle battaglie, quando scendono di qui… sono già troppo stanche!“, scherza Mario.

toulcp
Gregge di capre – Peroisaz, Champorcher (AO)

Anche le capre hanno fatto l’abitudine a rientrare in stalla, quindi precedono la mandria senza che vi sia la necessità di mandare il cane per farle scendere. Chiedo informazioni sulla parabola che vedo contro il muro di una delle vecchie stalle e mi raccontano che era stata posizionata dai padroni per controllare i lavori e gli operai (!!!) durante la ristrutturazione. Ma c’erano sempre dei problemi e non ha mai funzionato bene.

njcct7

Con il bel tempo questo posto è davvero scenografico: “…ma quando tira il vento… quassù è terribile! E’ anche un posto da fulmini, durante i temporali.

vdw7ex

Le mucche devono fare tutto il giro sotto la stalla per entrare! Quando hanno ristrutturato, hanno fatto un piccolo passaggio sopra con i gradini in pietra, le bestie dovrebbero passare lì! Figuriamoci!!” In effetti la gradinata è ripida e stretta, a malapena si riesce a posare un piede, calzando degli scarponi.

ghbbii
Il Sargnun

A pranzo, Mario ci offre anche il Sargnun, una ricotta impastata con peperoncino e semi. “Ho usato quelli dell’agrou, qui il cumino non c’è. Si può anche stagionare, si fanno delle pagnotte e si mette sopra al camino, che prenda il fumo. Una volta facevano la sagra del Sargnun a Champorcher.” Avevo già visto questo latticino in Piemonte, nell’area del canavesana (peraltro confinante con questa vallata).

l7zbcc
Tome di diversa stagionatura

Qui i formaggi sono prodotti solo per uso personale, quando sono state ristrutturate le strutture, non è stata prevista una casera. Si fa toma e non Fontina, dato che la lavorazione della toma è più rapida e comporta un impegno minore rispetto alle due lavorazioni giornaliere della Fontina.

5w0bmd
Mario e i suoi chamonix – Peroisaz, Champorcher (AO)

Durante il pranzo c’è modo di chiacchierare di tante cose e ascoltare storie del passato e del presente, poi Mario e Marco iniziano a discutere di campanacci. Qui in Val d’Aosta la passione è per gli chamonix. Sembra quasi un parlare in codice, solo gli iniziati capiscono cosa possa voler dire un certo numero “…un nove… un undici… la serie completa…

pdu1yf
Mario e i suoi giovani amici – Peroisaz, Champorcher (AO)

E’ ora di rientrare, si sta facendo tardi, il cammino è ancora lungo. Salutiamo Mario, Samuele e suo fratello, poi proviamo a cercare un sentiero diverso da quello percorso in salita per scendere a valle. La traccia però si perde tra pascoli e boschi, ogni tanto pare essere più evidente, poi tocca di nuovo procedere a casaccio per qualche centinaio di metri. E’ questo ciò che accade ai sentieri quando la montagna non è più utilizzata come un tempo.

6cex1d
Chavanne – Vallone dell’Alleigne, Champorcher (AO)

Ci sono delle baite abbandonate, una scritta sull’architrave recita “1856”. Anche questi erano alpeggi e ce n’erano diversi altri, alcuni sono ormai quasi scomparsi nel bosco che è avanzato. Chi saliva da queste parti, evidentemente ha smesso di farlo da anni.

znpdlo
Vallone dell’Alleigne – Champorcher (AO)

I pascoli sono però ancora utilizzati, c’è una mandria che rumina sdraiata nel prato al fondo della conca. Non c’è nessun guardiano, solo fili, picchetti e batteria. E’ una situazione ormai “normale” dalle mie parti, in Piemonte, ma qui in Val d’Aosta è un segno di qualcosa che sta cambiando, qualcosa che va perduto per sempre. Animali in asciutta che stanno all’aperto giorno e notte, stalle e alpeggi che vanno all’abbandono, più nessuna opera di fertirrigazione… Non posso non pensare ancora una volta a come siano sbagliati i principi secondo i quali sono erogati i contributi agricoli. Non basta mettere insieme ettari e UBA (carico di animali), bisognerebbe vedere chi e come gestiste quegli ettari, quegli animali!

Senza la strada non sarei venuto

Rimbalzando da una parte all’altra della Vallée, mi imbatto in storie d’alpeggio che toccano tematiche di vario tipo, non solo strettamente connesse alla zootecnia o alla caseificazione. Il “problema” delle piste agro-silvo-pastorali non è un argomento inedito, io l’ultima volta lo avevo trattato qui sul mio vecchio blog. Salendo a Comboé sapevo che sarebbe stato uno degli argomenti della chiacchierata con Stefano, il conduttore dell’alpeggio.

cemook
La conca di Comboé – Charvensod, AO

Mi piace camminare in montagna, ma dovendo raggiungere gli alpeggi per intervistare gli allevatori, sono spesso costretta a farlo in auto, altrimenti arriverei a destinazione quando la gente ha già chiuso gli animali in stalla e si prepara a pranzare. Gli orari della Val d’Aosta sono questi, nel primo pomeriggio ci si riposa, per poi iniziare a mungere verso le 15. Per arrivare a Comboé Stefano mi aveva spiegato che, avendo il permesso della Forestale, potevo arrivare fino alla sbarra e quindi proseguire a piedi. La strada che mi sono trovata a percorrere è ben fatta, forse appena un po’ ripida in un tratto. A distanza di una decina di anni dalla sua realizzazione, è ben inserita nel paesaggio. Eppure questi erano stati i toni, ai tempi della sua realizzazione. Qui il sito di chi si opponeva alla strada.

0e458p

La gente comunque può solo venire su a piedi, chi vuole può fare il vecchio sentiero che incrocia la strada. C’è la sbarra e nessuno può salire in auto. Comunque la maggior parte della gente che viene qui arriva da Pila. Prendono la funivia e poi tagliano in qua, è la via più comoda. Sono tre anni che ho affittato questo alpeggio, senza la strada non l’avrei preso. Porto giù 50-60 fontine alla settimana, senza strada al giorno d’oggi sarebbe stato affittato da qualcuno che non lavora il latte. Poi noi facciamo anche andare avanti l’azienda in fondovalle, si scende al mattino e si sale la sera per fare i fieni. Dopo aver fatto la pista hanno anche ristrutturato i due tramuti qui a Comboé, realizzato la centralina idroelettrica e predisposto l’impianto di irrigazione. E’ vero, adesso siamo anche abituati alle comodità… ma chi lo farebbe ancora, a piedi, dal Chamolè, con i muli? Oppure l’elicottero, ma sono costi!

wtjjtz

Stefano è al pascolo, ho salutato velocemente il resto della famiglia passando accanto all’alpeggio. Sono appena saliti a quello che è il tramuto più alto nei giorni precedenti. “Qui è un alpeggio a conduzione famigliare, io, la moglie, i tre figli, due sono già più grandi e danno una mano. Poi abbiamo un aiutante. Per queste transumanze vengono anche amici e parenti a dare una mano, è un grosso aiuto! I figli sembra abbiano intenzione di proseguire il mestiere, non so se sia un bene o un male…

mly2ic
Il rapporto con gli animali – Comboé, Charvensod (AO)

Non potevo trovare un interlocutore migliore: Stefano è un buon narratore, inoltre conosce già i miei libri. E’ amareggiato per la chiusura del blog, ma gli spiego che da qualche settimana mi sono “trasferita” qui. Ci saranno poi tante cose da leggere a fine stagione, quando si rientrerà in cascina. “Mi piace metterli lì alla sera e leggere qualcosa, poi io ho anche la passione per le pecore, le avevo, ma ho dovuto venderle.

o8sa4h
La parte alta del vallone di Comboé – Charvensod (AO)

La paura è che la stagione sia breve, l’erba è bassa, ce n’è poca, appena ci si allontana dall’acqua è già secca, bruciata dal sole e dal vento. “Speriamo piova un po’, anche se ormai quello che c’è… c’è! Ma almeno proprio da non far seccare tutto!

yzlgjr
Abbeverata nel vallone di Comboé – Charvensod (AO)

E’ un piacere qui vederle bere ai ruscelli. Prima andavo in un alpeggio sotto lo Zerbion dove di acqua ce n’era proprio poca, solo nelle vasche vicino alle case, Lì salivamo con 70, 80 vacche.

bghi1r
Stefano e la sua mandria – vallone di Comboé – Charvensod (AO)

Io sono partito da niente, il nonno aveva le bestie, ma i miei genitori lavoravano in fabbrica. A 14 anni ho iniziato ad andare a fare la stagione dove mio nonno mandava le bestie. Ho fatto 11 anni lì, poi 4 dalla famiglia di mia moglie, dopo ci siamo tolti e siamo andati per conto nostro, 9 anni sullo Zerbion e dopo abbiamo partecipato al’appalto qui. Sono partito proprio da zero, prendevo delle mucche per lo svernamento, le tenevo in stalle vecchie, 6-7 stalle, tutte da pulire con la carriola. Mi piaceva anche uscire e far festa, tornavo, mi cambiavo e andavo direttamente in stalla!

ney0li
Bagno di polvere e prove di battaglia – Vallone di Comboé, Charvendod (AO)

Quando sei stanco vai in stalla, le vedi coricate sulla paglia e ti passa tutto. Per esempio quando vai ad Aosta e passi la giornata negli uffici, torni a casa che hai mal di testa… La soddisfazione è fare quello che ti piace, lo dico sempre ai figli, se fai quello che ti piace, affronti tutte le difficoltà.

whjer7

Chiacchiera, Stefano, mi racconta la storia di questo vallone così conosciuto in Val d’Aosta, meta di escursioni estive. Lui è della bassa valle, ma si è trasferito qui per l’estate, essendo riuscito ad aggiudicarsi l’appalto. Questo alpeggio è migliore di quello che utilizzava prima. “Nella bassa valle, io sono di Champdepraz, gli alpeggi sono ancora più a conduzione famigliare. In media e alta valle invece molti hanno solo più gli operai in alpeggio, salgono a portare la spesa ogni tanto, poi scendono. Per me questo è uno schifo, scrivilo pure! Certo, se fossimo più gente, si potrebbe star dietro meglio a tutte le cose, i ruscelli, l’irrigazione. Ma intanto gli operai non stanno lì a curare il territorio. Fanno il lavoro, ma non c’è la passione.

amuooe
Rientro all’alpeggio, Comboé – Charvensod (AO)

Verso le 11 lentamente la mandria inizia a ritornare verso l’alpeggio. Le capre, che pascolavano lì vicino, non si vedono più, ma probabilmente sono già rientrate da sole. Ci va del tempo per tornare alle baite, poi man mano gli animali vengono fatti entrare nelle stalle e legati al loro posto.

el4rzn
Affettuosità – Comboé, Charvensod (AO)

Quando hanno rifatto l’alpeggio, sotto il pavimento di legno della stalla hanno… trovato i resti di un morto! Non si è mai saputo chi fosse… hanno fatto indagini, ma niente. E’ seppellito al cimitero, c’è scritto “sconosciuto di Comboé”, c’è sempre qualcuno che lascia un fiore…

fr7gof
Fontine, Comboé – Charvensod (AO)

Nelle mie intenzioni c’era l’idea di salire fino al lago sovrastante la conca, ma la chiacchierata è andata per le lunghe, Stefano e Tiziana insistono perché io mi fermi a pranzo con loro. Per fortuna ho accettato, perché mentre finivamo di pranzare è arrivato un temporale con tanto di tuoni, che finalmente ha interrotto la siccità. “I formaggi li fa Tiziana, Fontine e formaggi misti di capra. Le donne sono quelle che fanno e disfano la famiglia, io posso dire di aver trovato l’America con lei! Non è una “velocista”, ma non molla mai. Sarei perso, senza di lei!