Che stagione sarà?

Le stalle si stanno svuotando, in questi giorni c’è stato un flusso incessante di camion, camioncini, trattori con bighe, tutti carichi di vacche dirette agli alpeggi del vallone che si apre qui sopra. E lo stesso sta succedendo altrove. La stagione d’alpeggio 2020 è iniziata, nonostante tutto. Ma che stagione sarà? Oggi è la Giornata Mondiale dell’Ambiente, così si fa un gran parlare di biodiversità, di scomparsa di specie (animali e vegetali), di inquinamento, di clima (e dei suoi cambiamenti).

xkjgmx
Biodiversità in un prato in Valtournenche (AO)

Anche i prati e i pascoli di montagna sono ricchissimi di biodiversità, il fatto che l’uomo li gestisca (con lo sfalcio e con la brucatura da parte di mandrie e greggi) ne garantisce la biodiversità, a patto che il carico di animali sia adeguato (né troppi capi, né troppo pochi). Certamente, anche il bosco è ricco di biodiversità, ma diversa da quella di un prato. E c’è ancora più biodiversità quando si alternano ambienti diversi (boschi, radure, pascoli di alta quota, ecc…). Visto che, purtroppo, sempre di più una certa fetta di informazione demonizza l’allevamento in generale, senza far differenze tra quello intensivo e quello estensivo più tradizionale, è sempre meglio ripetere queste cose. E ribadire come l’allevamento estensivo sia importante sia per la biodiversità (vegetale, ma anche animale, grazie alla scelta di razze autoctone), sia per il paesaggio.

ttmf9d
L’alpeggio Berruard (1947m) già caricato ad inizio giugno – Ollomont (AO)

Ma torniamo alla nostra stagione d’alpeggio che sta prendendo il via. Dopo un inverno ancora una volta abbastanza mite, la neve si è poi abbassata di quota quando la primavera stava per iniziare, ma ovviamente non è rimasta a lungo sul suolo. Così a fine maggio l’erba è già verde anche intorno a quegli alpeggi che dovrebbero vedere l’arrivo delle mandrie solo nel cuore della stagione estiva. Non è un buon segno e non fa ben sperare.

tspzk3
Pascoli a 2100m il 2 giugno nella Conca di By – Ollomont (AO)

Un amico pastore salito in montagna con il suo gregge già agli inizi di maggio mi diceva che l’erba “veniva già grossa“, cioè era già alta, dura. A queste quote lo si vede anche nei prati, dove l’erba sarebbe già matura per la fienagione, se soltanto il tempo lo permettesse. I temporali e le piogge, oltre ad averla infradiciata, l’hanno persino coricata al suolo.

zpp1fx
Al 7 di maggio la neve era già quasi interamente sciolta alla Tsa de Pierrey (2333m) – Vallone di St.Barthélemy, Nus (AO)

In alto c’è poca, pochissima neve e questo sarà un problema, se dovesse esserci siccità. Per ora le previsioni indicano un periodo di instabilità che sembrerebbe dover durare per parecchi giorni, ma l’estate è lunga, non sono sufficienti dieci giorni di pioggia a giugno per garantire buona erba e acqua nei ruscelli e nei laghi fino a settembre. Soprattutto se poi le temperature dovessero salire e farsi estreme come già accaduto nelle ultime estati.

r9nqa2
L’inizio del Ru de By – Ollomont (AO)

La Valle d’Aosta è una regione abbastanza secca e ventosa, fin dall’antichità l’uomo ha realizzato una vasta rete di canali (ru) per portare l’acqua sui versanti dove altrimenti non ve ne sarebbe la disponibilità. I ruscelli iniziano in un corso d’acqua dove c’è la presa principale e la distribuiscono man mano dove ce n’è bisogno, con un sistema di saracinesche, vasche e canali secondari. L’irrigazione dei prati in gran parte delle zone è stata modernizzata con dei sistemi di girandole, la cui apertura temporizzata è regolata dai computer, ma… all’inizio c’è sempre solo un torrente di alta montagna alimentato dallo scioglimento di neve e ghiacciai.

nogmny
Ciò che resta dei ghiacciai del gruppo del Monte Bianco visti dalla Val Veny – Courmayeur (AO)

…ghiacciai che arretrano sempre di più, alimentati da sempre meno neve. Per cui ci si augura che piova ogni tanto, almeno un temporale, per mantenere l’erba verde, per farla crescere nei pascoli più bassi dopo che è stata consumata, di modo che gli animali possano passare una seconda volta a fine stagione. Si spera che ci sia acqua nei torrenti, per far sì che gli animali possano bere, ma anche per utilizzarla per l’irrigazione, laddove questa venga fatta anche in alpeggio.

ljybms
Un tratto del Ru de By – Doues (AO)

Come sarà la stagione dal punto di vista del clima e, conseguentemente, della vegetazione, lo potremo dire solo al mese di ottobre, quando le montagne torneranno silenziose. Interrogativi quest’anno comunque ne abbiamo ben più del solito, per quello che riguarda la vendita dei prodotti, l’afflusso di turisti, l’atteggiamento di questi ultimi nei confronti dell’ambiente montano, dei suoi abitanti…

Clima e ambiente

Provo una certa amarezza, in questi giorni, a vedere che la gran parte del mondo zootecnico presente tra i miei contatti sui social stia attaccando e deridendo Greta e, più in generale, tutti coloro che si preoccupano per il clima e l’ambiente. Tra l’altro spesso viene fatta una gran confusione di tutta una serie di concetti che andrebbero invece trattati e analizzati singolarmente.

25spdl
Laghetto alpino con poca acqua ad inizio autunno – Vallone di Saint Bathélemy (AO)

Parliamo di ambiente. È vero che, nel mondo agricolo, sovente accusiamo i cosiddetti “ambientalisti”, perché le loro idee sono molte diverse dalle nostre. Per molti di loro l’ambiente è o dovrebbe essere un’utopica wilderness dove non esiste l’uomo e tutte le sue attività. Però poi magari pretendono di fare del turismo, dimenticandosi per esempio che i sentieri di montagna da sempre sono vie di transumanza… che spesso si dissetano a fontane che sono anche abbeveratoi… che le meravigliose fioriture dei PASCOLI alpini le abbiamo grazie al pascolamento, anno dopo anno.

lu7qhc
Irrigazione dei prati nel vallone dell’Urtier – Cogne (AO)

È vero che molto ambientalismo è moda, è un bel modo di riempirsi la bocca di belle parole e sentirsi a posto con la coscienza. Si predica bene, ma si razzola maluccio, perché a tante “comodità” molto poco ecologiche è dura rinunciare. Perché “…lo so che la macchina inquina, ma altrimenti come faccio ad andare…“, “…lo so che l’aria condizionata consuma energia, ma con ‘sto caldo come si fa a dormire, a lavorare…“.

ltua7u
Dove no si può irrigare, così sono i pascoli ad inizio autunno – Nus (AO)

I punti fondamentali del tanto dibattere di questi giorni sono due: da una parte i cambiamenti climatici, dall’altra i danni che stiamo facendo all’ambiente (e in questo ci mettiamo tutto l’inquinamento, lo spreco, la cementificazione di sempre più superfici, ecc…). Sull’inquinamento possiamo e dobbiamo fare tutti qualcosa. Lo so che “tanto c’è chi inquina più di me, gli aerei, le industrie…”, ma ragionando così non andiamo da nessuna parte. Iniziamo tutti a ridurre qualcosa, a non acquistare con imballaggi in plastica prodotti che possiamo trovare sfusi, per esempio. Acquistiamo prodotti locali per ridurre l’inquinamento legato ai trasporti. Scegliamo sempre frutta e verdura di stagione. Farà bene a noi, all’ambiente e alle aziende del territorio. E questi sono solo alcuni esempi di ciò che possiamo fare.

fh4bov
Discesa dalla Val Soana di un gregge a fine stagione – Pont Canavese (TO)

Sul cambiamento climatico il discorso si complica. Anche se c’è ancora purtroppo chi si ostina a negarlo, in base a sensazioni o al fatto che “…qui da noi quest’anno di pioggia ne è venuta…“, il fenomeno già ampiamente previsto dagli esperti è in corso e le conseguenze andranno ad influire in vari modi sul nostro futuro. Sono soprattutto coloro che vivono maggiormente a contatto con la natura e che praticano forme di agricoltura e allevamento più tradizionali ad esserne colpiti per primi e, spesso, in modo preoccupante.

jzbolg
Pascolo invernale, inizi di gennaio, nel Canavese (TO)

Se anche inverni più miti potrebbero favorire una stagione di pascolamento più lunga, con benefici non solo per i pastori vaganti, nel Nord Italia, ma anche per gli allevatori di bovini, che già lasciano la vacca fuori dalla cascina ben oltre Santa Caterina… nello stesso tempo minori precipitazioni nevose e scarse scorte di ghiacciai e nevai rendono sempre più difficile la stagione d’alpeggio. Per non parlare poi delle siccità sempre più prolungate. Oppure di piogge concentrate in periodi ristretti, spesso così violente da causare danni (da vere e proprie alluvioni a temporali violenti, anche uniti a grandine, che rovinano anche e raccolti che dovranno servire da foraggio per l’inverno, come mais o fieno). Così teoricamente si potrebbe pascolare più a lungo in inverno, ma tocca scendere prima dagli alpeggi… e, spesso, gli effetti della siccità si fanno sentire anche in pianura.

6e6gwn
A metà settembre già si lascia l’alpeggio tra nuvole di polvere – Verrayes (AO)

Non c’è modo di slegare l’agricoltura e l’allevamento dal clima! Fare dell’ironia o negare che questo stia cambiando è da folli. Un’altra cosa è capire se e come si possa fare qualcosa per contrastare il fenomeno o combatterne gli effetti. Sul perché tale mutamento del clima stia avvenendo, non c’è una tesi unica e definitiva. Se provate a documentarvi seriamente su siti scientifici, troverete sia chi parla di cicli naturali, sia chi punta il dito quasi esclusivamente sul fattore antropico, cioè l’uomo, con tutte le emissioni legate alle sue molteplici attività. La mia preparazione non è certamente tale da potervi proporre una teoria, probabilmente si tratta di una combinazione delle due cose. Inquinare meno, male non fa di certo, poi probabilmente la natura farà il suo corso. Già nelle ere geologiche del passato ci sono stati grandi sconvolgimenti che hanno riguardato anche il clima e che hanno portato all’estinzione di piante e animali. Sapete allora qual è il problema principale? È che oggi sulla Terra c’è l’uomo, una specie presente un po’ dappertutto e in grandi quantità. Forse anche troppo presente! Non siamo tanto preoccupati per l’orso polare o per la stella alpina, ma per quello che accadrà a noi!

rs0bva
Violento temporale con grandine ad inizio settembre – Garessio (CN)

Preoccuparsi per il futuro non è poi così sbagliato, soprattutto se si è giovani. Chi non si preoccupa o chi addirittura oggi ride o nega, non venga poi a lamentarsi… Sarebbe meglio iniziare a pensare a delle vere strategie per affrontare questi problemi, ma non solo a livello locale o solo riferite a certi settori. Si è parlato di togliere le agevolazioni al diesel agricolo in Italia. Penso che equivalga a dire innanzitutto: “Facciamo chiudere tutte le piccole aziende già sul filo della sopravvivenza.” Per tutti in generale aumenterebbero le spese, sarebbe impossibile non alzare i prezzi, così sarebbe ancora più vantaggioso acquistare prodotti che provengono da paesi con costi meno elevati e regole (anche sugli aspetti ambientali) meno rigide.

qu3fr4
Fienagione in montagna – Nus (AO)

…e poi comunque, togliendo il diesel agricolo… cosa si vuol fare? Tornare ai buoi e ai muli, con buona pace degli animalisti, o voler rottamare tutti i mezzi diesel? Sarebbe poi così positivo per l’ambiente, dover smaltire migliaia di mezzi per produrne di nuovi??? Meglio pensare, per esempio, a concrete strategie per risparmiare l’acqua, migliorare l’irrigazione ed evitarne gli sprechi. Questi sono veri interventi legati ai cambiamenti climatici. Vi lascio con queste riflessioni e con l’invito a informarvi davvero sulle tematiche climatiche e ambientali, invece di limitarsi ad insultare Greta o, più in generale, tutti quelli che si preoccupano per questi argomenti.

tianin
Capre assetate in un giorno di gran caldo e vento a fine settembre – Nus (AO)

Ps: può esser vero che molti giovani scioperano per il clima più che altro per seguire la massa o per saltare un giorno di scuola… ma allora proponete voi alle scuole che conoscete un venerdì per l’ambiente con un agricoltore o un allevatore! Spiegate ai giovani come una giornata al pascolo sia importante per l’ambiente…

Acque

Parlando di montagna, capita spesso di parlare di acqua. Molta della “nostra” acqua viene dai monti. Lo diamo per scontato o non ci pensiamo nemmeno? Adesso l’acqua di montagna viene imbottigliata e venduta, oppure va ad alimentare centrali idroelettriche. Energia “pulita”, ma con un suo impatto.

ermxu2
Lago del Teleccio – Valle Orco (TO)

In molte valli troviamo laghi artificiali e grosse dighe, condotte forzate, centrali idroelettriche. In altre valli ci si oppone alla creazione di nuove centraline che andrebbero ad impattare sul territorio e sui corsi d’acqua presenti, specialmente pensando a questi anni in cui le siccità estive sono purtroppo particolarmente intense. E’ di questi giorni la notizia che “… la Rio Narbona S.r.l. ha deciso di rinunciare al progetto di costruzione di una centralina idroelettrica sul torrente Narbona per la quale aveva presentato istanza alla Provincia di Cuneo il 16 luglio 2016, a motivo delle impegnative richieste di modifiche del progetto richieste dagli organi competenti e delle forti opposizioni incontrate…” (dalla pagina Facebook Casa Narbona, a firma Fabio Medardi Noguera). Questo è un esempio di una delle tante battaglie contro tali opere.

ln4t4g
Pertus ai Denti di Chiomonte – Val di Susa (TO)

Anche una volta l’uomo cercava di addomesticare l’acqua a suo uso e consumo, ma parliamo di opere che portavano sicuramente benefici pratici e diretti alla montagna. La conoscete la storia del pertus di Colombano Romean a Chiomonte? Qui un documento su cui trovate tutti i dati a riguardo di quest’opera della seconda metà del Quattrocento, una galleria scavata a mano per portare l’acqua sui pascoli del versante opposto.

Exif_JPEG_PICTURE
Antico canale (bealera) per irrigare i pascoli in Valle Orco (TO)

Ve ne sono tante di opere idrauliche in montagna, ma la gran parte è ormai totalmente abbandonata, inerbita, scomparsa. Qualcuna si intuisce ancora per la sua conformazione: generalmente non sono sentieri quelli che partono dai ruscelli di montagna e procedono quasi in piano tagliando i versanti.

4wejzj
Tratto di un canale in disuso nel vallone di Saint Bathelemy (AO)

Il mese scorso mi è capitato di percorrere il tracciato di un antico canale in Val d’Aosta, uno dei tantissimi esistenti in questa regione. Il tratto nell’immagine è stato letteralmente creato dall’uomo: non scavato nella terra, perché si trattava di costeggiare una parete di roccia, ma sostenuto da muretti costruiti sulla pietra contro la parete stessa. Prima e dopo questo punto si camminava sulla sua sponda, ma qui era necessario entrare nel canale e procedere a carponi. Pensate a chi l’ha ideato, a chi l’ha realizzato e a tutta la manutenzione che è stata fatta nei secoli.

osvgyb
Nuovo ruscello nei pascoli di Champ-combre – Vallone di Saint Barthelemy (AO)

Sul sistema dei ru, dei canali di irrigazione valdostani, segnalo questo bellissimo articolo, contenente anche foto d’epoca che illustrano la costruzione di queste opere e varie immagini di sistemi di canalizzazione anche molto elaborati in varie parti della valle.

shgzzb
Torrente a San Grato – Valgrisenche (AO)

Ci troviamo in un’area dove l’acqua non manca, grazie anche ai ghiacciai, ma non è naturalmente distribuita ovunque. I canali sono stati costruiti per portarla laddove l’uomo ne aveva la necessità, cioè specialmente sui versanti, per coltivare e per irrigare prati e pascoli.

seb86w
Tra i pascoli – Nus (AO)

Oggi, oltre ai canali antichi ancora in uso, ve ne sono di più moderni, di varia fattura e dimensioni. L’erba è verde fin quando ci sono piogge regolari, ma poi in queste valli battute dal sole e dal vento l’irrigazione diventa fondamentale per l’allevamento, l’agricoltura e la produzione di foraggi.

m0ifl1
Irrigazione a Ville sur Nus (AO)

Dove esistono questi sistemi, può capitare di vederli funzionare anche nei giorni di pioggia… L’acqua c’è, scorre, arriva dai monti, non usarla non significa risparmiarla, andrebbe comunque a valle, confluendo nei fiumi.

cey34w
Lago Balma – Fontainemore (AO)

La speranza è che vi siano sempre precipitazioni abbondanti per rinnovare le scorte d’acqua, sotto forma di neve nella stagione autunnale e primaverile, poi come piogge. Sappiamo bene come gli ultimi anni abbiano visto un progressivo ritiro dei ghiacciai, un innalzamento delle temperature, periodi di siccità e precipitazioni anche straordinariamente abbondanti concentrate in periodi ridotti (con conseguenti fenomeni alluvionali anche gravi).

tzhndw
Canale per l’acqua sui versanti del Vallese (Svizzera)

Il sistema dei canali (che prendono ovviamente nomi diversi a seconda delle aree dove li incontriamo) è diffuso anche in Svizzera, ad esempio nel Canton Vallese. Le bisses, così si chiamano, sono ancora attive, ma sono anche state recuperate e valorizzate a livello turistico. Qui il sito dove potete trovare gli itinerari lungo le bisses.

9zsncv
Ova de Roseg – Engadina, Svizzera

Di parole da spendere sull’acqua ce ne sarebbero infinite, ma con questo post volevo semplicemente farvi riflettere non soltanto sulla sua importanza, ma anche sui diversi modi con cui l’uomo l’ha “sfruttata” in passato e oggigiorno. La speranza è che non venga a mancare, sulle montagne, sui pascoli e via via a scendere verso le pianure. Non diamola mai per scontata, non pensiamo che sia disponibile in quantità illimitate…