Le montagne degli ultimi

Non mi è mai piaciuto dipingere come una razza in via di estinzione gli uomini e le donne che si ostinano a vivere e lavorare in montagna. Proprio per quello molte volte sono andata a cercare i giovani, vi ho parlato di loro, vi ho narrato le loro storie. Da quando sono in Valle d’Aosta, molto spesso sento gli amici piemontesi che parlano con invidia delle montagne (cioè degli alpeggi) valdostani… ma non tutti sono delle “regge” comodamente raggiungibili con strade sterrate lisce come l’olio. C’è un po’ di tutto anche qui. E ci sono montagne che non hanno niente da “invidiare” ai più difficili tra gli alpeggi piemontesi. Qui come là, se c’è ancora qualcuno che li usa, che ci vive per i mesi estivi, è qualcuno che ci è nato, che vi sale da sempre con gli animali, che conosce ogni pietra, ogni centimetro di quei pascoli.

Grossa casa nel villaggio di Devine – Pontboset (AO)

In primavera avevamo fatto un’escursione per raggiungere dei villaggi abbandonati nel comune di Pontboset e mi avevano incuriosita i valloni che vedevo sul versante opposto. In particolare, con il binocolo avevo guardato verso un villaggio sulle cui case spiccavano delle grosse croci. Consultata la mappa, avevo visto che era possibile, nella bella stagione, fare delle escursioni che prevedevano il raggiungimento di alcuni alpeggi. Cercando in rete, avevo anche trovato questo post dove si parlava di “escursione da non ripetere”, altri camminatori ribadivano di evitare la zona in caso di nebbia, dato che i sentieri non sempre erano evidenti e ben tracciati.

Un bel rascard tra i villaggi di Fournier – Pontboset (AO)

La giornata alla fine è stata discreta e ci siamo trovati anche nella nebbia, per alcuni tratti, ma fortunatamente non ci siamo persi. In tutto il giorno (una domenica) abbiamo incontrato solo un altro escursionista. Eppure abbiamo visitato posti molto belli dal punto di vista escursionistico, naturalistico, ma anche storico e antropologico. All’inizio il sentiero/mulattiera passa a fianco di vari villaggi abbandonati, con strutture architettoniche molto interessanti, tra cui alcuni rascard fortunatamente ancora in buone condizioni.

Il sentiero che sale nel vallone di La Manda con, a fianco, la monorotaia – Pontboset (AO)

Quando attraverso questi luoghi non posso fare a meno di pensare alla storia e alla vita delle persone che qui in tempo abitavano stabilmente. Oggi è una piacevole escursione salire lungo questi vecchi sentieri, ma cosa significava percorrerli con pesi a spalle, con i muli? Di cosa si viveva, quassù? La curiosità è cresciuta nel corso della giornata, tanto da spingermi a cercare un libro dove potermi documentare. “(…)si dedicavano ad un’agricoltura di sussistenza, producendo pochi cereali, coltivabili solo su terrazzamenti di dimensioni ridotte, ricavati riportando terra sui numerosi muretti a secco (…)“. Così viene detto nel libro “Pontboset. Il territorio, la sua storia, la sua gente.”

Vacche valdostane al pascolo vicino ai villaggi abbandonati – Pontboset (AO)

Ma… e gli alpeggi? A Fournier, praticamente tra le case dei villaggi abbandonati e in quelli che ora sono pascoli tutt’intorno, c’erano delle vacche che brucavano. Quando le abbiamo viste, ancora non sapevamo nulla di quel vallone, dei suoi alpeggi, di chi li utilizza ancora. Un tempo “(…) gli alpeggi frequentati dai pastori si trovavano normalmente all’envers, ossia sul versante rivolto a nord, che è meno soleggiato, più umido e produce un foraggio di buona qualità.” Sempre nel libro, ho poi letto che, già nel XIII secolo, oltre al bestiame locale, sull’intero territorio di Pontboset e Champorcher, salivano greggi con centinaia di pecore, provenienti dal Canavese. Si parla anche di pastori lombardi.

Edifici d’alpe in parte ristrutturati a Boset – Pontboset (AO)

Veniamo a tempi più vicini a noi. Terminati i villaggi, arriviamo a quello che è sicuramente un alpeggio. La cremagliera che saliva parallela al sentiero si è interrotta ed è stata sostituita da una pista per quad, che permette di raggiungere un po’ più agevolmente questo alpeggio. Uno dei fabbricati è un container completamente rivestito di pietra e legno, così da non impattare sul paesaggio e, nello stesso tempo, consentire la lavorazione del latte a norma di legge. Sarà solo successivamente che scoprirò chi è l’allevatore che sale ancora quassù. Si chiama Danilo, è di Ponboset, dove vive d’inverno. “E’ 45 anni che vado nel Vallone della Manda. Sono io che ho messo la monorotaia e ho fatto la pista. Nel 2008-2009 d’inverno la valanga aveva portato via due case e i container, con tutta la roba dentro, anche le caldaie per il latte. Anche 2 case con tutta la roba del latte. Dopo ho fatto questa struttura tutta interrata per le valanghe. Con una soletta che neanche le bombe la buttano giù. E ho comprato nuovi container e li ho incassati dentro.

Il vecchio alpeggio Champas – Pontboset (AO)

Ma queste cose le ho sapute dopo. Quella domenica salivamo incontrando alpeggi abbandonati e, ad un certo punto, arrivò anche la nebbia. Mi sembrava di essere tornata in certi alpeggi piemontesi, tra rocce, cespugli, versanti ripidi, nebbia, vecchie baite in pietra. Per fortuna il sentiero era abbastanza evidente, così si poteva continuare sull’itinerario previsto…

L’unico edificio ancora in piedi a LaManda – Pontboset (AO)

Le maggiori sorprese ci attendevano all’alpe La Manda. Più che un alpeggio, un vero e proprio villaggio di baite di varie dimensioni, quasi completamente diroccate. Si intuivano canali per l’acqua che passavano nelle cantine, dove veniva messo a raffreddare il latte, Poi fontane, stalle, abitazioni spartane, canali per portare i liquami nei pascoli… La nebbia rendeva il tutto più spettrale e misterioso. Sarà poi di nuovo Danilo a raccontarmi qualcosa su questo alpeggio, dato che nel libro ho trovato solo indicato il numero di animali che saliva nei secoli scorsi e la stima del valore da pagare per l’uso dei pascoli.

I resti dell’alpeggio La Manda – Pontboset (AO)

Tra tutti i muntagnin che andavano lì, avevano circa 70 mucche. I padroni della Manda erano dei ricchi a quel tempo. Pagavano 2 lire alle donne per andare su a tagliare dove non andavano le mucche e portavano il fieno fino a Hone. Perché i padroni sono di Hone anche se la Manda è nel territorio di Pontboset. I vecchi padroni erano dei nobili e andavano su a caccia. Hanno fatto quella casa, l’unica ancora in piedi: quella era apposta per loro quando andavano su a caccia. Mio papà da piccolo è stato valet lì, mi diceva che nessun altro poteva andare in quella casa, era riservato solo per i padroni.”

La cisterna dell’acqua dell’alpe La Manda – Pontboset (AO)

Un po’ sopra all’alpeggio, un’altra struttura misteriosa, ai piedi di una roccia, di fianco al torrente. Salendoci sopra abbiamo trovato un foro, coperto da una lastra di pietra. Pareva una cisterna… “Mia nonna e le mie zie andavano sovente su lì con quelli che tagliavano fieno con la falcetta. E a portare cemento e sabbia quando hanno fatto quei vasconi per riserva dell’acqua.

I pascoli dell’alpe La Manda, i cui ruderi sono praticamente invisibili, mimetizzati tra le rocce – Pontboset (AO)

Anche se i pascoli di quell’alpeggio paiono così ripidi, nei documenti antichi sono sempre solo indicati come pascoli da vacche, mentre negli altri alpeggi troviamo sempre anche capre (molto numerose a Pontboset, dove potevano essere mantenute anche d’inverno, pascolandole sui versanti esposti e nei boschi) e, esclusivamente a Croset, le pecore.

L’arrivo della monorotaia e le baite di Croset – Pontboset (AO)

Un sentiero che corre su una cengia (dov’è stato anche fatto passare un ru con un tubo per l’acqua) ci porta a Croset. Qui ritroviamo la cremagliera e i container, uno rivestito in legno e l’altro nascosto dietro alle vecchie baite. I pascoli sono ripidi, ma l’erba è buona. Danilo mi dirà che quest’ultimo tratto di monorotaia è stato danneggiato in un punto dalle valanghe.

La monorotaia che sale a Croset – Pontboset (AO)

La spesa per rifarla è elevata, ma il versante è ripido, una pista per quad è quasi impossibile da fare se non con gli interventi necessari per metterla in sicurezza. “Vorrei fare ancora tante cose ma sono vecchio, non ho più forza. L’alpeggio Croset ha sempre avuto problemi di acqua, io il primo anno che sono andato ho messo 2000 metri di tubi. E ho acqua per fare girare anche la turbina.”

Pascoli nel vallone della Manda – Pontboset (AO)

Temo che questi siano davvero gli ultimi… se dovesse smettere chi ha letteralmente dato la sua vita a queste montagne, chi sarà ancora disposto ad affrontare fatiche e sacrifici del genere? “Andassi a ritirarmi sarebbe meglio, ma è una malattia.” Sono parole che ho sentito ripetere molte volte anche altrove, in situazioni anche meno estreme di queste. Dalla pagina facebook dell’azienda agricola, copio e incollo il testo di presentazione. “Agricoltore allevatore, da ben 40 di esperienza, di allevatore di capre e bovine da latte, e produzione formaggi di alpeggio, in questo momento solo latte vaccino. Le bovine di razza valdostana pezzata rossa, Da Maggio a Novembre vengono portate negli alpeggi Boset, e Crouset, comune Pontboset Valle D’ Aosta , in media e alta montagna da 1600 a 2000 metri di altezza, in una natura splendida e unica, Dove i bovini tutto il giorno intero stanno al pascolo, con erba verde fresca in pieno fiore, e bevono acqua che sgorga dalla roccia, in una natura incontaminata Solo la sera vengono ritirate in stalla per la mungitura, e il mattino dopo la mungitura , vanno di nuovo al pascolo. solo erba, acqua, e sale 2 volte alla settimana , nessuna aggiunta di mangimi di nessun genere. Tutto biologico al cento per cento. Viene prodotto 2 volte al giorno subito dopo la mungitura del mattino e sera, il formaggio a latte intero. Ingredienti. latte vaccino appena munto, caglio, sale. E’ lavorato con estrema, professionalità , passione, e con rigide regole sanitarie. Dopo circa 2 mesi di stagionatura in cantine adatte, viene venduto un prodotto, sano nutriente , e di alta qualità, a un prezzo buono.” A questo punto, non vi è venuta voglia di andare a fare un giro in un angolo di Valle d’Aosta sconosciuto ai più?

Remènch, è stato come reincontrare dei vecchi amici

Sapevo che doveva uscire un libro fotografico sui pastori vaganti lombardi, me ne aveva parlato la mia amica Arianna, poi mi aveva contattato l’Autore in persona, Carlo Meazza. Infine mi avevano mandato dei messaggi diversi amici dalla bergamasca. “L’hai già visto il libro?“. Adesso sì, l’ho visto, lo sfogliato e risfogliato. Ringrazio Publinova Edizioni Negri per avermelo fatto avere e Carlo Meazza per il suo prezioso lavoro che ho doppiamente apprezzato, sia dal punto di vista artistico/fotografico, sia per le emozioni che mi ha suscitato.

La copertina del libro di Carlo Meazza “Remènch”

Aprire “Remènch. Transumanza in Lombardia” è stato come reincontrare improvvisamente moltissimi amici tutti insieme, un po’ come quando si andava a una fiera della pastorizia. Quella di Rovato, per esempio, che non si tiene più da anni. Ho particolarmente gradito questa sensazione in un periodo in cui tanti amici non li vedo da mesi, da anni. Li conosco quasi tutti, i protagonisti del libro, ma non solo loro, anche gli Autori di alcuni dei testi che accompagnano il lavoro fotografico.

Sono passati quarant’anni tra le due foto scattate al pastore Piero Pacchiani (dal libro “Remènch di C.Meazza)

E’ cominciata così“, Carlo Meazza, fotografo, ci racconta com’è nato questo libro. Ogni anno i pastori bergamaschi arrivavano con il loro gregge nei pressi di Varese e, quarant’anni fa, Carlo li aveva seguiti per qualche giorno, realizzando un servizio che era stato pubblicato sul mensile “Airone” nel dicembre 1981 (devo andare a cercare se ho ancora quel numero… era un bellissimo giornale, “Airone”!). Uno dei pastori che Carlo aveva incontrato era Piero Pacchiani, allora un ragazzino. Lo ritrova quarant’anni dopo… ed ecco che nasce l’idea di quest’opera, che ha richiesto due anni di lavoro e che l’ha portato a seguire diverse greggi e pastori in Lombardia.

L’amico Roberto Morandi, uno dei pastori protagonisti di “Remènch” (foto di C.Meazza)

Le foto sono suddivise per stagioni e troviamo tutti i principali momenti di vita e lavoro dei pastori vaganti. “Grazie a tutti voi pastori di oggi, che con i vostri gesti quotidiani e millenari, con la vostra indipendenza e tenacia, continuate una parte importante e fondamentale della nostra storia, ricordandoci i nostri legami con la natura e gli animali“, con questa frase termina la prefazione dell’Autore e possiamo immergerci nelle immagini, seguendo le greggi tra campagne e montagne, fino ai margini dei centri urbani, sfiorando autostrade, ferrovie con treni ad alta velocità, aeroporti… e poi spostandoci negli alpeggi per la stagione estiva. Troviamo momenti di pascolo, spostamenti sotto il sole, tra la polvere, con la neve e con la pioggia. C’è la tosatura, ci sono i falò accesi la sera, ci sono i momenti nella roulotte a fine giornata, ci sono gli animali, le pecore, i cani, gli asini…. Chi questa vita la conosce, l’ha vissuta, la vive, si emozionerà ad ogni immagine.

Immagini di pastori (foto C.Meazza)

In conclusione del libro abbiamo un breve ritratto di ciascuno dei protagonisti, sono loro in prima persona a raccontare la loro vita. “Veramente io non ho mai cominciato a fare il pastore, io sono nato pastore. Da generazioni lo siamo e basta (…)“, dice il giovane Luca Carminati. “Ho sempre fatto solo il pastore. Noi Binda facciamo i pastori da cinque generazioni. Io sono del 1952, mio padre era del 1912 e via via, mio nonno indietro nell’Ottocento.” racconta Walter Binda. “Ho cominciato a fare il pastore a quindici anni. Il giorno che ho finito l’ultimo esame di scuola, con la cartella in spalla, sono andato nelle pecore e non sono più tornato a casa.” sono le parole di Roberto Morandi. Ma abbiamo anche pagine dedicate alle “cose e arnesi dei pastori”, al loro gergo, ai campanacci, i tabarri, gli scarponi e altro ancora con i contributi, tra gli altri, degli amici Anna Carissoni e Giovanni Mocchi. In attesa di poterci ritrovare tutti come un tempo, ad una fiera, ad una festa, una transumanza, un convegno sulla pastorizia, una serata di presentazione con l’Autore, per ora mi godo questo bellissimo libro e lo consiglio come regalo di Natale a tutti gli appassionati e non solo. Per ordinarlo, mandate un’e-mail a Publinova Edizioni Negri, il prezzo di copertina è di 39 euro.

Il più bel “brutto” alpeggio della Valle d’Aosta

Cercando informazioni on-line sulla possibile meta per una gita, mi è capitato di leggere in un blog che quello da me scelto era “…il più bel brutto posto della Valle d’Aosta“. Ci sono andata lo stesso e non me ne sono pentita. Innanzitutto, non è per niente un brutto posto, offre scorci panoramici meravigliosi, dal Lago di Place Moulin sempre presente in fondovalle, alle cime circostanti, i ghiacciai, i numerosi laghetti alpini che si incontrano lungo il percorso… per non parlare poi dei selvatici (camosci, stambecchi, marmotte), unica presenza animale in una stagione in cui gli alpeggi già si sono svuotati.

Un camoscio in cresta lungo il sentiero che sale all’alpeggio La Meà – Bionaz (AO)
Vista sul Lago di Place Moulin – Bionaz (AO)

Ecco… gli alpeggi… è proprio di questo che vi voglio parlare, per restare in tema con l’argomento del blog. Lungo il cammino ne attraverseremo alcuni diroccati (i cui pascoli sono ancora utilizzati), ma ne raggiungeremo anche uno perfettamente restaurato e curato secondo tradizione in ogni dettaglio gestionale.

Dettaglio dell’architrave di una stalla tra i ruderi dell’alpeggio Le Meà – Bionaz (AO)

Andiamo con ordine… visto il posto, con pascoli poveri e pietrosi, assenza di piste o strade, ci si potrebbe aspettare al massimo di trovare delle manze (o “manzi”, come vengono chiamate in valle le bovine giovani che non hanno ancora partorito) con un pascolo delimitato da fili e nessuna sorveglianza umana. Invece no, qui ci sono sicuramente state delle bovine da latte e lo si capisce da diversi indizi ancor prima di raggiungere l’alpeggio principale…

Sentiero e cremagliera per Plan Vayun – Bionaz (AO)

Ignoro chi salga quassù in alpeggio, ma vorrei tanto incontrarlo, vorrei tornare l’anno prossimo, vedere come si muovono tra questi pascoli estremi le bovine. Il sentiero è ripido e… sorpresa, c’è anche una cremagliera (penso di recente costruzione, ma non ho trovato notizie in rete sulla sua realizzazione) che parte dalla strada e si inerpica sui ripidi versanti, compiendo un lungo tragitto fino a poche decine di metri dalle costruzioni d’alpeggio.

La cremagliera per Plan Vayun a Les Seytives – Bionaz (AO)

Vorrei vederla in funzione, la cremagliera, con il carico di Fontine che scende a valle su quei passaggi sospesi nel nulla, in cresta… diversamente da un’altra opera simile di cui vi avevo già parlato, questa è più bassa, nei punti più esposti sarà al massimo a due spanne da terra, così immagino che le valanghe non rappresentino un problema, dato che le prime nevicate già la copriranno interamente.

Spietramenti per recuperare pascolo a Plan Vayun – Bionaz (AO)

L’alpigiano che montica qui la sua mandria o è un eroe… o è un pazzo! Come vi dicevo, non ci sono strade… e l’alpeggio è “bruttissimo”. Parlo dei pascoli. Ci sono pietre ovunque, i pianori sono quasi inesistenti, ancora oggi vengono fatti degli spietramenti (usanza andata perduta praticamente ovunque), immagino che recuperare lembi di terra sia l’occupazione principale del pastore mentre è al pascolo delle bovine.

Ruscelli per l’acqua e per la feritirrigazione – Plan Vayun, Bionaz (AO)

Ci sono anche centinaia di metri di tubi per portare l’acqua anche nei pascoli più lontani, oltre ai ruscelli ancora scavati a mano (penso che serva una zappa nuova ogni anno, con tutte quelle pietre…).

Abbondante fertirrigazione dei pascoli a fine stagione – Plan Vayun, Bionaz (AO)

A fine stagione la concimaia è stata svuotata e lavata alla perfezione, i liquami sono stati fatti scendere nei pascoli sottostanti l’alpeggio, per garantire nuova erba per l’anno successivo. Quindi le stalle sono utilizzate per ricoverare gli animali e per mungere, ecco l’indizio che mi fa credere che quassù si produca Fontina.

La concimaia e i pascoli sottostanti a Plan Vayun – Bionaz (AO)

La cosa bella di questo alpeggio sono i fabbricati e le strutture, collocati nel mezzo di Plan Vayun (o Vaiun a seconda delle mappe consultate). Stalle, casa, casera, centralina idroelettrica per la corrente, oltre ovviamente alla già citata cremagliera. Se penso a quante montagne belle (intese come ottimi pascoli), anche facilmente raggiungibili, mancano di strutture o hanno fabbricati insufficienti rispetto alle necessità…

Le baite di Plan Vayun – Bionaz (AO)

Data la carenza di pascolo, quello che c’è è stato utilizzato fino all’ultimo stelo d’erba, dall’alpeggio più basso fin su alle ultime chiazze nei pressi del Lac Long. Non dev’essere facile, pascolare qui… Io ci vedrei male persino delle pecore, figuriamoci le vacche!

Il Lac Long, fondamentale riserva d’acqua per l’alpeggio Plan Vayun – Bionaz (AO)

Pazzo o eroe che sia, cercherò di rintracciare l’alpigiano, non so se ora sia già sceso alla stalla di fondovalle o abbia ancora un altro tramuto a quote inferiori rispetto agli alpeggi che abbiamo visto ieri. Appena pubblicate le foto su Facebook, amici in zona mi hanno già subito riferito di chi si tratta…

Ruderi delle stalle e pascoli a Les Seytives – Bionaz (AO)

Tra i tanti pensieri riguardanti questo alpeggio, immagino anche la qualità della Fontina… quassù sono praticamente sicura che non vengano usati mangimi, ma solo ciò che offre la natura: acqua, erba… e la mano del casaro per trasformare il latte!

Un tratto del sentiero tra i ruderi dell’alpeggio Seytives – Bionaz (AO)

A questo punto vi prometto che, in futuro, troverò il modo di riparlare di questo alpeggio. Queste sono sicuramente realtà che fanno vivere la montagna nel vero senso della parola, realtà da premiare! Altro che i contributi dati ai grossi numeri (di bestie e di ettari)…

Un mondo a gradini

In questi mesi di mite inverno, quando possibile la domenica siamo andati a scoprire percorsi più o meno battuti che non portassero troppo in alto in quota. Spesso e volentieri attraversavano o raggiungevano villaggi disabitati, talvolta ristrutturati, altrimenti totalmente abbandonati.

k8z8o1
Una colonna rotonda in una casa di Barmelongue – Arnad (AO)

b7ck1a
Piccole stalle sotto ad una roccia nei boschi di Quincinetto (TO)

Sono la mia passione da anni, chi mi conosce lo sa… Ogni volta queste gite regalano piccole “scoperte”. Può essere una costruzione particolare, un oggetto abbandonato in una di queste case prossime al crollo, o addirittura quattro chiacchiere con qualcuno che è tornato ad abitare in quei luoghi, anche solo saltuariamente.

bamdb2
L’ingresso della cava di quarzo di Quincinetto (TO)

In un’occasione ho “scoperto” una cava di quarzo. A dire il vero la gita lì è stata decisa proprio dopo aver visto su Facebook le immagini di questa cava dopo l’escursione di uno dei miei contatti, appassionato escursionista e ottimo “documentarista” con le sue immagini di ciò che incontra sul percorso. Ho poi cercato di scoprire qualcosa in più su questa cava appena sopra a Quincinetto, ma l’unico dato interessante trovato on-line è che tale cava era attiva e pertanto citata nell’Annuario Generale del Regno d’Italia del 1892.

m4z3nq
Lungo il percorso GtA sopra a Quincinetto (TO)

3qccnh
Un tratto del sentiero che sale a Pourcil –
Hône (AO)

La costante di molte di queste escursioni comunque sono stati i sentieri a gradini. Infinite scalinate, più o meno ben conservate, alcune quasi completamente inghiottite dal bosco, lungo tracciati meno conosciuti, altre ripristinate e ben segnalate. Gradini in pietra che si inerpicavano su per ripidissimi versanti, collegando baite isolate o veri e propri villaggi.

gg0irg
Non solo gradini: ad Arnad (AO) trovate le “Traverse”

Dal mese di ottobre in Valle d’Aosta si può percorrere il Balteus, o cammino balteo, indicato con il segnavia 3 triangolare, un percorso che permette di percorrere buona parte della Valle su entrambi i versanti, una sorta di media-bassa via, in contrapposizione all’alta via la cui percorribilità è ovviamente estiva. Ma ci sono innumerevoli altri sentieri (in Valle abbastanza ben segnalati, mentre l’anello che abbiamo tentato sopra a Quincinetto ha necessitato più volte di consultazioni del GPS per capire quale direzione prendere) per infinite passeggiate più o meno lunghe.

u246bd
Sentiero che scende a Outrefer (Donnas – AO) a sbalzo sulle rocce montonate

Forse andrebbero più valorizzati, questi percorsi. Bisognerebbe farli conoscere, per lo meno. Io li sto scoprendo per caso, guardo la cartina, “studio” un giro ad anello, vedo che ci sono quadratini neri di case e villaggi, così scelgo la destinazione. In questi mesi non sono mai stata delusa. Sono percorsi per chi ama la solitudine, per chi ama riflettere sui tempi passati e sulle condizioni di vita delle persone che hanno tracciato quei sentieri, che abitavano quelle case.

uliufe
Un’installazione lungo il “sentiero delle 8 sorelle” tra Hône e Pourcil (AO)

ar4d3a
Casa ristrutturata, boschi e prati puliti a Champ – Arnad (AO)

La montagna è anche questa, non solo le località esclusive, le piste da sci, ma nemmeno solo rifugi e vette da raggiungere. Lo so, questo è un turismo che rende poco, chi percorre questi sentieri al massimo cerca un gelato o una cioccolata calda quando rientra all’auto a fine escursione. Magari però potrebbe anche passare in un punto vendita di un’azienda in fondovalle, a comprare miele, formaggi, salumi…

Passato e presente a Sant’Orso

Può non piacere a tutti per l’elevato affollamento che, in certi momenti, rende difficile l’avvicinamento alle bancarelle e la visione di tutto ciò che viene esposto, ma la Fiera di Sant’Orso il 30 e 31 gennaio ad Aosta è un appuntamento che attira migliaia di visitatori. Ognuno può visitarla cercando qualcosa di particolare (non è detto che debba essere un oggetto da acquistare). Io oggi vi presento una rapida carrellata su alcuni pezzi a tema zootecnico, che sicuramente è uno tra i principali soggetti degli artisti e artigiani che espongono a tale manifestazione.

ktwfct
Il pastorello – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

Si potevano osservare tutta una parte di figure stereotipate che si rifacevano al “buon pastore” del tempo antico. In generale, la tematica del passato era tra le predominanti, con il mondo dell’alpe, l’allevatore, i lavori che si facevano una volta.

to4ryi

1tws9n

fyz4d1

15ophh

rwynzq
Sculture a tema: la pastorizia – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

C’era un filone “ovino, con la pastorizia rappresentata in tutte le sue espressioni…

cfp4rp

pgfa1s

slicx3

iolwuk

dvehjm

fmbdtu
Sculture a tema: l’allevamento dei bovini – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

…c’era una grande rappresentativa dell’allevamento bovino con l’alpeggio, le battaglie delle reines, la stalla, il pastore con i cani…

h93qza
Capra sul tetto di una baita – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

…ovviamente non mancavano le capre! Invece le contaminazioni con la modernità erano molto più rare, tra i pezzi esposti.

pjlj7s
Mitologia e modernità, un folletto che falcia i prati – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

Anche l’artista più famoso della fiera, Barmasse, aveva dedicato due delle due tre sculture al mondo dell’alpe… ma di una volta! Il trasporto a spalle delle fontine e la mungitura, con il bambino che non regge gli orari e si addormenta sulla schiena delle vacche invece di andare a svuotare i secchi del latte. Opere realistiche e spaccato del mondo che fu (anche se ci sono ancora alpeggi dove si munge a mano, per il resto il lavoro si è modernizzato in molti aspetti).

ijbu3k
Il trasporto delle Fontine – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

s9qwzr
Mungitura in alpeggio – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

L’arte può essere il tramite per toccare tematiche più profonde, che vadano oltre la bellezza, il piacere estetico, l’abilità, la precisione dell’artista. Restando in tema zootecnico, ecco due rappresentazioni sui predatori, una seria, una ironica.

tcy13b
Il lupo già c’è, si teme il ritorno anche dell’orso? – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

gx1lx7
Il folletto-pastore con una bella domanda per il lupo – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

Ho riflettuto su questo tema riferendomi alla fiera, ma in generale quante volte accade che l’arte (intendendo anche fotografia, letteratura, film) raffiguri questo mondo in modo “romantico” o comunque parzialmente slegato dalla realtà? Ne avevamo già parlato qui… Viviamo in un momento in cui l’immagine conta moltissimo, in cui ci si limita a ciò che si vede in una singola scena, piuttosto che soffermarsi a leggere, documentarsi.

8fphhk
Pastorizia “romantica” – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

Ovviamente in questo caso dobbiamo tener conto del fatto che la finalità della maggior parte di questi oggetti è principalmente quella di essere utili per uno scopo pratico… o piacevoli per abbellire una parete, un ambiente, un mobile. Quindi è comprensibile che si raffiguri una mungitura “alla moda vecchia” piuttosto che una stalla con impianto di mungitura moderno. Chi invece fa informazione deve essere capace di scindere l’immagine romantica senza tempo dalla realtà odierna, anche con tutte le sue contraddizioni, le problematiche, gli eventuali aspetti negativi.

gw5825

bt8zbs

eymvu2

zvf5lz

kvl0jd

dyiat7

ldkcbl
Attrezzature legate al mondo zootecnico – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

Infine, parte degli oggetti in fiera avevano uno scopo più “concreto”: non solo bellezza, ma anche uso pratico nel lavoro quotidiano dell’allevatore: dagli sgabelli per la mungitura alle cinghie e collari per le campane, poi rastrelli, gerle, attrezzi per la lavorazione del latte, ecc…

48vleq
Turismo in montagna nell’era dei social – Fiera di Sant’Orso 2020, Aosta

Per concludere in modo “leggero”, penso che questa fosse la scultura più rappresentativa della nostra epoca…!

Un mondo che se ne va

Nel giro di poche settimane, mi sono trovata più volte a dover “salutare” dei pastori… C’è un mondo che se ne sta andando per sempre, per alcuni di loro ho avuto la fortuna di raccontare brandelli delle loro storie interamente dedicate al gregge.

06agb0
Germano in una foto del 2005 – Ternengo (BI)

Era il mese di dicembre e se ne andava Germano Carmellino, valsesiano, “storico” aiutante del pastore biellese Federico Seleletto, per cui aveva lavorato per oltre 30 anni. Quando scrivevo su facebook il suo ricordo, non sapevo che anche Federico era malato.

rjfqef
Pietro con altri pastori alla fiera di Villar Pellice (TO) nel 2016

Nel frattempo, pochi giorni fa, se ne andava anche Pierino Giaime, detto Pietro, pastore molto conosciuto nell’area a cavallo tra la provincia di Torino e quella di Cuneo, per anni in alpeggio in Valle Po.

6wuubl
Il gregge di Federico Seletto a Ternengo (BI)

Appena un paio di giorni fa un amico che mi “segue” dai tempi delle Storie di pascolo vagante mi racconta che anche Federico sta male. La cosa va avanti già da qualche tempo, ma era ancora riuscito ad affrontare la stagione in alpeggio. Poi le cose erano improvvisamente peggiorate.

zqrizs
Federico durante una dimostrazione di tosatura – Ternengo (BI)

…e così ieri è arrivata anche la notizia della scomparsa di Federico Seletto, 66 anni, biellese di Veglio. E’ un mondo che se ne va… Non che oggi non ci siano più pastori, ma molte cose sono cambiate e continuano a mutare sempre più rapidamente.

Ancora condoglianze alle famiglie di questi pastori, di questi uomini.

Si può vivere lassù?

In questa stagione, approfittando della mancanza di neve, si può andare in giro lungo sentieri di mezza quota, raggiungendo case e villaggi abbandonati e “dimenticati” da tempo. Non fa troppo caldo e, soprattutto, non ci sono troppe foglie e vegetazione che potrebbero rendere più difficile il nostro cammino.

7dkrud
Antico sentiero lastricato tra Verres e Challand (AO)

Quando percorro questi sentieri penso sempre a quando erano di uso quasi quotidiano, quando tutto quello che arrivava o partiva da quei villaggi passava di lì. Penso ai carichi sulla schiena di persone o bestie da soma. Penso a quando quei terreni circostanti erano tutti puliti, coltivati.

9y0sw6
Taverne, Nus (AO)

Infatti i terrazzamenti in questa stagione riemergono anche dietro a cespugli e alberi cresciuti man mano che l’uomo ha smesso di faticare su di qui. Si creavano muri e si spostava terra per ricavare più spazi dove coltivare. Bisognava essere praticamente autosufficienti e di gente ce n’era tanta, anche a quelle quote, quindi ogni fazzoletto utilizzabile poteva fare la differenza per la sopravvivenza di uomini e animali.

8a4mpc
La Nache – Verrès (AO)

Ogni tanto, in questi giri, capita di trovare uno di quei posti che ti farebbe venir voglia di trasferirti lì. Requisiti: isolamento, ben esposto al sole, prati e boschi, bel panorama. L’isolamento è una condizione fondamentale, per quel che mi riguarda, per poter stare in pace, pascolare con gli animali senza dover attraversare strade, senza aver paura che un’auto piombi a tutta velocità su una capra attardata o sul cane che scatta in avanti. Ma anche per non avere nessuno che si lamenta per l’odore, le mosche, le deiezioni, il cane che abbaia al mattino presto, la capra che strappa una foglia o un petalo da una siepe.

kuylzi
Godersi il sole dopo il pascolo – Petit Fenis, Nus (AO)

Sì, certo, certi posti sarebbero l’ideale per vivere con le capre… ma che vita? Una vita che prevede un isolamento quasi totale. Bisognerebbe avere alle spalle ciò che serve per vivere e per pagare tutte le spese del “mondo moderno” che ci inseguirebbero anche lassù. Perché è vero che si potrebbe raggiungere quasi totale autosufficienza alimentare (con anche un orto, piante da frutta), ma spese ce ne sarebbero comunque, e quali sarebbero le fonti di guadagno?

rcjaxa
Antico sentiero scendendo da Grand Bruson – St.Denis (AO)

Poi solo con i sentieri e senza strade, la vita non è facile. In un giorno di sole, con lo zainetto leggero, durante una gita, è un conto… ma se lassù ci devi vivere? Chi potrebbe vivere in questi luoghi che sono stati abbandonati decine e decine di anni fa? Forse un giovane ha più forze e più intraprendenza per farlo, ma… come già scritto altre volte, cosa succede quando arrivano dei bambini?

aed0fr
Un “eremita” in una casa contro la roccia a monte di Donnas (AO)

Capita di incontrare personaggi che questa scelta l’hanno fatta. Uno di loro l’abbiamo casualmente trovato durante un’escursione a monte di Donnas. Raggiungere la sua casa da sotto non è facilissimo, c’è anche un tratto con scalini in ferro sulla roccia e una corda fissa di sicurezza, però dall’alto in 5-10 minuti dalla strada asfaltata di scende a questa casetta addossata alla roccia e ai suoi terrazzamenti in parte ripuliti. L’uomo che abbiamo incontrato là deve aver avuto una vita avventurosa, da quel che ci ha raccontato. Aveva una gran voglia di chiacchierare e ci aveva adocchiati quando eravamo ancora molto in basso. Originario di Bionaz, ha vissuto e lavorato anche in Francia (in un allevamento di capre), ora si è trasferito in quella che ha definito la Riviera della Valle d’Aosta. In seguito abbiamo però scoperto che la sua età è più avanzata di quella che dimostra e che questa non è la sua abitazione fissa.

ifixhs
Resto di una predazione su animale selvatico – St. Denis (AO)

Oggi tanti di quei luoghi sono diventati “posti da lupi”, abitati solo più dai selvatici e, talvolta, attraversati da qualche escursionista che, come noi, non ama la folla, le località del turismo di massa, le stazioni sciistiche e gli sport estremi. Sicuramente i predatori sono stati favoriti, nella loro espansione, da tutto questo abbandono nelle vallate e sulle aree collinari più disagiate. Se uno pensa di “tornare” in luoghi del genere e avere degli animali, deve mettere in conto anche questo problema e tutte le strategie per cercare di difendere il bestiame.

1p3kcr

Ecco un altro sentiero che si inerpica sui ripidi fianchi della montagna, attraversando boschi scoscesi, sassosi, pareti a strapiombo, versanti aridi e, in questa stagione, particolarmente desolati, anche se non privi di un certo fascino. Ancora una volta, pensate alla fatica di chi ha tracciato questi sentieri… Questo è quello che, attraversata la Dora al Borgo di Montjovet, sale verso il villaggio abbandonato di Rodoz.

pi1xmj
Uno dei castagni secolari a Rodoz, Montjovet (AO)

Non è un cammino breve e più volte, durante la salita, ci si interroga dove (e perché) possa esserci un villaggio su di là. Ad un certo punto però il bosco cambia e, pur nell’abbandono totale, mostra qualche segno dell’uomo: un terrazzamento, una sorgente e una vasca scavata per l’acqua, degli enormi castagni da frutto secolari.

rvbyxh
Il villaggio abbandonato di Rodoz, Montjovet (AO)

Il villaggio è poco più a monte, sopra ad una sorta di terrazzo che un tempo era stato ripulito per ottenere prati, pascoli, campi, ma che oggi si sta richiudendo con l’avanzata di cespugli e giovani alberi. Non erano solo due case, ma un vero e proprio villaggio, con il forno e una piccola chiesa. Oggi l’abbandono è pressoché totale, i tetti stanno crollando, cedono i muri, collassano le volte delle stalle.

tbm5em
Una stalla ancora in buone condizioni, Rodoz – Montjovet (AO)

Ogni casa aveva la sua stalla, non si poteva sopravvivere quassù senza animali. Oggi qualcuno potrebbe sognare di tornare, ma… qual era davvero la vita di chi abitava qui? Quali fatiche, quali patimenti? C’era sempre di che sfamarsi a volontà, o si pativa anche la fame, dopo una giornata di duro lavoro?

mgmzwj
Ancora una veduta di Rodoz, Montjovet (AO)

Il sole tramonta presto, d’inverno, quassù. Certo, ci sono interi paesi dove, d’inverno, il sole non arriva mai per mesi, quindi questa potrebbe essere considerata una collocazione privilegiata. Oltre al ripido sentiero che abbiamo percorso noi, quassù si può arrivare anche da un altro sentiero che corre pressoché in quota. Mi dicono che Rodoz è stato abitato fin verso gli anni ’50, se qualcuno avesse altre notizie da raccontare su questo villaggio, su altri luoghi simili, o anche “storie di ritorno”, sarò felice di ascoltarle.

Fame d’alpeggi

Anche ieri ho ricevuto l’ennesima richiesta di aiuto. Era una voce giovane, al telefono. La compagna di un pastore. Non li conosco, non li ho mai incontrati, ma siamo in contatto su Facebook. Lei aveva preso il coraggio e mi aveva chiesto se potevamo sentirci telefonicamente: “…per delle informazioni riguardanti le montagne , diciamola così! Per messaggio mi viene difficile spiegarmi.

caxttu
Salita di un gregge in alpeggio – Valle Orco (TO)

Immaginavo già la richiesta. Ne ricevo tante. C’è chi mi scrive, chi me lo chiede quando mi incontra, chi mi telefona. “Tu che giri… sai se c’è una montagna libera?“. Ultimamente la versione aggiornata è: “…adesso che giri in Valle d’Aosta, mi trovi una montagna su di là?“. Me lo chiedono cari amici, conoscenti, sconosciuti. Me lo chiede chi ha una montagna “difficile”, scomoda, e vorrebbe cambiare. Me lo chiede chi è rimasto senza montagna. Me lo chiede chi ha aumentato il numero delle bestie e non ha più pascoli a sufficienza lì dov’è ora. Me lo chiede chi la montagna non l’ha ancora mai avuta e vorrebbe iniziare ad andare in alpeggio, come la ragazza che mi ha chiamata ieri.

fxpi93
Pascoli di alta quota al Gran Piano – Noasca (TO)

Ci tocca mandarle in affitto, ma il mio ragazzo alle sue bestie ci tiene. Sai com’è quando le mandi da altri… tu le pascoleresti differente. Se capita qualcosa, non sai mai se doveva proprio andare così o se è colpa di chi le guarda.” Loro hanno pecore, sanno che c’è il problema del lupo, ma il problema maggiore per loro adesso è non avere l’alpeggio. “Il mio ragazzo e suo fratello si alternerebbero a guardarle, non le lascerebbero da sole. Non ci interessano i contributi, a noi basta anche una montagna dove ci sono le mucche sotto e poter pascolare con le pecore tutte le parti alte…

tdivhq
Costruzione di alpeggio diroccata in alta Valle Orco – Ceresole Reale (TO)

Già, i contributi… Girando per le montagne, chi non sa come stanno le cose potrebbe dire che di alpeggi abbandonati ce ne sono eccome! Ma una baita che crolla non vuol dire una “montagna vuota”. Possiamo iniziare a dire che oggi, con altri numeri di animali rispetto ad un tempo, non tutte le baite sono più utilizzate, anche quando greggi o mandrie salgono a pascolare quei territori.

exxcqw
Il ripido sentiero che sale all’alpe Arietta – Val Soana (TO)

Ci sono alpeggi affittati sulla carta, proprio per i famigerati contributi, che poi non vengono pascolati… questo è illegale e non dovrebbe succedere. Accade più frequentemente che, con qualche strano intrigo, pascola tizio, ma i contributi li prende caio. Non va bene nemmeno questo, ma purtroppo è la realtà. Se ne parla troppo poco, ci sono troppi interessi dietro. Ogni tanto c’è un’inchiesta, ma grossi risultati in tal senso non si sono ancora visti.

f4ksuo
I pascoli si colorano a inizio stagione – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Per colpa dei contributi, arraffati a piene mani da speculatori e trafficoni, i prezzi degli alpeggi aumentano (ne abbiamo già parlato più volte), così se un giovane che sta iniziando vuole trovare una montagna, si trova a competere con prezzi impossibili. Ma questo vale anche per un “normale” allevatore che fa il margaro o il pastore da tutta la vita.

mmesdq
I ruderi dell’alpe Leseney accanto al Lago Luseney – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Poi ci sono quei valloni scomodi, dove non c’è la strada, ma solo antiche tracce di sentieri… antiche mulattiere dove non passano nemmeno gli escursionisti. Diciamocelo, dove non salgono gli animali in alpeggio, avanzano i cespugli e non è più così bello passare a piedi… In quei valloni magari scopri delle conche meravigliose, pascoli ricchi di trifoglio alpino o altre erbe ricche. Uno di quei posti lo avevo descritto qui.

p8rjek
Il sentiero nella parte bassa del Vallone di Savoney – Fenis (AO)

Anche l’altro giorno ho fatto una gita in un vallone selvaggio e apparentemente deserto. Nella parte bassa era stato pascolato recentemente, poi seguiva un lungo sentiero che saliva tra boschi e cespugli, fino ad arrivare ad una bella conca con un alpeggio abbandonato. C’erano tracce di utilizzo degli anni scorsi, ma non era difficile immaginare come venissero gestiti gli animali quassù.

bnsyck
Alpeggio abbandonato – Savoney, Fenis (AO)

Ancora più in alto c’era un lago, conchette e valloni erbosi, erba bassa, di alta montagna, erba buona. Molto probabilmente lassù venivano messi degli animali giovani, in asciutta, che non necessitano di cure e sorveglianza quotidiana. Nei giorni successivi ho poi saputo che il vallone è ancora utilizzato e che saliranno delle manze, probabilmente a breve.

pfxe7f
Nella baita, l’angolo dedicato alla caseificazione – Savoney, Fenis (AO)

Mi viene allora da riflettere su come sia cambiato tutto. Su quali formaggi si facessero in questi luoghi un tempo, con quelle erbe ottime. Erbe che oggi rischiano di sparire, perché senza il pascolamento e la fertilizzazione del terreno, saranno altre erbe a prendere il sopravvento. Oggi i formaggi vengono fatti soprattutto con le erbe dei prati più comodi, più facilmente raggiungibili nei pressi delle baite. Non è così ovunque, ma in parte sì… Sto divagando, ma sono comunque riflessioni sul mondo degli alpeggi che cambia.

50sehp
Manze e manzette nell’alto Vallone di Saint Barthélemy – Nus (AO)

Cosa ho risposto alla ragazza che mi chiedeva se sapevo di una montagna libera per il prossimo anno? Quello che, ahimé, ho risposto a tutti gli altri. Se venissi a sapere di qualcosa… ben volentieri. Ma purtroppo non so come aiutare tutte queste persone. Non riesco nemmeno ad aiutare carissimi amici che hanno questo problema. E’ un controsenso, perché da una parte possiamo dire che il mondo dell’alpeggio tradizionale è in crisi… e dall’altra che non ci sono alpeggi disponibili!

q0i8z4
Pascoli di alta quota con abbondanza di trifoglio alpino – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Chi resta senza alpeggio spesso è proprio colui che lavorerebbe bene, che avrebbe cura del territorio, degli animali, delle tradizioni. Mentre chi mette su numeri di bestie eccessivi, lasciate quasi allo sbaraglio o in mano ad operai che fanno niente più del minimo indispensabile… affitta alpeggi qua e là anche in vallate non vicine.

9tfjri
Alpeggio al Colle del Nivolet sul versante valdostano

C’è la speranza che cambi qualcosa? Per come la vedo io, al momento no, purtroppo. Se non si interviene seriamente a livello politico, questo fragile delicato mondo mi sembra seriamente in crisi. C’è chi resiste con le unghie e con i denti, con sacrifici e spese spesso non proporzionati alle entrate effettive. C’è chi sopravvive grazie al sostegno e alla manodopera di parenti in pensione che “danno una mano”. C’è chi non ce la fa ad andare avanti se non arrivano i contributi. Tutti segnali di un sistema non sano.

0sjweu
Dove non si pascola, pian piano avanzano i cespugli – Val Soana (TO)

Eppure ci sono ancora giovani pieni di passione e di entusiasmo che telefonano e dicono: “Siamo disperati! Abbiamo iniziato a giugno a cercare una montagna per il prossimo anno, ma niente… Non ci interessano i contributi, ci basta avere un posto per portare su le nostre pecore!” Che tristezza, che amarezza non poter dar loro delle risposte. Che sconforto non poter aiutare chi fa “da sempre” questo mestiere e perde la montagna a un’asta, vedere nei suoi occhi la disperazione perché non sa dove portare a pascolare i suoi animali…

La montagna ancora viva, ma fino a quando?

D’ora in poi, quando qualcuno mi dirà che l’uomo, l’allevatore, fa solo danni al territorio (sì, c’è gente che, pur frequentando assiduamente la montagna per svago, la pensa così), lo manderò a fare un’escursione tra Perloz e Lillianes. Intendiamoci, potrei mandarlo in mille altri luoghi, però sono fresca di questa esperienza e vorrei condividerla con voi.

0tg6jo
Frazioni a monte di Perloz (AO)

Durante questa gita si possono fare numerose osservazioni sul paesaggio. Siamo in un territorio non facile. In questa stagione, con gli alberi che iniziano a mettere le foglie e l’erba ancora bassa, si notano tante più cose. I villaggi abbarbicati qua e là sui ripidissimi pendii. Quelli ancora vivi, abitati, circondati da prati verdi. Quelli abbandonati, abbracciati da alberi e cespugli.

gvj86x
Terrazzamenti e vecchi castagni – Varfey, Perloz (AO)

Dal momento che qui non esiste nemmeno un fazzoletto di terra pianeggiante, per sopravvivere l’uomo si ingegnava, creandosi degli spazi per coltivare con i terrazzamenti. Buona parte delle pendici sono terrazzate, ma solo piccole porzioni di questi terreni sono ancora utilizzate: qualche castagneto non troppo lontano dalle strade che sono state tracciate per raggiungere i villaggi ancora abitati, qualche ex coltivo, oggi prato o pascolo.

kmhwv4
Il sentiero che sale a Chemp dal fondovalle, con le prime statue lignee che si incontrano – Perloz, (AO)

tdwo5k
Il cuore del villaggio di Chemp con le sue architetture caratteristiche – Perloz (AO)

rme1bl
Una tra le tante sculture esposte tra le case di Chemp – Perloz (AO)

Siamo saliti a Chemp, un villaggio divenuto famoso perché qui abita Pino Bettoni un artista del legno, che ha iniziato ad esporre le sue opere tra le (bellissime) case del villaggio. Oggi Chemp è un vero e proprio museo a cielo aperto, con opere di diversi artisti tra le case, alcune delle quali ristrutturate e abitate, altre in stato di abbandono.

c9m6hc
La frazione abbandonata di Miochaz – Perloz (AO)

Poi però abbiamo proseguito il nostro cammino, raggiungendo altri villaggi completamente disabitati, ma molto belli come posizione ed elementi architettonici. Il sentiero saliva sempre circondato da antichi terrazzamenti.

u8jrq5
Una fontana e le baite abbandonate di Miochaz, Perloz (AO)

Non ero mai stata qui, ma vedendo questa fontana gorgogliante appena oltre quelle case costruite direttamente sulla roccia di un balcone naturale che si affaccia sulla valle, ho pensato che avrei potuto ambientarlo qui, il mio romanzo “Il canto della fontana“. Ma d’altra parte “Vignali” è un luogo di fantasia, così ciascuno di voi può immaginare di averlo trovato, vagando in luoghi come questo…

0it634
Prati e terrazzamenti curati dall’uomo arrivando a Varfey – Perloz (AO)

bynvti
Il sentiero per Varfey – Perloz (AO)

Ad un certo punto siamo sbucati in una radura più aperta, dove la mano dell’uomo ancora cura il territorio come un tempo. Il sentiero fiancheggiato dalle pietre, gli alberi potati, le cataste di legna, i prati con l’erba bassa e verdissima, segno che in autunno si era pascolato a dovere. Chissà, forse era anche stato tagliato del fieno. Non so voi, ma questo è il paesaggio che preferisco, quello dove natura e opera dell’uomo si fondono armoniosamente in un susseguirsi vario di colori stagionali e manufatti realizzati con ciò che offre il territorio.

o9krtf
Varfey – tra Perloz e Lillianes (AO)

Anche a questo villaggio sale una strada, ma dal versante di Lillianes. C’era qualche auto, c’era gente, chi puliva con il decespugliatore, chi preparava il terreno per gli orti. Ma c’era anche un abitante fisso, che ancora risiede a Varfey stabilmente.

m5u1sm
Emilio in stalla con alcune delle sue capre – Varfey (AO)

Si chiama Milio (Emilio), ha una settantina di anni, vive qui con i suoi cani, le capre e due vacche. Inizialmente di poche parole, pian piano inizia a raccontare e ci conduce in stalla a vedere le capre e le due vacche. Quel mattino non le aveva ancora messe al pascolo perché stava aspettando che arrivasse su il vicino con i propri animali. Ormai la primavera avanza e, chi può, già si avvicina agli alpeggi.

1u7oet
Emilio con il cane davanti alla stalla – Varfey (AO)

Milio da qualche stagione in alpeggio non ci va più, resta qui tutto l’anno. Dice che gli piacerebbe andare a vedere quei grossi alpeggi più su nella valle, come quelli di Saint Barthélemy, ma… non ha la patente, mai presa. Una volta lì non c’era la strada, ma avevano già realizzato una teleferica: “Senza motore! Funzionava a contrappeso. Versavano dentro una benna d’acqua e il carrello di qui scendeva, mettevano il carico e andava su…

ckfsec
Prati a Varfey – Lillianes (AO)

Il posto è incantevole, in questa stagione poi le luci e i colori sono ancora più belli. Ma è una gestione equilibrata del territorio a far sì che Varfey abbia questo aspetto. Senza la presenza di animali, la necessità di sfalciare per il fieno, il pascolo, sarebbe tutto diverso. Il bosco, i cespugli, le ortiche avanzerebbero fino a ridosso delle case.

za7akr

zsekby
Terrazzamenti con e senza manutenzione da parte dell’uomo nel territorio di Perloz (AO)

Anche sulla via del ritorno abbiamo modo di continuare ad osservare terreni curati e altri abbandonati, dove i terrazzamenti cedono e si innescano delle frane.

e44wub
Porta di una casa abbandonata da anni in una frazione disabitata di Perloz (AO)

È vero che esistono casi di ritorno alla montagna, ma… chi andrà lassù il giorno che Milio non ci sarà più? Certo, c’è la strada, ma d’inverno immagino possa non essere sempre percorribile. Aprire un’azienda lassù potrebbe essere fattibile oggi, quando devi per forza rispettare date, scadenze, vincoli, quando devi correre negli uffici per espletare tutta la burocrazia esistente intorno a un’azienda? E partire per andare a vendere i tuoi prodotti? E se hai dei figli da mandare a scuola?

f9vav5
Uno scorcio del villaggio di Varfey (AO)

Emilio parla del lupo, lui ne ha visti due proprio tra le case del villaggio, in inverno. Dice che quelle bestie lì proprio non ci volevano, che di problemi ce ne sono già tanti, per chi fa questa vita. Una vita come la sua però ormai la fanno in pochi. È facile guardare le immagini e invidiarlo, ma chi farebbe davvero oggi, 365 giorni all’anno, una vita così? Certo, potrebbe insediarsi una giovane coppia, allevar capre, vendere i formaggi… Ma a chi? Così bisogna partire e andare chissà dove, per venderli. Inoltre ci va chi fa il formaggio e chi pascola le capre, tutti i giorni, perché con il lupo da soli gli animali non li puoi mai lasciare. E se hai dei figli, li devi portare alla scuola più “vicina”…

Sperando che non diventi solo folklore

A fine mese, 30 e 31 gennaio, le date sono sempre le stesse, ad Aosta l’appuntamento è quello con la Fiera di Sant’Orso. Tradizione millenaria, quella della fiera… Oggi è diventato un appuntamento soprattutto con l’artigianato del legno, in tutte le sue espressioni. Anche se certi oggetti li rivedi di anno in anno, è sempre bello aggirarsi per la fiera (nonostante la folla) per scovare i pezzi unici. Semplici o elaborati, ma meravigliosi nella loro forma e idea.

julhup
Artigianato del legno alla Fiera di Sant’Orso, Aosta

Molti riguardano l’ambiente rurale, sono espressione del territorio in cui nascono. Gli stessi artigiani talvolta hanno vissuto o vivono tuttora la realtà zootecnica. Però il più delle volte quella che viene rappresentata è una scena dal sapore antico. E’ vero che questo mestiere talvolta è “senza tempo”, è vero che certi aspetti non cambiano e non cambieranno mai…

axlfls
Scene di vita d’alpeggio – Fiera di Sant’Orso, Aosta 

Nelle sculture si munge sempre a mano, non con la mungitrice, per fare un esempio! Però la scultura centrale, quella di uno degli artisti più famosi e apprezzati, in una delle passate edizioni (2017, mi sembra) ritraeva degli animali che venivano caricati su di un camion. Un’eccezione in mezzo a tante sculture velate di romanticismo e nostalgia.

p0yyfm
Artigianato del legno a tema zootecnico – Fiera di Sant’Orso, Aosta

Si ritrae ciò che è bello, ciò che piace. E l’idea astratta della pastorizia, dell’allevamento, piace sempre e comunque. Poi è sicuramente uno dei simboli di questa regione. Ma la mia paura è che, continuando di questo passo, resterà davvero quasi solo più un soggetto per le sculture…

nehxfe
Il pastore e il suo gregge – Fiera di Sant’Orso, Aosta

Molte riguardano la pastorizia: pecore, un pastore con il gregge e gli asini… ma lo sapete che la maggior parte degli ovini che passano l’estate in alpeggio in Valle d’Aosta viene “da fuori”? La pecora rosset, razza autoctona, è sempre più a rischio di estinzione. Il numero di capi allevato cala sempre più, tra problemi di gestione legati alla presenza del lupo e scarsa remuneratività dell’allevamento. Così arrivano greggi dal Piemonte (cosa che accadeva già in passato, con le gregge biellesi), ma anche greggi da altre regioni d’Italia, in alpeggi affittati da “allevatori-speculatori” soprattutto per percepire i contributi…

yhd1ob
I collari per campanacci realizzati dagli studenti dell’Institut Agricole Règional di Aosta

La passione e la voglia di mandare avanti questo settore c’è ancora: non mancano i giovani che praticano il mestiere, ma quali prospettive anno? Dove non c’è questo ricambio generazionale, le aziende chiudono, e non sono poche quelle che hanno venduto gli animali negli ultimi tempi. Chi continua lo fa tra mille problemi.

kp2j65
Un giovane allatta con il biberon un vitello di razza castana – Fiera di Sant’Orso, Aosta

Si commentava su Facebook questo articolo, dove vengono presentati i dati dell’annuario 2017 dell’agricoltura italiana: 320 mila aziende in meno in tre anni, ma cresce la Sau (superficie agricola utilizzata). Vero a livello nazionale, ma nelle aree “marginali” spesso la chiusura di aziende porta all’abbandono delle porzioni di territorio più difficili da utilizzare (prati ripidi da sfalciare a mano, ecc…).

1m2p5d
I simboli della passione degli allevatori valdostani: campanacci e batailles des reines

La forza della passione fa sì che ci sia sempre qualcuno che continua, nonostante tutto. Ma chissà come… già oggi molti allevatori di reines, appassionati delle battaglie, non sono più allevatori con una loro mandria che sale in alpeggio. Hanno delle vacche solo ed esclusivamente per partecipare alle battaglie (e lo stesso vale per le capre), ma il loro mestiere principale è un altro.

2dpfgz
La bataille des reines – Fiera di Sant’Orso, Aosta

Resterà solo un elemento di folklore, allora? Mi auguro di no… Ma “quelli dei piani alti” dovrebbero ascoltare di più le grida di dolore dei piccoli allevatori di montagna. Va bene fare un giro alla fiera, va bene ammirare tutto questo, ma bisogna anche impegnarsi per far sì che resti vivo, e non solo un ricordo scolpito nel legno.

1k6pky
Le pecore – Fiera di Sant’Orso, Aosta 

Una di queste grida io l’ho letta e l’ho riportata qui. La lancia Enrico, allevatore valdostano, la cui storia ho anche raccontato in “Alpeggi, alpigiani, formaggi della Valle d’Aosta” (MonteRosa Edizioni). Trascrivo il suo commento: “Sono un piccolo allevatore di montagna come tantissimi ve n’erano in Italia, faccio parte di una razza in via d’estinzione, che presto dovrà essere ricordata anch’essa nei giorni della memoria. Sembra un sacrilegio ciò che ho appena affermato, ma purtroppo è così, la piccola agricoltura è stata volutamente e sistematicamente sterminata da una classe dirigente che sa guardare solamente ai dati del mero profitto.

ytzk8b
Fiera di Sant’Orso, Aosta

Burocrazia asfissiante, mancato rispetto dei pagamenti, lupo, deprezzamento del valore di prodotti di nicchia che oserei chiamare eroici, stanno svuotando le nostre montagne, è la fine di un mondo che era uno dei pilastri dell’economia di tutte le valli alpine, arrecando danni irreparabili nel mantenimento di centinaia di razze autoctone, sulla biodiversità dei pascoli e sulla stabilità degli stessi. Mi scuso per questo sfogo, ma quando leggo o sento certi professoroni che si riempiono la bocca di dati al fine di distrarre tutti dalla triste realtà di un’agricoltura italiana agonizzante, perdo la ragione. Sono quattro anni che non ricevo i premi a me spettanti per un problema informatico risolvibile in due minuti! Vivo grazie all’aiuto dei miei genitori, come me siamo in tanti, troppo piccoli perché AGEA (agenzia per le erogazioni in agricoltura) s’interessi a noi.

rzyb7d
Uno gnomo e un tatà – Fiera di Sant’Orso, Aosta

E’ bella la fiera di Sant’Orso, anche grazie a questi pezzi di artigianato legati alla tradizione, al territorio… E’ bello il territorio valdostano, il territorio delle Alpi, perché c’è ancora l’agricoltura, la zootecnia. Speriamo proprio che qualcuno ascolti queste grida, le comprenda e le trasformi in azioni concrete per far sì che gli operatori del settore primario nelle aree montane non si trasformino nella bella immagine che vedete qui sopra, un essere mitologico e un giocattolo…