Non è un parco giochi!

I confini della realtà si mescolano con il mondo virtuale (e viceversa) per sempre più persone. Una mia amica l’altro giorno diceva che, per fortuna, tornando ad un minimo di vita sociale ha ripreso fiducia nell’umanità, perché solo a leggere post e commenti sui social le sembrava che il mondo stesse davvero andando a rotoli. Io non ne sono troppo sicura. Dietro ad uno schermo molte persone non si fanno problemi ad esternare idee e pensieri offensivi, estremi e fuori luogo, ma anche certi atteggiamenti nella vita quotidiana non sembrano essere esempi di correttezza e rispetto del prossimo.

I pascoli nei pressi di un rifugio sono stati “chiusi” con fili e picchetti, sono stati apposti cartelli dove si invita al rispetto… ciò nonostante ecco un turista coricato nell’erba – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Mi avete spesso sentita parlare di comportamenti deplorevoli da parte dei turisti in alpeggio, ma non sono solo i montanari a lagnarsi per ciò che accade tra pascoli, baite e sentieri alpini. Chiunque abita e lavora in ambito rurale lamenta a gran voce episodi in cui il “visitatore” arreca danno o disturbo alle attività, alle coltivazioni, alle strutture, agli animali, ecc…

…ma che belle le foto nei campi di grano… (immagine dal web)

“(…)è moralmente etico permettere agli Instagrammers di schiacciare i cereali seminati nei nostri terreni, per farsi le foto? Non è colpa loro, è colpa nostra perché se vado a farmi un bagno in Fonte Gaia scatta l’indignazione comune mentre se vediamo distese di grano sdraiate da dolci donzelle che si addentrano negli appezzamenti con improbabili strascichi, mettiamo pure un like.” Così rifletteva qualche giorno fa Alessia, titolare di un’azienda agricola in Toscana. E quante ne abbiamo viste, di queste foto… tra papaveri, grano, fiordalisi, lavanda…

Le prime due immagini trovate in rete digitando “paesaggio rurale italiano”

Sono la prima a sostenere da sempre che un paesaggio rurale di un certo tipo (ben curato, vario, pascolato, con alternanza di campi e siepi, ecc…) sia un elemento fondamentale non solo per la biodiversità, ma anche per le valenze di richiamo turistico che contiene. In fondo è il classico paesaggio italiano da cartolina a cui pensa ciascuno di noi se gli viene detto di descrivere un’immagine dell’Italia, escludendo le città. Però questo non vuol dire entrare dentro a quella cartolina! Una bella foto la possiamo fare lo stesso anche senza coricarci nel grano, no?

Cane da guardiania in un alpeggio a Gressoney St.Jean (AO)

Eppure per tanti, una volta usciti da asfalto e cemento, tutto ciò che si incontra è un parco giochi senza biglietto (o quasi). Provate a dire ad un escursionista che potrebbe dover tornare sui suoi passi perché in quella zona c’è un gregge con dei cani da guardiania e non è detto che riesca a passare, specialmente se è accompagnato da due o tre cani da compagnia… “La montagna è di tutti, c’è un sentiero, io ho diritto di passare liberamente, è l’allevatore che deve tenere legati i suoi cani…“. Quante volte ho sentito una delle innumerevoli varianti sul tema, che si trattasse dei cani, delle reti, dei fili elettrificati del recinto, delle campane al collo degli animali al pascolo che “disturbano”.

Stambecchi al pascolo non lontano da un alpeggio – Lac de Dix, Svizzera

Facciamo un passo indietro. Innanzitutto occorre dire che tutti noi, ovunque ci troviamo, siamo ospiti e, di conseguenza, dovremmo comportarci come tali. In un ambiente fortemente antropizzato è difficile pensarci, ma anche una città un tempo era prati, boschi, fiumi… Comunque anche la città ha le sue regole da rispettare, non andiamo a farci il bagno in una fontana al centro di una piazza, non montiamo il tavolino da pic nic davanti ad una chiesa. In un ambiente rurale, a qualunque quota, sia l’agricoltore/allevatore, sia il visitatore sono ospiti di un territorio, della sua flora e della sua fauna, quindi dovrebbero rispettarla. Ahimè ciò non sempre succede, l’impatto dell’uomo e delle sue attività spesso arrecano danni anche gravissimi. Ma questo non deve essere una giustificazione per nessuno. Se qualcuno sbaglia, gli altri devono cercare di fare meglio, non peggio, no? Così il visitatore di una realtà rurale dovrebbe rendersi conto di essere due volte ospite: della natura e dei “padroni di casa”. Un contadino, un allevatore, sono proprietari o affittuari di campi, prati, pascoli, frutteti, dove svolgono le loro attività lavorative. Non sono presenti SEMPRE in ogni luogo, perché il mestiere ha una sua stagionalità, i suoi ritmi, i suoi orari. Non è una fabbrica che apre e chiude i cancelli. Ma questo non giustifica ogni tipo di comportamento in assenza di chi manda avanti un’attività in questi territori.

La “famosa” foto che ritrae un escursionista che cerca di riportare il gregge di capre verso l’alpeggio di provenienza (immagine dal gruppo FB “Valle d’Aosta da scoprire)

L’altro giorno ho visto una foto on-line che ritraeva una persona (e non mi sembrava un allevatore) seguito da 5-6 capre. Era stata scattata da queste parti e la cosa mi aveva incuriosita. Il giorno dopo ricevo la telefonata di un’allevatrice che mi chiedeva aiuto, se potevo scrivere due righe su Facebook per aiutarla a ritrovare due capretti che non erano rientrati all’alpeggio. Sono saliti da poco in montagna, è il primo anno per loro in quell’alpe, gli animali ancora non conoscono il territorio… Ma il punto era un altro: “Eravamo rientrati dal pascolo, stavamo legando le vacche, le capre erano fuori, le avremmo messe dentro una volta finito. Ma quando siamo usciti, non c’erano più, avevano seguito della gente che era passata davanti all’alpeggio. La capra più vecchia è tornata la sera per farsi mungere, le altre tre sono arrivate stamattina in un alpeggio vicino, ma mancano i due capretti… Oltretutto sono dei bimbi, glieli abbiamo regalati per la promozione. Abbiamo sentito il gestore del rifugio e ci ha detto che sono arrivati fin su seguendo dei ragazzi…

Capre curiose osservano il passaggio degli escursionisti – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Succede che degli animali seguano le persone. Se lo fa una vacca, in genere ci si spaventa e si cerca di scacciarla. Ma che bella scenetta, ma che simpatia, che divertimento se lo fa un cagnolino o delle caprette! Che ne sa ormai la gente del comportamento degli animali? Se ne abbiamo di domestici, il più delle volte li abbiamo umanizzati e plasmati sulla nostra vita, sulle nostre esigenze. Non sappiamo nemmeno quale sarebbe il loro comportamento naturale… Figuriamoci se abbiamo di fronte una capra o una pecora! Ma sì, quei turisti magari si saranno fatti anche il video, seguiti dal piccolo gregge…

Vacche al pascolo in un recinto accanto ad un villaggio – Val di Rhemes (AO)

Attenzione, non stiamo parlando di animali incustoditi al pascolo (cioè liberi, senza la sorveglianza di un pastore, cosa che peraltro accade sempre più di rado, vista la crescente presenza di predatori), ma di animali che erano vicini all’alpeggio. Non pretendo che l’escursionista sappia che, in Valle d’Aosta, verso le 11-11:30 le vacche vengono fatte rientrare in stalla e legate ciascuna al suo posto e tutte le ulteriori dinamiche di vita d’alpeggio. Ma è universalmente valido che si debba evitare di “spostare” animali, farsi seguire o accompagnare altrove. Bisognerebbe in generale evitare il contatto con gli animali domestici (a meno che vi sia l’allevatore che vi consente di farlo), potrebbero esserci dei rischi per voi e per loro. Quindi, la regola generale che mi sento di dare e che, se uno o più animali vi seguono, cercate in ogni modo (battendo le mani, facendo versi, senza ovviamente usare bastoni o pietre) di allontanarli. Questo vale a maggior ragione nei pressi di baite, cascine, case!

Una capra con il suo capretto davanti ad un alpeggio – Cignana, Valtournenche (AO)

Tornando ai capretti, grazie alle informazioni di chi aveva scattato le immagini (un’escursionista che poi ha cercato di riportare indietro il piccolo gregge) e al passaparola, altri allevatori hanno sentito le campanelle e li hanno individuati. Questa volta così c’è stato il lieto fine, ma poteva andare molto peggio, soprattutto se avessero incontrato un predatore. La vicenda però è andata meno bene a livello di comunicazione, perché un mio post su Facebook che cercava di spiegare (in sintesi) ciò che vi sto dicendo qui, ha scatenato i polemici da tastiera, con innumerevoli persone che affermavano come la colpa fosse dell’allevatore che lascia le sue bestie abbandonate. “Non credo che il turista o chiunque passi accanto a delle capre sia responsabile, se viene inseguito, il responsabile delle capre è il proprietario“, per citare uno dei commenti più pacati.

Al lavoro nei prati per la fienagione – Petit Fenis, Nus (AO)

Già, perché la montagna è di tutti, no? Se succede qualcosa però la colpa è sempre tua… Sei tu che devi fare in modo che gli animali non causino problemi ai turisti (e il viceversa??), per non parlare poi di casi più gravi, sempre in ambito agricolo. C’è stato un incidente alquanto strano in un campo, qualche giorno fa. Sono morte due donne, il perché si trovassero in mezzo al mais non si è capito. Cito nuovamente l’amica Alessia, che esprime alla perfezione i pensieri che tanti di noi hanno elaborato in seguito a quel triste fatto. “Qui si sta completamente travisando il concetto, non solo di campagna e ambiente, ma soprattutto quello di azienda agricola. Un campo coltivato è assimilabile ad un cantiere con la differenza che non si possono recintare ettari e ettari di rete da cantieri apponendo la relativa cartellonistica. Mi ricordo che anni fa, un agricoltore di Asciano manca poco non “ miete” un cacciatore nascosto in campo di girasoli aspettando le tortore e di un altro che per un pelo, mentre tagliava il fieno, non investe un fotografo naturalista. L’anno scorso, in un podere qui vicino, due o tre persone adulte, sono salite sui balloni di paglia cercando di farli rotolare. E se si fanno male? E se i balloni prendono la rincorsa e finiscono sulla strada? Bisogna urgentemente che la popolazione ritorni a conoscere la campagna e i suoi pericoli, prima che sia troppo tardi.

Rotoballe di fieno temporaneamente accatastate nei prati – Petit Fenis, Nus (AO)

Già… perché per l’appunto la campagna, la montagna, pur essendo luoghi di lavoro, non sono recintati. Inoltre sono considerati dai più un luogo di svago, il famoso parco giochi di cui si parlava. Così c’è quello che si diverte a saltare sulle rotoballe, quello che si arrampica sul tetto della vecchia baita, quello che si inventa non so quale svago con i tuoi attrezzi da lavoro che ha trovato nella tua proprietà. “Il problema è che non esiste più il concetto di proprietà privata…. ognuno è legittimato in presenza di un prato più o meno seminato o recintato, in presenza di un gregge di pecore o di una mandria di vacche di fare ciò che meglio crede… portare il cane libero di fare la qualsiasi, attraversare bellamente non rendendosi conto che magari ci sono dei vitellini e che le madri sono gelose. I problemi sono i tuoi che tieni i cani per protezione dai lupi, sei tu che a casa tua devi proteggere chi ci entra“, commenta Massimo. Aggiungo io… che ci entra senza rendersi conto che è in una proprietà privata e un ambiente di lavoro.

Stabilimenti balneari a Genova

Ma quando andate al mare, perché non ragionate nello stesso modo? Perché la montagna è di tutti e il mare può essere diviso in box a pagamento, con la parte pubblica ben delimitata? Sono stata a Genova qualche giorno fa. Certo, non è la classica spiaggia a cui uno pensa quando si parla di mare, ma comunque… centinaia e centinaia di metri recintati per gli stabilimenti balneari, qualche fazzoletto di spiaggia libera. A nessuno verrebbe in mente di arrivare a nuoto in uno stabilimento privato, uscire sulla spiaggia, accomodarsi su una sedia a sdraio. Eppure in alpeggio mi è successo di vedere gente che si serviva di oggetti di uso privato (bicchieri, sedie) degli allevatori. Una volta mi sono ritrovata un tale nella baita. “Cercava qualcuno?” “No, no. Guardavo soltanto.” Altro che parco giochi…

Pastore con cani a sorvegliare la mandria lungo una strada sterrata che porta ad un alpeggio, ma anche itinerario dell’Alta Via – Tsa de Merdeux, St.Rhemy-en-Bosses (AO)

PS: Per prevenire certi commenti… non sto giustificando universalmente la categoria, che si tratti di allevatori o di contadini. Comportamenti errati ve ne sono da parte di tutti. L’appello è sempre e comunque al reciproco rispetto, ma soprattutto invito le persone a documentarsi sulla realtà che andranno a visitare (e i comuni di montagna, gli enti turismo, a fare comunicazione in merito). Certamente devono tenere comportamenti adeguati gli allevatori: un cane da lavoro deve stare vicino al pastore e assolutamente non deve allontanarsi per andare a mordere i turisti di passaggio, ma un cane da guardiania ha un altro ruolo e occupa altri spazi, il turista è tenuto a documentarsi, a leggere la cartellonistica (questo è solo uno dei tanti esempi che potrei fare). Così come non ce ne andremmo a spasso liberamente all’interno di uno stabilimento industriale (solo perché “non è bello” o anche perché sappiamo che è pericoloso, c’è gente che lavora e macchinari all’opera?), lo stesso dovremmo fare in campagna, in collina, in montagna. Dobbiamo renderci conto che sono ANCHE luoghi di svago, non SOLO un parco divertimenti.

Le montagne degli ultimi

Non mi è mai piaciuto dipingere come una razza in via di estinzione gli uomini e le donne che si ostinano a vivere e lavorare in montagna. Proprio per quello molte volte sono andata a cercare i giovani, vi ho parlato di loro, vi ho narrato le loro storie. Da quando sono in Valle d’Aosta, molto spesso sento gli amici piemontesi che parlano con invidia delle montagne (cioè degli alpeggi) valdostani… ma non tutti sono delle “regge” comodamente raggiungibili con strade sterrate lisce come l’olio. C’è un po’ di tutto anche qui. E ci sono montagne che non hanno niente da “invidiare” ai più difficili tra gli alpeggi piemontesi. Qui come là, se c’è ancora qualcuno che li usa, che ci vive per i mesi estivi, è qualcuno che ci è nato, che vi sale da sempre con gli animali, che conosce ogni pietra, ogni centimetro di quei pascoli.

Grossa casa nel villaggio di Devine – Pontboset (AO)

In primavera avevamo fatto un’escursione per raggiungere dei villaggi abbandonati nel comune di Pontboset e mi avevano incuriosita i valloni che vedevo sul versante opposto. In particolare, con il binocolo avevo guardato verso un villaggio sulle cui case spiccavano delle grosse croci. Consultata la mappa, avevo visto che era possibile, nella bella stagione, fare delle escursioni che prevedevano il raggiungimento di alcuni alpeggi. Cercando in rete, avevo anche trovato questo post dove si parlava di “escursione da non ripetere”, altri camminatori ribadivano di evitare la zona in caso di nebbia, dato che i sentieri non sempre erano evidenti e ben tracciati.

Un bel rascard tra i villaggi di Fournier – Pontboset (AO)

La giornata alla fine è stata discreta e ci siamo trovati anche nella nebbia, per alcuni tratti, ma fortunatamente non ci siamo persi. In tutto il giorno (una domenica) abbiamo incontrato solo un altro escursionista. Eppure abbiamo visitato posti molto belli dal punto di vista escursionistico, naturalistico, ma anche storico e antropologico. All’inizio il sentiero/mulattiera passa a fianco di vari villaggi abbandonati, con strutture architettoniche molto interessanti, tra cui alcuni rascard fortunatamente ancora in buone condizioni.

Il sentiero che sale nel vallone di La Manda con, a fianco, la monorotaia – Pontboset (AO)

Quando attraverso questi luoghi non posso fare a meno di pensare alla storia e alla vita delle persone che qui in tempo abitavano stabilmente. Oggi è una piacevole escursione salire lungo questi vecchi sentieri, ma cosa significava percorrerli con pesi a spalle, con i muli? Di cosa si viveva, quassù? La curiosità è cresciuta nel corso della giornata, tanto da spingermi a cercare un libro dove potermi documentare. “(…)si dedicavano ad un’agricoltura di sussistenza, producendo pochi cereali, coltivabili solo su terrazzamenti di dimensioni ridotte, ricavati riportando terra sui numerosi muretti a secco (…)“. Così viene detto nel libro “Pontboset. Il territorio, la sua storia, la sua gente.”

Vacche valdostane al pascolo vicino ai villaggi abbandonati – Pontboset (AO)

Ma… e gli alpeggi? A Fournier, praticamente tra le case dei villaggi abbandonati e in quelli che ora sono pascoli tutt’intorno, c’erano delle vacche che brucavano. Quando le abbiamo viste, ancora non sapevamo nulla di quel vallone, dei suoi alpeggi, di chi li utilizza ancora. Un tempo “(…) gli alpeggi frequentati dai pastori si trovavano normalmente all’envers, ossia sul versante rivolto a nord, che è meno soleggiato, più umido e produce un foraggio di buona qualità.” Sempre nel libro, ho poi letto che, già nel XIII secolo, oltre al bestiame locale, sull’intero territorio di Pontboset e Champorcher, salivano greggi con centinaia di pecore, provenienti dal Canavese. Si parla anche di pastori lombardi.

Edifici d’alpe in parte ristrutturati a Boset – Pontboset (AO)

Veniamo a tempi più vicini a noi. Terminati i villaggi, arriviamo a quello che è sicuramente un alpeggio. La cremagliera che saliva parallela al sentiero si è interrotta ed è stata sostituita da una pista per quad, che permette di raggiungere un po’ più agevolmente questo alpeggio. Uno dei fabbricati è un container completamente rivestito di pietra e legno, così da non impattare sul paesaggio e, nello stesso tempo, consentire la lavorazione del latte a norma di legge. Sarà solo successivamente che scoprirò chi è l’allevatore che sale ancora quassù. Si chiama Danilo, è di Ponboset, dove vive d’inverno. “E’ 45 anni che vado nel Vallone della Manda. Sono io che ho messo la monorotaia e ho fatto la pista. Nel 2008-2009 d’inverno la valanga aveva portato via due case e i container, con tutta la roba dentro, anche le caldaie per il latte. Anche 2 case con tutta la roba del latte. Dopo ho fatto questa struttura tutta interrata per le valanghe. Con una soletta che neanche le bombe la buttano giù. E ho comprato nuovi container e li ho incassati dentro.

Il vecchio alpeggio Champas – Pontboset (AO)

Ma queste cose le ho sapute dopo. Quella domenica salivamo incontrando alpeggi abbandonati e, ad un certo punto, arrivò anche la nebbia. Mi sembrava di essere tornata in certi alpeggi piemontesi, tra rocce, cespugli, versanti ripidi, nebbia, vecchie baite in pietra. Per fortuna il sentiero era abbastanza evidente, così si poteva continuare sull’itinerario previsto…

L’unico edificio ancora in piedi a LaManda – Pontboset (AO)

Le maggiori sorprese ci attendevano all’alpe La Manda. Più che un alpeggio, un vero e proprio villaggio di baite di varie dimensioni, quasi completamente diroccate. Si intuivano canali per l’acqua che passavano nelle cantine, dove veniva messo a raffreddare il latte, Poi fontane, stalle, abitazioni spartane, canali per portare i liquami nei pascoli… La nebbia rendeva il tutto più spettrale e misterioso. Sarà poi di nuovo Danilo a raccontarmi qualcosa su questo alpeggio, dato che nel libro ho trovato solo indicato il numero di animali che saliva nei secoli scorsi e la stima del valore da pagare per l’uso dei pascoli.

I resti dell’alpeggio La Manda – Pontboset (AO)

Tra tutti i muntagnin che andavano lì, avevano circa 70 mucche. I padroni della Manda erano dei ricchi a quel tempo. Pagavano 2 lire alle donne per andare su a tagliare dove non andavano le mucche e portavano il fieno fino a Hone. Perché i padroni sono di Hone anche se la Manda è nel territorio di Pontboset. I vecchi padroni erano dei nobili e andavano su a caccia. Hanno fatto quella casa, l’unica ancora in piedi: quella era apposta per loro quando andavano su a caccia. Mio papà da piccolo è stato valet lì, mi diceva che nessun altro poteva andare in quella casa, era riservato solo per i padroni.”

La cisterna dell’acqua dell’alpe La Manda – Pontboset (AO)

Un po’ sopra all’alpeggio, un’altra struttura misteriosa, ai piedi di una roccia, di fianco al torrente. Salendoci sopra abbiamo trovato un foro, coperto da una lastra di pietra. Pareva una cisterna… “Mia nonna e le mie zie andavano sovente su lì con quelli che tagliavano fieno con la falcetta. E a portare cemento e sabbia quando hanno fatto quei vasconi per riserva dell’acqua.

I pascoli dell’alpe La Manda, i cui ruderi sono praticamente invisibili, mimetizzati tra le rocce – Pontboset (AO)

Anche se i pascoli di quell’alpeggio paiono così ripidi, nei documenti antichi sono sempre solo indicati come pascoli da vacche, mentre negli altri alpeggi troviamo sempre anche capre (molto numerose a Pontboset, dove potevano essere mantenute anche d’inverno, pascolandole sui versanti esposti e nei boschi) e, esclusivamente a Croset, le pecore.

L’arrivo della monorotaia e le baite di Croset – Pontboset (AO)

Un sentiero che corre su una cengia (dov’è stato anche fatto passare un ru con un tubo per l’acqua) ci porta a Croset. Qui ritroviamo la cremagliera e i container, uno rivestito in legno e l’altro nascosto dietro alle vecchie baite. I pascoli sono ripidi, ma l’erba è buona. Danilo mi dirà che quest’ultimo tratto di monorotaia è stato danneggiato in un punto dalle valanghe.

La monorotaia che sale a Croset – Pontboset (AO)

La spesa per rifarla è elevata, ma il versante è ripido, una pista per quad è quasi impossibile da fare se non con gli interventi necessari per metterla in sicurezza. “Vorrei fare ancora tante cose ma sono vecchio, non ho più forza. L’alpeggio Croset ha sempre avuto problemi di acqua, io il primo anno che sono andato ho messo 2000 metri di tubi. E ho acqua per fare girare anche la turbina.”

Pascoli nel vallone della Manda – Pontboset (AO)

Temo che questi siano davvero gli ultimi… se dovesse smettere chi ha letteralmente dato la sua vita a queste montagne, chi sarà ancora disposto ad affrontare fatiche e sacrifici del genere? “Andassi a ritirarmi sarebbe meglio, ma è una malattia.” Sono parole che ho sentito ripetere molte volte anche altrove, in situazioni anche meno estreme di queste. Dalla pagina facebook dell’azienda agricola, copio e incollo il testo di presentazione. “Agricoltore allevatore, da ben 40 di esperienza, di allevatore di capre e bovine da latte, e produzione formaggi di alpeggio, in questo momento solo latte vaccino. Le bovine di razza valdostana pezzata rossa, Da Maggio a Novembre vengono portate negli alpeggi Boset, e Crouset, comune Pontboset Valle D’ Aosta , in media e alta montagna da 1600 a 2000 metri di altezza, in una natura splendida e unica, Dove i bovini tutto il giorno intero stanno al pascolo, con erba verde fresca in pieno fiore, e bevono acqua che sgorga dalla roccia, in una natura incontaminata Solo la sera vengono ritirate in stalla per la mungitura, e il mattino dopo la mungitura , vanno di nuovo al pascolo. solo erba, acqua, e sale 2 volte alla settimana , nessuna aggiunta di mangimi di nessun genere. Tutto biologico al cento per cento. Viene prodotto 2 volte al giorno subito dopo la mungitura del mattino e sera, il formaggio a latte intero. Ingredienti. latte vaccino appena munto, caglio, sale. E’ lavorato con estrema, professionalità , passione, e con rigide regole sanitarie. Dopo circa 2 mesi di stagionatura in cantine adatte, viene venduto un prodotto, sano nutriente , e di alta qualità, a un prezzo buono.” A questo punto, non vi è venuta voglia di andare a fare un giro in un angolo di Valle d’Aosta sconosciuto ai più?

Il paesaggio non è solo “natura”

Non c’è pandemia che tenga. Ci avviciniamo a Pasqua e fioriscono non solo mandorli, peschi e albicocchi, tutti gli anni si ricomincia con la campagna contro la macellazione di agnelli e capretti. Che volete farci, toccherebbe tutti gli anni spiegare perché questi animali verrebbero comunque macellati. L’ho già detto e scritto più volte, potete andare a rileggere qui, qui e qui.

Capretti nati nelle scorse settimane, al pascolo con le madri – Petit Fenis, Nus (AO)

Quest’anno da noi sono nati quasi tutti capretti maschi… Spiace perché si sa che non si potranno allevare. Non possono diventare dei riproduttori nella nostra stalla e solo qualcuno potrà interessare come futuro becco ad altri allevatori. Posto il caso che uno volesse considerarli “animali da compagnia”, metti anche che uno li castrasse per non macellarli… Poi? Dove li teniamo? Lo spazio è quello che è… Non fatevi illudere da quelli che dicono che allevano senza macellare nulla. Non è sostenibile, è impossibile mungere se hai agnelli, capretti, vitelli che succhiano il latte. Continueranno a farlo fin quando la madre avrà latte, smetteranno solo allora. O hai due capre proprio solo da compagnia e non le fai partorire, o la macellazione, anche solo per autoconsumo, è inevitabile.

L’immagine di una delle campagne contro le macellazioni: da notare come si assimili l’agnello ad un neonato per impressionare il consumatore (immagine dal web)

Comunque, oggi scrivo lo stesso, perché nei giorni scorsi ho visto un post sull’argomento nella bacheca di una persona che era tra i miei contatti e che, di professione, è accompagnatore naturalistico in Piemonte. La sua non è una professione improvvisata, si segue un corso apposito, si devono avere determinate competenze e conoscenze, come potete leggere sul sito della Regione Piemonte.

Agnelli di razza biellese – Canavese (TO)

Ciascuno, nella sua vita privata, può seguire la dieta che preferisce… per motivi etici, religiosi, di salute, per moda o per gusti personali. Ma quando un accompagnatore naturalistico scrive un post dove vengono insultati i ristoratori del territorio che, in questo difficile momento, propongono nel menù da asporto per le festività pasquali carne di agnello… la cosa mi risulta indigesta. E lo è ancora di più vedendo a corredo del post una foto di un agnello riccioluto di razza non locale.

Casa di montagna: non mancava mai la stalla e il fienile, spazi talvolta più importanti di quelli “abitativi” per le persone – Elva, Valle Maira (CN)

A questo signore sembra assurdo che, nel XXI secolo, si possa ancora essere così trogloditi da allevare, macellare e consumare degli esseri viventi. A me invece sembra assurdo che una persona che esterna simili pensieri possa accompagnare la gente alla “scoperta” del territorio di una vallata alpina piemontese, ricca di storia, tradizioni e prodotti inscindibilmente legati all’allevamento.

Anche se ormai spesso abbandonati, vi sono chilometri e chilometri di muretti a secco che modellavano il paesaggio – Valle di Champorcher (AO)

Io, operatore economico di una vallata alpina, mi sentirei danneggiata dalle frasi scritte da quel signore. Vorrei che chi accompagna i turisti a visitare il “mio” territorio mostrasse sì il fiore raro, le particolarità geologiche, le iscrizioni rupestri, il branco di stambecchi e il lago alpino, ma vorrei anche che insegnasse a leggere il paesaggio, le strutture e le architetture tradizionali. Perché tutte le vecchie baite hanno stalle e fienili. Perché ci sono terrazzamenti dove l’uomo coltivava strappando spazi ai ripidi pendii, ma vi sono (erano) anche prati e pascoli, a quote diverse. In quota poi si incontreranno i vasti pascoli degli alpeggi, là dove passerà accompagnando i turisti verso un colle, una vetta… Cosa dirà ai turisti, vedendo mandrie e greggi? Non spiegherà loro se si tratta di animali appartenenti a razze locali, magari in via di estinzione, recuperate e valorizzate grazie a progetti di tutela. Tacerà o dirà ai turisti che sono barbare forme di sfruttamento perpetrate da uomini e donne che non hanno saputo evolversi?

Alpeggio e vacche al pascolo – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Soprattutto non indirizzerà i turisti all’acquisto dei formaggi negli alpeggi o nei punti vendita del fondovalle. Non saprà consigliare i prodotti tipici, i ristoranti dove si cucina con ciò che di meglio offre il territorio. L’accompagnatore deve saper spiegare la storia e il folklore, ma se parla con toni così duri di chi alleva e di chi si nutre di carne, come fa a spiegare la storia di una vallata alpina? Certo, anticamente di carne se ne mangiava ben poca, ma in montagna è sempre stato l’allevamento a permettere la sopravvivenza per 365 giorni all’anno. Fosse anche solo il latte di una capra… Ben vengano i ragionamenti e i confronti tra l’allevamento di un tempo e su quello, spesso troppo “spinto” dei giorni nostri. Ben vengano le riflessioni sull’attuale consumo di carne, molte volte eccessivo e di scarsa qualità, sugli sprechi alimentari attuali e sulla cucina di un tempo, dove non esisteva lo scarto, dove tutto trovava un impiego e anche un “recupero”.

Allevamento e paesaggio: la fienagione – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)
Pascoli di alta quota – Valle Maira (CN)

E poi, visto che il nostro “amico” si appella alla pandemia, dicendo che dovrebbe aiutarci a ragionare meglio, a essere più consapevoli, lo faccio anch’io. Vi invito a cercare in rete, se già non avete un locale o un fornitore di riferimento, chi propone carni locali nei menù. O anche aziende che vendano carne dei loro agnelli/capretti, nel caso preferiste cucinarle voi stessi. Quest’anno più che mai fareste un gesto importante non solo per sostenere l’economia locale, ma anche il morale dei produttori e della ristorazione.

Occhio all’etichetta! (immagine dal web)

Se invece non avete modo di acquistare direttamente da un produttore, nel negozio/macelleria/supermercato leggete sempre bene le etichette, che si tratti di animali nati, allevati e macellati in Italia.

Le fontane, nei villaggi, servivano anche per abbeverare gli animali, dal momento che non c’erano sistemi per l’abbeveraggio in stalla – Biel (AO)

Far comunicazione

E’ vero, scrivo poco. O meglio, scrivo poco su queste pagine. In questi mesi ho scritto parecchio, una relazione conclusiva di un progetto a cui ho lavorato, ho risposto a domande per interviste, per ricerche da parte di studenti che mi hanno contattata. Poi sto buttando giù la bozza di un nuovo libro, un romanzo. Quest’ultima cosa la faccio al pascolo, con carta e penna, ho ripreso adesso che i capretti iniziano ad essere indipendenti e non c’è più da tenerli sotto controllo costantemente per paura che restino indietro, si addormentino sotto una radice, in un punto riparato tra l’erba secca.

Scrivere al pascolo con supervisione e correzione delle bozze! – Petit Fenis, Nus (AO)

Già, nel frattempo sono anche nati i capretti, manca ancora il parto di una ritardataria, poi la stagione 2021 sarà conclusa. E’ andato tutto bene, anche se la componente maschile ha battuto le femmine per 10 a 2! Capita, non ci puoi fare niente. Però i parti sono andati tutti bene, fino ad ora non ci sono state complicazioni, per fortuna.

Le prime leccate della mamma subito dopo il parto – Petit Fenis, Nus (AO)

Non sono solo tutti questi impegni dall’avermi allontanata dallo scrivere sia qui sul blog, sia su facebook. Trovo che stia diventando estremamente difficile far comunicazione. E’ sempre più frustrante vedere come molte persone, on line, si fermino al titolo e non vadano nemmeno a leggere il contenuto, commentando così a sproposito. Oppure vedere come la cattiva informazione, le fake news, la disinformazione creata ad are dilaghino raccogliendo consensi, mentre l’articolo ben scritto, che cita le fonti, basato su fatti concreti, dati, numeri resti lì nella sua solitudine.

Meglio godersi la natura che ci circonda, piuttosto che farsi il sangue cattivo on-line… – Petit Fenis, Nus (AO)

Non stiamo vivendo in un periodo facile. E’ da un anno che cerchiamo letteralmente di sopravvivere. Alla malattia, al dolore per le perdite di amici e famigliari, alla crisi economica, alla mancanza di lavoro / impossibilità di lavorare, alle privazioni, alle incertezze sul futuro, alla depressione, all’ansia, alla confusione, alla paura. Le reazioni delle persone a tutto questo variano in base al carattere, ma mi spaventa l’odio e la rabbia che molti mostrano commentando ciò che leggono. E non parlo di argomenti fondamentali, basta la foto di un cane scappato da casa per scatenare diatribe infinite a suon di pesanti insulti.

…nonostante ciò che sta accadendo, la natura continua a regalarci spettacoli meravigliosi – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Così, per evitare il mal di stomaco e per non ridurmi a urlare virtualmente pure io, preferisco tacere. Mi mancano però le occasioni di confronto con il pubblico, il “fare bella comunicazione”, incontrare le persone ad un convegno, alla presentazione dei miei libri. L’ultima volta è stato nel dicembre 2019… Per quanto io ami scrivere, mi rendo conto che ciò che viene messo nero più bianco molte volte possa venir mal interpretato. Perciò un bel dibattito, un confronto, un approfondimento faccia a faccia resta la cosa migliore. Anche perché chi mi legge può aver voglia di comprendere meglio, oppure io posso aver dato per scontato un dettaglio che il lettore invece ignora.

Backstage delle prime riprese per Linea Bianca – Petit Fenis, Nus (AO)

L’altro giorno abbiamo ospitato una troupe della RAI per la trasmissione Linea Bianca. E’ un programma sul territorio montano, non specificamente sull’agricoltura (quella è Linea Verde, che invece sta girando in Valle questa settimana). Mi incontravano come scrittrice e allevatrice di capre, quindi più che altro interessava loro la mia storia, non dettagli tecnici o discorsi sulle problematiche dell’allevamento di montagna.

Alcuni dei capretti nati quest’anno – Petit Fenis, Nus (AO)

Però mi ha infastidito il fatto che mi venisse detto, prima di iniziare le riprese, che non era il caso di dire che alcuni capretti erano destinati al macello. La conduttrice non era animalista o vegana, ma mi ha fatto capire che certi temi non si dovevano toccare, proprio per non attirare le ire degli animalisti. Anche ne avessi parlato, comunque quella parte sarebbe stata tagliata (e taglieranno comunque moltissimo, visto che sono stati diverse ore a filmare e, se va bene, ci saranno 5 minuti di servizio dedicato a me e alle capre).

Una delle due femmine nate quest’anno – Petit Fenis, Nus (AO)

Ritengo la gran parte dei sedicenti animalisti persone “ignoranti”, cioè che ignorano, che non sanno com’è la realtà. Come ho già avuto modo di dire molte volte, non giudico chi vive o si alimenta in modo diverso dal mio, ma non tollero l’essere giudicata sulla base di credenze errate. Ormai, per tutti coloro che allevano animali cosiddetti da reddito, la parola “animalista” ha assunto un significato negativo. Perché l’animalista è quello che ti insulta, che ti infanga, che ti ritiene un assassino, mentre tu invece dai tutto te stesso per il bene dei tuoi animali.

Scontri tra due giovani maschi sotto l’anno di età, equipaggiati con “grembiule” per evitare gli accoppiamenti – Petit Fenis, Nus (AO)

Certo, preferirei vendere “da vita” tutti i capretti maschi, ma so bene che non sarà così. Non posso tenerli perché consanguinei con le capre del gregge, ma anche perché si massacrerebbero tra di loro quando raggiungono la maturità sessuale. Si picchierebbero continuamente. Quindi, o si macellano a pochi mesi di vita, o si castrano, si lasciano insieme alle madri fino alla discesa dall’alpe, e si macellano allora, in autunno. Non si macellasse nulla, non si alleverebbero nemmeno animali. Cos’è più giusto, impedire a delle capre di vivere secondo la loro natura, in un gregge, riproducendosi, oppure macellare a norma di legge qualche capretto? Qualcuno per autoconsumo, qualcuno per la vendita, anche per ripagare almeno in parte le spese di mantenimento del gregge.

Becco di due anni – Petit Fenis, Nus (AO)

Lasciassimo le capre libere in natura, la mortalità sarebbe molto più alta. Ci sarebbero capre e capretti morti nel momento del parto, mentre l’allevatore interviene da solo o con l’aiuto di un veterinario per evitare il più possibile che ciò accada. Molti morirebbero nei primi mesi di vita, per i motivi più vari. Quando la capra ha poco latte, intervengo con il biberon per integrare la dieta dei piccoli, per esempio. Ai primi sintomi di diarrea, si valutano le cause e si cerca di curare l’animale, ecc ecc. Poi comunque, liberi nel “loro” ambiente, i giovani maschi si scontreranno con il maschio dominante, qualcuno verrà allontanato. Come solitario, sarà facilmente vittima dei predatori. Questa è la natura.

Capra in stalla con la sua capretta – Petit Fenis, Nus (AO)

Ma queste cose non le ho potute raccontare. Così ve le ho scritte qui, anche se le ho già ripetute mille volte. Per fortuna hanno filmato le capre al pascolo, chissà cosa avrebbero pensato vedendole legate in stalla. Già, perché l’animalista ignorante le vorrebbe almeno libere. Così non sarebbe nato nemmeno un capretto, perché si sarebbero picchiate, causando aborti, gambe rotte, ferite varie. Già, questa razza (la valdostana) è una razza in cui le femmine hanno un carattere spiccatamente dominante e si battono per stabilire la gerarchia nel gregge. Questo aspetto così spettacolare (e raramente cruento, se avviene all’aperto) è apprezzato dagli appassionati, che organizzano vere e propri circuiti di “battaglie” per far incontrare le loro capre più forti e vedere qual è la regina. No, non ho raccontato nemmeno questo, tanto l’avrebbero tagliato…

Ancora alcuni dei capretti (Ponpon, Cognac e Zenith) – Petit Fenis, Nus (AO)

La puntata di Linea Bianca sulla Valle d’Aosta andrà in onda sabato 27 marzo 2021 su Rai1 alle ore 14:00. Ovviamente sarà visibile successivamente on-line sul sito di RaiPlay.

Un bel periodo di m…

Verrà il giorno in cui torneremo a muoverci, a spostarci, a vivere liberamente. Ma questa libertà sempre e comunque dovrà prevedere delle regole, perché non siamo soli, non siamo unici, ma ci troviamo a condividere spazi, territori, esigenze. Io non sono tra quelli che credono che quello che stiamo vivendo possa renderci migliori. Il mio timore, piuttosto, è che il giorno in cui potremo tornare ad “uscire”, molti saranno ancora più egoisti e prepotenti.

Il fieno rifiutato dalle bovine nella stalla di Aymavilles (AO) – foto E.Cuc (da Facebook)

Vi racconto un paio di esperienze vissute in prima persona o capitate ad amici e conoscenti. Partiamo da una stalla della Valle d’Aosta. Scrive l’allevatrice Elisa Cuc: “Da ieri sera che abbiamo iniziato la rotoballa non ne hanno mangiata nemmeno la metà! Le nostre mucche non mangiamo perché sentono l’odore delle feci e delle urine dei cani. Con questo chiedo di usare un po’ di buon senso e pensare che quando chiediamo di non portare i cani nei prati c’è un motivo ben fondato ed oltre a non mangiare rischiano anche malattie parassitarie.” Il post rimbalza su Facebook e viene condiviso più volte, gli allevatori ovunque hanno lo stesso problema.

Alcuni dei commenti apparsi su facebook

Tra i commenti che ho letto, volevo segnalarvene un paio. “Ma chi ha un cane sa che c’è questo problema?” “Ma perché gli allevatori si lamentano, se poi coprono i prati di letame?” Ci troviamo quindi di fronte a un problema duplice: la mancanza di rispetto (bisognerebbe sempre e comunque raccogliere le feci canine, inoltre un prato o un pascolo ha necessariamente un padrone, quindi il tuo cane è in una proprietà privata, dove non dovrebbe stare) e l’ignoranza, cioè la non conoscenza. Non è male anche quello che propone, come soluzione, il “recintare i prati“.

Uno dei tanti “ricordini” in un prato accanto a un sentiero dove in estate si farà fieno e dove fino a novembre hanno pascolato le vacche – Petit Fenis, Nus (AO)

Facciamo un po’ di chiarezza… Il fattore di rischio sanitario legato a fieno/erba imbrattati da feci canine è dovuto alla Neospora caninum. Qui potete leggere un articolo a riguardo. Poi occorre evidentemente spiegare che c’è una certa differenza tra un escremento di un animale carnivoro e quello di un erbivoro (come la vacca, la pecora, la capra), per non parlare poi dei cani nutriti a crocchette! Qualcuno ha mai fatto caso a quanto tempo impiega a scomparire una cacca di cane? Le deiezioni degli erbivori, non a caso, vanno a costituire il letame, quello che viene impiegato per fertilizzare (naturalmente) campi e prati. Viene sparso sui prati (e sui pascoli) dopo il pascolamento, per restituire al terreno quello che l’uomo o gli animali “portano via”. Lo si fa sotto forma di liquame o di letame “maturo” (dell’anno prima), sparso e distribuito con mezzi idonei. Quando gli animali consumeranno quell’erba, saranno passati mesi, avrà nevicato, piovuto, sarà arrivata la primavera, poi l’estate. Si taglia il fieno e… l’autunno/inverno successivo, mentre su quei prati l’allevatore sta spargendo nuovo letame, le vacche consumeranno quel foraggio.

Prato/pascoli dov’è appena stato sparso il letame nel tardo autunno – Petit Fenis, Nus (AO)

Passiamo ad un altro fatto. Siamo in Veneto, in provincia di Verona. Il fotografo Marco Malvezzi posta questa foto e così racconta: “Questo è il tetto di una stalla, di un allevatore che conosco, su in Lessinia. Ieri qualche bravo turista “rispettoso” ha ben pensato di camminarci sopra, usandolo come trampolino o chissà. Poi magari succede un incidente, e l’allevatore viene pure denunciato. Questo è il livello medio (sottolineo medio, non son tutti così, per fortuna) del rispetto che c’è nei confronti della montagna e dei suoi abitanti. Poi ci si stupisce perché qualcuno si incazza e inveisce contro questi incivili e si afferma che “i montanari sono inospitali”… secondo me hanno anche troppa pazienza.

Il tetto della stalla in un alpeggio della Lessinia usato come “parco giochi” – foto M.Malvezzi, da facebook

Quanti casi più o meno simili abbiamo visto tutti noi… Trovare le stalle degli alpeggi usati come latrine, scoprire veri e propri danneggiamenti causati da persone che sono passate di lì nella stagione in cui l’alpeggio non è utilizzato. Ho visto addirittura i segni di un fuoco acceso contro il muro della baita.

Un alpeggio nella stagione autunnale – Quart (AO)

Mi ha molto colpita uno dei commenti alla foto di Malvezzi. Chi scrive è Ilaria Teofani, che conosce bene la montagna, ma si definisce un’eterna navigante. Vi racconto qualcosa di lei, per comprendere meglio le sue parole. Nata a Civitavecchia, “…dall’ età di sei anni frequento la montagna, dai 6 ai 30 anni ho salito in lungo e largo le amate Dolomiti, sempre nel cuore, con il mio zaino pieno sempre di buone letture. Nel 2014 ho cominciato a vivere tra Piemonte e Valle d’Aosta per ragioni familiari e di lavoro. E in questa occasione, dopo un viaggio in solitaria in valle d’Aosta ho riscoperto la montagna, una montagna diversa dalle mie Dolomiti, quindi una nuova avventura di vita. Per ragioni di lavoro e salute ho deciso di trasferirmi in montagna, pur restando vicino alla pianura piemontese. Il mio progetto era aprire una libreria di montagna in montagna…

Un alpeggio in Valle d’Aosta – Vallone di Saint Barthélemy, Nus

Ecco cos’ha scritto Ilaria commentando il gesto di chi era salito sul tetto della stalla per “gioco”. “Abito in montagna da due anni e mezzo, la frequento e rispetto da una vita pur venendo da contesti totalmente diversi, grande città di mare, di porto, una metropoli come Roma, e tre anni quasi di provincia torinese. Più sto quassù e più capisco molte cose sulla distanza siderale tra montanari e avventori di pianura. Soprattutto sulla pressoché totale ignoranza, anche spesso in buona fede, ma molto diffusa, su cosa significhi davvero vivere in paesi alti quotidianamente e in diverse stagioni dell’ anno, su quali siano davvero le esigenze di chi vive quassù, quali siano le loro opinioni su ciò che accade nell’ attualità e su quali siano realmente i loro desideri, progetti e idee di futuro. Su quali siano le loro battaglie quotidiane passate, presenti e future, su quali siano le loro aspettative e le loro paure.
Non ci parlano con i montanari… Io, che sono un ospite e che quindi ho un punto di osservazione più oggettivo e distaccato, e in un certo senso quindi privilegiato sul piano dell’ analisi, lo vedo che non ci parlano. E quindi non sanno. Alla fine si rischia di pontificare, anche molto in buona fede, su molte cose…senza conoscere il parere, e le relative motivazioni, dei padroni di casa. E la mia curiosità, osservazione e analisi continua, tra le difficoltà quotidiane e il vin brule`in mezzo alla neve con i miei compaesani… non mi stancherò mai di comunicare e cercare di capire a fondo il posto dove mi trovo a vivere in questo periodo della mia vita, sia come luogo fisico sia come luogo antropologico, come casa madre delle persone che mi hanno accolto nella loro comunità.

Turismo estivo in Valsavarenche (AO)

Concordo con queste parole, non avrei saputo spiegare meglio il concetto. Però c’è un’unica cosa che vorrei aggiungere. Non farei una distinzione tra montanari e avventori di pianura, o meglio, allargherei il concetto a chi vive/lavora a contatto con la terra e chi, pur vivendo in ambito rurale (montano, ma non solo), se n’è distaccato completamente, perdendo il senso di ogni meccanismo naturale, perdendo le conoscenze basilari, dimenticando le radici. La conseguenza è che queste persone si comportano esattamente come chi arriva da una realtà lontana dal “territorio”. Anzi, per esperienza personale, spesso si incontrano grossi problemi con chi si è allontanato volontariamente da un mondo rurale che trovava poco consono alle proprie aspirazioni, mentre tra chi vive in un ambiente urbano si incontrano anche soggetti molto attenti, curiosi e consapevoli.

Il mondo agricolo ha sempre più bisogno del turismo per poter sopravvivere

La montagna in futuro ha sicuramente bisogno del turismo per ripartire, ma dovrà più che mai essere un turista informato, attento, rispettoso. Altrimenti, egoisticamente, mi viene da dire che si sta tanto bene così, con poche macchine che passano, con poca gente in giro. Senza turismo (attività peraltro “moderna”, rispetto alla storia delle Alpi), bisognerebbe però ripensare gran parte dell’economia, bisognerebbe tornare all’autosussistenza, bisognerebbe rinunciare a molti aspetti della vita quotidiana di tutti noi.

Il proprio territorio

Ringrazio le persone illuminate che, fortunatamente, qui in Valle d’Aosta ci hanno dato una zona rossa… con sfumature adatte al territorio in cui viviamo! Nello specifico, il decreto firmato il 6 novembre dal Presidente della Regione consente, tra le altre cose, l’andare a camminare anche oltre l’angolo di casa propria. Si possono fare passeggiate o escursioni in solitaria o con i propri famigliari, restando all’interno del proprio comune, seguendo strade e sentieri segnalati ed evitando le alte quote (limite dei 2200m, per ridurre al minimo i rischio di infortuni con attività di tipo alpinistico).

Il borgo di Lignan, circondato dai pascoli – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Dovrebbe essere ovvio che, qualsiasi cosa facciamo in questi giorni, preveda un’alta dose di buonsenso e rispetto reciproco. Non diamo la colpa della situazione attuale solo a chi ci governa o “agli altri”, sbagli piccoli e grandi, imprudenze e stupidaggini ne abbiamo fatte un po’ tutti, magari senza pensarci. Forse proprio andando a fare due passi, invece di stare a casa ad ascoltare notiziari o instupidirci e farci confondere dalla ridda di notizie che passano sugli schermi di TV, computer e smartphone, potremmo riflettere meglio su ciò che ci sta capitando. Camminare fa bene al corpo… e alla mente!

Con il gregge di capre sulla mulattiera – Petit Fenis, Nus (AO)

Eccoci allora a fare quattro passi sui sentieri del nostro territorio. Quanti lo fanno abitualmente? Per quanti è la prima volta? Quanti non sono mai passati in quella frazione, su quel sentiero, lungo quella mulattiera? Nel primo sabato da “regione rossa”, di gente sul sentiero (tra l’altro anche facente parte del tracciato del Cammino Balteo) ne è passata parecchia e molti hanno continuato a passare anche durante la settimana. Dato che avrebbero dovuto essere solo ed esclusivamente residenti nel Comune, ci ha sorpresi parecchio vederli consultare GPS e APP varie per capire dove andare, nonostante la presenza più che buona della segnaletica in loco!

Pascolo nel pomeriggio autunnale – Petit Fenis, Nus (AO)

Prendiamo gli aspetti positivi anche dei momenti peggiori e andiamo a scoprire la protagonista di questo blog, cioè la “montagna dell’uomo”, quella abitata tutto l’anno, quella dove c’è ancora qualcuno che non solo ci vive, ma lavora pure, con attività per lo più agricole, strettamente legate al territorio. In questo autunno dal clima piuttosto mite, troveremo ancora animali al pascolo, ma anche vigneti colorati, qualche mela dimenticata sui rami più alti degli alberi, orti con le ultime verdure di stagione… Dato che saremo da soli, o al massimo con i nostri famigliari, oltre ad osservare, potremo anche ascoltare suoni, richiami, rumori dell’ambiente che ci circonda.

Montagnetta – Quart (AO)

Come vi sembrano i luoghi in cui state camminando? Lo vedete quanto abbandono c’è? Vi accorgete di com’erano queste terre fino a qualche decina di anni fa? Ci sono muretti che crollano, ci sono case in pietra abbandonate che emergono dai boschi ormai quasi senza foglie. A queste quote sono battuti solo i sentieri principali, appena usciamo dalle tracce più percorse, spesso fatichiamo ad individuare il cammino giusto e magari finiamo per imboccare la “via” dei selvatici, veri padroni di questi territori, piuttosto che il tracciato realizzato dall’uomo nei secoli passati.

Il sentiero tra Lignan e Arlod, per lunghi tratti sbarrato dagli alberi caduti durante l’uragano – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Ci sono poi zone dove si cammina meglio, perché pulite dal pascolamento degli animali o perché vie per raggiungere i suddetti pascoli, o ancora perché conducono a un orto, un campo. O ancora tratti di sentiero dove ci tocca faticare più che in una giungla, dato che la recente tempesta Alex ha abbattuto decine di piante in boschi non più curati da anni. E’ passato ormai più di un mese da quelle giornate di bufera, ma su quel sentiero che abbiamo seguito noi non era ancora passato nessuno. E pensare che, un tempo, doveva essere l’unica via di congiungere quei villaggi… Qui inoltre abbiamo i Ru, i ruscelli che portano la preziosa acqua sui versanti aridi. In questa stagione sono asciutti e possono essere passeggiate molto particolari (sempre con la massima prudenza, informandosi prima sulla loro percorribilità).

Sul Ru d’Etran – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Nella speranza che il futuro ci porti giorni migliori, invito chiunque voglia farlo (in zone dove questo è consentito) ad uscire di casa, a scoprire con occhi e mente aperti il proprio territorio, che spesso può regalare sorprese tanto quanto le mete più lontane. Facciamolo rispettando le regole, perché infrangerle con delle inutili imprudenze sarebbe un insulto a chi si sta prodigando fin oltre le sue forze negli ospedali. Inoltre potrebbe portare a privare tutti di questa sana “boccata d’aria” che, in tutti i sensi, ci sta aiutando a superare questo periodo.

Pascolo autunnale a Lignan – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Perché non scrivi?

Mi hanno chiesto: “Ma tu che sei una scrittrice, perché non scrivi qualcosa su questi tempi che stiamo vivendo, su quel che sta succedendo?“. Qualcosa ho scritto, nei giorni scorsi, ho buttato giù qualche pensiero, ma continuo a ritenere che ci sia già fin troppa gente che scrive e che parla su di un argomento che sembrano non conoscere del tutto nemmeno gli addetti ai lavori. Altrimenti non ci si spiega come mai dei medici, tutti ugualmente laureati in medicina, abbiano opinioni tanto diverse.

Escursionisti e turisti in una giornata della scorsa estate in Valsavarenche (AO)

Adesso è il momento delle mille accuse, la chiusura parziale o totale “è colpa di…”. Di quelli che sono andati in ferie, dei giovani, della movida, degli aperitivi, degli studenti, degli anziani che giocavano a carte al bar…. E nelle case di riposo, dove il livello di attenzione e prevenzione avrebbe dovuto essere massimo, senza mai calare anche solo un giorno, dove nessuno dovrebbe aver disatteso le regole igienico-sanitarie? Accidenti a quei nonni che, tra movida e apericena, ci hanno portato a un nuovo lockdown…

La terapia rigenerante delle camminate in solitaria in montagna… – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Ma nessuno ha badato, in questi mesi, quando comunque si sapeva che il virus sarebbe tornato in autunno, a prevenire per esempio con una corretta alimentazione, o cercando di capire come rafforzare il sistema immunitario… E anche adesso, con un nuovo lockdown, si va a colpire duramente il corpo e lo spirito, privando moltissime persone, tra le altre cose, della possibilità di fare movimento (non dico sport agonistico, dico proprio solo fare una camminata in solitaria lontano dalle aree urbane), beneficiando di tutto ciò che il movimento, il sole, l’aria pura ci possono dare.

Paesaggi autunnali salendo al Col Collet – Quart (AO)

Perché non sono stati fatti più studi sul perché certe persone si sono ammalate in forma grave e altre no, a parità di condizioni di salute? E’ vero che c’è una correlazione con la carenza di vitamina D? La vitamina D si assume attraverso gli alimenti… e stando al sole (è chiamata la “vitamina del sole”)! Ma ora ecco che ci chiudono tutti in casa, vietato allontanarsi, vietato camminare e respirare aria buona!

Angoli poco conosciuti della Valle dove camminare in totale solitudine – Chaleby, Quart (AO)

Quel che pensavo questa primavera in occasione del primo lockdown è ancora più valido oggi, alla luce di quanto visto e sentito in tutti questi mesi. Oggi ci si scaglia contro chi si preoccupa perché non può andare a camminare, ma anche contro chi parte dalle città verso le seconde case. Io farei lo stesso, in nome della salute fisica e psicologica. Per chi teme che sia un escursionista o uno “venuto da fuori” a portare “il contagio”… tranquillizzatevi! Facessero il tampone a tutti, nello stesso giorno, chissà quanti di noi sarebbero positivi (e asintomatici), abitanti delle città, delle vallate, dei villaggi, delle località di mare.

Un tardo pomeriggio autunnale dopo una giornata di maltempo – Petit Fenis, Nus (AO)

Me la permettete un’altra riflessione da allevatrice che abita in montagna? Nel leggere le infinite diatribe tra chi quasi nega il virus o ne minimizza la pericolosità e chi, spesso appartenenti in prima persona al mondo ospedaliero, enfatizza all’opposto la grave situazione che vive ogni giorno in prima persona, mi viene in mente un’altra situazione. Quella del lupo. Cosa centra? Perché tirare in ballo il lupo anche qui?

Gregge al pascolo in alpeggio -Bardonecchia (TO)

Perché è un problema che conosco bene e di cui ho analizzato a fondo tutte le sfaccettature e implicazioni. C’è chi nega che gli attacchi siano “colpa sua” (chiamando in causa fantomatici cani randagi), chi dice che la colpa è comunque dei pastori (che non sorvegliano adeguatamente il bestiame, che abbandonano cani in giro, che non danno da mangiare ai propri e via di ipotesi fantasiose di questo tono), chi ne fa una questione politica, chi una questione economica. C’è chi se ne disinteressa totalmente (ritenendo che non sarà mai affar suo), chi si preoccupa anche quando non corre praticamente alcun rischio… Poi ci sono quelli in prima linea, gli allevatori, che reagiscono in modo diverso a seconda di quanto sono colpiti direttamente, dei danni subiti, dell’impostazione aziendale, della passione che ci mettono nel loro lavoro, dell’ampiezza di vedute, della filosofia di vita personale.

Gregge al pascolo – Passo del Gran San Bernardo (AO)

Non vedete in un certo senso una qualche analogia? Anche nel fatto che se ne parla tanto, si sa che in una certa stagione il problema si ripresenta, ma immancabilmente nei mesi precedenti non si è fatto abbastanza per arrivare preparati ad affrontarlo. Non voglio mancare di rispetto a nessuno con questo parallelismo, ma invito solo a riflettere su come le problematiche abbiano un peso diverso in base a quanto ci coinvolgono in prima persona.

Domenica scorsa i parcheggi alla partenza dei sentieri erano al completo, tutti a far scorta di aria buona, tutti ad ossigenare i muscoli e i polmoni, ad alleviare lo spirito – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Comunque, c’è un bel sole in questa giornata di transizione… Giornata per me difficile da comprendere: se siamo così a rischio, cosa cambia da oggi a domani? Perché posticipare di un giorno la chiusura? Anche da quassù posso immaginarmi le corse odierne ai supermercati, gli spostamenti tra comuni, tra regioni, per andare a dare almeno un ultimo saluto a un parente, un fidanzato, un amico, oltre alle transumanze verso “prigioni” più accettabili rispetto ad una città, come si diceva sopra. E tutte quelle cose da fare… già solo qui, quante macchine sono passate, oggi, quanti si sono fermati anche solo per far due parole, per dare un saluto.

Al pascolo nei mesi del lockdown primaverile – Petit Fenis, Nus (AO)

Me lo sento, avremo delle bellissime giornate autunnali, d’ora in poi. La natura si farà beffe di noi, l’avevo già notato in primavera. Pur con uno spirito oppresso dalla situazione che stavamo vivendo, pur colmi di preoccupazioni per un futuro economicamente e socialmente sempre più nero, era inevitabile non vedere quanto fosse meraviglioso l’esplodere della primavera, in giornate dal cielo terso, che ospitava un sole brillante come non mai. Quasi la natura ci volesse dire qualcosa, ma non so quanti abbiano colto il suo messaggio.

Rientro dal pascolo, ieri pomeriggio – Petit Fenis, Nus (AO)

Adesso i colori dell’autunno stanno per chiudere la loro parentesi, le brume dei giorni scorsi hanno appesantito molte foglie già instabili, spogliando interamente alcuni alberi, come frassini e noci. Resistono ancora parte delle chiome dei ciliegi e delle betulle, ma giorno dopo giorno anche queste macchie di colore spariranno. Su in alto, i boschi di larice hanno virato dal giallo oro all’arancione e, prima di liberare i loro aghi con le gelate che ancora si fanno attendere, mantengono un aspetto di rame antico.

Una cornice autunnale – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Se le protezioni che ci hanno insegnato ad usare sono sufficienti ed efficaci, il virus non mi fa paura. Temo molto di più gli effetti collaterali di queste chiusure. Sono grata al fatto di vivere questi momenti qui e di non essere da sola, sono consapevole di questa mia immensa fortuna. Nello stesso tempo però non intendo accettare passivamente tutto ciò che sta accadendo. Visto che lo scopo dovrebbe essere la nostra salute, intendo preservarla stando all’aria aperta, camminando, vivendo!

Domenica scorsa anche il tempo era immobile, sembrava quello che precede la neve, ma le temperature erano miti, in questo anno così strano… – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Volevo chiudere con una riflessione sentita in bocca a diversi anziani, negli ultimi tempi. Persone molto diverse tra loro, sia per origini, sia per titolo di studio, passato lavorativo, esperienze di vita. Tutti mi hanno detto: “Noi la nostra vita bene o male l’abbiamo fatta, adesso cerchiamo di fare attenzione, speriamo vada tutto per il meglio, ma se deve capitare, vuol dire che era la nostra ora. Quel che ci preoccupa è vedere i giovani, voi, che non vi lasciano vivere, lavorare, divertirvi com’è giusto che sia . Vi stanno togliendo il futuro, la speranza, la voglia di fare.

Pensieri montanari

Le brume oggi avvolgono la valle e si intravvede appena il profilo delle montagne. Le capre cercano ghiande a muso basso nel sottobosco. E’ una giornata d’autunno come tante, come sempre. Sì, quassù è tutto immutato, almeno in apparenza. Se non si ascoltasse il telegiornale o la radio, se non si aprissero i social, se non ci si muovesse da casa, ci potrebbe un’illusione di normalità. Ma non sono così fuori dal mondo, so bene quel che succede “intorno” a me, però nello stesso tempo mi sento fisicamente e mentalmente lontana da tutto, ogni giorno più lontana. Un po’ è un allontanamento volontario, per non farmi prendere da una certa isteria collettiva, un po’ è una strategia di sopravvivenza, dato che l’evitare contatti è comunque la migliore garanzia, di questi tempi (tanti non possono permetterselo, io sì, abbastanza), un po’ è un sentirmi sempre più distante dal modo di vivere e pensare di molta, moltissima gente. L’isolamento non è un gran sacrificio, i luoghi affollati mi hanno sempre messo a disagio, la compagnia ideale per i momenti “sociali” è sempre solo composta da pochi buoni amici.

Atmosfere autunnali con sguardo sulla valle – Petit Fenis, Nus (AO)

Che la folla, la concentrazione di esseri viventi, di esseri umani, fosse malsana già si sapeva. La qualità della vita si abbassa quando molte persone vivono le une vicine alle altre, sopra, sotto alle altre. Forse dal di fuori lo vediamo e lo capiamo meglio? Forse chi vive in città sta bene dov’è, si sente addirittura protetto, avendo perso di vista tutto ciò che è naturale. Cosa penserà quel minuscolo pedone che cammina su di un marciapiedi in città, circondato da immensi grattacieli incombenti su di lui, affiancato da un flusso ininterrotto di auto, furgoni, bus?

Atmosfere urbane – Genova

Io, in montagna, so di non essere niente, una nullità. Più che mai in questa stagione si rafforza questa sensazione, quando in quota c’è un silenzio assoluto e le pareti, spruzzate di neve, sembrano ancora più alte ed austere, svettanti verso il cielo. Mi sento fragile, so che basta anche solo un minuscolo sasso in caduta dall’alto per colpirmi a morte. Il pericolo è ovunque, evitarlo può dipendere dal mio comportamento, dalla mia prudenza, ma non solo, c’è sempre una componente di casualità. Più di una volta, pascolando le pecore, ho visto una pietra rotolare sul versante e colpire fatalmente un animale che fino ad un attimo prima era lì a mangiare con le sue compagne.

Autunno nel Vallone di Saint Barthélemy – Nus (AO)

Quassù vita e morte sono una cosa naturale, quotidiana, ciclica. Gli stambecchi più forti, sani, grassi, pascolano in branco, i maschi da una parte, femmine e capretti dall’altra. Poi c’è il vecchio maschio solitario, o l’individuo ferito, malato, quello che non ha accumulato abbastanza riserve per superare la stagione invernale. In questo caso non c’è solidarietà, quella esiste più nelle favole che non in natura, dove questi animali si allontanano o vengono allontanati dal branco, perché fragili, deboli, portatori di malattie, facilmente cacciabili dai predatori, quindi pericolosi per i loro simili.

Maschi di stambecco nel pieno della forma a fine settembre – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Quando l’uomo gli animali li alleva, interviene per curarli, per quanto possibile. Però la morte arriva, talvolta per problemi di parto, oppure colpisce un soggetto già debole, capita anche che muoia o si debba sopprimere un capo giovane, quello che fino a poco prima sembrava essere il più bello e in forze, ma che poi si ammala all’improvviso. Non si si abitua mai, fa male, ma si sa che è così, la morte è una componente della vita. C’è gente che invece persino evita di nominarla…

Vecchio stambecco solitario, troppo magro per affrontare l’inverno – Champoluc, Val d’Ayas (AO)

Cosa passa per la testa di tutti coloro che pensano che un virus sia un “complotto”? Senza dubbio c’è chi si sta approfittando della situazione che si è venuta a creare con la pandemia e le varie decisioni prese per cercare di arginarla. Il male di uno può essere il bene dell’altro, è una legge di natura anche quella, in fondo. Ci sarà sempre chi si ciba della carcassa di quello stambecco solitario, il giorno che non si alzerà più.

Grifoni intorno ad una carcassa in un canalone – Val di Susa (TO)

Io il virus lo vedo come un segnale della natura verso l’uomo, che sta vivendo nel modo sbagliato, o anche come uno strumento della natura per auto-regolarsi, perché siamo in troppi, viviamo tutti appiccicati gli uni agli altri, in ambienti inquinati, facendo una vita spesso poco sana, quindi siamo troppo fragili. Inoltre ci vogliamo spostare continuamente, con ogni mezzo, persone e merci in un giorno possono fare il giro del globo. Sarebbe da stupirsi se un virus non riuscisse a spostarsi velocemente, così com’è accaduto.

Turisti in una giornata di pioggia nelle vie di Bolzano

Un gregge di capre sta bene, è sano, in forma. Viene unito ad altre greggi per la stagione estiva, tanti animali, appartenenti a cinque, dieci, venti proprietari diversi, tutti ugualmente sani, ma forse no. Sulla quantità, in mezzo a quelle cento o duecento capre, ce n’è uno o forse due che hanno un problema non visibile… ed ecco che tutti gli individui più deboli, quelli con meno anticorpi, quelli che hanno avuto meno contatti con altri in passato, si ammalano.

Gregge di capre in alpeggio – Pont, Valsavarenche (AO)

Passerà anche questo virus. Quel che mi preoccupa maggiormente è il fatto che, già in passato, non si sia investito abbastanza sulla sanità, visto che tutti vogliamo vivere il più a lungo possibile, mi preoccupa il fatto che già prima dovevi aspettare mesi per una semplice visita, che certi giorni passavi ore al telefono per riuscire a prendere la linea per prenotare una visita dal tuo medico di base! Adesso ci vogliono di nuovo chiudere in casa affinché non ci si ammali di Covid-19. Anzi, per non contagiarsi, perché non tutti si ammalano, e anche se ci si ammala, si può anche guarire. Qualcuno muore. Potrei essere io, ma sulla Terra sono quella nullità di cui si parlava. Chiusi in casa senza lavorare, come si fa? Qui in montagna un minimo di autosufficienza ce l’abbiamo, di fame non moriamo, di freddo nemmeno. Ma in città?

Folla nel centro di Aosta per la Fiera di Sant’Orso

I politici che vogliono “chiudere” perché la gente non muoia di Covid, perché non hanno mai chiuso le fabbriche di armi? Quelle ammazzano la gente, senza ombra di dubbio. E perché lo Stato vende le sigarette? C’è scritto persino sul pacchetto che il fumo uccide. Non mi fa “paura” il virus, cerco di seguire le regole per prevenire un possibile contagio, ma quassù non è difficile. Contatti pochissimi, tutte le occasioni “sociali” a cui partecipavamo sono state annullate (fiere, rassegne del bestiame, ecc.), ho fatto scorta della maggior parte dei generi alimentari che mi serviranno nei prossimi mesi. Quelli che non produciamo noi, solitamente li acquistavo in fiera (riso, farina da polenta, spezie, legumi), ma sto provvedendo a farmeli spedire dai produttori.

Fine stagione nei pascoli d’alpeggio per un gregge di pecore che pratica il pascolo vagante – Bardonecchia (TO)

Sicuramente altrove è diverso, lo capisco che abbiate paura. Quando si è in tanti, in troppi, tutti ammassati, ci sono più rischi ed è ovvio che servano più vaccini, più medicinali. Se si vive secondo natura, godendo del sole, del freddo, di cibi genuini, del territorio, di stagione, il nostro sistema immunitario e il nostro corpo sono più forti. Se sto fuori al freddo, rischio meno di prendermi un’influenza rispetto a chi sta tutto il giorno al chiuso. Gli animali, sotto la neve, all’aperto, se sono sani e hanno la pancia piena, non patiscono le basse temperature. Sono “cose della natura”, non c’è nemmeno da spiegarle a chi vive in montagna e fa questo mestiere.

Pascolo autunnale, tra ghiande e foglie – Petit Fenis, Nus (AO)

Le capre continuano a cercare ghiande, qualcuna alza il muso e si drizza per afferrare con i denti una foglia. Anche se, essendo animali domestici, siamo noi a pensare alla loro alimentazione, la natura fornirebbe comunque il giusto cibo per affrontare l’inverno: castagne e ghiande, altamente nutritive, insieme a tutte le foglie che, lentamente, cadranno a terra nei prossimi giorni.

Montagne silenziose, gli alpeggi si sono svuotati e il turismo di massa dei mesi scorsi è cessato con i primi freddi – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Non vi ho dato soluzioni, ci mancherebbe, chi sono io per farlo? Ho solo messo giù, nero su bianco, un po’ di pensieri. Riflessioni anche dure, ma occorre essere realisti e concreti, in un mondo sempre più virtuale che oggi si sta scontrando con questo aspetto della realtà. Anche nel più tecnologico dei mondi siamo comunque soggetti alle leggi della natura… e non sarà barricandoci in casa che diventeremo immortali! (testo scritto il 21.10.20)

Il più bel “brutto” alpeggio della Valle d’Aosta

Cercando informazioni on-line sulla possibile meta per una gita, mi è capitato di leggere in un blog che quello da me scelto era “…il più bel brutto posto della Valle d’Aosta“. Ci sono andata lo stesso e non me ne sono pentita. Innanzitutto, non è per niente un brutto posto, offre scorci panoramici meravigliosi, dal Lago di Place Moulin sempre presente in fondovalle, alle cime circostanti, i ghiacciai, i numerosi laghetti alpini che si incontrano lungo il percorso… per non parlare poi dei selvatici (camosci, stambecchi, marmotte), unica presenza animale in una stagione in cui gli alpeggi già si sono svuotati.

Un camoscio in cresta lungo il sentiero che sale all’alpeggio La Meà – Bionaz (AO)
Vista sul Lago di Place Moulin – Bionaz (AO)

Ecco… gli alpeggi… è proprio di questo che vi voglio parlare, per restare in tema con l’argomento del blog. Lungo il cammino ne attraverseremo alcuni diroccati (i cui pascoli sono ancora utilizzati), ma ne raggiungeremo anche uno perfettamente restaurato e curato secondo tradizione in ogni dettaglio gestionale.

Dettaglio dell’architrave di una stalla tra i ruderi dell’alpeggio Le Meà – Bionaz (AO)

Andiamo con ordine… visto il posto, con pascoli poveri e pietrosi, assenza di piste o strade, ci si potrebbe aspettare al massimo di trovare delle manze (o “manzi”, come vengono chiamate in valle le bovine giovani che non hanno ancora partorito) con un pascolo delimitato da fili e nessuna sorveglianza umana. Invece no, qui ci sono sicuramente state delle bovine da latte e lo si capisce da diversi indizi ancor prima di raggiungere l’alpeggio principale…

Sentiero e cremagliera per Plan Vayun – Bionaz (AO)

Ignoro chi salga quassù in alpeggio, ma vorrei tanto incontrarlo, vorrei tornare l’anno prossimo, vedere come si muovono tra questi pascoli estremi le bovine. Il sentiero è ripido e… sorpresa, c’è anche una cremagliera (penso di recente costruzione, ma non ho trovato notizie in rete sulla sua realizzazione) che parte dalla strada e si inerpica sui ripidi versanti, compiendo un lungo tragitto fino a poche decine di metri dalle costruzioni d’alpeggio.

La cremagliera per Plan Vayun a Les Seytives – Bionaz (AO)

Vorrei vederla in funzione, la cremagliera, con il carico di Fontine che scende a valle su quei passaggi sospesi nel nulla, in cresta… diversamente da un’altra opera simile di cui vi avevo già parlato, questa è più bassa, nei punti più esposti sarà al massimo a due spanne da terra, così immagino che le valanghe non rappresentino un problema, dato che le prime nevicate già la copriranno interamente.

Spietramenti per recuperare pascolo a Plan Vayun – Bionaz (AO)

L’alpigiano che montica qui la sua mandria o è un eroe… o è un pazzo! Come vi dicevo, non ci sono strade… e l’alpeggio è “bruttissimo”. Parlo dei pascoli. Ci sono pietre ovunque, i pianori sono quasi inesistenti, ancora oggi vengono fatti degli spietramenti (usanza andata perduta praticamente ovunque), immagino che recuperare lembi di terra sia l’occupazione principale del pastore mentre è al pascolo delle bovine.

Ruscelli per l’acqua e per la feritirrigazione – Plan Vayun, Bionaz (AO)

Ci sono anche centinaia di metri di tubi per portare l’acqua anche nei pascoli più lontani, oltre ai ruscelli ancora scavati a mano (penso che serva una zappa nuova ogni anno, con tutte quelle pietre…).

Abbondante fertirrigazione dei pascoli a fine stagione – Plan Vayun, Bionaz (AO)

A fine stagione la concimaia è stata svuotata e lavata alla perfezione, i liquami sono stati fatti scendere nei pascoli sottostanti l’alpeggio, per garantire nuova erba per l’anno successivo. Quindi le stalle sono utilizzate per ricoverare gli animali e per mungere, ecco l’indizio che mi fa credere che quassù si produca Fontina.

La concimaia e i pascoli sottostanti a Plan Vayun – Bionaz (AO)

La cosa bella di questo alpeggio sono i fabbricati e le strutture, collocati nel mezzo di Plan Vayun (o Vaiun a seconda delle mappe consultate). Stalle, casa, casera, centralina idroelettrica per la corrente, oltre ovviamente alla già citata cremagliera. Se penso a quante montagne belle (intese come ottimi pascoli), anche facilmente raggiungibili, mancano di strutture o hanno fabbricati insufficienti rispetto alle necessità…

Le baite di Plan Vayun – Bionaz (AO)

Data la carenza di pascolo, quello che c’è è stato utilizzato fino all’ultimo stelo d’erba, dall’alpeggio più basso fin su alle ultime chiazze nei pressi del Lac Long. Non dev’essere facile, pascolare qui… Io ci vedrei male persino delle pecore, figuriamoci le vacche!

Il Lac Long, fondamentale riserva d’acqua per l’alpeggio Plan Vayun – Bionaz (AO)

Pazzo o eroe che sia, cercherò di rintracciare l’alpigiano, non so se ora sia già sceso alla stalla di fondovalle o abbia ancora un altro tramuto a quote inferiori rispetto agli alpeggi che abbiamo visto ieri. Appena pubblicate le foto su Facebook, amici in zona mi hanno già subito riferito di chi si tratta…

Ruderi delle stalle e pascoli a Les Seytives – Bionaz (AO)

Tra i tanti pensieri riguardanti questo alpeggio, immagino anche la qualità della Fontina… quassù sono praticamente sicura che non vengano usati mangimi, ma solo ciò che offre la natura: acqua, erba… e la mano del casaro per trasformare il latte!

Un tratto del sentiero tra i ruderi dell’alpeggio Seytives – Bionaz (AO)

A questo punto vi prometto che, in futuro, troverò il modo di riparlare di questo alpeggio. Queste sono sicuramente realtà che fanno vivere la montagna nel vero senso della parola, realtà da premiare! Altro che i contributi dati ai grossi numeri (di bestie e di ettari)…

Finirà l’estate…

Ci eravamo illusi che stesse arrivando l’autunno, che il caldo fosse alle spalle, quando le nuvole si erano alzate e avevamo visto la prima spruzzata di neve sulle cime e non solo. Si respirava un’altra aria, finalmente frizzante, carica di quell’odore intenso di erba secca, aghi di larice, foglie di rododendro e di ginepro.

Gregge al pascolo nel Vallone del Gran San Bernardo (AO)

Le ombre si allungano, i raggi del sole sono radenti e i colori, specialmente in alta quota, iniziano a cambiare, ma solo sui pascoli, per le foglie degli alberi c’è ancora tempo. Non so voi, ma io ho voglia di autunno. Basta caldo, basta sole che brucia, afa… Ho voglia di aria che pizzica, di maglie con le maniche lunghe, ho voglia di “tana”, di entrare in casa e accendere la stufa, di cucinarci sopra una polenta, di cuocere in forno una torta.

La nevicata di fine agosto sulle cime nel Vallone di Saint Barthélmy – Nus (AO)

All’improvviso, dopo quella pioggia/neve, la montagna per qualche giorno pareva essersi spopolata. I parcheggi alla partenza dei sentieri erano vuoti, la montagna risuonava solo più del sibilo del vento, dei fischi delle marmotte, dei campanacci delle vacche che uscivano dalle stalle per il pascolo, accompagnati dalle grida dei pastori e dall’abbaiare dei cani.

La mandria esce dalla stalla dopo la mungitura per il pascolo serale – Barbonce, Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

L’illusione è durata poco, perché il caldo è tornato, così si continua in pantaloncini e canottiera, si suda al minimo sforzo, si fatica il doppio… Specialmente nel fine settimana, sono tornate pure le “orde” di turisti ad affollare i percorsi più classici, a bivaccare sui pascoli intorno ai rifugi. Oltre al caldo, perdura anche la siccità, che ha ingiallito i prati anzitempo soprattutto in montagna. Già a fine luglio, inizi di agosto, in certi posti ci si lamentava per la siccità. Altrove invece sembra che una volta ogni settimana debba scaricare almeno un temporale, un violento temporale, spesso con venti di burrasca e grandine devastante. Stranezze di un clima sempre più estremo…

Violenta cella temporalesca sulla pianura piemontese (foto da Centro Meteo Piemonte CMP)
Pascoli riarsi dalla siccità a fine luglio nel Vallone del Grauson – Cogne (AO)

Dove la siccità dura da settimane, interrotta solo da brevi spruzzate di pioggia (quasi sempre seguite da giornate di vento) è tutto giallo, marrone, grigio, polveroso. Qua e là ci sono già state le prime transumanze, anticipate rispetto al solito, proprio per colpa della carenza di acqua e dei pascoli riarsi.

Transumanza precoce nelle Valli di Lanzo – Ala di Stura (TO) (foto f.lli Massa)

I nevai sono spariti quasi ovunque, molti ruscelli e torrenti sono asciutti, i laghi più piccoli si sono prosciugati interamente, altri si sono ritirati, lasciando scoperte metri di sponde sassose. Uno “spettacolo” inquietante e preoccupante.

Il Lac de Luseney in secca a metà settembre – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Speriamo arrivi la pioggia, speriamo scendano le temperature. Speriamo non nevichi troppo presto… Lo scorso anno la neve precoce, come spiegano anche gli antichi detti, aveva portato un inverno povero e quasi inesistente, per lo meno da queste parti. Se guardiamo i “segni” della natura, qui i sorbi sono carichi all’inverosimile di frutti. Non è così ovunque, in vallate piemontesi dove i pascoli sono più verdi (grazie a qualche pioggia ogni tanto), i rami dei sorbi non si piegano sotto a grappoli pesantissimi.

Pianta di sorbo montano con abbondanza di frutti – Petit Fenis, Nus (AO)

Per me questo periodo dell’anno rappresenta l’inizio di un nuovo ciclo. Una sorta di capodanno, se vogliamo chiamarlo così. Gli animali rientrano dall’alpeggio e si ricomincia. Ma farlo con temperature quasi maggiori di quando le avevamo accompagnate ai monti non è ciò che mi auguro. Eppure l’altra sera, a più di 2000 metri di quota, all’imbrunire si stava ancora bene in pantaloncini e maglietta.

Gregge al pascolo sulle montagne di Ostana – Valle Po (CN)

Mancano pochi giorni all’autunno del calendario, le previsioni meteo al momento sembrano dire che saluteremo l’estate con un po’ di pioggia, ma purtroppo è da settimane che mostrano la nuvola con le gocce, poi con il passare dei giorni i millimetri previsti si riducono e il giorno stesso le previsioni cambiano ancora, dicendo che neanche questa volta vedremo la pioggia…

Siccità nei pascoli d’alpeggio – Vallone di Vertosan (AO)