L’intervista con la RAI

Lo scorso gennaio una troupe della redazione Rai della Valle d’Aosta mi aveva seguita e intervistata in una “giornata tipo”. Finalmente il servizio, un condensato di quelle ore di filmati e interviste, è andato in onda ieri sera nel tg regionale delle 19:30. Condivido qui il video, di modo che lo possiate vedere… in tutta Italia!

Annunci

Il tempo dei capretti

In questa stagione il tempo per scrivere qui è poco… Quest’anno il periodo dei parti si è fortunatamente concentrato in pochi giorni, dal momento che le capre erano andate in calore tutte assieme. Manca ancora un parto, ma il più è fatto. Non parliamo dei numeri dei grandi allevamenti con capre da latte, ma comunque sono giornate in cui l’impegno cresce.

31fqpd
Le mammelle di una giovane capra al primo parto poche ore prima del lieto evento – Petit Fenis, Nus (AO)

Più o meno la data si sapeva, avendole tenute d’occhio al pascolo, però qualcosa poteva essere sfuggito, oppure poteva esserci un ritardo di qualche giorno. I segni del parto imminente però di solito sono inequivocabili, tra segnali esteriori e comportamento della capra stessa.

x3fouy
Tutto è andato bene e il capretto riceve le prime cure dalla madre – Petit Fenis, Nus (AO)

Solitamente tutto avviene secondo natura, senza bisogno di intervento dell’uomo, ma… può capitare che vi siano complicazioni, che il capretto sia mal posizionato e che il parto naturale sia impossibile o pericoloso per la mamma e per i piccoli. Meglio quindi essere sempre presenti in quegli istanti delicati. Nonostante abbia già assistito più e più volte a questi momenti, anche da sola e dovendo prestare qualche aiuto agli animali, vivo comunque il tutto con una certa ansia e preoccupazione…

pgpmkq
Parto gemellare – Petit Fenis, Nus (AO)

…seguite da un gran sollievo quando tutto si conclude per il meglio! L’altro giorno c’erano due capre, in due box affiancati, entrambe hanno rotto le acque nello stesso momento, hanno partorito in contemporanea (ma una ha dato alla luce due gemelli) ed espulso insieme la placenta. Quando però ho visto i piedini che spuntavano qua e là, per un attimo mi sono detta… “E adesso???

j7ug4g
Pascolo invernale – Petit Fenis, Nus (AO)

Con il resto del gregge intanto si va al pascolo. Non tutte le capre erano gravide, per scelta “gestionale”, così sciolta la poca neve e salite le temperature, abbiamo ripreso ad andare in cerca di ghiande, castagne, qualche foglia secca e i primi ciuffi d’erba.

0bulsx
Non avendo interesse a mungere, i capretti restano con le mamme – Petit Fenis, Nus (AO)

Intanto in stalla le capre che hanno partorito mangiano dalla mangiatoia e i piccoletti poppano a volontà. Bisogna comunque seguirli attentamente almeno nelle prime settimane di vita, controllare che abbiano mangiato a sufficienza (ed eventualmente procurare una poppata aggiuntiva sotto una capra con più latte), verificarne lo stato di salute e così via.

e6igxh
Si inizia ad assaggiare qualcosa oltre il latte materno – Petit Fenis, Nus (AO)

Al pascolo con il gregge c’è già un capretto, ma ormai ha già più di un mese e può seguire agevolmente le capre. Anzi, supera la gran parte di loro e spesso si dedica a giochi sfrenati su e giù per qualche ceppo di legno o sasso. Presto avrà poi altri compagni di giochi!

alpxpx
Birba e i suoi gemelli – Petit Fenis, Nus (AO)

Quest’anno c’è stata una netta prevalenza di maschi, tra le nascite, ma non è un qualcosa su cui possa influire l’allevatore. Adesso l’importante è che stiano bene e che abbiano abbastanza cibo, per crescere sani e forti.

p8rruu
Iniziano i giochi e le corse qua e là per la stalla – Petit Fenis, Nus (AO)

Passati i primissimi giorni in “isolamento” con la madre, i box vengono aperti e… i piccoli fanno conoscenza tra di loro, cominciando a giocare. Tra non molto ci saranno grandi corse e salti, ma sarà anche ora di uscire tutti insieme al pascolo!

Non è ancora inverno

Quest’anno l’inverno proprio non ce la fa a farsi vedere. L’ultima settimana ha visto temperature primaverili, poi tanto tanto vento.

rmd5w4
Il cameraman della Rai VdA filma il gregge – Petit Fenis, Nus (AO)

Lunedì scorso abbiamo avuto una giornata eccezionalmente mite e anche senza vento, con cielo terso e limpido, condizioni ottimali per la troupe della RAI che è venuta e filmarmi e intervistarmi al pascolo. Il servizio andrà in onda nel tg regionale (non so ancora quando), ma spero in qualche modo di recuperare il video per potervelo mostrare.

gtfqm4
Pascolare nei prati a gennaio, a 1000m di quota – Petit Fenis, Nus (AO)

Il clima andava bene per le riprese, ma non per tutto il resto. Va bene anche per il pascolo, perché si può addirittura andare nei prati, dove le capre trovano erba per sfamarsi… Ma il caldo dava fastidio pure a loro: cercavano l’ombra sotto gli alberi, ovviamente privi di foglie. Poi guardare in su e vedere le montagne quasi prive di neve a questa stagione è inquietante. Magari arriverà più avanti, magari cadrà abbondante in quota in primavera, però…

exldp9
Pastis e Mirage – Petit Fenis, Nus (AO)

La speranza è quella di non “pagare con gli interessi” il pascolo in piena stagione invernale. Sarebbe meglio stare qualche giorno in più in stalla ora… e tagliare un buon fieno abbondante al momento giusto. Ma quel che succederà in primavera e in estate ancora non lo sappiamo.

45yasm
I colori dell’alba in un giorno di vento – Petit Fenis, Nus (AO)

Il vento aveva concesso solo una breve tregua, poi ha ripreso a soffiare, talvolta anche accompagnato da tormenta in alta quota e un po’ di pioggia a quote intermedie. Clima più autunnale o primaverile che non invernale.

nusfdb
Prati a Hers, Verrayes (AO)

Intanto i prati attendono, nudi, l’arrivo della neve, sferzati dal vento. La neve serve per molte cose, per far riposare la terra, per proteggere il cotico erboso, per dare acqua a poco a poco, per favorire l’assorbimento del letame che è stato sparso in autunno. Ma la neve per ora non c’è…

8fgne3
Cercando ghiande, con le pance sempre più grosse in vista della stagione dei parti – Petit Fenis, Nus (AO)

Oggi finalmente siamo ritornate al pascolo: nei giorni scorsi il vento era troppo forte per loro, oltre che per me. Sembra incredibile che si siano ancora foglie per terra, che il vento non le abbia trascinate via tutte, tanto forti erano le raffiche degli ultimi due giorni! Un po’ però le ha spostate, così è più facile trovare ancora ghiande e castagne…

Stare al pascolo

Una classica domanda di chi non conosce la pastorizia è: “Ma non è noioso stare al pascolo?“. Ogni pastore ha una sua risposta. C’è chi dirà che in quei momenti guarda gli animali, li osserva, apprezza la loro bellezza o individua quelli che hanno dei problemi e, eventualmente, interviene. Può trattarsi di un’unghia da tagliare, un’infezione da medicare, un ascesso da pulire e disinfettare.

euj723
Sfumature d’autunno – Petit Fenis, Nus (AO)

C’è chi osserva il panorama, chi pensa. C’è chi telefona, chi scatta fotografie con il cellulare. Raramente si soffre la solitudine: anzi, questa è una condizione che molti amano, uno degli aspetti di questo mestiere che si apprezzano particolarmente.

rvxszh
Sole caldo d’autunno – Petit Fenis, Nus (AO)

L’altro giorno splendeva il sole dopo settimane di pioggia, nebbia, nuvole. I colori erano quelli brillanti dell’autunno, un autunno lungo, con le foglie che ancora indugiavano sugli alberi, nonostante il vento e i temporali fuori stagione. Ci si godeva il sole ancora caldo e questo tripudio di giallo, arancione, rosso e marrone.

jzrhke
Al pascolo mentre scende la prima neve della stagione – Petit Fenis, Nus (AO)

Poi è arrivata la neve, una leggera spruzzata, accompagnata da aria invernale. Le foglie cadevano insieme ai fiocchi impalpabili, i colori venivano mascherati da un leggerissimo velo bianco. Stare al pascolo aveva il suo fascino, a patto di esser ben equipaggiati contro il freddo.

o49ee0
Pascolo in una giornata nebbiosa – Petit Fenis, Nus (AO)

Ma non era male nemmeno la nebbia dei giorni scorsi. Allora bastava avere una maglia in più, un berretto, delle calze più spesse. I momenti al pascolo sono i migliori della giornata. Quelli in cui capita di riuscire a dimenticare tutto il resto. Io al pascolo non mi annoio. Guardo le capre, cerco di cogliere l’attimo giusto per qualche foto, leggo o scrivo quando le capre mangiano tranquille e non c’è da fare attenzione perché non ci sono strade, orti, frutteti, prati confinanti.

h7xwi7
Panorami osservati mentre si pascola – Petit Fenis, Nus (AO)

Sarebbe bello poter vivere così, totalmente immersi nella natura, godere del cambiamento delle stagioni e del contatto con gli animali, ma è un sogno, un’utopia. La realtà è che questi sono momenti strappati al resto della routine quotidiana. Non si vive pascolando un piccolo gregge di capre… Ricordo degli amici che mi raccontavano di come, tra marito e moglie, si contendessero i turni al pascolo. Perché quello era il relax rispetto al dover scendere in fondovalle per sbrigare le pratiche negli uffici, o andare al mercato a vendere i formaggi.

hi6bvf
Pascolo pomeridiano – Petit Fenis, Nus (AO)

Un amico incontrato ad una fiera mi diceva di voler riprendere delle capre. Ne aveva alcune, poi le aveva venduto, stufo di vederle tornare decimate dall’alpeggio per colpa dei lupi. Aveva preso delle pecore, che teneva a casa anche d’estate: “...ma pascolarle non mi dà soddisfazione. Per me è un hobby, una terapia per rilassarmi quando torno dal lavoro. Mi sa che, prima o poi, prendo di nuovo delle capre…

Capre!

Questione di poche settimane, giorni, e finalmente uscirà il mio libro sulle capre dove racconto (e faccio raccontare da chi le alleva) un po’ di cose su questi particolari animali. Non troverete TUTTO, perché qualcosa da imparare c’è sempre!

mg9gnn
Il mio gregge – Cumiana (TO)

Con buona pace di chi ha fatto uscire articoli su di me senza nemmeno intervistarmi, io non sono un’allevatrice di capre. Ne ho una “manciata”, ma per me sono un hobby (impegnativo!), non un lavoro. L’altro giorno sono rientrate dall’alpeggio e quindi adesso ho ripreso a dedicare loro buona parte del mio tempo libero, portandole a pascolare quel poco che c’è, in attesa di piogge che non riusciranno a far ritornare l’erba, visto che l’autunno avanza giorno dopo giorno. Appena arrivate erano un po’ spaesate, ma… la capra è tutt’altro che stupida e la memoria ce l’ha buona!

34gabi
Chocolat richiede attenzioni – Cumiana (TO)

Anche se per mesi non hanno ricevuto “coccole e grattatine” (perché chi le gestiva insieme a centinaia di altri animali provvedeva alla loro alimentazione, alla loro salute, al benessere generale, ma non poteva certo mettersi ad accarezzare ogni capra e pecora del gregge!), dopo poche ore a “casa”, già avevano ripreso la loro confidenza con me.

za0bup
Battaglia tra Chocolat e Pastis – Cumiana (TO)

L’equilibrio del gregge è da ristabilire, ora che sono nuovamente da sole. Inoltre, mancano degli elementi rispetto a questa primavera… Così è la vita! Pastis, rimasta senza mamma, ha vita più dura nel piccolo gregge, perché deve cavarsela da sola. Non è il cibo che le manca, è cresciuta anche più di quello che ci si poteva aspettare, ma la sua “inferiorità” fa sì che venga picchiata dalle altre capre adulte. Sono animali che non perdonano, dal forte senso gerarchico, e non mancano mai di farsi valere contro il più debole.

s0eiv2
Feuille – Cumiana (TO)

Lo scorso anno, in questi giorni, la più “debole” era Feuille, un nuovo arrivo, un acquisto proveniente da un altro gregge. Nonostante la taglia non inferiore alle compagne, le ha sempre prese, per cui quando le tenevo fuori dalla stalla ad inizio autunno, quando distribuivo un po’ di pane secco o di fioccato, a lei dovevo darlo separatamente, perché le altre non la lasciavano avvicinare alla mangiatoia. Questa situazione è andata avanti per qualche settimana, poi le ho portate in stalla, dove ciascuna aveva il suo posto per mangiare. A distanza di un anno, ritrovandosi intorno alla stessa mangiatoia, Feuille è automaticamente andata a cercare il cibo dove glielo davo, un po’ nascosta dalle altre. Trovata la ciotola, ha infilato il muso dentro e mi ha guardata con rimprovero, trovandola vuota. Altro che dare della “capra” a chi è poco intelligente!

oj5sye
Al pascolo con Joli coeur di vedetta – Cumiana (TO)

Mentre sono al pascolo leggo, scrivo, oppure semplicemente le osservo. Guardarle serve per accorgersi se qualcosa eventualmente non va (una capra che sfrega l’attaccatura delle corna violentemente contro una pianta spesso ha delle zecche piantate sulla sommità del cranio, tanto per fare un esempio), ma mi piace anche solo vedere il loro comportamento, le differenze tra i loro caratteri. Joli coeur ha ereditato il ruolo di regina del gregge e non ha perso il suo atteggiamento “vedetta”. Spesso, sentendo qualche rumore che percepisce solo lei, passa anche una decina di minuti in piena tensione, il naso che vibra, le orecchie dritte, come a “studiare” un qualche pericolo in arrivo. Senza che io avverta nessun cambiamento nei dintorni, all’improvviso parte di corsa facendo suonare la campana all’impazzata… e tutte la seguono, dirigendosi verso la stalla…