Si torna ad incontrarci dal vivo!

Non ho fatto in tempo a dirvi anche qui che sarei stata ospite di Unomattina Estate su Rai1… è successo ieri, sono stata contattata un paio di giorni prima, volevano che parlassi dei luoghi comuni sugli animali. Devono aver trovato in rete il mio libro “Intelligente come un asino, intraprendente come una pecora. Storie di animali, allevatori e montagna“, così mi hanno rintracciata. Il tempo a disposizione non è stato tantissimo, ma per essere il primo canale RAI, qualche minuto è già tanto! Comunque, anche se non avete vista in diretta, ecco qui cosa sono riuscita a dire.

Il mio intervento a Unomattina estate il 16 luglio 2021

Se invece volete incontrarmi dal vivo (dove sarò meno tesa rispetto ad uno studio TV in diretta!) e avere tutto lo spazio che si vuole per parlare e per rispondere alle vostre domande, di seguito vi elenco un paio di appuntamenti. Tenendo conto che il mio ultimo incontro con il pubblico risale a fine novembre 2019… queste saranno occasioni molto particolari, specialmente per chi, come me, ha vissuto ben poco in mezzo alla gente, in questi mesi, anni!

Iniziamo con l’appuntamento di domani pomeriggio a Bardonecchia (TO). Presso il Palazzo delle Feste, verrà inaugurata la mostra fotografica di Valeria Fioranti dedicata alle “Donne forti”. Un’iniziativa del Valsusa Filmfest che ha fatto seguito al flashmob on-line di inizio gennaio #donneforti. Sarò presente per inaugurare la mostra.

La mostra fotografica proseguirà poi il suo cammino in altri comuni della Valle di Susa (Bussoleno, Villar Focchiardo, Condove).

Locandina Letteraria Torgnon 28 luglio 2021

Tornando invece ai miei libri, il 28 luglio 2021, ore 18:00, sarò a Torgnon (AO), nella piazza del Municipio, per presentare il romanzo “Il canto della fontana”, nell’ambito della manifestazione LetterAria.

Pochi giorni dopo, il 1 agosto 2021, tornerò in Piemonte ad Alpette (TO). Qui ai Musrai, sono stata invitata a presentare “Intelligente come un asino, intraprendente come una pecora”, ma anche a parlare di montagna. “Ore 11.00 MARZIA VERONA
INTELLIGENTE COME UN ASINO, INTRAPRENDENTE COME UNA PECORA. Storie di animali, allevatori e montagna. In dialogo con Sonia Giacoma Ghello (Moderatrice), Fabrizio Bertoldo (Agricoltore), Alessio Rota (giovanissimo “Margaro”) e Carlo Gubetti (Segretario Cipra Italia – Apicoltore)
Ancor prima d’essere un luogo di villeggiatura la montagna è il teatro di una lotta che l’uomo conduce da secoli allo scopo d’adattarsi, senza poter prescindere dall’aiuto degli animali. I veri protagonisti sono proprio loro, gli animali, non quelli “da compagnia”, eppure compagni veri. Marzia Verona ci parla di un mondo che non deve essere guardato come da dietro il recinto di uno zoo o sempre associato a idee romantiche, un mondo a cui si deve riconoscere la centralità nella storia dei nostri luoghi.”
Seguirà il pranzo e, nel pomeriggio, gli incontri con lo scrittore Davide Longo e con l’attrice e regista Raffaella Tomellini (qui tutto il programma della giornata).

Spero di incontrarvi presto durante uno di questi eventi! Ricordo ancora una volta a tutti gli interessati che sono disponibile per serate di presentazione dei libri (con e senza proiezione di immagini), incontri a tema sulla montagna, la pastorizia, gli alpeggi, tutti i temi che tratto solitamente. Per evitare incomprensioni, specifico ancora una volta che sono solita chiedere un rimborso spese e ospitalità se la distanza è tale da rendere impossibile il rientro in giornata.

Non è un parco giochi!

I confini della realtà si mescolano con il mondo virtuale (e viceversa) per sempre più persone. Una mia amica l’altro giorno diceva che, per fortuna, tornando ad un minimo di vita sociale ha ripreso fiducia nell’umanità, perché solo a leggere post e commenti sui social le sembrava che il mondo stesse davvero andando a rotoli. Io non ne sono troppo sicura. Dietro ad uno schermo molte persone non si fanno problemi ad esternare idee e pensieri offensivi, estremi e fuori luogo, ma anche certi atteggiamenti nella vita quotidiana non sembrano essere esempi di correttezza e rispetto del prossimo.

I pascoli nei pressi di un rifugio sono stati “chiusi” con fili e picchetti, sono stati apposti cartelli dove si invita al rispetto… ciò nonostante ecco un turista coricato nell’erba – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Mi avete spesso sentita parlare di comportamenti deplorevoli da parte dei turisti in alpeggio, ma non sono solo i montanari a lagnarsi per ciò che accade tra pascoli, baite e sentieri alpini. Chiunque abita e lavora in ambito rurale lamenta a gran voce episodi in cui il “visitatore” arreca danno o disturbo alle attività, alle coltivazioni, alle strutture, agli animali, ecc…

…ma che belle le foto nei campi di grano… (immagine dal web)

“(…)è moralmente etico permettere agli Instagrammers di schiacciare i cereali seminati nei nostri terreni, per farsi le foto? Non è colpa loro, è colpa nostra perché se vado a farmi un bagno in Fonte Gaia scatta l’indignazione comune mentre se vediamo distese di grano sdraiate da dolci donzelle che si addentrano negli appezzamenti con improbabili strascichi, mettiamo pure un like.” Così rifletteva qualche giorno fa Alessia, titolare di un’azienda agricola in Toscana. E quante ne abbiamo viste, di queste foto… tra papaveri, grano, fiordalisi, lavanda…

Le prime due immagini trovate in rete digitando “paesaggio rurale italiano”

Sono la prima a sostenere da sempre che un paesaggio rurale di un certo tipo (ben curato, vario, pascolato, con alternanza di campi e siepi, ecc…) sia un elemento fondamentale non solo per la biodiversità, ma anche per le valenze di richiamo turistico che contiene. In fondo è il classico paesaggio italiano da cartolina a cui pensa ciascuno di noi se gli viene detto di descrivere un’immagine dell’Italia, escludendo le città. Però questo non vuol dire entrare dentro a quella cartolina! Una bella foto la possiamo fare lo stesso anche senza coricarci nel grano, no?

Cane da guardiania in un alpeggio a Gressoney St.Jean (AO)

Eppure per tanti, una volta usciti da asfalto e cemento, tutto ciò che si incontra è un parco giochi senza biglietto (o quasi). Provate a dire ad un escursionista che potrebbe dover tornare sui suoi passi perché in quella zona c’è un gregge con dei cani da guardiania e non è detto che riesca a passare, specialmente se è accompagnato da due o tre cani da compagnia… “La montagna è di tutti, c’è un sentiero, io ho diritto di passare liberamente, è l’allevatore che deve tenere legati i suoi cani…“. Quante volte ho sentito una delle innumerevoli varianti sul tema, che si trattasse dei cani, delle reti, dei fili elettrificati del recinto, delle campane al collo degli animali al pascolo che “disturbano”.

Stambecchi al pascolo non lontano da un alpeggio – Lac de Dix, Svizzera

Facciamo un passo indietro. Innanzitutto occorre dire che tutti noi, ovunque ci troviamo, siamo ospiti e, di conseguenza, dovremmo comportarci come tali. In un ambiente fortemente antropizzato è difficile pensarci, ma anche una città un tempo era prati, boschi, fiumi… Comunque anche la città ha le sue regole da rispettare, non andiamo a farci il bagno in una fontana al centro di una piazza, non montiamo il tavolino da pic nic davanti ad una chiesa. In un ambiente rurale, a qualunque quota, sia l’agricoltore/allevatore, sia il visitatore sono ospiti di un territorio, della sua flora e della sua fauna, quindi dovrebbero rispettarla. Ahimè ciò non sempre succede, l’impatto dell’uomo e delle sue attività spesso arrecano danni anche gravissimi. Ma questo non deve essere una giustificazione per nessuno. Se qualcuno sbaglia, gli altri devono cercare di fare meglio, non peggio, no? Così il visitatore di una realtà rurale dovrebbe rendersi conto di essere due volte ospite: della natura e dei “padroni di casa”. Un contadino, un allevatore, sono proprietari o affittuari di campi, prati, pascoli, frutteti, dove svolgono le loro attività lavorative. Non sono presenti SEMPRE in ogni luogo, perché il mestiere ha una sua stagionalità, i suoi ritmi, i suoi orari. Non è una fabbrica che apre e chiude i cancelli. Ma questo non giustifica ogni tipo di comportamento in assenza di chi manda avanti un’attività in questi territori.

La “famosa” foto che ritrae un escursionista che cerca di riportare il gregge di capre verso l’alpeggio di provenienza (immagine dal gruppo FB “Valle d’Aosta da scoprire)

L’altro giorno ho visto una foto on-line che ritraeva una persona (e non mi sembrava un allevatore) seguito da 5-6 capre. Era stata scattata da queste parti e la cosa mi aveva incuriosita. Il giorno dopo ricevo la telefonata di un’allevatrice che mi chiedeva aiuto, se potevo scrivere due righe su Facebook per aiutarla a ritrovare due capretti che non erano rientrati all’alpeggio. Sono saliti da poco in montagna, è il primo anno per loro in quell’alpe, gli animali ancora non conoscono il territorio… Ma il punto era un altro: “Eravamo rientrati dal pascolo, stavamo legando le vacche, le capre erano fuori, le avremmo messe dentro una volta finito. Ma quando siamo usciti, non c’erano più, avevano seguito della gente che era passata davanti all’alpeggio. La capra più vecchia è tornata la sera per farsi mungere, le altre tre sono arrivate stamattina in un alpeggio vicino, ma mancano i due capretti… Oltretutto sono dei bimbi, glieli abbiamo regalati per la promozione. Abbiamo sentito il gestore del rifugio e ci ha detto che sono arrivati fin su seguendo dei ragazzi…

Capre curiose osservano il passaggio degli escursionisti – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Succede che degli animali seguano le persone. Se lo fa una vacca, in genere ci si spaventa e si cerca di scacciarla. Ma che bella scenetta, ma che simpatia, che divertimento se lo fa un cagnolino o delle caprette! Che ne sa ormai la gente del comportamento degli animali? Se ne abbiamo di domestici, il più delle volte li abbiamo umanizzati e plasmati sulla nostra vita, sulle nostre esigenze. Non sappiamo nemmeno quale sarebbe il loro comportamento naturale… Figuriamoci se abbiamo di fronte una capra o una pecora! Ma sì, quei turisti magari si saranno fatti anche il video, seguiti dal piccolo gregge…

Vacche al pascolo in un recinto accanto ad un villaggio – Val di Rhemes (AO)

Attenzione, non stiamo parlando di animali incustoditi al pascolo (cioè liberi, senza la sorveglianza di un pastore, cosa che peraltro accade sempre più di rado, vista la crescente presenza di predatori), ma di animali che erano vicini all’alpeggio. Non pretendo che l’escursionista sappia che, in Valle d’Aosta, verso le 11-11:30 le vacche vengono fatte rientrare in stalla e legate ciascuna al suo posto e tutte le ulteriori dinamiche di vita d’alpeggio. Ma è universalmente valido che si debba evitare di “spostare” animali, farsi seguire o accompagnare altrove. Bisognerebbe in generale evitare il contatto con gli animali domestici (a meno che vi sia l’allevatore che vi consente di farlo), potrebbero esserci dei rischi per voi e per loro. Quindi, la regola generale che mi sento di dare e che, se uno o più animali vi seguono, cercate in ogni modo (battendo le mani, facendo versi, senza ovviamente usare bastoni o pietre) di allontanarli. Questo vale a maggior ragione nei pressi di baite, cascine, case!

Una capra con il suo capretto davanti ad un alpeggio – Cignana, Valtournenche (AO)

Tornando ai capretti, grazie alle informazioni di chi aveva scattato le immagini (un’escursionista che poi ha cercato di riportare indietro il piccolo gregge) e al passaparola, altri allevatori hanno sentito le campanelle e li hanno individuati. Questa volta così c’è stato il lieto fine, ma poteva andare molto peggio, soprattutto se avessero incontrato un predatore. La vicenda però è andata meno bene a livello di comunicazione, perché un mio post su Facebook che cercava di spiegare (in sintesi) ciò che vi sto dicendo qui, ha scatenato i polemici da tastiera, con innumerevoli persone che affermavano come la colpa fosse dell’allevatore che lascia le sue bestie abbandonate. “Non credo che il turista o chiunque passi accanto a delle capre sia responsabile, se viene inseguito, il responsabile delle capre è il proprietario“, per citare uno dei commenti più pacati.

Al lavoro nei prati per la fienagione – Petit Fenis, Nus (AO)

Già, perché la montagna è di tutti, no? Se succede qualcosa però la colpa è sempre tua… Sei tu che devi fare in modo che gli animali non causino problemi ai turisti (e il viceversa??), per non parlare poi di casi più gravi, sempre in ambito agricolo. C’è stato un incidente alquanto strano in un campo, qualche giorno fa. Sono morte due donne, il perché si trovassero in mezzo al mais non si è capito. Cito nuovamente l’amica Alessia, che esprime alla perfezione i pensieri che tanti di noi hanno elaborato in seguito a quel triste fatto. “Qui si sta completamente travisando il concetto, non solo di campagna e ambiente, ma soprattutto quello di azienda agricola. Un campo coltivato è assimilabile ad un cantiere con la differenza che non si possono recintare ettari e ettari di rete da cantieri apponendo la relativa cartellonistica. Mi ricordo che anni fa, un agricoltore di Asciano manca poco non “ miete” un cacciatore nascosto in campo di girasoli aspettando le tortore e di un altro che per un pelo, mentre tagliava il fieno, non investe un fotografo naturalista. L’anno scorso, in un podere qui vicino, due o tre persone adulte, sono salite sui balloni di paglia cercando di farli rotolare. E se si fanno male? E se i balloni prendono la rincorsa e finiscono sulla strada? Bisogna urgentemente che la popolazione ritorni a conoscere la campagna e i suoi pericoli, prima che sia troppo tardi.

Rotoballe di fieno temporaneamente accatastate nei prati – Petit Fenis, Nus (AO)

Già… perché per l’appunto la campagna, la montagna, pur essendo luoghi di lavoro, non sono recintati. Inoltre sono considerati dai più un luogo di svago, il famoso parco giochi di cui si parlava. Così c’è quello che si diverte a saltare sulle rotoballe, quello che si arrampica sul tetto della vecchia baita, quello che si inventa non so quale svago con i tuoi attrezzi da lavoro che ha trovato nella tua proprietà. “Il problema è che non esiste più il concetto di proprietà privata…. ognuno è legittimato in presenza di un prato più o meno seminato o recintato, in presenza di un gregge di pecore o di una mandria di vacche di fare ciò che meglio crede… portare il cane libero di fare la qualsiasi, attraversare bellamente non rendendosi conto che magari ci sono dei vitellini e che le madri sono gelose. I problemi sono i tuoi che tieni i cani per protezione dai lupi, sei tu che a casa tua devi proteggere chi ci entra“, commenta Massimo. Aggiungo io… che ci entra senza rendersi conto che è in una proprietà privata e un ambiente di lavoro.

Stabilimenti balneari a Genova

Ma quando andate al mare, perché non ragionate nello stesso modo? Perché la montagna è di tutti e il mare può essere diviso in box a pagamento, con la parte pubblica ben delimitata? Sono stata a Genova qualche giorno fa. Certo, non è la classica spiaggia a cui uno pensa quando si parla di mare, ma comunque… centinaia e centinaia di metri recintati per gli stabilimenti balneari, qualche fazzoletto di spiaggia libera. A nessuno verrebbe in mente di arrivare a nuoto in uno stabilimento privato, uscire sulla spiaggia, accomodarsi su una sedia a sdraio. Eppure in alpeggio mi è successo di vedere gente che si serviva di oggetti di uso privato (bicchieri, sedie) degli allevatori. Una volta mi sono ritrovata un tale nella baita. “Cercava qualcuno?” “No, no. Guardavo soltanto.” Altro che parco giochi…

Pastore con cani a sorvegliare la mandria lungo una strada sterrata che porta ad un alpeggio, ma anche itinerario dell’Alta Via – Tsa de Merdeux, St.Rhemy-en-Bosses (AO)

PS: Per prevenire certi commenti… non sto giustificando universalmente la categoria, che si tratti di allevatori o di contadini. Comportamenti errati ve ne sono da parte di tutti. L’appello è sempre e comunque al reciproco rispetto, ma soprattutto invito le persone a documentarsi sulla realtà che andranno a visitare (e i comuni di montagna, gli enti turismo, a fare comunicazione in merito). Certamente devono tenere comportamenti adeguati gli allevatori: un cane da lavoro deve stare vicino al pastore e assolutamente non deve allontanarsi per andare a mordere i turisti di passaggio, ma un cane da guardiania ha un altro ruolo e occupa altri spazi, il turista è tenuto a documentarsi, a leggere la cartellonistica (questo è solo uno dei tanti esempi che potrei fare). Così come non ce ne andremmo a spasso liberamente all’interno di uno stabilimento industriale (solo perché “non è bello” o anche perché sappiamo che è pericoloso, c’è gente che lavora e macchinari all’opera?), lo stesso dovremmo fare in campagna, in collina, in montagna. Dobbiamo renderci conto che sono ANCHE luoghi di svago, non SOLO un parco divertimenti.

Fate anche voi la vostra parte?

Siamo ancora qui a parlare di “giusto prezzo del lavoro” e “sfruttamento dei lavoratori”. Ricordate il mio post di qualche tempo fa? Ma non è un argomento ristretto ad questo piccolo ambito di allevatori tradizionali, alpeggi, ecc… Il tema è ampio, se ne parla a livello nazionale riferendosi a diverse categorie. Ultimamente era il settore ristorazione ad esserne interessato, dato che sembra che manchino camerieri. “I giovani/la gente non vuole più lavorare, preferisce aspettare sussidi, il reddito di cittadinanza ha portato a questo.” “Non accetto perché è una paga troppo bassa, ho bisogno di lavorare, ma offrono paghe indegne.” Chi ha ragione?

Tome d’alpeggio in vendita alla fiera di Luserna S.Giovanni (TO)

Io però farei un passo indietro, o uno avanti, vedete un po’ voi come preferite. Non ne sapete molto di aziende agricole, di alpeggi, del tipo che lavoro che si deve svolgere? Allora provate a pensare a una sera in cui volete andare a mangiar fuori. Dove andate? Cosa cercate? La qualità? Il tipo di cibo servito? La cortesia? E il prezzo? Lo guardate il prezzo? Vi informate su quanto costa mangiare lì, prima di entrare? Ordinate la portata in base al prezzo sul menù? Qualcuno mi starà dicendo che non può permettersi di andare a mangiare fuori… Però qualcosa mangerà ed anche acquistando le materie prima, cosa guarda per prima cosa? La provenienza? Legge l’etichetta? O guarda il prezzo?

Fontine e formaggi alla fiera di Sant’Orso – Aosta

Perché tutto parte di lì, secondo me. Non potete dire qual è il giusto stipendio per un operaio in alpeggio o per un cameriere in una pizzeria se siete tra coloro che potreste permettervi di spendere un po’ di più, ma invece scegliete il prezzo più basso. Non pensate che quel prezzo per voi vantaggioso comporti una paga bassa per chi lavora lì? Quando deve guadagnare un operaio in alpeggio? 2000 euro al mese? 2500 perché non si fanno le otto ore e si lavora 7 giorni su 7? Bene… e quanto è giusto pagare il formaggio, al chilo? E la carne? Perché vi indignate se venite a sapere che la paga dell’operaio è di 1200 euro al mese, ma non vi stupite se la Fontina, la Toma o qualunque altro formaggio costa 10 euro o anche meno? Anche quel valore è vergognoso, per come lo vedo io. Paghereste un formaggio vaccino in alpeggio 20, 25 euro al kg?

Degustazione di mocetta di capra

Eh no, è un po’ caro. 10-12 € va già più che bene e ne prendete solo una fetta, che se è mezzo chilo è poi già troppo. Il discorso vale per il latte, il burro, l’arrosto, la passata di pomodoro, l’olio d’oliva. Quando comprate un prodotto agroalimentare, il prezzo molto basso vi parla di qualcosa che non va: la qualità del prodotto stesso, il come è stato allevato/coltivato/raccolto/trasformato, la sua provenienza geografica.

Vacche valdostane in alpeggio – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Ci sarà qualcuno che starà dicendo che gli agricoltori, gli allevatori, ricevono i contributi e dovrebbero usare quei soldi per pagare dignitosamente gli aiutanti. Vero fino ad un certo punto. Parliamo di un’azienda vera e non di quelle che speculano sui fondi europei per intascare enormi somme di denaro. Purtroppo i contributi sono diventati sempre più fondamentali per andare avanti, non sono un “di più”. Servono a pagare spese sempre più elevate, acquisto di attrezzature e macchinari, interventi di ammodernamento e adeguamento alle normative vigenti delle strutture, acquisto di foraggi, affitto di cascine, di prati, pascoli, ecc. Con quanti amici titolari di aziende medio/piccole ci si chiede ripetutamente: “Ma ha senso continuare così?” Ho sentito parole come “boccheggiamo“, “galleggiamo“, “si cerca di sopravvivere“.

Gregge di capre in alpeggio – Valsavarenche (AO)

Se i prodotti avessero un prezzo proporzionato a tutto ciò che li ha portati fino al consumatore, magari le cose andrebbero diversamente e ci sarebbe anche la possibilità di offrire uno stipendio maggiore all’operaio. Ma fin quando il titolare “galleggia”, non riuscendo più ad avere un bilancio aziendale che permetta di metter da parte qualcosa a fine anno, come si fa? Anche quando arrivano quei famigerati contributi, molto spesso servono a saldare conti in sospeso… Come posso pagare un operaio 2000 euro al mese se non li ho io in tasca? Il galleggiare significa questo, tirare avanti cercando di coprire le spese, senza avanzare nulla, nella migliore delle ipotesi.

Gregge di pecore in alpeggio – Gressoney-St.Jean (AO)

Detto ciò, volevo aggiungere che anche altrove pare esserci carenza di operai in alpeggio. Su una pagina francese, leggevo decine di richieste per pastori. Qui quello arrivato ad inizio stagione se n’era andato, là un altro aveva rinunciato, in quell’altro alpeggio manca ancora il casaro, l’aiuto pastore non si è mai presentato e così via. “URGENT, cause désistement du salarié à la dernière minute: Poste « Aide berger-ère en estive »“, “Alpage sur le commune de Château Ville Vieille recherche 1 berger et 1 aide berger dès que possible pour la saison d’été, de maintenant jusqu’au 15 octobre. C’est un alpage de 1600 brebis” e così via (siamo a fine giugno!!!!!). E in Francia si dice paghino meglio che in Italia.

Manze incustodite in alpeggio – St.Rhemy en Bosses (AO)

Lasciatemelo dire, non è solo una questione di soldi. Mancano le persone che abbiano voglia di fare questo lavoro, perché comporta privazioni, non ha orari, richiede passione, dedizione, forza di volontà, adattabilità. Secondo voi ciascuno di questi aspetti ha soltanto un valore economico? Allora probabilmente non siete fatti per questa vita. Perché poi, accettato il contratto a inizio stagione, dopo l’ennesimo temporale scoprite che lo stipendio non vi basta più. Parlando con amici e conoscenti vengo allora a sapere di aiutanti che fanno presenza o poco più. C’è quello che, incaricato di sorvegliare vacche in asciutta e vacche con i vitelli (quindi niente mungitura, niente pulizia stalle) aspetta l’arrivo del titolare dal fondovalle per dire che non arriva l’acqua alla vasca di abbeverata. Non era pagato a sufficienza per risalire lungo i tubi e capire cos’era successo?? C’è quello che, quando ci si sposta al tramuto superiore dove non si arriva con l’auto, scopre che di lì in avanti ci sarà “troppo da camminare” e quindi se ne va. C’è quello che, data la parola mesi prima dell’inizio stagione, al momento buono non si è più fatto trovare. Per fortuna ci sono anche tutti gli altri, quelli che lavorano correttamente, con impegno, ma anno dopo anno, le difficoltà nel trovare aiutanti (italiani o stranieri) sono sempre maggiori.

Alpeggio in alta quota – Estoul, Brusson (AO)

Le montagne degli ultimi

Non mi è mai piaciuto dipingere come una razza in via di estinzione gli uomini e le donne che si ostinano a vivere e lavorare in montagna. Proprio per quello molte volte sono andata a cercare i giovani, vi ho parlato di loro, vi ho narrato le loro storie. Da quando sono in Valle d’Aosta, molto spesso sento gli amici piemontesi che parlano con invidia delle montagne (cioè degli alpeggi) valdostani… ma non tutti sono delle “regge” comodamente raggiungibili con strade sterrate lisce come l’olio. C’è un po’ di tutto anche qui. E ci sono montagne che non hanno niente da “invidiare” ai più difficili tra gli alpeggi piemontesi. Qui come là, se c’è ancora qualcuno che li usa, che ci vive per i mesi estivi, è qualcuno che ci è nato, che vi sale da sempre con gli animali, che conosce ogni pietra, ogni centimetro di quei pascoli.

Grossa casa nel villaggio di Devine – Pontboset (AO)

In primavera avevamo fatto un’escursione per raggiungere dei villaggi abbandonati nel comune di Pontboset e mi avevano incuriosita i valloni che vedevo sul versante opposto. In particolare, con il binocolo avevo guardato verso un villaggio sulle cui case spiccavano delle grosse croci. Consultata la mappa, avevo visto che era possibile, nella bella stagione, fare delle escursioni che prevedevano il raggiungimento di alcuni alpeggi. Cercando in rete, avevo anche trovato questo post dove si parlava di “escursione da non ripetere”, altri camminatori ribadivano di evitare la zona in caso di nebbia, dato che i sentieri non sempre erano evidenti e ben tracciati.

Un bel rascard tra i villaggi di Fournier – Pontboset (AO)

La giornata alla fine è stata discreta e ci siamo trovati anche nella nebbia, per alcuni tratti, ma fortunatamente non ci siamo persi. In tutto il giorno (una domenica) abbiamo incontrato solo un altro escursionista. Eppure abbiamo visitato posti molto belli dal punto di vista escursionistico, naturalistico, ma anche storico e antropologico. All’inizio il sentiero/mulattiera passa a fianco di vari villaggi abbandonati, con strutture architettoniche molto interessanti, tra cui alcuni rascard fortunatamente ancora in buone condizioni.

Il sentiero che sale nel vallone di La Manda con, a fianco, la monorotaia – Pontboset (AO)

Quando attraverso questi luoghi non posso fare a meno di pensare alla storia e alla vita delle persone che qui in tempo abitavano stabilmente. Oggi è una piacevole escursione salire lungo questi vecchi sentieri, ma cosa significava percorrerli con pesi a spalle, con i muli? Di cosa si viveva, quassù? La curiosità è cresciuta nel corso della giornata, tanto da spingermi a cercare un libro dove potermi documentare. “(…)si dedicavano ad un’agricoltura di sussistenza, producendo pochi cereali, coltivabili solo su terrazzamenti di dimensioni ridotte, ricavati riportando terra sui numerosi muretti a secco (…)“. Così viene detto nel libro “Pontboset. Il territorio, la sua storia, la sua gente.”

Vacche valdostane al pascolo vicino ai villaggi abbandonati – Pontboset (AO)

Ma… e gli alpeggi? A Fournier, praticamente tra le case dei villaggi abbandonati e in quelli che ora sono pascoli tutt’intorno, c’erano delle vacche che brucavano. Quando le abbiamo viste, ancora non sapevamo nulla di quel vallone, dei suoi alpeggi, di chi li utilizza ancora. Un tempo “(…) gli alpeggi frequentati dai pastori si trovavano normalmente all’envers, ossia sul versante rivolto a nord, che è meno soleggiato, più umido e produce un foraggio di buona qualità.” Sempre nel libro, ho poi letto che, già nel XIII secolo, oltre al bestiame locale, sull’intero territorio di Pontboset e Champorcher, salivano greggi con centinaia di pecore, provenienti dal Canavese. Si parla anche di pastori lombardi.

Edifici d’alpe in parte ristrutturati a Boset – Pontboset (AO)

Veniamo a tempi più vicini a noi. Terminati i villaggi, arriviamo a quello che è sicuramente un alpeggio. La cremagliera che saliva parallela al sentiero si è interrotta ed è stata sostituita da una pista per quad, che permette di raggiungere un po’ più agevolmente questo alpeggio. Uno dei fabbricati è un container completamente rivestito di pietra e legno, così da non impattare sul paesaggio e, nello stesso tempo, consentire la lavorazione del latte a norma di legge. Sarà solo successivamente che scoprirò chi è l’allevatore che sale ancora quassù. Si chiama Danilo, è di Ponboset, dove vive d’inverno. “E’ 45 anni che vado nel Vallone della Manda. Sono io che ho messo la monorotaia e ho fatto la pista. Nel 2008-2009 d’inverno la valanga aveva portato via due case e i container, con tutta la roba dentro, anche le caldaie per il latte. Anche 2 case con tutta la roba del latte. Dopo ho fatto questa struttura tutta interrata per le valanghe. Con una soletta che neanche le bombe la buttano giù. E ho comprato nuovi container e li ho incassati dentro.

Il vecchio alpeggio Champas – Pontboset (AO)

Ma queste cose le ho sapute dopo. Quella domenica salivamo incontrando alpeggi abbandonati e, ad un certo punto, arrivò anche la nebbia. Mi sembrava di essere tornata in certi alpeggi piemontesi, tra rocce, cespugli, versanti ripidi, nebbia, vecchie baite in pietra. Per fortuna il sentiero era abbastanza evidente, così si poteva continuare sull’itinerario previsto…

L’unico edificio ancora in piedi a LaManda – Pontboset (AO)

Le maggiori sorprese ci attendevano all’alpe La Manda. Più che un alpeggio, un vero e proprio villaggio di baite di varie dimensioni, quasi completamente diroccate. Si intuivano canali per l’acqua che passavano nelle cantine, dove veniva messo a raffreddare il latte, Poi fontane, stalle, abitazioni spartane, canali per portare i liquami nei pascoli… La nebbia rendeva il tutto più spettrale e misterioso. Sarà poi di nuovo Danilo a raccontarmi qualcosa su questo alpeggio, dato che nel libro ho trovato solo indicato il numero di animali che saliva nei secoli scorsi e la stima del valore da pagare per l’uso dei pascoli.

I resti dell’alpeggio La Manda – Pontboset (AO)

Tra tutti i muntagnin che andavano lì, avevano circa 70 mucche. I padroni della Manda erano dei ricchi a quel tempo. Pagavano 2 lire alle donne per andare su a tagliare dove non andavano le mucche e portavano il fieno fino a Hone. Perché i padroni sono di Hone anche se la Manda è nel territorio di Pontboset. I vecchi padroni erano dei nobili e andavano su a caccia. Hanno fatto quella casa, l’unica ancora in piedi: quella era apposta per loro quando andavano su a caccia. Mio papà da piccolo è stato valet lì, mi diceva che nessun altro poteva andare in quella casa, era riservato solo per i padroni.”

La cisterna dell’acqua dell’alpe La Manda – Pontboset (AO)

Un po’ sopra all’alpeggio, un’altra struttura misteriosa, ai piedi di una roccia, di fianco al torrente. Salendoci sopra abbiamo trovato un foro, coperto da una lastra di pietra. Pareva una cisterna… “Mia nonna e le mie zie andavano sovente su lì con quelli che tagliavano fieno con la falcetta. E a portare cemento e sabbia quando hanno fatto quei vasconi per riserva dell’acqua.

I pascoli dell’alpe La Manda, i cui ruderi sono praticamente invisibili, mimetizzati tra le rocce – Pontboset (AO)

Anche se i pascoli di quell’alpeggio paiono così ripidi, nei documenti antichi sono sempre solo indicati come pascoli da vacche, mentre negli altri alpeggi troviamo sempre anche capre (molto numerose a Pontboset, dove potevano essere mantenute anche d’inverno, pascolandole sui versanti esposti e nei boschi) e, esclusivamente a Croset, le pecore.

L’arrivo della monorotaia e le baite di Croset – Pontboset (AO)

Un sentiero che corre su una cengia (dov’è stato anche fatto passare un ru con un tubo per l’acqua) ci porta a Croset. Qui ritroviamo la cremagliera e i container, uno rivestito in legno e l’altro nascosto dietro alle vecchie baite. I pascoli sono ripidi, ma l’erba è buona. Danilo mi dirà che quest’ultimo tratto di monorotaia è stato danneggiato in un punto dalle valanghe.

La monorotaia che sale a Croset – Pontboset (AO)

La spesa per rifarla è elevata, ma il versante è ripido, una pista per quad è quasi impossibile da fare se non con gli interventi necessari per metterla in sicurezza. “Vorrei fare ancora tante cose ma sono vecchio, non ho più forza. L’alpeggio Croset ha sempre avuto problemi di acqua, io il primo anno che sono andato ho messo 2000 metri di tubi. E ho acqua per fare girare anche la turbina.”

Pascoli nel vallone della Manda – Pontboset (AO)

Temo che questi siano davvero gli ultimi… se dovesse smettere chi ha letteralmente dato la sua vita a queste montagne, chi sarà ancora disposto ad affrontare fatiche e sacrifici del genere? “Andassi a ritirarmi sarebbe meglio, ma è una malattia.” Sono parole che ho sentito ripetere molte volte anche altrove, in situazioni anche meno estreme di queste. Dalla pagina facebook dell’azienda agricola, copio e incollo il testo di presentazione. “Agricoltore allevatore, da ben 40 di esperienza, di allevatore di capre e bovine da latte, e produzione formaggi di alpeggio, in questo momento solo latte vaccino. Le bovine di razza valdostana pezzata rossa, Da Maggio a Novembre vengono portate negli alpeggi Boset, e Crouset, comune Pontboset Valle D’ Aosta , in media e alta montagna da 1600 a 2000 metri di altezza, in una natura splendida e unica, Dove i bovini tutto il giorno intero stanno al pascolo, con erba verde fresca in pieno fiore, e bevono acqua che sgorga dalla roccia, in una natura incontaminata Solo la sera vengono ritirate in stalla per la mungitura, e il mattino dopo la mungitura , vanno di nuovo al pascolo. solo erba, acqua, e sale 2 volte alla settimana , nessuna aggiunta di mangimi di nessun genere. Tutto biologico al cento per cento. Viene prodotto 2 volte al giorno subito dopo la mungitura del mattino e sera, il formaggio a latte intero. Ingredienti. latte vaccino appena munto, caglio, sale. E’ lavorato con estrema, professionalità , passione, e con rigide regole sanitarie. Dopo circa 2 mesi di stagionatura in cantine adatte, viene venduto un prodotto, sano nutriente , e di alta qualità, a un prezzo buono.” A questo punto, non vi è venuta voglia di andare a fare un giro in un angolo di Valle d’Aosta sconosciuto ai più?

Panoramica stagionale

La stagione sta finendo… no, non parlo della primavera. Sta arrivando alla fine il periodo in cui abbiamo gli animali qui a casa, sta per iniziare la stagione d’alpeggio. Tutti si lamentano, quest’anno siamo in ritardo, chi è salito “alla solita data” immagino stia faticando a riempire gli animali, se si trova ad alta quota. Ma forse erano gli anni scorsi ad essere anomali, con inverni e primavere fin troppo caldi. D’altra parte, la stagione d’alpe un tempo non andava da San Giovanni a San Michele?

I prati quasi pronti per lo sfalcio e un cielo estremamente variabile caratterizzano questo inizio giugno – Nus (AO)

Parlando di date, oggi è San Medardo, giorno “di marca”. Se piove oggi, pioverà per quaranta giorni. Due gocce le ha già fatte, su verso gli alpeggi il cielo è nero, tuona… Chi lavora in agricoltura, quest’anno si lamenta non poco, per il tempo. Si lamenta il contadino, l’allevatore, l’apicultore, il vignaiolo. Gelo, grandine, siccità, forti temporali, sbalzi improvvisi e fenomeni molto intensi, tutto un insieme di condizioni non favorevoli.

Pascolo a 1000m nel mese di novembre – Petit Fenis, Nus (AO)

Ma come sono andati, questi mesi? Bisognerebbe guardare grafici, millimetri di precipitazioni, temperature medie, ma per quello ci sono i siti specializzati. Io vi faccio una panoramica di immagini, ricordi e sensazioni. Gli animali sono rientrati in autunno, tra fine settembre e inizio ottobre, dopo una stagione d’alpeggio decisamente siccitosa, specialmente nell’ultimo periodo. I prati dov’era stato tagliato il fieno però erano stati regolarmente irrigati, così si è potuto pascolare fin oltre gli inizi di novembre. In quel periodo iniziavano i parti delle vacche, così man mano qualcuna rimaneva in stalla… L’erba è terminata approfittando di belle giornate anche più miti del normale. Dopo, al pascolo, sono rimaste le capre.

La prima nevicata di inizio dicembre – Petit Fenis, Nus (AO)

A dicembre la neve è arrivata abbastanza presto, si pensava che questo potesse significare un lungo inverno con gli animali in stalla e l’erba a riposare sotto la coltre gelata. Non è stato così.

Pascolo in una bella giornata di sole nel primo giorno d’inverno – Petit Fenis, Nus (AO)

La neve se n’è andata, altra è caduta, si è sciolta e avanti così, in un’alternanza di giornate di sole, vento e ancora altre precipitazioni. Niente però di così duraturo e, soprattutto, in grado di fornire una buona scorta d’acqua al terreno. Molto spesso è stato il vento a portarla via, più che non il sole a scioglierla.

Quattro passi nella neve, dopo aver pascolato un po’ nel bosco – Petit Fenis, Nus (AO)

Anche se c’era la neve, si riusciva a pascolare nel bosco, dove le capre brucavano avide le foglie dell’edera. Ovviamente in stalla le aspettava anche un po’ di fieno e di fioccato, ma uscire faceva bene, anche perché le pance crescevano e si avvicinavano le prime nascite.

Prima uscita dei capretti nati a gennaio – Petit Fenis, Nus (AO)

Ecco allora, a fine gennaio, dopo qualche giorno in stalla durante il primo periodo dei parti, una bella giornata mite in cui fare la prima uscita con il gregge al completo. In quella stagione le capre sono poco esigenti, mangiano qualunque cosa, dalle foglie secche a quel poco di erba che fa capolino nei prati.

Nebbia sul fondovalle – Petit Fenis, Nus (AO)

Febbraio è un mese strano, è ancora inverno, ma non è inconsueto avere belle giornate, anche abbastanza miti, specie se soffia il vento di foehn. Quest’anno invece ha fatto la sua comparsa più volte la nebbia, a coprire interamente il fondovalle, regalando a chi era al di sopra scorci magici.

Nebbia, freddo e galaverna – Petit Fenis, Nus (AO)

In un susseguirsi di sbalzi, ecco giornate gelide con nebbia, nuvole basse e arabeschi di galaverna che hanno decorato ogni cosa. Ma il mese non era ancora finito…

Sfinite dal caldo, a cercare un’ombra che non c’è ancora – Petit Fenis, Nus (AO)

E così ecco quelle che ricordo come le giornate più faticose al pascolo, con un caldo innaturale, il cielo velato da sabbia sahariana, le capre che pativano la sete e cercavano riparo dal sole in un pomeriggio invernale ancora breve. Come si faticava a rientrare a casa, in quei giorni. Bisognava girare per trovare qualcosa da mangiare, febbraio è un mese avaro, ma ogni salita causava fiatone e costava una gran fatica.

Pascoli aridi attendendo una pioggia che non arrivava – Petit Fenis, Nus (AO)

A marzo la pioggia non voleva saperne di arrivare. Il verde era una tenue illusione nei prati di fondovalle che si scorgevano in lontananza. Dove andavano al pascolo le capre c’era poco/niente. Le previsioni si ostinavano a mettere un bel sole giallo. Non era bello uscire al pascolo, gli animali faticavano sempre più, anche quando doveva essere la stagione in cui arrivava l’erba nuova. In quei giorni ho capito davvero cosa intendono i pastori quando dicono che il momento migliore è veder rientrare gli animali “ben pieni” la sera. Mancava quella soddisfazione…

Fine marzo, ancora siccità – Petit Fenis, Nus (AO)

Il calendario diceva che la primavera era iniziata, ma non si vedevano cambiamenti. C’erano giornate più miti, altre più fresche, ma della pioggia non si vedevano tracce.

Due immagini degli inizi di aprile – Petit Fenis, Nus (AO)

Arrivò anche aprile. Con un po’ di ritardo rispetto agli anni precedenti, iniziò anche la fioritura di alberi e cespugli, ma era sotto tono, meno brillante del solito, forse perché non c’era il contrasto con il verde che avrebbe dovuto tingere i prati. Alla sera, al rientro in stalla, bisognava ancora dare del fieno, perché raramente le capre erano riuscite a riempirsi a sufficienza la pancia.

I pascoli degli alpeggi già privi di neve – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

E in montagna? Anche i pascoli degli alpeggi stavano patendo questo clima. Molti erano già completamente scoperti, la neve se n’era andata, erano iniziate le fioriture. Ma poi le temperature si erano nuovamente abbassate, così il terreno veniva colpito duramente dal gelo durante la notte e non solo.

Irrigazione a pioggia in una gelida mattinata di vento (7 aprile 2021) – Petit Fenis, Nus (AO)

…e il freddo si abbassò fin qui, a 1000m, ma anche più in basso, nel fondovalle, dove il sole tardava ancora ad arrivare, al mattino. Era il mese di aprile, gli impianti di irrigazione per fortuna erano entrati in funzione, i prati avevano un disperato bisogno di acqua. Ma, quel mattino, il termometro era sotto lo zero e così, invece dell’acqua, ci fu il ghiaccio. Successe più di una volta, le temperature notturne erano basse, ma anche di giorno, pur con il sole, non si pativa il caldo.

…è bastata anche solo poca pioggia a portare il tanto sospirato colore verde! – Petit Fenis, Nus (AO)

La pioggia alla fine arrivò. Prima qualche goccia, poi qualcosa di più serio. Andare al pascolo tornò ad essere un vero piacere, in qualunque posto ti dirigevi, c’era qualcosa da mangiare, le capre si fermavano a testa bassa e pascolavano, avide di quell’erba tenera che non vedevano da tanti mesi.

Abbeveratoi e pascoli d’alpeggio – Torgnon (AO)

In alpeggio faceva ancora freddo, si intuiva però che i pascoli avevano subito danni da quel susseguirsi di situazioni difficili. La siccità estiva e autunnale, la neve che si era sciolta velocemente, il freddo intenso in primavera… Ma anche i prati di fondovalle e, addirittura, in pianura, mostravano i segni di quelle gelate tardive. Tutti erano concordi nel dire che ci sarebbe stato poco fieno, cosa che molti, con il primo taglio, hanno già potuto confermare.

Fresche giornate di inizio maggio al pascolo – Petit Fenis, Nus (AO)

Le capre non boccheggiavano più per il caldo: c’era l’ombra, finalmente, le foglie iniziavano a distendersi, ma soprattutto l’aria si manteneva fresca. E così le foglie servivano soprattutto per la dieta degli animali, che le preferivano all’erba, dal momento che quest’ultima iniziava ad avere la spiga. Quando finalmente non si tribolava più a pascolarle, era però arrivata l’ora, per loro, di partire per la montagna.

Pascoli di mezza quota – Praille, Nus (AO)

Ecco che i pascoli a mezza quota hanno iniziato a risuonare di muggiti e campane. Animali giovani e vacche in asciutta sono stati messi al pascolo, vicino ad alcune stalle a quote più basse uscivano dalle stalle anche le vacche da latte. Poi è iniziato il lento via vai dei camion, camioncini, trattori con bighe, trailers e qualche transumanza a piedi. La stagione d’alpeggio stava iniziando, nonostante tutto.

Fioritura del tarassaco a mezza quota – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)
Pascoli d’alpeggio – Pontboset (AO)

Qualcuno è salito, qualcuno ha aspettato qualche giorno in più, altri stanno ancora attendendo. Perché l’erba non c’è, l’erba è indietro, l’erba non vuole saperne di uscire, di crescere. Salire prima del tempo vuol dire compromettere l’intera stagione, perché gli animali in pochi giorni mangiano quello che, in un’annata normale, li avrebbe saziati per più settimane. Chissà come sarà, questa stagione estiva che sta per iniziare? Proprio ora si è sentito un colpo di tuono, su negli alpeggi piove di sicuro. Una volta partite le vacche, sarà ora di pensare al fieno…

Il lavoro non manca, ma…

La stagione d’alpeggio sta iniziando, si iniziano a vedere i primi camion che risalgono le strade tortuose verso i pascoli, altrove sono già risuonati i campanacci e campanelle lungo le vie che conducono ai monti. Il clima non ricorda le ultime primavere, quando a fine maggio faceva già fin troppo caldo, così in montagna qualche giorno fa era ancora decisamente freddo, nel corso del mese appena concluso la neve più di una volta è scesa anche sotto i 2000m.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è T4nsQ6.jpg
Primavera: un alpeggio in attesa di riaccogliere una mandria nella nuova stagione – Torgnon (AO)

Ma non voglio parlare del tempo, vorrei affrontare un altro problema, la carenza di manodopera in alpeggio. Anche quest’anno si lamenta una generale mancanza di operai, o comunque una gran difficoltà nel reperire personale affidabile, con un minimo di pratica nel settore, su cui poter contare per i mesi corrispondenti alla stagione in alpe (fine maggio/inizi di giugno – fine settembre/inizi di ottobre). Già da qualche tempo la gran parte degli operai salariati presenti nelle aziende zootecniche non è di origini italiane. Anche per questo motivo, nelle ultime due annate ci sono state difficoltà aggiuntive legate alle restrizioni negli spostamenti tra diversi Stati, europei o extra-europei. Ma non è stato quello l’unico ostacolo, perché se hai un contratto di lavoro puoi spostarti comunque dove vuoi, seguendo i protocolli previsti, i giorni di quarantena, ecc…

Uno dei tanti alpeggi delle vallate valdostane – Quart (AO)

Tra gli addetti ai lavori si dice che, dalla Romania, adesso gli operai agricoli preferiscono andare in Germania, dove gli stipendi sono più elevati. D’altra parte, ci sono Italiani che, dalla Valle d’Aosta, dal Piemonte, dalla Lombardia, vanno a lavorare in alpeggi svizzeri per lo stesso motivo: la paga. Qualcuno addirittura manda in affida i propri animali per andare a lavorare oltralpe.

Uscita al pascolo – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

La mia pagina dedicata al lavoro in alpeggio ormai necessita di un cambiamento nell’organizzazione. Un tempo vi erano solo annunci di persone che cercavano lavoro, inframmezzate da rarissime offerte da parte di aziende. Oggi invece si assiste ad una sempre maggiore pubblicazione di annunci da parte di chi cerca dipendenti. Appena avrò il tempo, cercherò di suddividere le due categorie in pagine separate, al fine di consentire una consultazione migliore. Anche altri siti dedicati a questo tema vedono comunque un aumento di richieste da parte delle aziende (qui invece la pagina di chi cerca lavoro).

Alpeggio in bassa valle – Fontainemore (AO)

Solitamente, quando qualcuno mi scrive per questo motivo, mi limito ad aggiungere l’inserzione, lasciando a chi legge la libertà di contattare la persona e trattare i vari aspetti di un eventuale accordo. Un giorno però ho ricevuto un’e-mail da parte di Elisa, una ragazza di 22 anni, piemontese, che mi raccontava la sua storia e mi chiedeva se potevo aiutarla a trovare un posto di lavoro in alpeggio. Lei di esperienza già ne aveva, allegava all’e-mail anche il suo curriculum, ma “parlavano” soprattutto le foto che la ritraevano al pascolo o al lavoro in alpeggi “difficili”. Cercava un posto dove poter ampliare le sue conoscenze/capacità, soprattutto per quel che riguarda la caseificazione, però preferiva essere con una famiglia e non con soli uomini. Mi sono presa a cuore la sua richiesta per vari motivi, ma soprattutto per la determinazione, la voglia di fare e la passione che percepivo nelle sue parole.

Mungitura manuale in alpeggio – Valsavarenche (AO)

Sono bastate poche ore per trovarle lavoro presso una famiglia valdostana, una tra le tante (in Piemonte e Valle d’Aosta) che mi hanno contattata perché interessati ad avere Elisa in alpeggio con loro. C’è stato più di uno che mi ha scritto: “Abbiamo davvero bisogno… anche di qualcuno non esperto, ma che abbia voglia di darsi da fare e di imparare.

Mandria al pascolo – Valchiusella (TO)

Visto che mi ero appellata ad amici e conoscenti su Facebook per trovare chi potesse essere interessato alla sua richiesta, sempre sulla mia bacheca social ho raccontato l’esito positivo della ricerca e n’è scaturito un gran dibattito. Io infatti, alla luce delle tante offerte ricevute, mi chiedevo se non vi fossero stati altri giovani (ma pure meno giovani) bisognosi di lavoro, desiderosi di fare “un’esperienza di vita”, di mettersi alla prova. Avevo davanti a me i contatti di tutti coloro che avevano bisogno di un aiutante e avrei potuto rapidamente indirizzare gli interessati a queste famiglie.

Sorveglianza delle capre in alpeggio – Valsavarenche (AO)

Chi commentava si è diviso su due posizioni contrapposte. Da una parte c’erano coloro che sostenevano che i giovani d’oggi non hanno più voglia di fare certi mestieri, di faticare e di sporcarsi le mani, dall’altra chi diceva che ci sarebbero quelli che lo vorrebbero fare, ma spesso la paga offerta è al limite dello sfruttamento. Mentre leggevo i commenti, pensavo che, parallelamente al dibattito, mi sarebbe piaciuto ricevere messaggi in privato da persone che mi chiedevano di esser messe in contatto con le aziende, ma non ne ho ricevuto nessuno. In compenso mi ha scritto qualche giovane per raccontarmi quali lavori farà nel corso della prossima estate (dalla raccolta della frutta al tuttofare in rifugi di montagna). Mi hanno anche scritto operatori di altri settori raccontandomi di non riuscire a trovare personale serio e motivato!

Uscita al pascolo di un gregge di capre da latte – Cogne (AO)

Dopo questa lunga premessa, volevo soffermarmi sul punto più discusso, la “giusta paga” per il lavoro in alpeggio. Non parlo da esperta del settore, non so quali siano le normative in materia e come ci si regoli con un lavoro che non può essere incasellato nelle canoniche otto ore. Io ho sempre lavorato in proprio, con contratti a progetto, collaborazioni, incarichi come libero professionista, dove però non ero mai io a fissare il prezzo del mio lavoro… Sapevo a grandi linee cosa dovevo fare, avevo una scadenza, l’importo era prefissato e tutte le spese erano a mio carico. Ogni imprevisto, ogni contrattempo, si “mangiavano” qualcosa di ciò che dovevo incassare, ciò che mi sarebbe rimasto in tasca l’avrei scoperto solo alla chiusura definitiva del lavoro.

Alpeggio ristrutturato, ma privo di viabilità – Val Pellice (TO)

So bene che non tutti sono onesti e corretti nel trattamento e nella retribuzione dei loro aiutanti. So che c’è ancora molto lavoro nero e non sempre le condizioni di vita e lavoro sono ottimali. Quest’ultimo aspetto però vede sia situazioni in cui è il solo operaio a trovarsi in condizioni disagiate, sia condivisione di strutture precarie con i titolari.

Mungitura pomeridiana in stalla – Vertosan (AO)

Nel dibattito, parallelamente al QUANTO mi paghi, si è parlato anche di QUANTE ORE devo lavorare. Io ritengo che non si possa parlare di un orario di lavoro parlando di alpeggio e di animali. Chi sceglie questo settore, dovrebbe farlo sempre e comunque con passione per gli animali. Non dico assolutamente che ci si debba accontentare di poche centinaia di euro al mese, ma nemmeno si possono guardare le ore quotidiane. Si rientra dal pascolo in base ad un orario? Sì, ma solo se è l’orario della mungitura! Quando però manca un animale, cosa faccio? Non dovrei tornare indietro a cercarlo perché ho esaurito le mie ore lavorative quotidiane? Oppure lo faccio, ma il giorno dopo faccio pascolare meno il bestiame per “recuperare” le ore spese il giorno prima? E se c’è un parto notturno a cui dedico diverse ore? Non mi alzo alla solita ora per mungere? Non è così che funziona…

La caldaia del latte in casificio – Cogne (AO)

Ci sono le ore di lavoro più duro, quando si munge, quando si puliscono le stalle, quando si spostano e piazzano fili, picchetti, recinti, quando ci si occupa della caseificazione e dei formaggi. Ci sono le ore al pascolo, dove la sorveglianza non sempre è impegnativa, a volte ci si può anche concedere una pennichella.

Giovane pastore – Val Passiria (BZ)

Quando titolare e operai sono insieme in alpeggio, generalmente ad una certa ora il dipendente è libero di ritirarsi: questo è ciò che ho visto ogni volta che sono stata ospite in alpeggio (ovviamente ci sono mille situazioni, l’una differente dall’altra, non è semplice generalizzare). Un altro aspetto da considerare è la questione del vitto e dell’alloggio. Quando si è in alpe con i titolari, si mangia tutti insieme. Quando il titolare non è presente, le scorte alimentari vengono portate dal fondovalle con cadenza periodica, ogni volta che ve n’è la necessità. In altri casi i dipendenti vengono incaricati di tutti i lavori, che gestiscono in autonomia, approvvigionandosi autonomamente. A livello economico, non è la stessa cosa. Per chi riceve vitto e alloggio, la paga risulta essere netta, dato che non ha alcuna spesa per tutti i mesi in cui è in alpeggio (trasporto, corrente elettrica, acqua…). Voi che lavoro fate? Ogni giorno vi trovate a dover raggiungere una sede, mangiate pranzo (fuori casa) e cena, colazione, avete le spese della casa in cui abitiate, quindi a fine mese parte della paga è già andata a coprire questi costi, giusto?

Vecchio alpeggio ancora in uso – Val Soana (TO)

Visto che la ricerca di personale in alpeggio è grande, chi fosse interessato ha una vasta scelta, non è obbligato ad accettare quando le condizioni offerte non gli paiono eque. Uno sente più aziende, valuta le offerte, cerca di capire cosa gli viene chiesto di fare. Ormai è semplice farsi mandare foto delle strutture in cui ci si troverà a vivere, se anche non fosse possibile andarle a visionare di persona. Ovviamente, la tutela sotto ogni aspetto è poi data da un contratto. Le condizioni di vita e di lavoro in alpeggio in molti luoghi sono enormemente migliorate rispetto al passato, ma permangono situazioni in cui le strutture sono primitive, manca una strada, non c’è la corrente elettrica, mancano i servizi igienici, la doccia. Occorre valutare tutto prima.

Alpeggio sulle montagne di Roisan (AO)

Tornando all’importo dello stipendio, è vero che ci sono regioni/stati dove questo è più alto. Sono paesi dove la politica ha una considerazione maggiore per l’agricoltura. Sono però anche luoghi dove il costo della vita è elevato. Non a caso chi lavora in Svizzera cerca di spendere il meno possibile del suo stipendio in quel Paese! Addirittura c’è chi si fa portare periodicamente la spesa da parenti rimasti in Italia.

Il frutto del lavoro quotidiano nella stagionatura – Valchiusella (TO)

E’ facile criticare la paga offerta dal datore di lavoro, ma se andassimo davvero a fare i conti in tasca alle aziende locali, vedremmo che a molti a fine anno resta ben poco. Come aumentare il reddito? Se si incrementa il bestiame, aumenta anche il lavoro, così da aver la necessità di aiutanti. Ma di quanto deve aumentare il reddito per coprire le spese di stipendio/contributi per l’operaio e far avanzare qualcosa per l’azienda?

Fine stagione per il gregge, i proprietari tornano a prendere le loro capre – Valsavarenche (AO)

Perché è in alpeggio che servono più dipendenti? Le ragioni possono essere diverse. In alcuni casi il titolare resta in pianura/fondovalle per occuparsi del foraggio (fienagione, irrigazione e raccolta del mais, ecc…), quindi in alpe deve esserci qualcuno che s occupi di tutti i lavori (mungitura e caseificazione se si tratta di animali da latte, pascolo, predisposizione e movimentazione dei recinti, pulizia stalle, ecc…). Oppure un allevatore può salire in montagna con i suoi animali e sorvegliarli di persona, ma in aggiunta ne prende altri in affida, da medio/piccoli allevatori. Questi ultimi non affittano un alpeggio, così li affidano ad altri per la stagione estiva. In questo caso quasi sicuramente c’è bisogno di aiutanti oltre ai famigliari, perché il bestiame monticato aumenta in modo considerevole rispetto a quello presente in azienda d’inverno. Poi ancora possiamo avere alpeggi dove più allevatori raggruppano il loro bestiame (ovicaprini, bovini) per l’estate e pagano uno o più pastori per la sorveglianza e la gestione. Questi non sono che alcuni esempi. Ci sono anche alpeggi dove si pratica attività di accoglienza, così c’è necessità di qualcuno che si occupi del bestiame, o di dare una mano con i turisti quando ce n’è la necessità, ecc…

Alpeggio con attività di ristorazione – Val Passiria (BZ)

Ma in definitiva, quanto si guadagna lavorando in alpeggio in Italia? Non saprei darvi una cifra standard. 1000, 1500 euro al mese, qualcuno vi offrirà di più, qualcuno di meno. Dipende da quale e quanto lavoro c’è da fare, dipende dalle capacità, dall’esperienza. Un esperto casaro percepirà uno stipendio diverso da un aiuto pastore. Il giusto prezzo secondo me è dato dall’insieme di tutti gli aspetti di cui si è parlato, quindi ogni situazione è differente dalle altre.

Vecchio alpeggio ancora in uso – Pontboset (AO)

Sicuramente è positivo il fatto che, anche in Italia, stiano muovendo i primi passi delle scuole o dei corsi dedicati a questo settore (fino ad ora la formazione era limitata al settore caseario). Ricordo inoltre che esistono anche organizzazioni che permettono a chi lo desidera di fare un’esperienza come volontari in aziende agricole (ovviamente con orari ridotti, per periodi più o meno lunghi in base alle richieste del volontario e alle necessità dell’azienda). Segnalo anche la pagina del volontariato in montagna in Alto Adige.

Il paesaggio non è solo “natura”

Non c’è pandemia che tenga. Ci avviciniamo a Pasqua e fioriscono non solo mandorli, peschi e albicocchi, tutti gli anni si ricomincia con la campagna contro la macellazione di agnelli e capretti. Che volete farci, toccherebbe tutti gli anni spiegare perché questi animali verrebbero comunque macellati. L’ho già detto e scritto più volte, potete andare a rileggere qui, qui e qui.

Capretti nati nelle scorse settimane, al pascolo con le madri – Petit Fenis, Nus (AO)

Quest’anno da noi sono nati quasi tutti capretti maschi… Spiace perché si sa che non si potranno allevare. Non possono diventare dei riproduttori nella nostra stalla e solo qualcuno potrà interessare come futuro becco ad altri allevatori. Posto il caso che uno volesse considerarli “animali da compagnia”, metti anche che uno li castrasse per non macellarli… Poi? Dove li teniamo? Lo spazio è quello che è… Non fatevi illudere da quelli che dicono che allevano senza macellare nulla. Non è sostenibile, è impossibile mungere se hai agnelli, capretti, vitelli che succhiano il latte. Continueranno a farlo fin quando la madre avrà latte, smetteranno solo allora. O hai due capre proprio solo da compagnia e non le fai partorire, o la macellazione, anche solo per autoconsumo, è inevitabile.

L’immagine di una delle campagne contro le macellazioni: da notare come si assimili l’agnello ad un neonato per impressionare il consumatore (immagine dal web)

Comunque, oggi scrivo lo stesso, perché nei giorni scorsi ho visto un post sull’argomento nella bacheca di una persona che era tra i miei contatti e che, di professione, è accompagnatore naturalistico in Piemonte. La sua non è una professione improvvisata, si segue un corso apposito, si devono avere determinate competenze e conoscenze, come potete leggere sul sito della Regione Piemonte.

Agnelli di razza biellese – Canavese (TO)

Ciascuno, nella sua vita privata, può seguire la dieta che preferisce… per motivi etici, religiosi, di salute, per moda o per gusti personali. Ma quando un accompagnatore naturalistico scrive un post dove vengono insultati i ristoratori del territorio che, in questo difficile momento, propongono nel menù da asporto per le festività pasquali carne di agnello… la cosa mi risulta indigesta. E lo è ancora di più vedendo a corredo del post una foto di un agnello riccioluto di razza non locale.

Casa di montagna: non mancava mai la stalla e il fienile, spazi talvolta più importanti di quelli “abitativi” per le persone – Elva, Valle Maira (CN)

A questo signore sembra assurdo che, nel XXI secolo, si possa ancora essere così trogloditi da allevare, macellare e consumare degli esseri viventi. A me invece sembra assurdo che una persona che esterna simili pensieri possa accompagnare la gente alla “scoperta” del territorio di una vallata alpina piemontese, ricca di storia, tradizioni e prodotti inscindibilmente legati all’allevamento.

Anche se ormai spesso abbandonati, vi sono chilometri e chilometri di muretti a secco che modellavano il paesaggio – Valle di Champorcher (AO)

Io, operatore economico di una vallata alpina, mi sentirei danneggiata dalle frasi scritte da quel signore. Vorrei che chi accompagna i turisti a visitare il “mio” territorio mostrasse sì il fiore raro, le particolarità geologiche, le iscrizioni rupestri, il branco di stambecchi e il lago alpino, ma vorrei anche che insegnasse a leggere il paesaggio, le strutture e le architetture tradizionali. Perché tutte le vecchie baite hanno stalle e fienili. Perché ci sono terrazzamenti dove l’uomo coltivava strappando spazi ai ripidi pendii, ma vi sono (erano) anche prati e pascoli, a quote diverse. In quota poi si incontreranno i vasti pascoli degli alpeggi, là dove passerà accompagnando i turisti verso un colle, una vetta… Cosa dirà ai turisti, vedendo mandrie e greggi? Non spiegherà loro se si tratta di animali appartenenti a razze locali, magari in via di estinzione, recuperate e valorizzate grazie a progetti di tutela. Tacerà o dirà ai turisti che sono barbare forme di sfruttamento perpetrate da uomini e donne che non hanno saputo evolversi?

Alpeggio e vacche al pascolo – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Soprattutto non indirizzerà i turisti all’acquisto dei formaggi negli alpeggi o nei punti vendita del fondovalle. Non saprà consigliare i prodotti tipici, i ristoranti dove si cucina con ciò che di meglio offre il territorio. L’accompagnatore deve saper spiegare la storia e il folklore, ma se parla con toni così duri di chi alleva e di chi si nutre di carne, come fa a spiegare la storia di una vallata alpina? Certo, anticamente di carne se ne mangiava ben poca, ma in montagna è sempre stato l’allevamento a permettere la sopravvivenza per 365 giorni all’anno. Fosse anche solo il latte di una capra… Ben vengano i ragionamenti e i confronti tra l’allevamento di un tempo e su quello, spesso troppo “spinto” dei giorni nostri. Ben vengano le riflessioni sull’attuale consumo di carne, molte volte eccessivo e di scarsa qualità, sugli sprechi alimentari attuali e sulla cucina di un tempo, dove non esisteva lo scarto, dove tutto trovava un impiego e anche un “recupero”.

Allevamento e paesaggio: la fienagione – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)
Pascoli di alta quota – Valle Maira (CN)

E poi, visto che il nostro “amico” si appella alla pandemia, dicendo che dovrebbe aiutarci a ragionare meglio, a essere più consapevoli, lo faccio anch’io. Vi invito a cercare in rete, se già non avete un locale o un fornitore di riferimento, chi propone carni locali nei menù. O anche aziende che vendano carne dei loro agnelli/capretti, nel caso preferiste cucinarle voi stessi. Quest’anno più che mai fareste un gesto importante non solo per sostenere l’economia locale, ma anche il morale dei produttori e della ristorazione.

Occhio all’etichetta! (immagine dal web)

Se invece non avete modo di acquistare direttamente da un produttore, nel negozio/macelleria/supermercato leggete sempre bene le etichette, che si tratti di animali nati, allevati e macellati in Italia.

Le fontane, nei villaggi, servivano anche per abbeverare gli animali, dal momento che non c’erano sistemi per l’abbeveraggio in stalla – Biel (AO)

Far comunicazione

E’ vero, scrivo poco. O meglio, scrivo poco su queste pagine. In questi mesi ho scritto parecchio, una relazione conclusiva di un progetto a cui ho lavorato, ho risposto a domande per interviste, per ricerche da parte di studenti che mi hanno contattata. Poi sto buttando giù la bozza di un nuovo libro, un romanzo. Quest’ultima cosa la faccio al pascolo, con carta e penna, ho ripreso adesso che i capretti iniziano ad essere indipendenti e non c’è più da tenerli sotto controllo costantemente per paura che restino indietro, si addormentino sotto una radice, in un punto riparato tra l’erba secca.

Scrivere al pascolo con supervisione e correzione delle bozze! – Petit Fenis, Nus (AO)

Già, nel frattempo sono anche nati i capretti, manca ancora il parto di una ritardataria, poi la stagione 2021 sarà conclusa. E’ andato tutto bene, anche se la componente maschile ha battuto le femmine per 10 a 2! Capita, non ci puoi fare niente. Però i parti sono andati tutti bene, fino ad ora non ci sono state complicazioni, per fortuna.

Le prime leccate della mamma subito dopo il parto – Petit Fenis, Nus (AO)

Non sono solo tutti questi impegni dall’avermi allontanata dallo scrivere sia qui sul blog, sia su facebook. Trovo che stia diventando estremamente difficile far comunicazione. E’ sempre più frustrante vedere come molte persone, on line, si fermino al titolo e non vadano nemmeno a leggere il contenuto, commentando così a sproposito. Oppure vedere come la cattiva informazione, le fake news, la disinformazione creata ad are dilaghino raccogliendo consensi, mentre l’articolo ben scritto, che cita le fonti, basato su fatti concreti, dati, numeri resti lì nella sua solitudine.

Meglio godersi la natura che ci circonda, piuttosto che farsi il sangue cattivo on-line… – Petit Fenis, Nus (AO)

Non stiamo vivendo in un periodo facile. E’ da un anno che cerchiamo letteralmente di sopravvivere. Alla malattia, al dolore per le perdite di amici e famigliari, alla crisi economica, alla mancanza di lavoro / impossibilità di lavorare, alle privazioni, alle incertezze sul futuro, alla depressione, all’ansia, alla confusione, alla paura. Le reazioni delle persone a tutto questo variano in base al carattere, ma mi spaventa l’odio e la rabbia che molti mostrano commentando ciò che leggono. E non parlo di argomenti fondamentali, basta la foto di un cane scappato da casa per scatenare diatribe infinite a suon di pesanti insulti.

…nonostante ciò che sta accadendo, la natura continua a regalarci spettacoli meravigliosi – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

Così, per evitare il mal di stomaco e per non ridurmi a urlare virtualmente pure io, preferisco tacere. Mi mancano però le occasioni di confronto con il pubblico, il “fare bella comunicazione”, incontrare le persone ad un convegno, alla presentazione dei miei libri. L’ultima volta è stato nel dicembre 2019… Per quanto io ami scrivere, mi rendo conto che ciò che viene messo nero più bianco molte volte possa venir mal interpretato. Perciò un bel dibattito, un confronto, un approfondimento faccia a faccia resta la cosa migliore. Anche perché chi mi legge può aver voglia di comprendere meglio, oppure io posso aver dato per scontato un dettaglio che il lettore invece ignora.

Backstage delle prime riprese per Linea Bianca – Petit Fenis, Nus (AO)

L’altro giorno abbiamo ospitato una troupe della RAI per la trasmissione Linea Bianca. E’ un programma sul territorio montano, non specificamente sull’agricoltura (quella è Linea Verde, che invece sta girando in Valle questa settimana). Mi incontravano come scrittrice e allevatrice di capre, quindi più che altro interessava loro la mia storia, non dettagli tecnici o discorsi sulle problematiche dell’allevamento di montagna.

Alcuni dei capretti nati quest’anno – Petit Fenis, Nus (AO)

Però mi ha infastidito il fatto che mi venisse detto, prima di iniziare le riprese, che non era il caso di dire che alcuni capretti erano destinati al macello. La conduttrice non era animalista o vegana, ma mi ha fatto capire che certi temi non si dovevano toccare, proprio per non attirare le ire degli animalisti. Anche ne avessi parlato, comunque quella parte sarebbe stata tagliata (e taglieranno comunque moltissimo, visto che sono stati diverse ore a filmare e, se va bene, ci saranno 5 minuti di servizio dedicato a me e alle capre).

Una delle due femmine nate quest’anno – Petit Fenis, Nus (AO)

Ritengo la gran parte dei sedicenti animalisti persone “ignoranti”, cioè che ignorano, che non sanno com’è la realtà. Come ho già avuto modo di dire molte volte, non giudico chi vive o si alimenta in modo diverso dal mio, ma non tollero l’essere giudicata sulla base di credenze errate. Ormai, per tutti coloro che allevano animali cosiddetti da reddito, la parola “animalista” ha assunto un significato negativo. Perché l’animalista è quello che ti insulta, che ti infanga, che ti ritiene un assassino, mentre tu invece dai tutto te stesso per il bene dei tuoi animali.

Scontri tra due giovani maschi sotto l’anno di età, equipaggiati con “grembiule” per evitare gli accoppiamenti – Petit Fenis, Nus (AO)

Certo, preferirei vendere “da vita” tutti i capretti maschi, ma so bene che non sarà così. Non posso tenerli perché consanguinei con le capre del gregge, ma anche perché si massacrerebbero tra di loro quando raggiungono la maturità sessuale. Si picchierebbero continuamente. Quindi, o si macellano a pochi mesi di vita, o si castrano, si lasciano insieme alle madri fino alla discesa dall’alpe, e si macellano allora, in autunno. Non si macellasse nulla, non si alleverebbero nemmeno animali. Cos’è più giusto, impedire a delle capre di vivere secondo la loro natura, in un gregge, riproducendosi, oppure macellare a norma di legge qualche capretto? Qualcuno per autoconsumo, qualcuno per la vendita, anche per ripagare almeno in parte le spese di mantenimento del gregge.

Becco di due anni – Petit Fenis, Nus (AO)

Lasciassimo le capre libere in natura, la mortalità sarebbe molto più alta. Ci sarebbero capre e capretti morti nel momento del parto, mentre l’allevatore interviene da solo o con l’aiuto di un veterinario per evitare il più possibile che ciò accada. Molti morirebbero nei primi mesi di vita, per i motivi più vari. Quando la capra ha poco latte, intervengo con il biberon per integrare la dieta dei piccoli, per esempio. Ai primi sintomi di diarrea, si valutano le cause e si cerca di curare l’animale, ecc ecc. Poi comunque, liberi nel “loro” ambiente, i giovani maschi si scontreranno con il maschio dominante, qualcuno verrà allontanato. Come solitario, sarà facilmente vittima dei predatori. Questa è la natura.

Capra in stalla con la sua capretta – Petit Fenis, Nus (AO)

Ma queste cose non le ho potute raccontare. Così ve le ho scritte qui, anche se le ho già ripetute mille volte. Per fortuna hanno filmato le capre al pascolo, chissà cosa avrebbero pensato vedendole legate in stalla. Già, perché l’animalista ignorante le vorrebbe almeno libere. Così non sarebbe nato nemmeno un capretto, perché si sarebbero picchiate, causando aborti, gambe rotte, ferite varie. Già, questa razza (la valdostana) è una razza in cui le femmine hanno un carattere spiccatamente dominante e si battono per stabilire la gerarchia nel gregge. Questo aspetto così spettacolare (e raramente cruento, se avviene all’aperto) è apprezzato dagli appassionati, che organizzano vere e propri circuiti di “battaglie” per far incontrare le loro capre più forti e vedere qual è la regina. No, non ho raccontato nemmeno questo, tanto l’avrebbero tagliato…

Ancora alcuni dei capretti (Ponpon, Cognac e Zenith) – Petit Fenis, Nus (AO)

La puntata di Linea Bianca sulla Valle d’Aosta andrà in onda sabato 27 marzo 2021 su Rai1 alle ore 14:00. Ovviamente sarà visibile successivamente on-line sul sito di RaiPlay.

Sensazioni agrodolci

A due giorni dall’iniziativa dedicata alle donne forti del mondo rurale, sto cercando di mettere in ordine le emozioni. Sì, perché innanzitutto è stato emozionante. La giornata è partita in sordina, chi fa questo mestiere si alza presto, al mattino, così fin da prima dell’alba iniziavano a vedersi qua e là i primi post, le prime foto. A mano a mano che terminavano i lavori nelle stalle, nelle cascine, ecco che Facebook veniva invaso da immagini di donne al lavoro.

Poi non sono più riuscita a star dietro al tutto, mi arrivavano messaggi, notifiche, segnalazioni del fatto che addirittura dei Comuni avevano aderito all’iniziativa. Per non parlare di associazioni legate a vario titolo al mondo rurale. C’è stato anche un articolo sul Corriere. Perdonatemi, per la mia scarsa attenzione a tutti gli strumenti tecnologici, sommersa dai messaggi su facebook, non ho controllato le e-mail, così non ho saputo che il Rai3 nazionale cercava di contattarmi per un’intervista da mandare in onda nell’edizione delle 19.

Ciascuno ha dato il senso che preferiva all’iniziativa. Come vi avevo spiegato nel giorni scorsi qui e qui, il flash mob era dedicato alle donne del mondo rurale, che alla forza fisica molto spesso devono unire un’immensa forza d’animo (e non solo) per riuscire letteralmente ad andare avanti. Nel lavoro, nella vita, in ambito famigliare. Perché vi sono tante forme di violenza, sopraffazione, discriminazione, sottomissione, pregiudizio. Molti hanno scelto di dedicare #donneforti alla memoria di Agitu Ideo Gudeta, l’allevatrice uccisa in Trentino. Quel gesto ha toccato fortemente buona parte del mondo agricolo e non solo. Ciascuno l’ha vissuto a modo suo, chi ricordando un episodio accadutogli personalmente, chi ha compreso per la prima volta che il mondo rurale non è quell’idillio che immaginava, chi è rimasto toccato da un gesto violento ingiustificabile.

Alla luce di quanto letto, visto e sentito nell’ambito di #donneforti, la mia impressione è stata quella di un bel momento di unione. Grandi emozioni nel vedere immagini di forte umanità e un senso di comunità. “Mi sono sentita meno sola“, ha scritto un’allevatrice. Già questo è stato un grandissimo risultato, specialmente in questi giorni in cui tutti ci sentiamo soli, isolati.

Non hanno aderito solo donne. Parlo dei post che ho potuto vedere io, o perché sono sono stata taggata, o perché pubblicati da amici e contatti social, o perché in gruppi Facebook di cui faccio parte (le statistiche di facebook riportavano oltre 10.000 post con l’hashtag #donneforti, ieri sera). Ci sono stati anche uomini che hanno dedicato le loro parole a mogli, compagne, madri, nonne, sorelle.

Oltre a ciò che si è potuto vedere on-line, ci sono stati numerosi messaggi che ho ricevuto in privato. Alcuni letteralmente da brividi, in cui donne che non conosco personalmente mi hanno rivelato storie tristi, crude, terribili. Difficoltà nel lavoro perché donne, quindi vittime di intimidazioni anche cruente (animali uccisi, incendi o altri danneggiamenti all’azienda). Violenze famigliari. Discriminazioni di vario tipo.

Riporto uno di questi messaggi, che lanciano un segnale di speranza. E’ Adriana che parla: “Non è mai stato facile essere donna in questo ambiente maschile e maschilista. Ho provato a dimenticarmi di essere donna, ho provato a diventare asessuata e forte per essere accettata, ma ho scoperto che solo fiorendo da donna posso dare il mio contributo al domani, ad un futuro più roseo per mia figlia e mio figlio e per tutti i giovani che vorranno prendere fra le braccia i nostri animali, la nostra terra ma soprattutto la nostra storia. Con questo evento di oggi lei, insieme a tutte, abbiamo dato coraggio a molte di noi. Vedo i sorrisi di molte, anche solo nell’immaginazione.

Purtroppo c’è stato anche chi non ha capito il senso dell’iniziativa, lo ha mal interpretato, lo ha distorto. Come ho avuto modo di spiegare a chi mi ha attaccata personalmente, bisogna andare oltre al singolo gesto, ai rancori personali, alla conoscenza diretta di un episodio che ha riguardato questa o quella donna. Nessuno è perfetto, tutti commettiamo degli errori, in ogni caso la violenza non è mai giustificata o giustificabile.

Non posso nascondervi poi l’amarezza nel vedere certi commenti decisamente volgari sotto foto di ragazze che hanno pubblicato le loro immagini con gli animali. Il fatto che questi episodi siano successi fa sicuramente dire con ancora più forza che l’iniziativa di #donneforti ha avuto un senso.

Tutte le immagini di questo post sono state pubblicate su Facebook nell’ambito di #donneforti. Alcuni sono collage realizzati dai diretti interessati, altri li ho creati io con alcune delle centinaia di foto che ho visto.

Storie di donne forti

Ho iniziato ad incontrare le donne allevatrici nel 2003. Fresca di mondo universitario, mi trovavo alle prese con uno dei miei primi incarichi lavorativi, il censimento delle strutture d’alpeggio per conto della Regione Piemonte, attività che durò due anni. Mi ricordo che, in quel periodo, talvolta faticai ad intervistarle, mentre era molto più semplice chiacchierare con gli uomini. Negli alpeggi, incontrai soprattutto famiglie, poche, pochissime donne da sole. Poi ci fu, nel 2005, il libro “Vita d’alpeggio”, dove non chiedevo più numeri, dati, aspetti tecnici. Rubavo un po’ il lavoro agli antropologi, prendevo appunti sentendo raccontare storie sul passato, sul presente e sul futuro di quel mondo.

Una margara delle Valli di Lanzo (TO) incontrata durante le ricerche per il mio primo libro

Ero diventata “la librologa”, così mi avevano soprannominata su per le montagne della Val Pellice. Avevo perso il timore e la timidezza degli inizi, ormai conoscevo tanta gente. Non c’erano ancora i social, quindi non si sapeva immediatamente tutto di tutti. E allora io intervistavo loro… e loro interrogavano me. “E’ vero che tizio è stato morsicato da una vipera? Ma là in quella montagna, è vero che vivono ancora così? L’hai vista la figlia di quel margaro? Ma davvero si deve sposare? Come sono i pascoli in quella montagna? Le pecore di quel pastore sono grasse?“. Gossip montanaro… Ma erano sempre più gli uomini a parlare, a scherzare con me. Qualche donna sembrava sospettare di me, mi guardava con diffidenza. Temeva la mia comparsa in quel mondo così maschile, la mia presenza in quelle transumanze.

Ernestina – Alpe Valneira (TO)
Cristina – Valdellatorre (TO)

Forse il mio rapporto con le donne cambiò quando “passai dall’altra parte” e divenni parte di quel mondo, non più elemento esterno che faceva foto, scriveva, ma compagna di un pastore. Riuscii ad avvicinarle, a riceverne confidenze che non ho mai scritto in nessun libro. Perché erano parole dette in amicizia.

Karen – Val Pellice (TO)
Renza ed Ernestino – Val Formazza (VB)

Di donne forti ne ho incontrate tante. E le prime che mi vengono in mente non sono quelle che, da sole, mandano avanti un’attività. Tutti lo sanno, che loro sono forti. Penso prima a quelle mogli, madri, compagne, sorelle che, oltre ai lavori di casa, oltre a crescere i figli, portarli a scuola, oltre ad occuparsi quotidianamente di mille incombenze, non solo aiutano nell’azienda agricola, ma si trovano a dover sostituire gli uomini quando loro vanno, in fondo, a divertirsi. Perché ci sono quelli che partono per andare alla fiera e magari tornano il giorno dopo. Perché ci sono quelli che amano festeggiare in compagnia e non sempre lo fanno con le loro mogli. I più arrivano in tempo per iniziare in stalla, altri invece tanto sanno che c’è chi ci pensa al posto loro.

Montanara della Valsesia (VC)
Caseificazione in alpeggio in Valle Gesso (CN)

Anche le donne del passato erano forti, mandavano avanti tutto quando gli uomini andavano a fare lavori stagionali oltreconfine, quando gli uomini scendevano a valle per fare il fieno. Per non parlare delle donne del mondo rurale in tempo di guerra, rimaste da sole con bambini e anziani. Storie antiche, storie di qualche generazione fa.

Donne del futuro – Val Pellice (TO)
Silvia – Val di Susa (TO)

Ci sono cose che non si dicono spesso, ma le ho viste accadere. Il mondo dell’alpe non è solo quadretti bucolici… Ricorderò sempre una transumanza in cui la maggior parte dei partecipanti arrivò all’alpeggio con un alto tasso alcolico nel sangue. Raggiunte le baite, continuarono a bere, non solo a tavola. C’erano ovviamente tutti i lavori da fare e le donne di casa erano già arrivate su al mattino, mentre gli uomini e gli amici avevano accompagnato a piedi gli animali. Il primo giorno c’è da portare su tutte le attrezzature, mettere a posto le stanze, riorganizzarsi dopo quel vero e proprio trasloco. C’è da preparar pranzo per tutta la gente che ha seguito la transumanza. Quando era arrivata la sera, gli uomini erano definitivamente ubriachi ed erano state le donne a far entrare in stalla le vacche, togliere i campanacci della transumanza ed iniziare la mungitura.

Marilena – Valle Gesso (CN)
Laura – Valle d’Aosta

Non ho sempre solo visto cose belle, nei miei giri tra pascoli e montagne. Ci sono stati giorni in cui ho pensato di scrivere un libro sulle donne allevatrici, ma sapevo che ne sarebbe uscito un ritratto non completo. Perché certe realtà nessuno me le avrebbe dette o avrebbe voluto che si dicessero. Però, in via amichevole, ho sentito raccontare di un pastore che, la sera, era andato all’accampamento di altri pastori quando sapeva che c’era solo una donna presente. L’aveva minacciata, dicendo che dovevano andar via di lì, quella non era la loro zona di pascolo. Chissà perché non era andato in un momento in cui la donna non era da sola…

Katia e Ivan – Val Pellice (TO)
Alessandra – Valli di Lanzo (TO)

Una donna mi ha raccontato di aver dovuto chiedere aiuto ad un amico allevatore per riuscire a mandar via un suo aiutante che stava diventando pericoloso. Temeva per la sua incolumità. Ho pensato molto a questa storia, quando ho sentito della tragica fine di Agitu. Sono state diverse le donne che mi hanno raccontato di quanto sia difficile dover ricorrere ad aiutanti, specie se di altre culture. “Non accettano di prendere ordini da una donna” è una frase che ho sentito ripetere spesso.

Roberta – Saluzzo (CN)
Astrid – Val Senales (BZ)

Potrei scrivere pagine e pagine di storie. Madri che hanno incontrato difficoltà perché allevatrici, quindi vittime di pregiudizi anche da parte di altre donne. Ricordo una nonna che mi raccontava di sua nuora a cui volevano togliere il bambino perché non cresceva. Davano la colpa al fatto che l’avesse portato in alpeggio, pensavano non lo seguisse abbastanza. Per fortuna un pediatra di più larghe vedute non si limitò alle parole, fece fare delle analisi e capì che il piccolo era affetto da un’intolleranza che non gli faceva assimilare il cibo correttamente.

Elisa e Sabina – Val Pellice (TO)
Tiziana, Nicole e Anny – Valle d’Aosta

Ci sono anche veterinarie buiatra, cioè che si occupano di bovini. Non tutti gli allevatori si affidano a loro, c’è chi vuole il veterinario maschio. E non è solo una questione di sottovalutare la forza fisica… manca proprio la fiducia in una donna! D’altra parte, per le donne forti in questo mondo agricolo (ma non solo qui), si dice sempre che hanno gli attributi. Non abbiamo ancora superato questi luoghi comuni…

Monica – Val Pellice (TO)
Michelina e Valentina – Pinerolese (TO)

Secondo me non c’è bisogno di dimostrare niente, né una maggiore forza fisica, né chissà quali valori. Conosco donne che vanno quasi oltre i loro limiti pur di “farsi accettare”. Credo sia sbagliato. Ciascuno fa quel che si sente, ogni uomo o donna ha i suoi limiti. Ma nessuno deve più impedire ad una persona di fare qualcosa solo in base al suo sesso. E nessuno deve usare una qualsiasi forma di violenza, fisica o verbale. Sembra scontato, ma evidentemente occorre ripeterlo, dato che continuiamo periodicamente a dover raccontare questi fatti tragici. L’episodio di Agitu, come ho già scritto, ha colpito un vasto pubblico perché conteneva diverse valenze simboliche. Però ci sono tante altre forme di violenza, di pressione, di pregiudizio che devono essere sradicate.

Apollonia – Valli di Lanzo (TO)
Deborah – Val Pellice (TO)

La speranza è che i giovani, che hanno ormai accesso continuo alla rete, ai social, capiscano il significato di questa giornata, dell’iniziativa #donneforti, affinché in futuro le donne del mondo agricolo, del mondo zootecnico, non debbano raddoppiare le energie da spendere quotidianamente per svolgere il loro lavoro, investendole solo nella giusta dose di forza fisica (per far nascere un capretto, un vitello, per tirar su una forma di formaggio dalla caldaia, per rastrellare fieno, per pulire a mano la stalla….) e non più in quella psicologica.

Elsa e Giovanni – Canavese (TO)

Di donne forti ne ho incontrate tante, alcune non ci sono più. Penso a chi mi aveva regalato la mia prima cana, il bastone da pastore. Penso a chi aveva riconosciuto la mia passione per il mondo della pastorizia: “…perché a te piace davvero questo mondo, io l’ho sempre fatto per aiutare lui, non perché mi piacesse.” Non chiedetemi di nominarle tutte, ne dimenticherei qualcuna. Anche le immagini di questo post non sono che di una piccolissima parte delle donne che ho incontrato. Ho imparato molto da tutte loro. Le ho viste combattere lotte di ogni tipo, contro la burocrazia, i pregiudizi, l’ottusità, contro uomini “piccoli piccoli”.

Mariuccia – Pinerolo (TO)

Spero che oggi, con questa iniziativa, raccontino la loro storia quelle donne che conducono greggi di pecore e di capre, quelle che vanno a lavorare come pastori salariati, quelle che fanno le casare, quelle che badano da sole alle loro vacche in alpeggio, quelle che hanno preso in mano l’azienda quando mariti e compagni se ne sono andati. Spero di vedere i volti delle madri, delle imprenditrici, delle figlie, delle compagne di allevatori. E spero che anche gli uomini partecipino, perché se alcuni di loro hanno ancora una mentalità chiusa, pregiudizi, incapacità di considerare una donna come loro pari, ce ne sono invece moltissimi altri che, fortunatamente, riconoscono il valore delle donne come persone, prima ancora che come lavoratrici in aziende agricole. Ovviamente questo discorso vale per ogni ambito lavorativo e non, ma non basterebbero le parole per parlare di tutto e di tutti.

Antonella e Rosa – Valchiusella (TO)

NB: Le immagini ritraggono donne incontrate dal 2003 ad oggi e sono solo una piccolissima parte di tutte quelle che ho conosciuto. Pubblicare le foto di tutte sarebbe stato impossibile, qua e là sono già presenti in altri articoli dei miei blog e nel miei libri. Questi scatti vogliono solo ritrarre delle donne del mondo zootecnico di montagna, senza riferimento a eventuali aspetti della loro vita privata.