Il lavoro non manca, ma…

La stagione d’alpeggio sta iniziando, si iniziano a vedere i primi camion che risalgono le strade tortuose verso i pascoli, altrove sono già risuonati i campanacci e campanelle lungo le vie che conducono ai monti. Il clima non ricorda le ultime primavere, quando a fine maggio faceva già fin troppo caldo, così in montagna qualche giorno fa era ancora decisamente freddo, nel corso del mese appena concluso la neve più di una volta è scesa anche sotto i 2000m.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è T4nsQ6.jpg
Primavera: un alpeggio in attesa di riaccogliere una mandria nella nuova stagione – Torgnon (AO)

Ma non voglio parlare del tempo, vorrei affrontare un altro problema, la carenza di manodopera in alpeggio. Anche quest’anno si lamenta una generale mancanza di operai, o comunque una gran difficoltà nel reperire personale affidabile, con un minimo di pratica nel settore, su cui poter contare per i mesi corrispondenti alla stagione in alpe (fine maggio/inizi di giugno – fine settembre/inizi di ottobre). Già da qualche tempo la gran parte degli operai salariati presenti nelle aziende zootecniche non è di origini italiane. Anche per questo motivo, nelle ultime due annate ci sono state difficoltà aggiuntive legate alle restrizioni negli spostamenti tra diversi Stati, europei o extra-europei. Ma non è stato quello l’unico ostacolo, perché se hai un contratto di lavoro puoi spostarti comunque dove vuoi, seguendo i protocolli previsti, i giorni di quarantena, ecc…

Uno dei tanti alpeggi delle vallate valdostane – Quart (AO)

Tra gli addetti ai lavori si dice che, dalla Romania, adesso gli operai agricoli preferiscono andare in Germania, dove gli stipendi sono più elevati. D’altra parte, ci sono Italiani che, dalla Valle d’Aosta, dal Piemonte, dalla Lombardia, vanno a lavorare in alpeggi svizzeri per lo stesso motivo: la paga. Qualcuno addirittura manda in affida i propri animali per andare a lavorare oltralpe.

Uscita al pascolo – Vallone di Saint-Barthélemy, Nus (AO)

La mia pagina dedicata al lavoro in alpeggio ormai necessita di un cambiamento nell’organizzazione. Un tempo vi erano solo annunci di persone che cercavano lavoro, inframmezzate da rarissime offerte da parte di aziende. Oggi invece si assiste ad una sempre maggiore pubblicazione di annunci da parte di chi cerca dipendenti. Appena avrò il tempo, cercherò di suddividere le due categorie in pagine separate, al fine di consentire una consultazione migliore. Anche altri siti dedicati a questo tema vedono comunque un aumento di richieste da parte delle aziende (qui invece la pagina di chi cerca lavoro).

Alpeggio in bassa valle – Fontainemore (AO)

Solitamente, quando qualcuno mi scrive per questo motivo, mi limito ad aggiungere l’inserzione, lasciando a chi legge la libertà di contattare la persona e trattare i vari aspetti di un eventuale accordo. Un giorno però ho ricevuto un’e-mail da parte di Elisa, una ragazza di 22 anni, piemontese, che mi raccontava la sua storia e mi chiedeva se potevo aiutarla a trovare un posto di lavoro in alpeggio. Lei di esperienza già ne aveva, allegava all’e-mail anche il suo curriculum, ma “parlavano” soprattutto le foto che la ritraevano al pascolo o al lavoro in alpeggi “difficili”. Cercava un posto dove poter ampliare le sue conoscenze/capacità, soprattutto per quel che riguarda la caseificazione, però preferiva essere con una famiglia e non con soli uomini. Mi sono presa a cuore la sua richiesta per vari motivi, ma soprattutto per la determinazione, la voglia di fare e la passione che percepivo nelle sue parole.

Mungitura manuale in alpeggio – Valsavarenche (AO)

Sono bastate poche ore per trovarle lavoro presso una famiglia valdostana, una tra le tante (in Piemonte e Valle d’Aosta) che mi hanno contattata perché interessati ad avere Elisa in alpeggio con loro. C’è stato più di uno che mi ha scritto: “Abbiamo davvero bisogno… anche di qualcuno non esperto, ma che abbia voglia di darsi da fare e di imparare.

Mandria al pascolo – Valchiusella (TO)

Visto che mi ero appellata ad amici e conoscenti su Facebook per trovare chi potesse essere interessato alla sua richiesta, sempre sulla mia bacheca social ho raccontato l’esito positivo della ricerca e n’è scaturito un gran dibattito. Io infatti, alla luce delle tante offerte ricevute, mi chiedevo se non vi fossero stati altri giovani (ma pure meno giovani) bisognosi di lavoro, desiderosi di fare “un’esperienza di vita”, di mettersi alla prova. Avevo davanti a me i contatti di tutti coloro che avevano bisogno di un aiutante e avrei potuto rapidamente indirizzare gli interessati a queste famiglie.

Sorveglianza delle capre in alpeggio – Valsavarenche (AO)

Chi commentava si è diviso su due posizioni contrapposte. Da una parte c’erano coloro che sostenevano che i giovani d’oggi non hanno più voglia di fare certi mestieri, di faticare e di sporcarsi le mani, dall’altra chi diceva che ci sarebbero quelli che lo vorrebbero fare, ma spesso la paga offerta è al limite dello sfruttamento. Mentre leggevo i commenti, pensavo che, parallelamente al dibattito, mi sarebbe piaciuto ricevere messaggi in privato da persone che mi chiedevano di esser messe in contatto con le aziende, ma non ne ho ricevuto nessuno. In compenso mi ha scritto qualche giovane per raccontarmi quali lavori farà nel corso della prossima estate (dalla raccolta della frutta al tuttofare in rifugi di montagna). Mi hanno anche scritto operatori di altri settori raccontandomi di non riuscire a trovare personale serio e motivato!

Uscita al pascolo di un gregge di capre da latte – Cogne (AO)

Dopo questa lunga premessa, volevo soffermarmi sul punto più discusso, la “giusta paga” per il lavoro in alpeggio. Non parlo da esperta del settore, non so quali siano le normative in materia e come ci si regoli con un lavoro che non può essere incasellato nelle canoniche otto ore. Io ho sempre lavorato in proprio, con contratti a progetto, collaborazioni, incarichi come libero professionista, dove però non ero mai io a fissare il prezzo del mio lavoro… Sapevo a grandi linee cosa dovevo fare, avevo una scadenza, l’importo era prefissato e tutte le spese erano a mio carico. Ogni imprevisto, ogni contrattempo, si “mangiavano” qualcosa di ciò che dovevo incassare, ciò che mi sarebbe rimasto in tasca l’avrei scoperto solo alla chiusura definitiva del lavoro.

Alpeggio ristrutturato, ma privo di viabilità – Val Pellice (TO)

So bene che non tutti sono onesti e corretti nel trattamento e nella retribuzione dei loro aiutanti. So che c’è ancora molto lavoro nero e non sempre le condizioni di vita e lavoro sono ottimali. Quest’ultimo aspetto però vede sia situazioni in cui è il solo operaio a trovarsi in condizioni disagiate, sia condivisione di strutture precarie con i titolari.

Mungitura pomeridiana in stalla – Vertosan (AO)

Nel dibattito, parallelamente al QUANTO mi paghi, si è parlato anche di QUANTE ORE devo lavorare. Io ritengo che non si possa parlare di un orario di lavoro parlando di alpeggio e di animali. Chi sceglie questo settore, dovrebbe farlo sempre e comunque con passione per gli animali. Non dico assolutamente che ci si debba accontentare di poche centinaia di euro al mese, ma nemmeno si possono guardare le ore quotidiane. Si rientra dal pascolo in base ad un orario? Sì, ma solo se è l’orario della mungitura! Quando però manca un animale, cosa faccio? Non dovrei tornare indietro a cercarlo perché ho esaurito le mie ore lavorative quotidiane? Oppure lo faccio, ma il giorno dopo faccio pascolare meno il bestiame per “recuperare” le ore spese il giorno prima? E se c’è un parto notturno a cui dedico diverse ore? Non mi alzo alla solita ora per mungere? Non è così che funziona…

La caldaia del latte in casificio – Cogne (AO)

Ci sono le ore di lavoro più duro, quando si munge, quando si puliscono le stalle, quando si spostano e piazzano fili, picchetti, recinti, quando ci si occupa della caseificazione e dei formaggi. Ci sono le ore al pascolo, dove la sorveglianza non sempre è impegnativa, a volte ci si può anche concedere una pennichella.

Giovane pastore – Val Passiria (BZ)

Quando titolare e operai sono insieme in alpeggio, generalmente ad una certa ora il dipendente è libero di ritirarsi: questo è ciò che ho visto ogni volta che sono stata ospite in alpeggio (ovviamente ci sono mille situazioni, l’una differente dall’altra, non è semplice generalizzare). Un altro aspetto da considerare è la questione del vitto e dell’alloggio. Quando si è in alpe con i titolari, si mangia tutti insieme. Quando il titolare non è presente, le scorte alimentari vengono portate dal fondovalle con cadenza periodica, ogni volta che ve n’è la necessità. In altri casi i dipendenti vengono incaricati di tutti i lavori, che gestiscono in autonomia, approvvigionandosi autonomamente. A livello economico, non è la stessa cosa. Per chi riceve vitto e alloggio, la paga risulta essere netta, dato che non ha alcuna spesa per tutti i mesi in cui è in alpeggio (trasporto, corrente elettrica, acqua…). Voi che lavoro fate? Ogni giorno vi trovate a dover raggiungere una sede, mangiate pranzo (fuori casa) e cena, colazione, avete le spese della casa in cui abitiate, quindi a fine mese parte della paga è già andata a coprire questi costi, giusto?

Vecchio alpeggio ancora in uso – Val Soana (TO)

Visto che la ricerca di personale in alpeggio è grande, chi fosse interessato ha una vasta scelta, non è obbligato ad accettare quando le condizioni offerte non gli paiono eque. Uno sente più aziende, valuta le offerte, cerca di capire cosa gli viene chiesto di fare. Ormai è semplice farsi mandare foto delle strutture in cui ci si troverà a vivere, se anche non fosse possibile andarle a visionare di persona. Ovviamente, la tutela sotto ogni aspetto è poi data da un contratto. Le condizioni di vita e di lavoro in alpeggio in molti luoghi sono enormemente migliorate rispetto al passato, ma permangono situazioni in cui le strutture sono primitive, manca una strada, non c’è la corrente elettrica, mancano i servizi igienici, la doccia. Occorre valutare tutto prima.

Alpeggio sulle montagne di Roisan (AO)

Tornando all’importo dello stipendio, è vero che ci sono regioni/stati dove questo è più alto. Sono paesi dove la politica ha una considerazione maggiore per l’agricoltura. Sono però anche luoghi dove il costo della vita è elevato. Non a caso chi lavora in Svizzera cerca di spendere il meno possibile del suo stipendio in quel Paese! Addirittura c’è chi si fa portare periodicamente la spesa da parenti rimasti in Italia.

Il frutto del lavoro quotidiano nella stagionatura – Valchiusella (TO)

E’ facile criticare la paga offerta dal datore di lavoro, ma se andassimo davvero a fare i conti in tasca alle aziende locali, vedremmo che a molti a fine anno resta ben poco. Come aumentare il reddito? Se si incrementa il bestiame, aumenta anche il lavoro, così da aver la necessità di aiutanti. Ma di quanto deve aumentare il reddito per coprire le spese di stipendio/contributi per l’operaio e far avanzare qualcosa per l’azienda?

Fine stagione per il gregge, i proprietari tornano a prendere le loro capre – Valsavarenche (AO)

Perché è in alpeggio che servono più dipendenti? Le ragioni possono essere diverse. In alcuni casi il titolare resta in pianura/fondovalle per occuparsi del foraggio (fienagione, irrigazione e raccolta del mais, ecc…), quindi in alpe deve esserci qualcuno che s occupi di tutti i lavori (mungitura e caseificazione se si tratta di animali da latte, pascolo, predisposizione e movimentazione dei recinti, pulizia stalle, ecc…). Oppure un allevatore può salire in montagna con i suoi animali e sorvegliarli di persona, ma in aggiunta ne prende altri in affida, da medio/piccoli allevatori. Questi ultimi non affittano un alpeggio, così li affidano ad altri per la stagione estiva. In questo caso quasi sicuramente c’è bisogno di aiutanti oltre ai famigliari, perché il bestiame monticato aumenta in modo considerevole rispetto a quello presente in azienda d’inverno. Poi ancora possiamo avere alpeggi dove più allevatori raggruppano il loro bestiame (ovicaprini, bovini) per l’estate e pagano uno o più pastori per la sorveglianza e la gestione. Questi non sono che alcuni esempi. Ci sono anche alpeggi dove si pratica attività di accoglienza, così c’è necessità di qualcuno che si occupi del bestiame, o di dare una mano con i turisti quando ce n’è la necessità, ecc…

Alpeggio con attività di ristorazione – Val Passiria (BZ)

Ma in definitiva, quanto si guadagna lavorando in alpeggio in Italia? Non saprei darvi una cifra standard. 1000, 1500 euro al mese, qualcuno vi offrirà di più, qualcuno di meno. Dipende da quale e quanto lavoro c’è da fare, dipende dalle capacità, dall’esperienza. Un esperto casaro percepirà uno stipendio diverso da un aiuto pastore. Il giusto prezzo secondo me è dato dall’insieme di tutti gli aspetti di cui si è parlato, quindi ogni situazione è differente dalle altre.

Vecchio alpeggio ancora in uso – Pontboset (AO)

Sicuramente è positivo il fatto che, anche in Italia, stiano muovendo i primi passi delle scuole o dei corsi dedicati a questo settore (fino ad ora la formazione era limitata al settore caseario). Ricordo inoltre che esistono anche organizzazioni che permettono a chi lo desidera di fare un’esperienza come volontari in aziende agricole (ovviamente con orari ridotti, per periodi più o meno lunghi in base alle richieste del volontario e alle necessità dell’azienda). Segnalo anche la pagina del volontariato in montagna in Alto Adige.

One Reply to “Il lavoro non manca, ma…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...