La pioggia serve, ma…

Quest’anno non ci stiamo lamentando per la siccità. Il problema è che non la smette di piovere… La primavera è stata bella, abbastanza fresca, con giornate limpide e raggi di sole che illuminavano le montagne silenziose. Gli agricoltori però non si sono mai fermati, indipendentemente dall’emergenza e dal lockdown. In pianura penso che buona parte dei fieni siano stati fatti, in montagna invece bisognava iniziare adesso…

s5btd0
Prati tagliati e fieno che secca in piedi – Collina di Nus (AO)

Nel fondovalle ci sono prati ormai verdissimi, dove l’erba nuova cresce abbondante, e altri sempre più gialli, laddove non c’è stato tempo e modo di tagliare. Lo stesso accade fino ad una certa quota, di lì in poi il momento giusto per iniziare il fieno è arrivato insieme alle piogge. Nel nostro caso, non si riesce ad iniziare fin quando gli animali sono in stalla, ma ormai sono tutti in alpeggio, il tempo ci sarebbe, è quello atmosferico che non accompagna.

vxzhas
Neve fresca a quote alte (qui la Grivola), ma spesso anche sui pascoli dove già ci sono le mandrie e le greggi

Piove, piove quasi quotidianamente… forse oggi pomeriggio tornerà il sole e potrebbe durare qualche giorno. Era ricomparso domenica, giusto per illuminare creste, vette e pascoli di alta quota imbiancati. Anche stamane le nebbie per qualche istante si sono diradate, per mostrare altra neve fresca, dopo una notte di pioggia battente.

b6gvkm
Gregge di capre sui pascoli in un giorno di pioggia – Arpilles, Introd (AO)

Non che negli alpeggi le cose vadano molto meglio, sia per gli uomini, sia per gli animali. Tocca andare al pascolo con la pioggia, a volte anche nel bel mezzo di temporali. Fa freddo, non sempre c’è modo di asciugare gli indumenti fradici di acqua. Per non parlare di chi deve mungere all’aperto… Insomma, la siccità è grave per i pascoli, ma di troppa pioggia nessuno ne trae beneficio, perché gli animali pascolano male e sprecano foraggio.

q2buzc

Tornando in basso, nei prati da falciare, così si presentavano i migliori fino a qualche giorno fa. Tanta erba, bella erba, matura al punto giusto… Tutti scalpitano e imprecano, ma iniziare quando le previsioni davano un piccolo spiraglio era troppo rischioso. Il fieno va fatto bene, va ritirato ben asciutto, altrimenti e balle ammuffiscono o, peggio ancora, rischiano di “bollire”, di fermentare, fino a prendere fuoco.

yw5ckh
Fieno che marcisce a terra – Val d’Ayas (AO)

Chi ha tagliato nel momento sbagliato ora ha del fieno che sta marcendo, con l’erba sotto che già fa capolino tra i mucchietti di colore giallo scuro/marrone. Qualcuno da queste parti ha rischiato un taglio domenica mattina, nonostante la pioggia intensa di sabato pomeriggio/sera. Qualche fortunato ieri sera passava giù con il carro carico di rotoballe (sotto altra pioggia a dirotto), avendo sfruttato il sole e il vento e i temporali passati appena un po’ più in là…

iojmxx
Nuvole temporalesche verso il Piemonte – Petit Fenis, Nus (AO)

Sì, perché anche con previsioni buone, poi si forma all’improvviso quel temporale che magari non arriva, o magari ti investe in pieno, magari passa dall’altra parte della valle, lasciandoti con il fieno asciutto e un bell’arcobaleno da ammirare mentre le nuvole si spostano altrove.

6uqzah
I prati dopo una notte di forte pioggia – Petit Fenis, Nus (AO)

Ieri sera tutte le previsioni segnavano pioggia, quelle più aggiornate avevano diminuito la quantità, da queste parti, invece bisognava tener buona l’intensità annunciata nei giorni precedenti, infatti stamattina presto ancora pioveva e i prati erano fradici. Adesso c’è una nebbia autunnale che ci fa capire come nemmeno oggi si possa dare il via alla stagione del fieno… Tra l’altro, da queste parti, non bastano 4-5 giorni o una settimana di bel tempo. Non è come in pianura dove le estensioni sono grosse, i pezzi pianeggianti. Qui ci sono prati e praticelli, muretti, angoli, strisce, pendenze. Servirebbero almeno 2 settimane senza pioggia. Facciamo tre, così andiamo sul sicuro!

Il primo giorno di pascolo

Paese che vai, usanze che trovi… Regione che vai, usanze che trovi! Dopo aver pubblicato alcune immagini dei giorni scorsi su facebook, ho capito che era necessario un articolo per spiegare come funzionano le cose da queste parti. La vita (e il lavoro) in alpeggio non sono uguali ovunque.

gv6cno
Un alpeggio che, nelle scorse settimana, ancora attendeva uomini e animali – Ollomont (AO)

Ecco che l’inizio della stagione può essere differente a seconda della vallata, della regione, del tipo di animali e persino della razza di animali allevati. Come sapete, da qualche anno ormai frequento soprattutto le montagne della Valle d’Aosta. Nonostante la distanza con il confinante Piemonte non sia molta, qui cambiano molte cose.

nkx97w
Fioritura del tarassaco nel Vallone di Vertosan – Avise (AO)

L’altro giorno siamo andati nel Vallone di Vertosan, dove si trova l’alpeggio in cui trascorreranno l’estate le nostre vacche. Gli animali erano già su dal pomeriggio precedente, ma fino a quella sera non sarebbero uscite al pascolo. Strano, non vi sembra? Solo in parte… Questi tempi sono dovuti alla razza di animali che si alleva in Valle d’Aosta.

6swxzf
Mungitura pomeridiana – Dzette, Avise (AO)

Ecco allora tutte le vacche (di razza valdostana pezzata rossa, pezzata nera e castana) in stalla, mentre vengono munte nel pomeriggio. Ciascuna è legata al suo posto. Terminata la mungitura, si uscirà al pascolo. Questo avviene due volte al giorno, al mattino e alla sera, dopo il pascolo gli animali vengono fatti rientrare in stalla.

6rbqhp
Valdostana pezzata rossa – Dzette, Avise (AO)

Sul muro della stalla sono segnati dei numeri, prima di uscire ad ogni animale verrà scritto sulla coscia il numero corrispondente al proprio posto, così da essere facilitati nel farli rientrare e legare la sera. Soprattutto i primi giorni, questa non è un’operazione semplice. Qui poi gli animali non resteranno a lungo, perché dopo una decina di giorni la mandria verrà già spostata nel tramuto superiore.

hgwyul
Partenza per il pascolo – Dzette, Avise (AO)

Dopo aver mangiato un po’ di merenda, il casaro va ad occuparsi del latte, mentre tutti gli altri (padroni degli animali, operai, gestore dell’alpeggio, amici, parenti) fanno uscire le vacche dalla stalla e iniziano a chiamarle verso il pascolo. Qualcuna in fondovalle già usciva a pascolare, altre escono in quel momento per la prima volta dopo mesi di alimentazione a fieno. Ma perché attendere fino al tardo pomeriggio per uscire?

9qcu5t
Le vacche castane scavano, muggiscono e si preparano a dar via alle battaglie – Dzette, Avise (AO)

Si è aspettato l’arrivo di tutti gli animali che costituiranno la mandria per quell’estate. Uscire solo con alcune avrebbe complicato le cose, invece adesso sono tutte insieme e… “faranno conoscenza” in un unico momento. Qui questo particolare momento viene chiamato “decorda“, cioè quando per la prima volta vengono slegate tutte insieme le vacche. In questo alpeggio gli animali vengono fatti uscire e salire in un prato qualche centinaio di metri più a monte, più pianeggiante rispetto a quelli sotto l’alpeggio.

zvilqx
Battaglie tra reines per definire chi guiderà la mandria – Dzette, Avise (AO)

Dopo aver raspato con le zampe, dopo vari muggiti e sfregamenti del capo nella terra, iniziano le battaglie, qualcuna rapida, qualcuna più combattuta, il tutto sotto gli occhi vigili dei proprietari degli animali. Avere la regina è soddisfazione, è prestigio, è la realizzazione di tanti sacrifici fatti per i propri animali. Quest’anno le decorde sono più che mai l’occasione per vedere delle battaglie, dato che i vari incontri ufficiali in calendario sono stati tutti sospesi a causa dell’emergenza Covid.

isb50o
Momenti di una battaglia – Dzette, Avise (AO)

Il tutto avviene in modo totalmente naturale,  l’intero prato risuona di muggiti e di sbuffi, qua e là gli animali si affrontano due a due. Gli occhi di tutti però sono puntati sula regina del gestore dell’alpeggio, che si scontra con una bestia di pari mole e potenza, mandata in alpeggio per l’estate da un altro allevatore.

7gyiz0
Si pascola la prima erba fresca in alpeggio – Dzette, Avise (AO)

Le valdostane pezzate rosse invece pascolano placidamente, loro pensano soprattutto ad alimentarsi e cercano di stare discoste dalle loro compagne attaccabrighe.

bfuypc
Battaglia tra valdostane pezzate rosse – Dzette, Avise (AO)

Succede molto più raramente, ma anche alcune di loro danno vita ad alcune brevi battaglie, ma non sono “quelle che contano” per definire i ruoli gerarchici nella mandria per il resto della stagione.

x1l4gx
Si assiste alle battaglie – Dzette, Avise (AO)

Le decorde richiamano un buon numero di appassionati, specialmente laddove si sa che vi sono reines importanti. E’ un’occasione di vedere gli animali che si misurano tra di loro, incontrare amici con la stessa passione, fare un po’ di festa insieme.

pvl0zq
Lo sguardo “triste” di una reina che ha perso una battaglia – Dzette, Avise (AO)

Passato quel primo momento di festeggiamenti, dal giorno dopo (o meglio, dalla notte successiva, dato che si inizia a mungere ben prima del sorgere del sole) inizia la routine del lavoro d’alpeggio. Per i Valdostani tutte queste sono normali ovvietà, ma gli amici che mi seguono da altre regioni vivono il loro primo giorno d’alpeggio in altri modi.

Che stagione sarà?

Le stalle si stanno svuotando, in questi giorni c’è stato un flusso incessante di camion, camioncini, trattori con bighe, tutti carichi di vacche dirette agli alpeggi del vallone che si apre qui sopra. E lo stesso sta succedendo altrove. La stagione d’alpeggio 2020 è iniziata, nonostante tutto. Ma che stagione sarà? Oggi è la Giornata Mondiale dell’Ambiente, così si fa un gran parlare di biodiversità, di scomparsa di specie (animali e vegetali), di inquinamento, di clima (e dei suoi cambiamenti).

xkjgmx
Biodiversità in un prato in Valtournenche (AO)

Anche i prati e i pascoli di montagna sono ricchissimi di biodiversità, il fatto che l’uomo li gestisca (con lo sfalcio e con la brucatura da parte di mandrie e greggi) ne garantisce la biodiversità, a patto che il carico di animali sia adeguato (né troppi capi, né troppo pochi). Certamente, anche il bosco è ricco di biodiversità, ma diversa da quella di un prato. E c’è ancora più biodiversità quando si alternano ambienti diversi (boschi, radure, pascoli di alta quota, ecc…). Visto che, purtroppo, sempre di più una certa fetta di informazione demonizza l’allevamento in generale, senza far differenze tra quello intensivo e quello estensivo più tradizionale, è sempre meglio ripetere queste cose. E ribadire come l’allevamento estensivo sia importante sia per la biodiversità (vegetale, ma anche animale, grazie alla scelta di razze autoctone), sia per il paesaggio.

ttmf9d
L’alpeggio Berruard (1947m) già caricato ad inizio giugno – Ollomont (AO)

Ma torniamo alla nostra stagione d’alpeggio che sta prendendo il via. Dopo un inverno ancora una volta abbastanza mite, la neve si è poi abbassata di quota quando la primavera stava per iniziare, ma ovviamente non è rimasta a lungo sul suolo. Così a fine maggio l’erba è già verde anche intorno a quegli alpeggi che dovrebbero vedere l’arrivo delle mandrie solo nel cuore della stagione estiva. Non è un buon segno e non fa ben sperare.

tspzk3
Pascoli a 2100m il 2 giugno nella Conca di By – Ollomont (AO)

Un amico pastore salito in montagna con il suo gregge già agli inizi di maggio mi diceva che l’erba “veniva già grossa“, cioè era già alta, dura. A queste quote lo si vede anche nei prati, dove l’erba sarebbe già matura per la fienagione, se soltanto il tempo lo permettesse. I temporali e le piogge, oltre ad averla infradiciata, l’hanno persino coricata al suolo.

zpp1fx
Al 7 di maggio la neve era già quasi interamente sciolta alla Tsa de Pierrey (2333m) – Vallone di St.Barthélemy, Nus (AO)

In alto c’è poca, pochissima neve e questo sarà un problema, se dovesse esserci siccità. Per ora le previsioni indicano un periodo di instabilità che sembrerebbe dover durare per parecchi giorni, ma l’estate è lunga, non sono sufficienti dieci giorni di pioggia a giugno per garantire buona erba e acqua nei ruscelli e nei laghi fino a settembre. Soprattutto se poi le temperature dovessero salire e farsi estreme come già accaduto nelle ultime estati.

r9nqa2
L’inizio del Ru de By – Ollomont (AO)

La Valle d’Aosta è una regione abbastanza secca e ventosa, fin dall’antichità l’uomo ha realizzato una vasta rete di canali (ru) per portare l’acqua sui versanti dove altrimenti non ve ne sarebbe la disponibilità. I ruscelli iniziano in un corso d’acqua dove c’è la presa principale e la distribuiscono man mano dove ce n’è bisogno, con un sistema di saracinesche, vasche e canali secondari. L’irrigazione dei prati in gran parte delle zone è stata modernizzata con dei sistemi di girandole, la cui apertura temporizzata è regolata dai computer, ma… all’inizio c’è sempre solo un torrente di alta montagna alimentato dallo scioglimento di neve e ghiacciai.

nogmny
Ciò che resta dei ghiacciai del gruppo del Monte Bianco visti dalla Val Veny – Courmayeur (AO)

…ghiacciai che arretrano sempre di più, alimentati da sempre meno neve. Per cui ci si augura che piova ogni tanto, almeno un temporale, per mantenere l’erba verde, per farla crescere nei pascoli più bassi dopo che è stata consumata, di modo che gli animali possano passare una seconda volta a fine stagione. Si spera che ci sia acqua nei torrenti, per far sì che gli animali possano bere, ma anche per utilizzarla per l’irrigazione, laddove questa venga fatta anche in alpeggio.

ljybms
Un tratto del Ru de By – Doues (AO)

Come sarà la stagione dal punto di vista del clima e, conseguentemente, della vegetazione, lo potremo dire solo al mese di ottobre, quando le montagne torneranno silenziose. Interrogativi quest’anno comunque ne abbiamo ben più del solito, per quello che riguarda la vendita dei prodotti, l’afflusso di turisti, l’atteggiamento di questi ultimi nei confronti dell’ambiente montano, dei suoi abitanti…

Servono regole?

Questo forse è stato l’ultimo weekend di pace per alcune vallate e di delirio per altre. Vivendo questa situazione dalla Valle d’Aosta, regione interamente montuosa e con meno abitanti concentrati in aree urbane rispetto al vicino Piemonte, fortunatamente non ho vissuto quello che si è verificato altrove, con un vero e proprio assalto delle cavallette sul territorio montano non appena sono state “aperte le porte”.

kzdpmw
Area attrezzata deserta in una domenica di maggio – La Magdaleine (AO)

Dal 3 giugno si potrà tornare a spostarsi tra le regioni, quindi anche qui arriveranno i turisti, chi preferisce il mare alla montagna si recherà altrove e comunque ci si distribuirà forse un po’ meglio sul territorio. Tante parole sono già state dette e scritte in merito, aggiungo anche il mio pensiero, se avete voglia di leggerlo.

ahyr2p
Panorama della Val Veny – Courmayeur (AO)

Prima riflessione: le città non sono un posto molto vivibile, la gente che vi abita non vede l’ora di abbandonarle e cercare altrove svago, relax, aria buona. Non è passato nemmeno un secolo da quando le valli sono state bruscamente spopolate per cercare una “vita migliore” in città: più comodità, un lavoro con uno stipendio, un orario… E poi ecco che sono nate le ferie, il tempo libero, tutte cose che in campagna/montagna non esistevano. Le montagne e le colline si sono spopolate, molte delle attività agricole sono state abbandonate, si è toccato il fondo… e poi è iniziata una risalita, ma con delle trasformazioni.

klqtnz
Infrastrutture per lo sci invernale – La Salette, Valtournenche (AO)

Da una parte si è puntato sul turismo, questa nuova vacca da mungere, questa gallina dalle uova d’oro. Un turismo legato a singole stagioni (la neve, l’inverno), a nuove strutture con forte impatto (impianti di risalita, grossi alberghi, piste) a cui, soprattutto recentemente, si sono affiancate forme più responsabili, più attente al territorio e alla sua riscoperta (trekking, escursioni, attività didattiche e ambientali), con una forte attenzione all’enogastronomia locale. Questo ultimo aspetto ha permesso una rinascita e anche un nuovo insediamento di aziende agricole, alcune delle quali fortemente legate al turismo (con attività ricettive sia per il pernottamento, sia per la ristorazione).

0ang21
Uno dei tanti cartelli che invitano al rispetto – Val Veny, Courmayeur (AO)

Non sto a parlare delle nuove regole per chi fa accoglienza, a tutti i problemi che coinvolgono gli operatori del settore turistico, non ne so abbastanza, lascio che siano loro a raccontarveli. Da persona che il territorio lo vive e lo frequenta, però qualche considerazione da fare ce l’ho. Quello che sta accadendo me lo aspettavo. Lo ripeto da anni, c’è una fetta di “turisti”, di “vacanzieri”, di “merenderos” che vedono nella montagna un luogo di svago senza regole, senza confini, senza proprietari. “La montagna è di tutti“, “...i pastori mica sono padroni della montagna!” e altre affermazioni del genere le ho lette solo qualche giorno fa, dopo il famoso primo weekend di apertura, quando “il mondo” si è riversato sulle Terre Alte, non avendo altri posti dove andare, dopo essere stato accusato della famigerata movida perché ci si trovava tutti insieme in città. I posti per ritrovarsi sono quelli, la gente è tanta, cosa c’era da stupirsi nel fatto che si fosse ritrovata “tutta” lì?

bg1wnf
Oltre ai cartelli “istituzionali”, è meglio ribadire il concetto – Val Veny, Courmayeur (AO)

Quando è stato concesso di ritornare all’aria aperta, a camminare in montagna, sono uscite molte tabelle con regole per chi si apprestava ad andarci. Regole anche ridicole, in un certo senso. Ovvie, scontate, per chi in montagna c’è sempre andato ed è stato obbligato a guardarla da lontano per (soli) due mesi. Il problema è che quelle regole andavano fatte leggere, imparare a memoria a quelli che ci sono andati per la prima volta. O che ci sono sempre solo andati saltuariamente in estate quando faceva troppo caldo, quando per “fare una gita” si intendeva arrivare in macchina “da qualche parte”, scaricare coperte, tavolini ecc ecc per fare un pic nic a poca distanza dall’auto.

mhylbx
Più gente che altrove, ma quasi nessuno rispetto ad una normale domenica di bel tempo – Chamois (AO)

La perdita delle radici rurali è avvenuta velocemente, molti dei “cittadini” arrivano in montagna assolutamente impreparati e ignoranti, ma se le carenze sono solo queste e c’è la buona volontà, con qualche regola si risolve tutto. Se invece si aggiunge la maleducazione, l’arroganza e una dose di irascibilità portata a limiti estremi dalla difficile situazione che stiamo vivendo, lo scontro tra “cittadino” e “montanaro” si fa insanabile (specie se anche il secondo è esasperato e pure lui irascibile). Generalizzare non è mai corretto, ma sbaglia tanto l’abitante della montagna che teme a priori l’arrivo dei turisti cittadini, quanto colui che fa una gita la domenica e già alla sera insulta sui social gli allevatori che hanno cani da guardiania, i contadini che l’hanno cacciato in malo modo quando raccoglieva le erbe selvatiche in mezzo ad un prato e così via. Non esiste il cittadino e il montanaro, ma esiste la persona rispettosa e quella maleducata, con tutte le sfumature e le eccezioni possibili e immaginabili.

p4meni
Prati in piena fioritura – Valtournenche (AO)

La montagna non è di tutti e, lasciatemelo dire, non è per tutti. Non è DI TUTTI perché ogni lembo di terra ha un proprietario, un affittuario, delle regole. Ci son terreni privati, comunali, demaniali, terreni che vengono sfalciati, pascolati, boschi che vengono tagliati e are che sono sottoposte a vincoli di tutela perché parchi o aree di interesse naturalistico, faunistico, ecc. Gli alpeggi o hanno un proprietario che li utilizza con i suoi animali o, più spesso, sono dati in affitto ad un allevatore che li gestisce con la sua mandria, il suo gregge, nella stagione estiva. Quindi chi li attraversa è un ospite che si trova sì in un “bel posto” per svagarsi, per fare sport, ma è a casa d’altri per di più in un luogo di lavoro. Lo stesso vale per un bosco, per una baita che, per quanto possa sembrare abbandonata, non è un self service da cui asportare oggetti e materiali… Ovviamente, a maggior ragione, in qualsiasi posto vi troviate, questo non è una discarica dove abbandonare i resti del vostro pic-nic. Penso comunque che chi getta immondizia in montagna lo faccia anche al mare, al lago o lungo le strade della periferia urbana, spero che nessuno si trasformi in incivile solo per ragioni di quota!

be3lv8
Non a tutti piace la montagna senza eventi e manifestazioni, con “troppa pace” – Chamois (AO)

Non è PER TUTTI perché ha le sue leggi naturali. Bisogna conoscerla sia per rispettarla, sia per affrontarla. O anche solo per “trovarcisi bene” durante una vacanza, soprattutto quest’anno quando molte iniziative organizzate per lo svago dei turisti probabilmente non ci saranno (concerti, sagre, manifestazioni di vario tipo). Quindi… cosa fare in montagna? Riposarsi, prendere il sole, affrontare lunghe camminate, escursioni più impegnative, gite in bicicletta. Gustare un pranzo in rifugio e/o una cena nei vari ristoranti tipici. Ma ricordiamoci che ci può essere il maltempo, il temporale improvviso o la pioggia di più giorni. Magari anche una spruzzata di neve persino al mese di luglio, a certe quote. Dobbiamo affrontarla attrezzati come vestiario, come calzature, come preparazione fisica. Avere una mappa da consultare (cartacea… le app non sempre riesci ad aprirle, senza segnale telefonico)… Bisogna anche saper guidare, in montagna, perché a volte trovi chi va a cacciarsi in difficoltà con mezzi non adatti o chi non sa affrontare strade strette e tortuose. Insomma, tante piccole regole scontate per chi ci va da sempre, ma che possono mettere in difficoltà chi la montagna non la conosce e non è abituato a percorrerla.

x85frr
La nebbia può scendere in pochi minuti e rendere il panorama irriconoscibile – La Salette, Valtournenche (AO)

In queste settimane ho notato un aumento di richieste di consigli (su gruppi on-line dedicati alle vallate alpine) riguardanti le escursioni. “Dove posso andare con un bambino piccolo?” “Mi piacerebbe raggiungere un lago/un rifugio/vedere animali selvatici ecc ecc senza dover camminare troppo” e altre domande del genere. Dato che non ci si poteva allontanare dalla propria regione, chi chiedeva non era un turista in cerca di consigli per le vacanze, ma qualcuno che in montagna non c’era mai andato. Quella che per me è una semplice passeggiata, per un neofita può trasformarsi in un incubo: penso a scarpe non adatte, penso ad un temporale improvviso, alla nebbia che sale… Già normalmente capita, di ritorno da qualche gita, di incontrare qualcuno seduto su un sasso o che arranca sotto il sole pomeridiano e, nel vederti, pone la fatidica domanda: “Quanto manca?” Quanto manca… a cosa? Qual è la tua meta? E poi… con un passo normale mancano 10 minuti, mezz’ora, un’ora, ma non so quanto potrai impiegarci tu!

yej5ei
Capre in un recinto accanto ad una strada nei pressi di un’area attrezzata per turisti – Champléve, Valtournenche (AO)

Potrei scrivere per ore, su queste tematiche. C’è poi la solita diatriba dei cani da guardiania che tanto scalda gli animi con lettere ai giornali e violenti post sui social, ci sono i cani dei turisti lasciati liberi, ci sono le deiezioni (dei cani, dei turisti e tutti i fazzolettini lungo i sentieri, adesso iniziano a comparire anche le mascherine). Insomma, sarebbe tutto riassumibile con un paio di concetti elementari: buona educazione, rispetto e buonsenso, ma una certa parte di popolo fuoriuscito dal lockdown sembra aver cancellato queste parole dal suo bagaglio (o forse già ne era privo), mentre si è caricato di una bella dose di arroganza e insofferenza.

lh2ol5
Segnaletica sul muro di un vecchio alpeggio – Valtournenche (AO)

Concludo con un’altro argomento di stretta attualità collegato con quanto scritto sopra: la “montagna a pagamento” di cui si sta tanto parlando (e che è già diventata una realtà in alcune zone). Numeri chiusi e pedaggi? Non sono contraria a priori, ma… il numero chiuso mi fa un po’ paura, perché se chiudo qui, chiudo là, cosa succede dove lascio libero accesso a tutti? Sul pagamento di un ticket invece sono d’accordo, ma non deve essere una tassa e basta, deve essere usato per finanziare quei servizi di cui usufruirà chi paga (perché parcheggia in un certo posto o perché percorre una certa strada di alta montagna). Quindi pago volentieri se ho un parcheggio con cestini per la raccolta differenziata, dei servizi igienici, una buona segnaletica sulla sentieristica che parte da quel luogo dove lascio la mia auto, solo per fare alcuni esempi.

ricewu
Il Lago di Lod in attesa dei turisti – Chamois (AO)

Non so se al mare o in altri “luoghi turistici” si viva il “problema” allo stesso modo. Non conosco abbastanza le altre realtà per poter fare dei confronti. Ciò che si sta verificando in questi giorni non è che un peggioramento di ciò che già avveniva ogni estate. Ricordo per esempio ciò che accadde l’anno scorso durante un periodo di caldo eccezionale tra fine giugno ed inizi di luglio, con la gente che scappava dalle città sperando di trovare refrigerio in montagna. Non solo infinite code nelle valli al rientro, ma sovraffollamento, immondizia ovunque, prati calpestati, ecc…

kfnvvb
Le vacche escono dalla stalla dirette verso i pascoli, scene di normale vita rurale in una zona altamente turistica – Losanche, Valtournenche (AO)

Soluzioni? Buonsenso e buona educazione risolverebbero almeno l’80% delle criticità. Per il sovraffollamento non so che dire, siamo sicuramente un po’ allo stretto in generale sulla Terra e molti di noi, sia nella vita di tutti i giorni, sia nei momenti in cui siamo turisti, vorrebbero poter godere di un luogo in pace e tranquillità. Penso a quella signora che, l’altro giorno, in un gruppo di montagna su facebook chiedeva: “Dove posso andare per fare una gita tranquilla senza incontrare gente?“. Ognuno dava il suo consiglio, ma chissà quanti di quelli che leggevano saranno poi andati lì ieri, tutti a cercare la stessa meta solitaria??

lxqers
Ancora un cartello che invita al rispetto – La Magdaleine (AO)