Il tempo dei capretti

In questa stagione il tempo per scrivere qui è poco… Quest’anno il periodo dei parti si è fortunatamente concentrato in pochi giorni, dal momento che le capre erano andate in calore tutte assieme. Manca ancora un parto, ma il più è fatto. Non parliamo dei numeri dei grandi allevamenti con capre da latte, ma comunque sono giornate in cui l’impegno cresce.

31fqpd
Le mammelle di una giovane capra al primo parto poche ore prima del lieto evento – Petit Fenis, Nus (AO)

Più o meno la data si sapeva, avendole tenute d’occhio al pascolo, però qualcosa poteva essere sfuggito, oppure poteva esserci un ritardo di qualche giorno. I segni del parto imminente però di solito sono inequivocabili, tra segnali esteriori e comportamento della capra stessa.

x3fouy
Tutto è andato bene e il capretto riceve le prime cure dalla madre – Petit Fenis, Nus (AO)

Solitamente tutto avviene secondo natura, senza bisogno di intervento dell’uomo, ma… può capitare che vi siano complicazioni, che il capretto sia mal posizionato e che il parto naturale sia impossibile o pericoloso per la mamma e per i piccoli. Meglio quindi essere sempre presenti in quegli istanti delicati. Nonostante abbia già assistito più e più volte a questi momenti, anche da sola e dovendo prestare qualche aiuto agli animali, vivo comunque il tutto con una certa ansia e preoccupazione…

pgpmkq
Parto gemellare – Petit Fenis, Nus (AO)

…seguite da un gran sollievo quando tutto si conclude per il meglio! L’altro giorno c’erano due capre, in due box affiancati, entrambe hanno rotto le acque nello stesso momento, hanno partorito in contemporanea (ma una ha dato alla luce due gemelli) ed espulso insieme la placenta. Quando però ho visto i piedini che spuntavano qua e là, per un attimo mi sono detta… “E adesso???

j7ug4g
Pascolo invernale – Petit Fenis, Nus (AO)

Con il resto del gregge intanto si va al pascolo. Non tutte le capre erano gravide, per scelta “gestionale”, così sciolta la poca neve e salite le temperature, abbiamo ripreso ad andare in cerca di ghiande, castagne, qualche foglia secca e i primi ciuffi d’erba.

0bulsx
Non avendo interesse a mungere, i capretti restano con le mamme – Petit Fenis, Nus (AO)

Intanto in stalla le capre che hanno partorito mangiano dalla mangiatoia e i piccoletti poppano a volontà. Bisogna comunque seguirli attentamente almeno nelle prime settimane di vita, controllare che abbiano mangiato a sufficienza (ed eventualmente procurare una poppata aggiuntiva sotto una capra con più latte), verificarne lo stato di salute e così via.

e6igxh
Si inizia ad assaggiare qualcosa oltre il latte materno – Petit Fenis, Nus (AO)

Al pascolo con il gregge c’è già un capretto, ma ormai ha già più di un mese e può seguire agevolmente le capre. Anzi, supera la gran parte di loro e spesso si dedica a giochi sfrenati su e giù per qualche ceppo di legno o sasso. Presto avrà poi altri compagni di giochi!

alpxpx
Birba e i suoi gemelli – Petit Fenis, Nus (AO)

Quest’anno c’è stata una netta prevalenza di maschi, tra le nascite, ma non è un qualcosa su cui possa influire l’allevatore. Adesso l’importante è che stiano bene e che abbiano abbastanza cibo, per crescere sani e forti.

p8rruu
Iniziano i giochi e le corse qua e là per la stalla – Petit Fenis, Nus (AO)

Passati i primissimi giorni in “isolamento” con la madre, i box vengono aperti e… i piccoli fanno conoscenza tra di loro, cominciando a giocare. Tra non molto ci saranno grandi corse e salti, ma sarà anche ora di uscire tutti insieme al pascolo!

Annunci

Inverno? Non pervenuto…

Quest’autunno avevamo provato a “leggere” i segni che la natura ci dava, anche facendo riferimento agli antichi detti. La neve “sulla foglia” avrebbe significato un inverno mite? Oppure l’abbondanza di frutti autunnali voleva indicare un lungo inverno con tanta neve?

damd7r
Giochi di giaccio lungo il ruscello – Petit Fenis, Nus (AO)

Ha “vinto” il detto che parla di un inverno che “non da noia” quando nevica sulla foglia. Qui infatti ci sono state poche, pochissime giornate davvero invernali. Quelle in cui il termometro è rimasto costantemente sotto lo zero saranno state sì e no un paio, non di più.

bbat6w
Perle di ghiaccio – Petit Fenis, Nus (AO)

Il cielo era quasi sempre limpido, spesso la montagna era spazzata da un forte vento, ma questo portava più temperature insolitamente miti che non gelo e brina. Così è passato gennaio ed è arrivato febbraio.

zwunkr
Il camion del trasporto latte la sera della nevicata – Petit Fenis, Nus (AO)

In queste ultime settimane qualche volta abbiamo sì visto la neve… ma si è trattato di pochi centimetri. Solo un giorno ha nevischiato dalla mattina fino al pomeriggio, per regalarci infine una nevicata serale/notturna.

mowads
La valle al mattino dopo la nevicata – Petit Fenis, Nus (AO)

L’atmosfera è durata poco, il giorno dopo già risplendeva il sole che, in poche ore, ha fatto cadere tutta la ghirlanda bianca dai rami e ha assottigliato rapidamente lo spessore del manto bianco a terra.

wwgs1y
Tramonto infuocato verso l’alta valle – Petit Fenis, Nus (AO)

C’è stato ancora un ultimi tentativo che, una sera, improvvisamente ha imbiancato tutto, dopodiché è tornato il vento, a spazzar via gran parte di quello che c’era ancora. Un tramonto infuocato, poi sono ricominciate le belle giornate di sole.

b0g4zp
Pascolo a febbraio, a 1000m di quota – Petit Fenis, Nus (AO)

E ieri il sole era caldo, troppo caldo. Un caldo fastidioso, che ti lasciava prostrato. Ti chiedevi persino se fosse l’influenza che era ritornata, ma non si trattava di febbre, solo di temperature decisamente sopra la media unite a un abbigliamento ancora invernale. Intanto, si sentivano ronzare api, in cerca di fiori ancora assenti e… sì, ho visto passare un paio di farfalle gialle!

lnjvf9
Un paesaggio poco invernale – Petit Fenis, Nus (AO)

Sull’altro versante della valle la neve c’è ancora, ma qui in pieno sole la neve si è ritirata ben oltre i 2000m, rimanendo solo qua e là a chiazze dove il vento l’ha accumulata e i raggi solari arrivano con più difficoltà.

xada0x
Pastis cerca refrigerio nella neve – Petit Fenis, Nus (AO)

Anche gli animali sono confusi, si dirigono verso il bosco, ma per l’ombra occorre aspettare ancora qualche mese. Così, dopo aver mangiato ghiande, castagne e quel po’ di erbetta verde che già si fa vedere nei punti più riparati, eccole dirigersi verso la neve residua: c’è chi la mangia e c’è chi vi si rotola sopra. Il timore ora è che la vegetazione si “muova” troppo in fretta, per poi venir danneggiata dal gelo in primavera. Ahimè poco possiamo fare, se non riflettere sui cambiamenti climatici in atto…

AAA Fontina cercasi

Nei giorni scorsi, ho ricevuto un’e-mail da parte di un’amica che fa parte di un GAS in Piemonte (Valle di Susa). Sapete cosa sono i GAS? Gruppi di acquisto solidale. Dal sito di riferimento, ecco la definizione di GAS: “…sono un’esperienza di consumo critico nata in Italia negli anni ’90, attraverso cui i cittadini si organizzano per acquistare insieme direttamente dai produttori secondo criteri di rispetto per le persone e l’ambiente e preferendo piccoli produttori locali con un progetto legato al territorio.

mx4y6r
…dirette ai pascoli… – Vallone di Saint Barthélemy, Nus (AO)

Grazie all’organizzazione in gruppi, i consumatori acquistano prodotti realizzati con una certa “filosofia” direttamente dai piccoli produttori e li ricevono anche a centinaia di km di distanza. Si acquistano arance dalla Sicilia, pecorino dalla Sardegna e così via. Non posso andare di persona ad acquistare dall’azienda, so che quell’azienda produce rispettando certi canoni (di lavoro, di benessere animale, di salubrità del prodotto, di alimentazione delle vacche, capre, pecore…), certamente non sarebbe economicamente attuabile l’acquisto per una singola persona, ma organizzandosi in gruppo l’azienda farà delle spedizioni di una certa importanza. Ovviamente la spedizione deve prevedere già una suddivisione dell’acquisto: per intenderci, non la forma di pecorino, ma le fette sottovuoto etichettate, di modo che ciascuno ritirerà direttamente il suo pezzo. Una volta rodato il sistema, può anche funzionare bene. Io non ho esperienze dirette né di vendita, né di acquisto secondo questi canali, ma conosco persone che piazzano parte delle produzioni anche attraverso i GAS e altri che invece se ne servono per acquistare. Generalmente me ne hanno parlato positivamente.

zawsx8
Fontine “fresche” nel Vallone di San Grato – Issime (AO)

Dopo questa premessa necessaria per spiegare a tutti di cosa stiamo parlando, veniamo al nostro caso. L’amica mi contatta perché, sapendomi in Valle d’Aosta, avrebbe bisogno di trovare un fornitore di Fontina per il loro GAS. Avevano già fatto un tentativo, che però si era arenato sul discorso porzionamento ed etichettatura. Cioè, come si diceva sopra, spedire le fette tagliate ed etichettate, non la forma intera. Magari alcuni lettori/produttori, a questo punto staranno dicendo: “Io lo posso fare! Gliela vendo io la Fontina!“.

ttvvku
Mandria nei pascoli alti della Tsa de Fontaney – Vallone di St.Barthélemy, Nus (AO)

Come vi dicevo, il cliente del GAS però è un consumatore molto attento. Non cerca solo il “nome” Fontina, ma vorrebbe una Fontina buona, sana, d’alpeggio, prodotta secondo certe metodologie. “Io sono interessata a trovare la Fontina prodotta il più possibile solo con erbe di pascolo. Questo perché il latte derivante da mucche che hanno mangiato solo erba e/o fieno, possibilmente di alta montagna, è di valori nutritivi assai maggiori, oltre che più buono.” Personalmente, concordo al 100% con lei, ma so bene che la realtà valdostana vede, anche in alpeggio, l’utilizzo di mangimi. (Succede anche altrove, ma adesso stiamo parlando di Fontina). La Fontina è una DOP, ma il disciplinare prevede che ciò accada e definisce cosa è possibile impiegare nelle integrazioni alimentari oltre al fieno e/o al pascolo.

iydk0t
Caseificazione in alpeggio – Pila (AO)

Tutto ciò dovrebbe farci riflettere e non poco su un discorso di quantità e qualità. Posso ancora comprendere le integrazioni al fieno, poiché parliamo di fieno di montagna, molto profumato, ma talvolta non così ricco. Guardate le foto d’epoca, le vacche non erano mai particolarmente grasse. Mangiando solo fieno e venendo munte, le riserve dell’animale si consumano. Ma quando sono al pascolo in montagna, perché dare mangimi? Per avere più latte, certo. Ma se abbiamo meno latte e questo ha caratteristiche organolettiche (oltre che gustative) migliori? Otterremo meno prodotto, ma di qualità più elevata, da vendere a prezzo maggiore ad un consumatore attento. E senza avere la spesa aggiuntiva del mangime! Giusto?

a9b6xt
Pascoli al lago di Cignana – Valtournenche (AO)

Un progetto in tal senso è stato fatto, ne avevo già anche parlato. Iniziato nel 2017, è continuato anche la scorsa estate, coinvolgendo un maggior numero di alpeggi. Parliamo quindi di Fontine prodotte d’estate, con latte derivante solo dal pascolo. Bene… c’è qualcuno di questi produttori interessato a collaborare con questo GAS? Ricordiamo tutti i requisiti richiesti:

1) l’allevatore possa prendere l’ordine via email
2) possa spedire la fontina via corriere
3) possa ricevere i soldi via bonifico
4) possa fare le porzioni di 1 kg (circa) sottovuoto
5) Ci garantisca sulla fiducia che la fontina sia prodotta da lui medesimo, con latte prodotto da vacche che hanno mangiato solo erba dei pascoli, non mangimi o integrazioni – in pratica un disciplinare biologico non certificato.

9udhea
Vacche di razza valdostana al pascolo – Pila (AO)

Ovviamente potrebbe essere anche un produttore che non ha aderito al progetto di cui sopra, ma che garantisce di non dare mangimi alle vacche in alpeggio. Vediamo un po’ se riusciamo a trovarlo… e comunque, oltre al GAS interessato all’acquisto, sono certa che ci siano molti altri consumatori che preferirebbero acquistare un prodotto del genere. Visto che ci si lamenta spesso del prezzo basso della Fontina o del latte venduto per fare la Fontina… non sarebbe il caso di puntare sulla qualità? I consumatori consapevoli e attenti ci sono, iniziamo a soddisfare loro. Non possiamo solo lamentarci che bisogna tenere il prezzo basso perché altrimenti non si vende… Fornirò alla mia amica i recapiti di chiunque si farà avanti, sarà il GAS a contrattare le condizioni con il produttore, eventualmente anche valutando le varie offerte ricevute. Scrivetemi, oppure contattatemi su Facebook. Spero di potervi raccontare il seguito di questa “storia”…

Lacrime e latte versato

Non sono solita scrivere di situazioni che non conosco direttamente, che non ho toccato con mano o di persone che non ho mai incontrato. Però non me la sentivo di tacere di fronte a ciò che sta accadendo in Sardegna. Per diversi motivi: prima di tutto, per solidarietà con chi pratica il mestiere della pastorizia, poi perché i media non ne hanno dato notizia per giorni e… quando l’hanno fatto, la notizia è sembrata quasi un pezzo di folklore, collocata ben dopo le manifestazioni dei gilet jaunes in Francia. Come ultima cosa, ciò che più mi ha infastidito, è vedere come parte del “pubblico” abbia frainteso la protesta, o comunque non abbia attribuito il giusto significato di “versare il latte”.

dcixf6
Acquerello di Favole artventure – Ilaria Sirigu

Magari qualcuno di voi, a questo punto, dirà: “Sardegna? Perché… cosa sta succedendo in Sardegna?“. Già, perché solo chi “vive” nel mondo dei social network ha subito avuto un’idea di quel che stava accadendo, grazie alle foto, ma soprattutto ai video e ai post degli stessi pastori. Li si vedeva aprire i rubinetti dei frigo del latte, di modo che questo defluisse a terra e poi negli scarichi. Oppure versare secchi di latte nel truogolo dei maiali. Dopo sono arrivati anche video delle proteste di piazza, del latte versato in strada. Ma… andiamo con ordine, come vi ho detto, non conosco direttamente la situazione, così me la sono fatta spiegare da chi sta in Sardegna o di chi ha legami con quella terra.

matmt4
L’immagine simbolo della protesta in Sardegna – foto dal web

Prima ho letto quello che mi ha scritto Ivo Boggione, allevatore di capre in Langa: “Noi siamo mezzi sardi, mia mamma è sarda, e finalmente quest’anno a capodanno siamo riusciti coi bimbi ad andare a vedere zii e cugini in Sardegna (lasciando le nostre capre 5 giorni alla custodia degli amici). Siamo legati alla Sardegna, anche la nostra piccola impresa di pastorizia nasce dalla mia esperienza con un pastore sardo che era venuto in Piemonte negli anni 70 per pascolare, nella pianura e nelle Alpi, per mungere le sue pecore e fare pecorino da vendere direttamente. Il problema che vivono in Sardegna in realtà secondo me è quello che ci tocca tutti: è l’essere come agricoltori e pastori tutti ormai in balìa del commercio indiretto, del dilagare di supermercati e centri commerciali, della distanza tra i consumatori e il mondo contadino che produce il cibo. Dobbiamo renderci conto che la protesta dei pastori sardi non è solo per il prezzo del latte, ma per l’assurdità del sistema in cui viviamo. Noi qui non ci possiamo magari lamentare dei prezzi, ma potremmo metterci a protestare per le mille incombenze burocratiche che ci portano via gran parte del guadagno. In Sardegna chi ne trae vantaggio sono le speculazioni sulle esportazioni di formaggi e latte sardi, al nord chi riesce a parassitare il mondo agricolo è il settore terziario. Penso però ai miei cugini che laggiù tribolano: ho visto a inizio gennaio comprare del fieno a 30 euro il quintale, ho visto che è diventato normale per quasi tutti comprare il pecorino del caseificio cooperativo. Ma anche i miei bimbi che lo hanno assaporato hanno capito che il formaggio fatto alla sarda da Cosimo, o quello di Piero di Maria, sono tutta un’altra cosa!

y7hwhp
Un fiume di latte a Oliena – foto dal web

Portate pazienza, a questo punto il discorso si fa lungo, ma non è possibile spiegare cosa c’è dietro alla protesta in poche righe. Proviamo allora ad affrontare il discorso in modo tecnico con un’amica sarda, Erika Sois, operatrice di sviluppo rurale. Ci eravamo incontrate proprio tra i formaggi anni fa ad Amatrice… ma quella è un’altra storia. Erika scrive di getto, mettendoci il cuore di chi vede soffrire la sua terra, la sua gente. “Il latte come il grano (e molto altro ancora) è trattato secondo una logica del prezzo unico basato su quotazioni stabilite chissà dove e da chissà chi. E’ la logica del sistema dominante dove chi produce la materia prima non riceve equo compenso, bensì rimane schiacciato dagli anelli successivi della filiera (trasformazione, commercializzazione). È il sistema capitalistico, dove il trasformatore industriale e la GDO operano per massimizzare la produzione riducendo al minimo i costi. Ma alla base vi sono allevatori ed agricoltori che devono fare i conti anche con la natura, i suoi ritmi, imprevisti ecc. e con contrattazioni sul proprio prodotto non trasparenti, non tutelate, dove il prezzo non lo fa il produttore bensì l’acquirente (il trasformatore). Nel nostro caso, i pastori sono la base di questo sistema, meri conferitori di materia prima il cui prezzo viene stabilito sulla base delle quotazioni del Pecorino Romano. (Ricordiamo che per Pecorino Romano si intende un formaggio DOP prodotto con latte di pecora sarda in Sardegna, Lazio e Toscana – ndA). Si calcola che, nell’isola circa il 60% della materia prima conferita ai trasformatori sia impiegata per produrre Pecorino Romano. E allora sorge la domanda: ma se il mio latte viene utilizzato per produrre altre DOP oppure altri formaggi, perché il mio latte deve essere pagato in base al prezzo del Pecorino Romano?  E poi, tra le decine di caseifici vi sono industriali grossi e piccoli, cooperative, ciascuno dovrebbe prendere autonoma posizione, contrattare con i singoli allevatori in base al proprio piano di impresa. Invece sono semplicemente tutti, e dico tutti (cooperative incluse) concordi con il prezzo base per litro di latte. Poi è vero che si verificano oscillazioni, per cui vi è un industriale che paga a 60 cent./litro (IVA compresa) ed un altro nel medesimo anno a 57, una cooperativa a 65 o 70 ecc. (Il prezzo di quello caprino è ancora più inferiore a causa della sua ridotta resa). Di fatto, i trasformatori creano cartello, il che è illegale. Tanta è la disperazione degli allevatori che, prima della campagna latte, sono accaduti episodi molto squallidi di trasformatori che hanno proposto a degli allevatori un contratto in bianco (senza cifra) garantendo loro la disponibilità immediata di un anticipo sul latte da versarsi. Purtroppo molti allevatori, a causa prima della siccità, poi di temporali, alluvioni e pioggia continua, non avevano più un soldo per poter pagare i mangimi, con conti aperti non saldati nei mangimifici. Insomma, una situazione molto umiliante.”

rdcv4l
Un lago di latte versato per protesta – foto dal web

“La drammaticità della situazione è data anche dal fatto che si parla di un numero elevato di aziende (e quindi di famiglie): da un lato abbiamo circa 35 caseifici, dall’altro circa 18.000 aziende (di cui oltre 12.000 ovine, le restanti caprine). Altro aspetto importante, a livello istituzionale abbiamo diversi luoghi deputati al confronto tra le parti (industriali, cooperative, rappresentanti di categoria, assessorato ed agenzia di assistenza in agricoltura, OP, consorzi di tutela). Si susseguono: Tavolo Verde, OILOS ecc., una serie di incontri periodici al cui tavolo si discute anche del prezzo del latte, con conseguenti “fumate nere” perché il mondo della trasformazione afferma di non poter pagare di più la materia prima a causa del prezzo del formaggio sul mercato, delle giacenze nei magazzini ecc. Altro aspetto, i consorzi di tutela, quello del Pecorino Romano dovrebbe avere il compito di eseguire controlli sui contingentamenti di prodotto e procedere alle sanzioni nei casi in cui i trasformatori producano oltre le soglie stabilite (proprio al fine di tentare di bloccare i prezzi e garantire che non scendano sotto il livello previsto), ed invece nulla! Il Consorzio “fantoccio” non controlla, non sanziona. Altro aspetto è la connivenza di tutti i trasformatori, Coop incluse, con i grossi industriali per esigenze commerciali: il Pecorino Romano è destinato nella quasi totalità al mercato USA e Canada, e quei mercati sono controllati direttamente da 2-3 soggetti tra cui i più grossi industriali sardi.”

iu8gaf
Stand del Consorzio Pecorino Romano – foto dal web

“Venendo al prezzo attribuito al litro di latte, 0,60 cent. (IVA compresa), questi risulta ben al di sotto del costo di produzione (stimato da Ismea in 1 €/litro). Ovviamente ogni azienda avrà il suo costo, ma certamente non si discosta poi tanto dalla stima.
La protesta: questa parte alcuni giorni fa quando cominciano a girare dei video sui social dove si vedono degli allevatori che spontaneamente decidono di buttare il proprio latte chi ai maiali, chi apre la valvola del refrigeratore lasciando che il latte cada a terra, poi l’assalto ad un camion trasportatore, due uomini incappucciati costringono l’autista di una cisterna a fermarsi e poi aprono le valvole lasciando sgorgare a terra il latte (il latte era stato appena ritirato dalle aziende.”

8muquz
Solidarietà dalla Toscana: i pastori fermano il rally di Radicofani (SI). Molti pastori in Toscana hanno origini sarde – foto S.Moscadelli

“Episodi di questo tipo si moltiplicano a decine in ogni angolo dell’isola, si organizzano blocchi sulle principali strade con relativo versamento di latte, oppure nelle piazze dei paesi e si coinvolgono anche i sindaci. Si presidiano i cancelli del più demonizzato degli industriali -Pinna- si assaltano le sue cisterne, dei manifestanti riescono ad entrare nello stabilimento e a provocare dei danni. Cominciano ad attirare l’attenzione della stampa nazionale e aumentano i gesti di solidarietà. Al latte versato dai singoli pastori, a quello delle cisterne, si aggiungono oggi assalti a camion che trasportano latticini, a camion che trasportano carni importate. Proprio l’importazione è un’altra nota dolente. La protesta consiste anche nel presidiare i porti dell’isola nelle ore in cui è previsto l’attracco delle navi, perché gli industriali importano anche latte dall’estero (quello ovino prevalentemente dai Balcani-Romania, Bulgaria). Ci sono stati anche episodi smascherati di importazione di formaggio Pecorino dalla Romania (Pinna possiede un grossissimo stabilimento caseario anche in Romania).
Va detto che la protesta non ha colore politico ed è comunque appoggiata dal Movimento Pastori Sardi. Molti degli allevatori in prima linea sono del Movimento.
Ultima osservazione: il ruolo della politica. Semplicemente inutile, incapace di farsi carico di responsabilità, incapace di affrontare la lobby dei trasformatori e di avanzare e pretendere tutele per i produttori. Attualmente siamo in campagna elettorale, il 24 febbraio rinnoveremo il nostro Consiglio Regionale, è la situazione è molto delicata anche per questo motivo.

yog16c
A Bottidda i pastori hanno regalato ricotta – foto dal web

Come vedete il discorso non è affatto semplice. Si è creato un sistema e non è facile venirne fuori. Molti, in questi giorni, hanno criticato il fatto che il latte venisse versato, senza capire quanta sofferenza e rabbia c’era dietro quel gesto. Qualcuno, senza capire, diceva che il gesto sarebbe stato più apprezzato se il latte fosse stato donato… Ma chi beve latte di pecora? E poi… siete a conoscenza di tutte le leggi sanitarie in merito? E come lo si trasportava il latte, migliaia di litri di latte fresco? Trasformarlo… qualcuno l’ha fatto e ha donato la ricotta, ma ormai chi vende il latte, lo fa anche perché non ha le attrezzature, il tempo, il personale, il posto per fare i formaggi. Le mungiture quotidiane non sono di 10-15 litri che fai scaldare sul fuoco in cucina nella pentola della conserva! Tra i tanti video che ho visto, mi hanno colpito specialmente quelli delle donne, delle pastore, madri, mogli, figlie. Leggete per esempio questa lettera aperta scritta dalla figlia di un pastore, Marzia Zucca: “(…)Quello che state vedendo tutti in questi giorni non è un latte buttato nella fogna, è il sudore, è il sacrificio, è l’alzarsi presto la mattina per cercare di andare avanti, è andare a letto presto la notte con la speranza che le pecore non siano uscite dal terreno,è sperare in una buona annata di pioggia affinché cresca l’erba per le nostre pecore, è la disperazione dei pastori, è il lavoro di anni, di una vita. Dietro quel latte c’è un padre che al nostro compleanno, al nostro battesimo, battesimo,alla mia laurea,a Pasqua, a Natale è sempre andato prima in campagna. (…)

jcetcg
Immagini della protesta dei pastori in Sardegna – foto dal web

Versarlo io lo vedo come un modo di farlo tornare alla terra, meglio che vada a concimare l’erba, piuttosto che svenderlo… In questo momento le soluzioni quali potrebbero essere? Pagarlo al giusto prezzo (ma non solo in Sardegna, il discorso vale per ogni luogo e per ogni tipo di latte!) e non farlo arrivare dall’estero. Ma qui entrano in gioco interessi economici e politici, come già spiegato sopra. Trasformare e valorizzare il proprio prodotto? Certo, ma… non è semplice e, forse, non è fattibile per tutti. Perché è vero che, se valorizzi il tuo prodotto, puoi riuscire a trovare un giusto equilibrio tra numero di animali e dimensioni aziendali, ma il discorso della commercializzazione e promozione non è alla portata di tutti. Inoltre, ci sarà sempre e comunque un mercato che non potrà permettersi un prodotto di qualità a caro prezzo.

bscd4g
Si versa il frutto del lavoro quotidiano – foto dal web

Lo dice anche Erika nel lungo scambio di messaggi che abbiamo avuto in queste ore: “Chiedendo un prezzo unico della materia prima il mondo pastorale dimostra di non riuscire ad uscire dalla logica logica del sistema, perché continua a chiedere un innalzamento del prezzo minimo (ma sempre unico!). Invece, proprio perché ad essere disfunzionale è il sistema, si dovrebbe uscire quello dominante ed instaurarne un altro. Quale? Collegare il prezzo della materia prima al suo livello qualitativo (con riferimento a parametri nutrizionali e organolettici). Perché il latte non è tutto uguale, dipende da come l’animale vive e si alimenta (e questo l’antico pastore lo sapeva, facendo differenza tra una forma di formaggio da latte di gennaio/febbraio ad una sicuramente più eccellente derivante dai Pascoli di marzo/aprile ecc.). Dovremmo recuperare questa antica consapevolezza, oggi rafforzata dal sapere scientifico. Tutto questo presupporrebbe però un grande sforzo della trasformazione, nuovi investimenti per adeguare impianti e sistemi di commercializzazione… ecco, forse, perché risulta ancor più complicato da attuarsi.

nqorby
Ancora un’immagine della protesta – foto dal web

Siamo andati un po’ nel tecnico, ma era necessario farlo, andare oltre le emozioni delle lacrime e del latte versato, anche per provare a dare delle risposte e delle soluzioni che dovranno necessariamente essere trovate. Perché altrimenti morirà la pastorizia, l’allevamento, un popolo, una terra. Questa protesta dovrebbe far riflettere tutti, allevatori e consumatori. I primi ritengono che il loro latte sia equamente pagato? I secondi, acquistano in modo consapevole?

Lavorare con la natura mi ripaga da tutti gli sforzi e i sacrifici che facciamo ogni giorno

I giovani che stanno rispondendo al questionario per raccontarci cos’è successo nella decina d’anni tra la mia intervista per il libro e oggi ci stanno raccontando delle belle storie. Non sappiamo se, chi non ha risposto, forse non ha avuto altrettanto successo, ma… purtroppo sono tanti i fattori che influenzano le nostre vite, figuriamoci poi quando si pratica un lavoro che è una vera e propria scelta di vita!

lvhy5o

Oggi ci spostiamo in Valsesia dai fratelli Vaira. Qui l’intervista raccolta nel 2011 con Filiberto, allora studente universitario. E oggi invece? Di nuovo a lui la parola, in rappresentanza dell’azienda e della famiglia. “Grazie a te per ridarci la possibilità di raccontare. Abbiamo ancora animali e abbiamo ingrandito l’azienda: come detto nell’intervista scorsa, abbiamo eliminato gli ovini e aumentato i caprini (70 capi) e i bovini (45 capi).

pjeb8b

I bovini sono tutti di razza bruno alpina originale: è stata una nostra scelta soprattutto per un valore affettivo di questa razza, dato che era la vacca dei Walser. Abbiamo recuperato un po’ di capi qui vicino e adesso anche capi da Austria e Svizzera per migliorare la qualità dei nostri capi aziendali. Come prima veniamo in alpeggio in Valle Vogna, dove abbiamo acquistati nuovi terreni.

rpu3mk

In inverno non affittiamo più la stalla nel novarese, ma abbiamo comprato una cascina a Sostegno (BI), che si trova all’imbocco della Valsesia. Adesso l’azienda è a nome mio e dei miei fratelli e abbiamo formato una società, Azienda Agricola Vaira s.s.a., dove mio fratello si occupa dell’allevamento e trasformazione formaggio, io mi occupo della burocrazia aziendale, stagionatura formaggio, trasformazione carni e salumi, vendita prodotti e anche aiuto in allevamento, diciamo che sono il jolly per tutto! Oltre a noi c’è mia sorella che si occupa dei cavalli, prima erano due aziende distinte adesso ci siamo uniti per poterci aiutare meglio l’un l’altro, infatti per quanto riguarda i cavalli abbiamo costruito una stalla ad Alagna Valsesia, grazie ai contributi dell’insediamento giovani.

xlfhgh

oocxxz

Le difficoltà come dico sempre sono nella burocrazia, anche le domande di contributo vengono sempre più complicate e richiedono sempre più tempo, nel nostro caso io mi occupo di più di questo argomento e sono più aggiornato, ma chi si trova a gestire un’azienda da solo troverà molte difficoltà. Il lavoro sul campo ha i suoi problemi, ma sono problemi che si affrontano volta per volta e che ti fanno dire, a fine giornata, ho fatto fatica ma sono soddisfatto.

jzt9gr

A livello famigliare io mi sono sposato e ho una bambina di 2 anni, Mio fratello ha un figlio di 3 anni e mezzo e mia sorella un bambino di 11 e uno di 3. I nostri partner danno una mano in azienda oltre a fare altri lavori.

zofyop

Al momento abbiamo ancora molti progetti, tipo creare un piccolo agriturismo dove offrire tutti i nostri prodotti, quelli dell’allevamento, ma anche da tutte le piccole produzioni che vogliamo ingrandire per essere più autosufficienti nell’agriturismo, come produzione ortaggi, cereali per farina, frutta e apicoltura.

jqrymh

Sono molto soddisfatto perché lavorare con la natura mi ripaga da tutti gli sforzi e i sacrifici che facciamo ogni giorno, inoltre io lavoro anche come guardiacaccia in un’azienda faunistica, che mi permette di integrare lo stipendio e di continuare la mia passione di lavorare con la fauna e la natura, argomenti anche studiati all’università quando avevamo fatto l’altra intervista.

sdcrgq

Ai giovani che cominciano adesso 10 anni fa avrei cercato di sconsigliare loro questa avventura, oggi invece darei loro una mano, perché in questi anni ho capito che (soprattutto in montagna) il ritorno di tanta gente al lavoro in campagna va a beneficio di tutti e anche al beneficio personale, perché questo lavora è faticoso. ma ti regala delle soddisfazioni incredibili. Ogni giorno è una magia diversa, quello della nascita di un vitello o un capretto, la rinascita della natura in primavera, la raccolta dei tuoi prodotti dalla terra, ogni cosa per me è speciale. Al giorno d’oggi l’agricoltura è una certezza, anche se a fine mese non si è diventati più ricchi di prima, hai la possibilità di vivere bene, in un ambiente sano, e mangiare i tuoi prodotti.

mi9quv

Fanno bene al cuore e allo spirito, queste belle storie, non trovate? Qualcuno potrebbe dire: “Quelli che si lamentano, sono degli incapaci! Questi sono i veri agricoltori/allevatori!“. Permettetemi una chiave di lettura di questa storia: abbiamo un’impresa famigliare con apporti economici che vengono anche da altre attività esterne alla sola azienda zootecnica. Sicuramente questo è l’elemento che fa la differenza e che permette la sopravvivenza, il successo, di un’azienda medio-piccola di montagna. Ma si tratta di un insieme di fattori non sempre facili da trovare, mescolare e far funzionare!

Le soddisfazioni nelle piccole cose

Quando l’avevo intervistato nel 2011, Marco era stato uno di quelli che avevano detto: “Di questo lavoro mi piace tutto”, da cui poi il titolo del libro. Anche lui ha accettato la proposta di raccontare come sono andate le cose da allora.

li4kw8

Bell’idea quella di raccontare come stanno andando le cose. Sì, allevo ancora e da quando ho smesso scuola ho aumentato il numero di bestie. Quando ho finito la scuola ero anche partito con le capre, ma dopo 4 anni le ho rivendute perché facevano troppo disperare non le tenevo in nessun modo! Poi siccome mio padre odia le capre, mi ha fatto la proposta che se vendevo le capre mi comprava la mucca più bella della fiera. E dunque alla fiera a Balboutet una mucca barà (Regina) mi ha “rubato il cuore” e così ho dovuto mantenere il patto!

cauhif

uduflb
L’azienda non è a nome mio, ma sono coadiuvante qua in famiglia Su in alpeggio mi occupo io della vendita dei prodotti e aiuto nella lavorazione del latte, mentre in cascina mi occupo solo delle stalle.

efzsfx

Una cosa che sarebbe stato bello realizzare è aprire un’agri-gelateria.” La famiglia Agù gestisce già un punto vendita aziendale, “La Formaggeria di Agù”, presso la cascina di Villar Perosa (qui la loro pagina su Facebook), dove si vendono tutto l’anno formaggi freschi e stagionati. D’estate i prodotti si possono anche acquistare direttamente in alpeggio, presso l’Alpe Selleries in Val Chisone.

8q5f08

Sono davvero appagato di tutte le soddisfazioni, nelle piccole cose, nel vedere una mucca che cammina vanitosa elegante con il suo rudun, con la sua campana, quasi come se volesse mettersi in mostra. Ma anche vedere i clienti tornare a comprare il formaggio, in alpeggio vedere i turisti far foto e rivolgere complimenti per l’alpeggio e per le mucche.

qjqxs9
Ai giovani direi di non mollare, di seguire i sogni, che prima o poi si avverano. Bisogna anche ammirarli, i giovani che fanno questa scelta, perché di questi tempi non è per nulla facile iniziare!

6fmbmv

Ringraziamo anche Marco per il suo contributo. Sono già arrivate un bel po’ di risposte al questionario che ho mandato ai giovani protagonisti del libro, quindi potrò continuare a proporvi le loro storie nelle settimane a venire.

Sperando che non diventi solo folklore

A fine mese, 30 e 31 gennaio, le date sono sempre le stesse, ad Aosta l’appuntamento è quello con la Fiera di Sant’Orso. Tradizione millenaria, quella della fiera… Oggi è diventato un appuntamento soprattutto con l’artigianato del legno, in tutte le sue espressioni. Anche se certi oggetti li rivedi di anno in anno, è sempre bello aggirarsi per la fiera (nonostante la folla) per scovare i pezzi unici. Semplici o elaborati, ma meravigliosi nella loro forma e idea.

julhup
Artigianato del legno alla Fiera di Sant’Orso, Aosta

Molti riguardano l’ambiente rurale, sono espressione del territorio in cui nascono. Gli stessi artigiani talvolta hanno vissuto o vivono tuttora la realtà zootecnica. Però il più delle volte quella che viene rappresentata è una scena dal sapore antico. E’ vero che questo mestiere talvolta è “senza tempo”, è vero che certi aspetti non cambiano e non cambieranno mai…

axlfls
Scene di vita d’alpeggio – Fiera di Sant’Orso, Aosta 

Nelle sculture si munge sempre a mano, non con la mungitrice, per fare un esempio! Però la scultura centrale, quella di uno degli artisti più famosi e apprezzati, in una delle passate edizioni (2017, mi sembra) ritraeva degli animali che venivano caricati su di un camion. Un’eccezione in mezzo a tante sculture velate di romanticismo e nostalgia.

p0yyfm
Artigianato del legno a tema zootecnico – Fiera di Sant’Orso, Aosta

Si ritrae ciò che è bello, ciò che piace. E l’idea astratta della pastorizia, dell’allevamento, piace sempre e comunque. Poi è sicuramente uno dei simboli di questa regione. Ma la mia paura è che, continuando di questo passo, resterà davvero quasi solo più un soggetto per le sculture…

nehxfe
Il pastore e il suo gregge – Fiera di Sant’Orso, Aosta

Molte riguardano la pastorizia: pecore, un pastore con il gregge e gli asini… ma lo sapete che la maggior parte degli ovini che passano l’estate in alpeggio in Valle d’Aosta viene “da fuori”? La pecora rosset, razza autoctona, è sempre più a rischio di estinzione. Il numero di capi allevato cala sempre più, tra problemi di gestione legati alla presenza del lupo e scarsa remuneratività dell’allevamento. Così arrivano greggi dal Piemonte (cosa che accadeva già in passato, con le gregge biellesi), ma anche greggi da altre regioni d’Italia, in alpeggi affittati da “allevatori-speculatori” soprattutto per percepire i contributi…

yhd1ob
I collari per campanacci realizzati dagli studenti dell’Institut Agricole Règional di Aosta

La passione e la voglia di mandare avanti questo settore c’è ancora: non mancano i giovani che praticano il mestiere, ma quali prospettive anno? Dove non c’è questo ricambio generazionale, le aziende chiudono, e non sono poche quelle che hanno venduto gli animali negli ultimi tempi. Chi continua lo fa tra mille problemi.

kp2j65
Un giovane allatta con il biberon un vitello di razza castana – Fiera di Sant’Orso, Aosta

Si commentava su Facebook questo articolo, dove vengono presentati i dati dell’annuario 2017 dell’agricoltura italiana: 320 mila aziende in meno in tre anni, ma cresce la Sau (superficie agricola utilizzata). Vero a livello nazionale, ma nelle aree “marginali” spesso la chiusura di aziende porta all’abbandono delle porzioni di territorio più difficili da utilizzare (prati ripidi da sfalciare a mano, ecc…).

1m2p5d
I simboli della passione degli allevatori valdostani: campanacci e batailles des reines

La forza della passione fa sì che ci sia sempre qualcuno che continua, nonostante tutto. Ma chissà come… già oggi molti allevatori di reines, appassionati delle battaglie, non sono più allevatori con una loro mandria che sale in alpeggio. Hanno delle vacche solo ed esclusivamente per partecipare alle battaglie (e lo stesso vale per le capre), ma il loro mestiere principale è un altro.

2dpfgz
La bataille des reines – Fiera di Sant’Orso, Aosta

Resterà solo un elemento di folklore, allora? Mi auguro di no… Ma “quelli dei piani alti” dovrebbero ascoltare di più le grida di dolore dei piccoli allevatori di montagna. Va bene fare un giro alla fiera, va bene ammirare tutto questo, ma bisogna anche impegnarsi per far sì che resti vivo, e non solo un ricordo scolpito nel legno.

1k6pky
Le pecore – Fiera di Sant’Orso, Aosta 

Una di queste grida io l’ho letta e l’ho riportata qui. La lancia Enrico, allevatore valdostano, la cui storia ho anche raccontato in “Alpeggi, alpigiani, formaggi della Valle d’Aosta” (MonteRosa Edizioni). Trascrivo il suo commento: “Sono un piccolo allevatore di montagna come tantissimi ve n’erano in Italia, faccio parte di una razza in via d’estinzione, che presto dovrà essere ricordata anch’essa nei giorni della memoria. Sembra un sacrilegio ciò che ho appena affermato, ma purtroppo è così, la piccola agricoltura è stata volutamente e sistematicamente sterminata da una classe dirigente che sa guardare solamente ai dati del mero profitto.

ytzk8b
Fiera di Sant’Orso, Aosta

Burocrazia asfissiante, mancato rispetto dei pagamenti, lupo, deprezzamento del valore di prodotti di nicchia che oserei chiamare eroici, stanno svuotando le nostre montagne, è la fine di un mondo che era uno dei pilastri dell’economia di tutte le valli alpine, arrecando danni irreparabili nel mantenimento di centinaia di razze autoctone, sulla biodiversità dei pascoli e sulla stabilità degli stessi. Mi scuso per questo sfogo, ma quando leggo o sento certi professoroni che si riempiono la bocca di dati al fine di distrarre tutti dalla triste realtà di un’agricoltura italiana agonizzante, perdo la ragione. Sono quattro anni che non ricevo i premi a me spettanti per un problema informatico risolvibile in due minuti! Vivo grazie all’aiuto dei miei genitori, come me siamo in tanti, troppo piccoli perché AGEA (agenzia per le erogazioni in agricoltura) s’interessi a noi.

rzyb7d
Uno gnomo e un tatà – Fiera di Sant’Orso, Aosta

E’ bella la fiera di Sant’Orso, anche grazie a questi pezzi di artigianato legati alla tradizione, al territorio… E’ bello il territorio valdostano, il territorio delle Alpi, perché c’è ancora l’agricoltura, la zootecnia. Speriamo proprio che qualcuno ascolti queste grida, le comprenda e le trasformi in azioni concrete per far sì che gli operatori del settore primario nelle aree montane non si trasformino nella bella immagine che vedete qui sopra, un essere mitologico e un giocattolo…

…dopo tanta attesa…

Nei giorni scorsi c’erano stati dei tentativi, spruzzate lievi come zucchero a velo, dissolte immediatamente dal vento e dal primo raggio di sole. Poi finalmente, ieri sera, è iniziata la vera nevicata.

jqz1so
Stamattina, la neve – Petit Fenis, Nus (AO)

Non sembra essere di quelle che portano a grandi accumuli, niente a che vedere con la neve, caduta già a dicembre, dello scorso inverno. Ma in questi tempi di cambiamenti climatici, ci si accontenta anche solo di vederla una volta all’anno, la neve. Ad ottobre mi chiedevo se, avendo nevicato sulla foglia, l’inverno davvero non avrebbe dato noia, come recita il detto. Lo scorso anno in questi giorni faceva bello e caldo, infatti il freddo e la neve erano continuati anche nelle settimane successive (Se feit solei lo dzor de Saint Ors, l’hiver dure incò quarenta dzor, recita il detto valdostano. Se il tempo è bello il giorno di S.Orso (inizio febbraio), l’inverno dura ancora quaranta giorni). E se invece nevica, come oggi? Comunque, per continuare secondo gli antichi detti, domani sarà la Candelora…

kmqbpo
La fontana del villaggio – Petit Fenis, Nus (AO)

Sono belli questi momenti in cui nevica: senza fare un viaggio, sembra comunque di essere altrove. La neve cambia faccia al paesaggio, ai luoghi, alle cose. La neve ti trasporta nello spazio e nel tempo, per qualche istante sembra di essere in un’altra epoca. Bisognerebbe poter fare come una volta, quando la neve portava il riposo per quasi tutte le attività e le persone.

tvpyhs
Prati innevati – Petit Fenis, Nus (AO)

Sicuramente la neve garantisce un benvenuto riposo per i prati, i campi, le piante. Una coltre che finalmente proteggerà dal gelo e dal vento, una coltre che, quando scioglierà, donerà acqua, porterà al risveglio primaverile.

fbqmoh
Ruscello tra alberi e cespugli – Petit Fenis, Nus (AO)

Il ruscello scorre, anche il suo incessante mormorio oggi è ovattato, la neve avvolge tutto, nasconde il ghiaccio che ne ornava le sponde nei giorni scorsi. A quote maggiori, con temperature più basse, la nevicata sarà sicuramente più copiosa. Buon inverno, in fondo la primavera inizia il 21 marzo…