Poco tempo e troppe cose

Cari amici, come molti di voi sapranno, ieri ho fatto una toccata e fuga a Roma per essere ospite della trasmissione Geo di RAI3. Il mio intervento andrà in onda venerdì prossimo, 30 marzo, nel corso della puntata (l’orario preciso non lo so, tra le 17:00 e le 18:25). Avevamo preparato una mia scheda, avevo mandato delle foto, c’era una specie di copione con le domande che la conduttrice doveva farmi, ma invece… si è andati a ruota libera!

wzfefs
Roma – Colonna Traiana

Mentre viaggiavo in treno, nonostante l’alta velocità, guardavo lo scorrere dei magnifici paesaggi rurali che si sono via via presentati davanti ai miei occhi. C’erano anche città, fabbriche, asfalto e cemento, ma dopo… campi, prati, file di alberi sulle colline, cascine, alberi di frutto in fiore, villaggi arroccati, greggi di pecore al pascolo. La primavera qua e là stava davvero arrivando, ieri era il 21 marzo! Ma non è stata solo una questione di stagioni, i miei pensieri guardavano un paesaggio (il bel paesaggio italiano!) e vedevano quel che ci sta dietro: agricoltura e allevamento.

al33zd
Pascolo vagante in primavera – Cumiana (TO)

Tante erano le cose che mi sarebbe piaciuto raccontare al pubblico di Geo, trasmissione che seguo tutte le volte che ne ho la possibilità, ma alla fine (frastornata anche dal luogo in cui mi trovavo, dall’emozione, dalla tensione) temo di aver fatto ben poco. Ho risposto alle domande della conduttrice (persona squisita, semplice e gentile così come appare in TV), ma siamo andati a toccare ben pochi dei temi che mi stavano a cuore. Abbiamo parlato un po’ di pascolo vagante…

kietnj
Capre valdostane – Nus (AO)

…un po’ delle capre e del mio ultimo libro “Capre 2.0“. Seguendo le domande della conduttrice, non sono però riuscita ad affrontare alcune tematiche che avrei voluto portare al pubblico. Non che volessi tenere un comizio, ma almeno un accenno al sempre maggiore divario tra il mondo della terra, i produttori, e il resto della società, mi sarebbe piaciuto poterlo fare. Forse qualcosa tra le righe l’ho detto, ma è stato tutto così rapido e improvviso/improvvisato…

vedmtj
Con alcuni dei capretti di quest’anno – Nus (AO)

Non so se chi mi vedrà riuscirà a capire davvero chi sono e di cosa mi occupo. Scrittrice sì, ma non solo. C’era una domanda nel copione a cui avrei voluto rispondere, cioè il perché non sono diventata io un’allevatrice con una mia azienda… Perché ciò avrebbe comportato abbandonare l’attività di comunicazione. Che siano articoli, che siano libri di saggistica, che sia il blog, che siano romanzi, occuparsi di allevamento in prima persona significa fare solo più quello, se vuoi farlo bene. Soprattutto, significa non potersi assentare, non poter lasciare gli animali. Inoltre, come ho già avuto modo di dire in diverse occasioni pubbliche, la mia passione per questo mondo, per gli animali, nel mio caso si esprime anche con le immagini e con le parole scritte. Infine, credo che al mondo dell’allevamento tradizionale talvolta possa essere maggiormente utile uno scritto che lo racconti al pubblico, piuttosto che un allevatore/allevatrice in più. Non so se ci saranno altre occasioni di raggiungere un pubblico così vasto… spero almeno di aver invogliato qualcuno a leggere i miei scritti per saperne di più su ciò che ho raccontato e continuo a raccontare in questi anni!

One Reply to “Poco tempo e troppe cose”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...