Per finire il discorso

Riprendiamo l’argomento dei contributi, dato che avevamo proprio solo iniziato ad accennare alcune cose tempo fa e ieri, parlando delle difficoltà nel trovare un alpeggio libero, siamo ritornati sull’argomento. Questo blog nasce dedicato alla montagna dell’uomo, quella abitata tutto l’anno. Per estensione d’estate ovviamente lo sguardo si amplia anche agli alpeggi.

yncm68
Mandria in alpeggio, Vallone di Bellino (CN)

La galassia dei contributi è così vasta che gli stessi agricoltori/allevatori spesso non sono nemmeno informati su tutte le opportunità di cui potrebbero beneficiare. Si affidano alle associazioni di categoria, che sono anche i principali intermediari attraverso cui inoltrare le domande (solo i CAF autorizzati possono farlo, non un libero professionista qualsiasi).

glmlyz
Piccolo gregge – Trasquera (VB)

Nella mezza montagna difficilmente c’è posto per la grande azienda. A mano a mano che greggi e mandrie si sono ingranditi, pastori e margari sono scesi in pianura a cercare pascoli o a comprare il fieno per l’inverno. Su nelle valli restano aziende medio-piccole.

89ixcw
Fienagione – Nus (AO)

Nella mezza montagna, nella collina, più che mai l’allevatore, il piccolo allevatore è fondamentale. Con il pascolo primaverile e autunnale, con lo sfalcio del fieno, cura il territorio, mantiene il paesaggio e la biodiversità. Facilmente, non avendo accesso ad aree particolarmente “felici”, avendo ancora una sana passione, sceglierà razze locali. Punterà al piacere di vedere animali che lo soddisfano, adatti al suo territorio, più che non a grandi produttrici di carne o di latte che solitamente necessitano di integrazioni alimentari. Potrà valorizzare i suoi prodotti grazie al legame con il territorio, grazie alla qualità, grazie anche alla scelta di tali razze. Qualche aiuto lo riceverà pure (la scelta sarà sua, se presentare le domande al fine di richiedere contributi per esempio proprio per le razze in via di estinzione, ecc.)

my4adg
Laboratorio di trasformazione latte – Lanzo (TO)

Se il sistema non fosse “inquinato” dai contributi, ci sarebbe una vera sostenibilità. Cominciamo dal principio: se voglio dare il via ad una nuova azienda, avendo requisiti adatti ed entrando nelle graduatorie, vengono elargiti dei fondi per aiutarci a iniziare la nostra attività. Se partiamo da zero le spese saranno immense, tra strutture, locali di trasformazione, macchinari… vien quasi da dire che, con i prezzi di vendita dei prodotti (carne, latte, trasformati) c’è il concreto rischio di non ripagarsele in tutta la vita!

vkjsbu
Piccola mandria a mezza quota, Vallone di Champorcher (AO)

Sì ma… poi tanto ci saranno i contributi! Mi ricordo che una sera, guardando un tg regionale, in un servizio si diceva che, se non veniva sbloccato il pagamento dei premi degli ultimi anni per gli allevatori, molte aziende erano a serio rischio di fallimento. Ha senso tutto ciò? Secondo me no! Se io lavoro e non ci sono particolari calamità, bene o male dovrei almeno andare in pareggio. Non si dovrebbe dipendere da aiuti esterni… Già… però le spese sono tante e i nostri prodotti valgono poco. Il valore basso è legato a prodotti che arrivano da altri paesi dove il costo del lavoro è inferiore… ma anche al mercato viziato dai contributi!

oswakv
Gregge al pascolo – Cumiana (TO)

Prendiamo per esempio gli agnelli… arrivano animali macellati e puliti dall’estero a poco prezzo. Ma anche se io cerco carne italiana, ne trovo in sovrabbondanza perché oltre ai nostri pastori locali, ci sono tutti quelli che hanno messo su greggi di pecore per “pulire le montagne” e prendere i contributi. Oppure hanno sempre più ingrandito il gregge perché alcuni meccanismi di attribuzione di tali premi si basano sul numero di capi, oltre che sugli ettari affittati.

evzgug
Capre in un villaggio di montagna, Balme – Valli di Lanzo (TO)

Il lavoro in montagna è più difficile, ci sono distanze maggiori da percorrere, il territorio ha caratteristiche sicuramente più disagiate rispetto alle estensioni pianeggianti. Veniamo incontro a chi lavora in montagna semplificando, diminuendo le tasse, valorizzando il prodotto… Facciamo in modo che agricoltori e allevatori delle terre più difficili possano lavorare e, nello stesso tempo, curare un territorio fragile. Ma evidentemente gli interessi sono ben altri. Ogni volta che si parla di qualche aiuto pensato a sostegno di queste realtà… ecco che dopo un paio di anni si scopre che ben altri soggetti se ne sono approfittati mangiandosi la fetta più grossa con l’ennesima truffa.

pfitnd
Alpeggio in alta quota , Quart (AO)

Qualcuno mi dirà: “Se li danno, provo a prenderli anch’io, perché dovrei lasciarli agli altri?“. Certo, di soli ideali e passione difficilmente si vive, specialmente con le spese che si debbono affrontare per essere a norma e per mandare avanti l’attività. Ma l’azienda che si ingrandisce grazie ai contributi spesso prenderà il trattore più grosso, comprerà o affitterà i prati migliori. Avrà dipendenti che faranno il lavoro magari egregiamente, ma senza quella passione che si può avere per la propria terra, per quanto grama sia.

sdbvuc
Pascoli non ben utilizzati – Quart (AO)

La scorsa estate, quando tutti si lamentavano per la siccità, per il poco fieno messo da parte a causa delle gelate primaverili e della siccità estiva, ho visto alpeggi dove addirittura era stata lasciata indietro dell’erba da pascolare, con la mandria che scendeva al tramuto inferiore prima di aver ripulito tutto. Gli operai badano agli animali, ma sicuramente di loro spontanea volontà non mettono l’attenzione alla cura del territorio che invece era fondamentale nel lavoro delle generazioni precedenti. Solo se ti obbliga il padrone vai a pulire i canalini per la fertirrigazione e fai in modo che il liquame raggiunga ogni angolo del pascolo, per garantire erba buona per l’anno successivo.

iznj2z
Villaggio abbandonato – Valle Po (CN)

Il prato più ripido verrà abbandonato, il pascolo più piccolo non sarà sufficiente a contenere tutti i capi e verrà lasciato indietro. I terreni aziendali non daranno fieno a sufficienza, bisognerà farlo arrivare da fuori, facendo conto affidamento contributi per pagarlo… Non ci interesserà la bontà del prodotto, non ci interesserà nemmeno più il prodotto, ma soprattutto avere le carte in regola per percepire quei finanziamenti. E così via, con molti altri esempi che potrei continuare ad elencarvi. Sono solo io che vedo un castello con le fondamenta di sabbia??

2 Replies to “Per finire il discorso”

  1. Triste realtà. E non mi risulta che i contributi siano un “premio” per il miglioramento (o perlomeno per il mantenimento) delle condizioni di fertilità del pascolo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...