Ancora sul lavoro di allevatore

Quando ho chiesto a chi mi segue su Facebook di spiegare il perché l’allevatore continua a fare il suo mestiere “nonostante tutto”, di risposte ne ho ricevute molte. Ho già scritto ieri qui, riportando alcune testimonianze. Mi è stato fatto notare che mancava una motivazione: “A cinquant’anni (ma anche a 45, e ancora di più a 60) cosa vai a fare?“. Volevo però riportarvi altre storie che mi sono state mandate.

jgajjl
Vacche piemontesi in alpeggio – Valle Po (CN)

Dalla provincia di Cuneo, mi scrive Giovanni, fedele lettore di questo blog e dei miei libri. La sua è una testimonianza importante anche perché spiega il modo in cui lui ce la sta facendo ad andare avanti in questo periodo difficile. “Approfitto per dirti il mio pensiero sul lavoro di allevatore. Io ho sempre voluto fare l’allevatore, non volevo nemmeno continuare gli studi dopo le medie, ma poi ho fatto superiori ed università  senza mai mollare gli animali. Finiti gli studi ho provato anche a fare il veterinario, ma mi mancava troppo dedicare tutto il mio tempo alle mie mucche! Così  sono andato contro tutto e tutti e ho fatto la mia scelta sapendo che non sarebbe stato facile, ma almeno facevo quello che ho sempre sognato.Devo però dire che aver incontrato l’associazione La Granda ha fatto la differenza: senza di loro probabilmente avrei già chiuso per i troppi costi che ha un piccolo allevamento; invece grazie al giusto valore riconosciuto all’animale e al fatto di essere un gruppo che ti fa coraggio davanti alle difficoltà sono ancora sulla breccia! Oltre al fatto di non sentirsi soli, alcune spese possono essere distribuite fra tutti e così  il singolo allevatore ha un risparmio. Io comunque non riuscirei a vedermi in un lavoro che non sia l’allevamento e il mondo rurale!

x0n3ej
Vitelli in alpeggio – Appennino (PC)

Lunga e articolata la testimonianza di Lorenzo, dalla Toscana. “E’ la passione per questo mestiere che non mi fa cambiare. Io non sono un “figlio d’arte” al massimo un “nipote d’arte” (e non ho mai conosciuto mio nonno). Fin da bambino ho sempre avuto la passione per gli animali da reddito, la coltivazione, in generale per l’agricoltura. Nonostante la completa mancanza di possibilità logistiche , ho sempre concentrato i miei sforzi per raggiungere la mia passione. Non ho mai fatto valutazioni economiche a priori, ma ho sempre cercato di fare scelte sostenibili. Non sono diventato ricco, ma non ho mai fallito in pieno, tanti errori, e di conseguenza tanti insegnamenti.

wldomp
Pascolo primaverile – Cumiana (TO)

Dopo gli studi agrari, prima di diventare agricoltore, ho fatto il giardiniere a Milano in proprio, il che mi ha permesso di guadagnare in pochi anni le risorse per comprare il terreno nudo in Toscana. Quindi ho toccato con mano altre forme di guadagno molto più facili. Ma solo la grande passione può darti la forza di vivere tutte le molteplici difficoltà del mondo agricolo.

metjra
Momenti di vita pastorale – Cumiana (TO)

Lorenzo, nel suo messaggio, parla di un aspetto non trascurabile nell’andamento dell’azienda, quello della famiglia. “Non trascurabili pure i problemi familiari e matrimoniali… se entrambi non si ha una grande passione per questo mestiere, non si resiste più di tanto e non si può andare avanti insieme… Da poco , in seguito a questo cambiamento di “assetto familiare” ho potuto intraprendere anche l’allevamento da latte… Pure destagionalizzo… Mazzata ulteriore… Per chi non nasce in una famiglia di allevatori, ed è pure solo, è proprio paragonabile alla galera… E i guadagni, in rapporto agli impegni, precipitano quasi a zero. Ma la passione, solo lei! , ti spinge a continuare… E le piccole soddisfazioni, ti danno la forza di insistere e vedere il futuro più roseo. Certo viste tutte le difficoltà, per restare in piedi, bisogna perseguire grande professionalità. E sono convinto che ci si può arrivare.

hjzwoj
Pecore merinos alla fiera – Roaschia (CN)

Lorenzo passa quindi a fare delle importanti analisi economiche e sociali. “Il fattore importante, che manca alla stragrande maggioranza degli agricoltori ed allevatori, è non dare importanza all’aspetto commerciale. Dobbiamo chiudere il ciclo produttivo con la vendita dei nostri prodotti, senza passare attraverso intermediari. E non tutti possono fare vendita diretta, prodotti di nicchia, o altissima qualità, per pochi portafogli… non c’è spazio per tutti! Ci si deve dedicare anche ai comuni consumatori delle città, il volume del loro consumo è enorme. Se non si riesce ad organizzarsi da soli, bisogna unirsi in gruppo! Ci vuole molta intelligenza! E molta onestà. Pensare solo al proprio orticello non ci porta lontano… Per concludere, dopo tanti anni di lavoro e sacrifici, non so proprio se lo rifarei e in questo modo, ma sono certo che non avrei potuto fare altro, questione di genoma!

wfjlkv
Momenti di lavoro – Introd (AO)

Lorenzo è un allevatore-scrittore! Così mi ha mandato ancora un’altra riflessione (che condivido in pieno), a completare i discorsi che si facevano ieri: “E’ anche giusto che il fieno aumenti, a parte le speculazioni, se un ettaro ha reso un terzo, l’agricoltore ha diritto al solito stipendio, ci deve mangiare con quello. La cosa anormale, è che noi non riusciamo ad alzare i nostri prezzi. Oltretutto, così nessuno si rende conto di problemi che coinvolgono tutti, in modo diretto! Funziona così per ogni settore produttivo, perché con noi no!? Non ci sappiamo organizzare, siamo tutti cosi appassionati, attenti che non manchi niente ai nostri animali, o ai nostri campi…. e trascuriamo l’aspetto commerciale, ultimo anello della catena, ma il più importante, il principale, quello che potrebbe risolvere tanti dei nostri problemi.

qgkdzi
Pascoli d’alpeggio ad inizio stagione – Clavalitè (AO)

Le riflessioni sull’unione della categoria ci riportano a quanto diceva Giovanni all’inizio. Purtroppo però ho sia toccato con mano, sia visto e sentito tante esperienze, che mi portano a dire che nel settore zootecnico, per lo meno da queste parti, l’individualismo è tanto e la volontà di unirsi per obiettivi comuni molto scarsa. “Ci si deve concentrare su questo, soprattutto i giovani devono e possono farlo, aggregandoci, possiamo unire le produzioni, identificarle , proporle e gestirle. Come controlliamo ad esempio la salute degli animali, dobbiamo anche curare la vendita del prodotto, se serve, pure ricorrendo a persone specializzate. Questa autocritica, nasce dalla consapevolezza, che il più delle volte, viviamo male , il nostro mestiere è a rischio! Sappiamo tutti quanto è importante e nobile il nostro lavoro per mille aspetti, la passione che ci unisce , ci dia la forza e la voglia di risolvere questo problema.

eauwdr
Formaggi prodotti all’interno del Parco Alpi Cozie a Cheese – Bra (CN)

Direi che questi amici ci hanno entrambi suggerito una strada per affrontare la crisi. E’ una vecchia ricetta, quella dell’unione che fa la forza. Voi cosa ne pensate? Avete avuto esperienze di questo tipo? Positive? Negative?

(Anche questa volta le foto sono generiche foto riguardanti l’allevamento e non sono relative alle realtà delle persone che mi hanno scritto)

Annunci

Cambiare lavoro?

Recentemente mi è capitato di parlare con persone che non hanno contatti diretti con il mondo zootecnico. Stavo spiegando loro come questa stagione sia particolarmente dura per una serie di motivi: poche scorte di fieno a causa delle gelate primaverili e della siccità, costo del fieno (e degli altri foraggi) alle stelle, ma nello stesso tempo non aumenta il valore dei prodotti. Teoricamente dovrebbe succedere che, se mi costa di più produrre il bene xy, il suo prezzo di vendita finale aumenti. Ma non succede né con il latte, né con la carne… Mi sono così sentita chiedere come mai i titolari di queste aziende in crisi non cambiano lavoro. Perché non può essere solo una stagione sbagliata a mettere in ginocchio un’azienda, quindi erano già in crisi quando tutto “andava bene”. Vero, infatti le difficoltà c’erano già prima, questi mesi stanno danno il colpo di grazia a tanti che già vacillavano.

dfhtam
Gregge in stalla, pianura torinese (TO)

Ma allora perché chi già era sull’orlo del baratro si ostina ad andare avanti? Perché l’allevatore che vende i propri animali deve essere proprio disperato… e quando li avrà venduti, non avrà risolto i suoi problemi, anzi… si aggiungerà un malessere che non so se trova uguali in chi cessa un’altra attività. Entrano in gioco tante cose, ma prima di tutto la PASSIONE, parola ricorrente abbinata a questo mestiere, e il legame con gli animali. Per dare una spiegazione a tutte quelle persone che chiedono “come mai non cambiano lavoro?“, ho provato a chiedere direttamente agli stessi allevatori. Ecco cosa mi hanno risposto alcuni di loro. Molti danno la risposta di Ubaldo: “Perché non si guarda al denaro, questa è una malattia spesso ereditaria.

yjugos
Covoni di fieno tradizionali – Angrogna, Val Pellice (TO)

Il denaro però alla fine lo devi guadare, quando finisce, quando non ne hai più nemmeno per comprare il fieno per le tue bestie, cosa fai? Non commentano su facebook, ma lo so che esistono anche queste realtà. Non per scelte sbagliate sul lavoro, ma per un crescente ammontare delle spese e una rendita sempre minore del proprio lavoro. Aumenta il gasolio, aumenta il fieno, aumenta il mangime, aumenta il prezzo di tutto quello che devi comprare, dal trattore al pezzo di ricambio, ma il latte te lo pagano sempre 30-40 centesimi al litro, gli agnelli a pochi euro al kg, i vitelli fatichi a darli via…

ng1tpk
Anziano allevatore durante una transumanza – Valle Maira (CN)

Non si cambia per rispetto di chi ha messo assieme qualcosa prima di noi, per rispetto di chi non ha da mangiare e perché non hai nessuno che ti comanda. Poi ci vuol coraggio anche ad andare a lavorare in fabbrica…“, dice Mario dalla Lombardia. Non mi ha scritto nessuno dicendomi: “Io l’ho fatto, io ho chiuso e sono andato a fare altro“, ma qualcuno mi ha detto “…questo è il mio mestiere, quale altro lavoro potrei andare a fare?“. Purtroppo so di persone che a forza di tirare la corda purtroppo o sono andate in fallimento o hanno dovuto vendere gli animali, poi il più delle volte hanno cercato lavoro come operai in aziende dello stesso settore. “Mi hanno chiamato per un lavoro di tutt’altro genere, sono lì da tre mesi, per un annetto o due posso farlo. Mungo mi lavo e vado dentro in macchina, faccio fatica e sono sempre teso“, racconta invece un giovane che cerca di portare avanti in parallelo le due cose, rendendosi conto che la sola azienda agricola non gli consente di vivere.

7n7cg9
Vacche in stalla – Valli di Lanzo (TO)

Silvio dalla provincia di Cuneo: “Sono… nuovo del mestiere… è da pochi mesi che mi sono iscritto alla categoria! Fin da piccolo però ho sempre trafficato, ero appassionato delle bestie con i nonni prima e dopo con mio padre, che era in pensione dalla Michelin. Io però sono finito a lavorare fuori e mio fratello è rimasto qua, poi il mio lavoro è andato a finire male come per tanti altri e alla chiusura mi sono ritrovato in disoccupazione. Adesso sono nei coltivatori con mio fratello e mia cognata, la resa sappiamo quella che è, si tribola ad andare avanti, ma finalmente faccio quello che mi piace che avrei già dovuto fare 30 anni fa, perché alla fine è la nostra vita, la nostra passione le nostre radici e non cambierei più con nessun altro lavoro e nessuna paga…

fvb3qu
Giovane appassionato – Aosta

Francesco, dalla Lombardia: “Sono un allevatore dopo aver fatto diverse marce indietro. Io allevavo capre quando ho cominciato, poi le ho vendute per mancanza di spazio. Sono cresciuto con i miei zii e con loro ho imparato a fare il formaggio, a gestire una mandria in alpe fino al 2005, poi da sera alla mattina mi sono trovato sbattuto fuori dalla stalla. Ho ripreso pian piano e adesso sono arrivato a 10 fattrici piemontesi. Ho fatto altri lavori, o meglio ci ho provato, ma non riesci… o meglio sei anche un operaio modello sempre attento, ma il tuo cuore è altrove…

sphciw
Capretti fiurinà – Scalenghe (TO)

Laura, dal Cuneese: “A me è stata invece rivolta la domanda inversa… Io lavoro in fabbrica e ho il posto fisso, ma tra qualche mese lascio per intraprendere l’attività d’allevatore di camosciate e trasformazione di latte. Parecchi mi hanno chiesto perché sono così ”stupida” da lasciare il lavoro fisso per un lavoro a casa che non si ha mai una sicurezza nelle entrate…“. Laura, dalla collina torinese: “È un modo di vivere, qualcosa che hai dentro. In un certo senso non è neanche una scelta, perché vivere diversamente è impensabile. Se fossi giovane rifarei lo stesso ma non in Italia.

g8nx8y
Transumanza in Val Pellice (TO)

Andrea, ancora dal Cuneese: “Noi alleviamo bovini, facciamo alpeggio e trasformiamo il latte tutto l’anno… Secondo me però la risposta è già nella domanda stessa, la chiave è la parola “lavoro”. Il nostro credo non possa essere considerato soltanto “lavoro” , è qualcosa che va oltre ad un orario, uno stipendio o un reddito, è qualcosa che abbiamo nel sangue e nel cuore, una natura, un istinto, un richiamo…. Con i nostri animali si crea un legame forte, a me piace pensare che sia come una grande famiglia, e in famiglia quando le cose non vanno bene ci si stringe cercando di farsi forza l’un l’altro e si cerca di tirare avanti… Di sola gloria non si vive, lo so, ma credo che “lasciare” i nostri animali per andate a fare altro sia proprio l’ultima delle soluzioni…

shjt5n
Pecora con il suo agnello nato da poco – Cumiana (TO)

Marco, emigrato all’estero: “Non è un lavoro ma uno stile di vita. Le domande sono anche altre forse. Posso imporlo ai miei figli nel contesto sociale del 2018 anche quando i conti non sono rosei? E fino a che punto tirare la corda in passivo? Per la cronaca, io ho chiuso dieci anni fa in Piemonte e ho una azienda familiare in pedemontana polacca.  Che per certi versi vuol dire portare indietro l’orologio ai tempi abbastanza buoni dell’Italia e darsi un livello economico decoroso. So che è impopolare in questa sede, ma a un giovane consiglierei di prendere in considerazione l’estero. Anzi l’estero lo consiglierei anche a chi è in crisi e vuol valutare una alternativa alla chiusura. Ho dimenticato di descrivere l’azienda: avevo vacche piemontesi in provincia di Novara e adesso faccio lumache e ortaggi in Polonia con circa sette ettari. Ho 37 anni e due figli piccoli. Penso che un dato importante su una opinione sia anche l’età che uno ha. Io ho imparato a vedere il mondo diversamente con il passare degli anni.

t9q2dc
Vacche in alpeggio in Val di Susa (TO)

Virginia, dalle Langhe: “Domanda da un milione di dollari. Noi abbiamo un allevamento (piccolo) di bovine da latte, facciamo pascolo, vendiamo il latte ad un piccolo caseificio e una parte la trasformiamo noi. Perché non si cambia lavoro? Perché il nostro non è solo lavoro, è la nostra vita, la nostra passione. Siamo legati alle bestie ed al territorio. Io sono diplomata e avevo la possibilità di svolgere un lavoro con orari regolari e al pulito, ma non faceva per me. Pian piano abbiamo comprato le prime vacche e ora ci siamo ingranditi e i primi risultati cominciano a vedersi. Lo rifarei altre mille volte!!! Certo si fa fatica, ci si arrabbia, ma non ci arrendiamo mai e la mia vita, che poi è anche il mio lavoro, non la cambierei per niente al mondo!!!!

9qjcka
Vacca in alpeggio – Gressoney (AO)

Jessica, allevatrice valdostana: “Abbiamo mucche da latte. Il senso di libertà che si prova a lavorare a contatto con la natura non ha prezzo! Un bel respiro profondo dell’aria fresca di alpeggio vi farebbe assaporare la mia sensazione di felicità! Che sia un lavoro duro, faticoso e anche poco redditizio può essere vero, ma quante soddisfazioni dà? Chi ha la fortuna di avere delle compagne di avventura così fedeli, che ti dimostrano affetto, ti coccolano, ti chiamano? Sono solo animali (dice qualcuno) ma si esprimono meglio che noi umani! Con i propri animali si viene ad instaurare un rapporto speciale fatto di lealtà , di fiducia reciproca, di momenti gioiosi come di momenti brutti, ma la passione e la voglia di non mollare fanno passare ogni paura! Bisogna provarle certe sensazioni per capirle!

3jbnfg
Mandria in alpeggio – Trentino

Marta, dalla Valsesia: “Io e i miei genitori abbiamo bovini da latte d’estate andiamo in alpeggio e trasformiamo, in inverno vendiamo il latte. Con i tempi che corrono anche io mi sono chiesta qualche volta se ne valga la pena o meno. In primo luogo per me è uno stile di vita, ci sono nata e tra i miei primissimi ricordi ci sono vacche, vitelli e cani da pastore. Certo è un lavoro duro, ma dal punto di vista personale gli animali mi danno moltissimo, è avere la vita tra le mani tutti i giorni, fare questo mestiere lo vedo più come un dono che come un dovere. I momenti di scoraggiamento non mancano, ma quante volte nella vita un operaio ha l’occasione di tenere fra le braccia un vitellino appena nato, andare a mungere con il sole che sorge e vedere la vita intorno a sé svegliarsi? Non trovo nemmeno le parole adatte per esprimere quante più cose ci siano nella vita dell’allevatore al di là del lavoro.

q2l8cm
Formaggi di alpeggio in vendita in una fiera in Valle Po (CN)

Elisabetta, in provincia di Torino: “Abbiamo un’azienda agricola con vacche da latte, Barà e piemontesi. Trasformiamo tutto il latte nel nostro piccolo caseificio e vendiamo i prodotti al mercato o li usiamo in agriturismo. Mio papà, mio fratello e mio nonno curano le vacche e la stalla, io con mia nonna e mia mamma produciamo e andiamo a vendere. Non è facile, ci sono molte spese e scadenze, non sempre va come vorresti. Manca l’erba in autunno, il fieno in inverno, l’erba per fienare in estate, ma non manca mai la voglia e la passione!! Troppe volte mi pento di non aver preso il diploma, un po’ per egoismo, un po’ per crescita personale, anche se penso che non sia un pezzo di carta a dimostrare chi sei. Troppe volte penso di mollare e di fare un lavoro tranquillo “da donna”, ma poi guardo cosa mi hanno lasciato i miei e mi dico: “No! Non si può cambiare lavoro!” Se nasci in una famiglia così, con certi valori, stringi i denti e vai…avanti!

lqkuki
Capre valdostane in alpeggio – Valsavarenche (AO)

Non so se questa carrellata di testimonianze sia sufficiente a spiegare ad un “non addetto ai lavori” perché non ci si arrende fino all’ultimo, anche quando si lavora in perdita, anche quando per mantenere i tuoi animali finisci per spendere i soldi che avevi messo da parte in passato. Lo fai sperando che prima o poi le cose cambino, che non vengano giorni peggiori, ma migliori.

(N.B. Le foto di questo post non fanno riferimento alle testimonianze, ma riguardano allevatori e aziende da me visitati nel corso degli ultimi anni)

 

Per informare, perché si sappia

Da quando ho aperto questo nuovo blog, interrompendo le “Storie di pascolo vagante“, non ho ancora mai scritto niente affrontando direttamente l’argomento lupo, anche se qua e là qualcosa (specialmente nell’intervistare gli allevatori la scorsa estate) ovviamente è venuto fuori. Come ribadisco sempre più spesso, ho poco da aggiungere sull’argomento, il discorso è sempre quello, in tutte le sue complesse sfaccettature.

sfw555
Predazione su capra a Rubiana – Val di Susa (TO)

Se volete rileggervi tutto quanto detto nel corso degli anni (anche maturando idee e punti di vista, sulla base di esperienze dirette e concrete), lo trovate qui. Oggi ho deciso di affrontare nuovamente la questione dopo un paio di vicende di cui sono venuta a conoscenza direttamente. Una ha riguardato l’azienda di un’amica, una di quelle persone per cui si può usare l’espressione “che resistono in montagna”. Conosco bene lei e la sua storia. Innanzitutto, dopo esserci sentite al telefono, volevo riportarvi alcuni passi di ciò che lei ha scritto su Facebook appena dopo aver subito l’attacco. “Non sapevo se scrivere o tenermi tutto dentro.(…) Non farò e non accetterò polemiche. Volevo solo condividere il nostro ULTIMO DOLORE. Il lupo ci ha ucciso la nostra capretta Fiocco di neve, prelevandola da una stalletta attaccata a casa. Solo un consiglio: non sottovalutate la loro forza, non ascoltate più parole come: non si avvicina alle case, non è pericoloso per l’uomo, hai tanti cani e non viene, stai tranquilla è solo un esemplare, rilassati Cappuccetto Rosso, vedrai che qui non viene. Il latte di Fiocchino non lo berrò più, né vedrò nascere il capretto che aveva in grembo. Il dolore delle mie bambine, e la nostra rabbia. (…) Noi allevatori oltre ad aver subito il danno dobbiamo spendere un sacco di denaro per rendere le nostre aziende delle fortezze medioevali. (…) Ezechiele alla fine non ne può nulla (…).

y7ye4m
Casa abbandonata nei boschi – Cumiana (TO)

La mia amica mi ha detto: “Scrivi pure, la gente deve sapere cosa sta succedendo!” Purtroppo però so che questo discorso rimarrà lì sospeso tra chi è sovrastato dal dolore e dalla rabbia, dal senso di impotenza e di abbandono… e tutti gli altri, quelli che “tanto sono solo cani” e quelli che “basta difendersi, i mezzi ci sono”. Come vi dicevo, la sua è una storia di resistenza. Ha scelto di tornare in una vecchia casa di famiglia a mezza quota in Val di Susa. Ha lottato contro l’abbandono del territorio, contro la burocrazia che le ha messo mille volte i bastoni tra le ruote. Continua a cercare di far sì che la sua azienda possa crescere, insieme alla sua famiglia (tre bambini piccoli). Hanno un po’ di animali, gli orti, un piccolo agriturismo, tagliano legna. Si chiama multifunzionalità e qualcuno dice che è la strada giusta per le piccole aziende di montagna… una strada tutta in salita e piena di sassi. Qualcuno lo sposti, altri li devi aggirare, pian piano di sfianchi di fatica.

tvxazm
Baite abbandonate a mezza quota – Condove, Val di Susa (TO)

Anche nel suo caso, ho potuto vedere lo stesso percorso che ha colpito altre aziende, magari più grandi, allevatori con centinaia di capi che, nel corso degli anni, hanno dovuto sopportare un carico di difficoltà, problematiche e pressioni sempre maggiori. Hanno sempre resistito e lottato, ma poi è stato l’attacco del lupo a farli “crollare”. Non un crollo da intendersi come una resa, ma uno sbottare contro ciò che stava accadendo. Perché il lupo resta comunque un simbolo. Io oggi lo vedo come il simbolo della montagna sempre più abbandonata a se stessa, dove chi resiste si sente peggio che in una riserva indiana. Si sente un’isola in mezzo al nulla. Perché c’è l’attacco, l’animale ucciso, i cani feriti, gli altri animali atterriti… ma c’è molto altro.

oajznb
Piccolo gregge con cane da guardiania – Pomaretto, Val Chisone (TO)

Per esempio (tra le tante cose), c’è il fatto che questa mia amica abbia preso, qualche mese fa, dei cuccioli di cane da guardiania. Ma non ha scelto le razze più conosciute e impiegate da queste parti (maremmano abruzzese o pastore dei Pirenei), non ha nemmeno voluto un cane da pastore del Caucaso o dell’Asia Centrale, troppo grossi. Ha preso dei cani da pastore della Sila, cani di alta genealogia, selezionati per la difesa dal lupo, cani gestibili anche in presenza di persone. Peccato che non abbia potuto chiedere i contributi previsti nel PSR dalla Regione Piemonte per gli allevamenti che si dotano di sistemi per la difesa dai predatori, perché questa razza non è stata inserita tra quelle adatte… E questa non è che una delle beffe burocratiche di cui è stata “vittima”, prima e dopo l’attacco alla sua capra.

hfrski
Pascolo vagante nella pianura torinese – Settimo Torinese (TO)

In passato vi ho spesso parlato delle grosse greggi, che hanno problemi con i predatori d’estate in alpeggio. Cercano di difendersi con i recinti notturni, i cani da guardiania, la presenza del pastore. Poi viene l’autunno e scendono in pianura. Ma c’è chi resta in media valle, in fondovalle, in collina. Piccole, piccolissime aziende. Certo, potreste dire che la mia amica dovrebbe recintare la sua proprietà, visto che il lupo (o i lupi) le sono venuti davanti a casa e hanno tirato fuori da una piccola stia la capretta che era stata messa là in convalescenza, di modo che non dovesse competere con le compagne per il cibo in stalla, visto che era un po’ più debole. Ma la mia amica sta già faticando a finire pian piano i lavori di ritrutturazione/costruzione stalle. Solo lei (e tutti quelli che sono nelle sue condizioni) sa quanto sta spendendo, tra permessi, materiali, lavoro. Mi ha detto che, per le recinzioni (fisse) più urgenti intorno a stalle e pollai, dovrebbe preventivare 3000 euro. Un’inezia? Non per chi cerca di tirare avanti con una piccola azienda agricola e tre bambini piccoli.

4sbwhj
Corriere di Chieri – 13 gennaio 2018

E’ facile, dal di fuori, trovare le soluzioni generiche. Io guardo i casi uno ad uno, parlo solo più quando conosco la situazione direttamente, per poter avere davvero il quadro del contesto in cui si è verificato l’attacco. Spero che non ci siano le solite inutili polemiche dopo questo mio post. Vi sto presentando una realtà, per informarvi nel caso in cui aveste voglia di capirne di più sull’argomento, senza limitarvi alle generalizzazioni. Comunque, sappiate che attacchi e avvistamenti (confermati) non avvengono solo più nelle aree di montagna. Ve ne sono stati alcuni recentemente sulla collina di Torino e nel vicino Monferrato. Non è cosa che mi sorprenda, visto che il lupo man mano colonizza nuovi territori, si sposta, cerca cibo. Ci sono i branchi stabili e gli animali giovani che vanno “in dispersione”, cioè si allontanano dal branco in cerca di nuovi territori.

eb4kqu
Capre e cani da guardiania alla festa del Cevrin -Coazze, Val Sangone (TO)

Tutti coloro che hanno allevamenti, anche piccoli, anche hobbistici, farebbero meglio a dotarsi di cani da guardiania anche al di fuori delle zone montane, se mettono gli animali al pascolo, anche se all’interno di recinzioni elettrificate. Non farlo è rischioso. Farlo comporta sicuramente un impegno aggiuntivo e qualche problema con la gente di passaggio, specie se accompagnata da cani.

b0ca7r
Cane da guardiania sorveglia la vallata mentre il gregge pascolo alle sue spalle – Vallone di Saint Barthelemy (AO)

Colgo l’occasione per segnalare a tutti gli escursionisti che il CAI (Club Alpino Italiano) ha adottato una serie di norme di comportamento da tenere in presenza di tali cani in montagna. Da quando sono stati introdotti, già erano presenti i cartelli forniti dalla Regione Piemonte, ma più volte mi era capitato di leggere vibranti polemiche da parte di escursionisti, ecc. Il comunicato termina con questa frase “Gli escursionisti responsabili, sono parte della montagna e sostengono le attività degli allevatori rispettando le greggi e i cani che le proteggono adottando sempre comportamenti ragionati e non impulsivi. Con il ritorno del lupo il cambiamento non è a senso unico solo per pastori ed allevatori. In montagna siamo solo degli ospiti.

ro0p2e
Gregge accompagnato da cane da guardiania durante la fiera di Bobbio Pellice (TO)

So bene cosa comporti tutto ciò, so quali saranno i disagi per entrambi, perché li ho vissuti in prima persona, sia come allevatrice, sia come escursionista. Non chiedetemi delle soluzioni, io purtroppo non ne ho. L’unica cosa che mi sento di ribadire è che il “problema lupo” e il modo in cui la questione è stata affrontata tutto laddove si è manifestata è il simbolo dell’attenzione che le istituzioni hanno nei confronti di chi vive e lavora in montagna. I montanari comunque restano lassù, attaccati alla loro terra, alle loro convinzioni. I lupi invece, se non hanno abbastanza cibo, si spostano e vanno a cercarne altrove…

Per finire il discorso

Riprendiamo l’argomento dei contributi, dato che avevamo proprio solo iniziato ad accennare alcune cose tempo fa e ieri, parlando delle difficoltà nel trovare un alpeggio libero, siamo ritornati sull’argomento. Questo blog nasce dedicato alla montagna dell’uomo, quella abitata tutto l’anno. Per estensione d’estate ovviamente lo sguardo si amplia anche agli alpeggi.

yncm68
Mandria in alpeggio, Vallone di Bellino (CN)

La galassia dei contributi è così vasta che gli stessi agricoltori/allevatori spesso non sono nemmeno informati su tutte le opportunità di cui potrebbero beneficiare. Si affidano alle associazioni di categoria, che sono anche i principali intermediari attraverso cui inoltrare le domande (solo i CAF autorizzati possono farlo, non un libero professionista qualsiasi).

glmlyz
Piccolo gregge – Trasquera (VB)

Nella mezza montagna difficilmente c’è posto per la grande azienda. A mano a mano che greggi e mandrie si sono ingranditi, pastori e margari sono scesi in pianura a cercare pascoli o a comprare il fieno per l’inverno. Su nelle valli restano aziende medio-piccole.

89ixcw
Fienagione – Nus (AO)

Nella mezza montagna, nella collina, più che mai l’allevatore, il piccolo allevatore è fondamentale. Con il pascolo primaverile e autunnale, con lo sfalcio del fieno, cura il territorio, mantiene il paesaggio e la biodiversità. Facilmente, non avendo accesso ad aree particolarmente “felici”, avendo ancora una sana passione, sceglierà razze locali. Punterà al piacere di vedere animali che lo soddisfano, adatti al suo territorio, più che non a grandi produttrici di carne o di latte che solitamente necessitano di integrazioni alimentari. Potrà valorizzare i suoi prodotti grazie al legame con il territorio, grazie alla qualità, grazie anche alla scelta di tali razze. Qualche aiuto lo riceverà pure (la scelta sarà sua, se presentare le domande al fine di richiedere contributi per esempio proprio per le razze in via di estinzione, ecc.)

my4adg
Laboratorio di trasformazione latte – Lanzo (TO)

Se il sistema non fosse “inquinato” dai contributi, ci sarebbe una vera sostenibilità. Cominciamo dal principio: se voglio dare il via ad una nuova azienda, avendo requisiti adatti ed entrando nelle graduatorie, vengono elargiti dei fondi per aiutarci a iniziare la nostra attività. Se partiamo da zero le spese saranno immense, tra strutture, locali di trasformazione, macchinari… vien quasi da dire che, con i prezzi di vendita dei prodotti (carne, latte, trasformati) c’è il concreto rischio di non ripagarsele in tutta la vita!

vkjsbu
Piccola mandria a mezza quota, Vallone di Champorcher (AO)

Sì ma… poi tanto ci saranno i contributi! Mi ricordo che una sera, guardando un tg regionale, in un servizio si diceva che, se non veniva sbloccato il pagamento dei premi degli ultimi anni per gli allevatori, molte aziende erano a serio rischio di fallimento. Ha senso tutto ciò? Secondo me no! Se io lavoro e non ci sono particolari calamità, bene o male dovrei almeno andare in pareggio. Non si dovrebbe dipendere da aiuti esterni… Già… però le spese sono tante e i nostri prodotti valgono poco. Il valore basso è legato a prodotti che arrivano da altri paesi dove il costo del lavoro è inferiore… ma anche al mercato viziato dai contributi!

oswakv
Gregge al pascolo – Cumiana (TO)

Prendiamo per esempio gli agnelli… arrivano animali macellati e puliti dall’estero a poco prezzo. Ma anche se io cerco carne italiana, ne trovo in sovrabbondanza perché oltre ai nostri pastori locali, ci sono tutti quelli che hanno messo su greggi di pecore per “pulire le montagne” e prendere i contributi. Oppure hanno sempre più ingrandito il gregge perché alcuni meccanismi di attribuzione di tali premi si basano sul numero di capi, oltre che sugli ettari affittati.

evzgug
Capre in un villaggio di montagna, Balme – Valli di Lanzo (TO)

Il lavoro in montagna è più difficile, ci sono distanze maggiori da percorrere, il territorio ha caratteristiche sicuramente più disagiate rispetto alle estensioni pianeggianti. Veniamo incontro a chi lavora in montagna semplificando, diminuendo le tasse, valorizzando il prodotto… Facciamo in modo che agricoltori e allevatori delle terre più difficili possano lavorare e, nello stesso tempo, curare un territorio fragile. Ma evidentemente gli interessi sono ben altri. Ogni volta che si parla di qualche aiuto pensato a sostegno di queste realtà… ecco che dopo un paio di anni si scopre che ben altri soggetti se ne sono approfittati mangiandosi la fetta più grossa con l’ennesima truffa.

pfitnd
Alpeggio in alta quota , Quart (AO)

Qualcuno mi dirà: “Se li danno, provo a prenderli anch’io, perché dovrei lasciarli agli altri?“. Certo, di soli ideali e passione difficilmente si vive, specialmente con le spese che si debbono affrontare per essere a norma e per mandare avanti l’attività. Ma l’azienda che si ingrandisce grazie ai contributi spesso prenderà il trattore più grosso, comprerà o affitterà i prati migliori. Avrà dipendenti che faranno il lavoro magari egregiamente, ma senza quella passione che si può avere per la propria terra, per quanto grama sia.

sdbvuc
Pascoli non ben utilizzati – Quart (AO)

La scorsa estate, quando tutti si lamentavano per la siccità, per il poco fieno messo da parte a causa delle gelate primaverili e della siccità estiva, ho visto alpeggi dove addirittura era stata lasciata indietro dell’erba da pascolare, con la mandria che scendeva al tramuto inferiore prima di aver ripulito tutto. Gli operai badano agli animali, ma sicuramente di loro spontanea volontà non mettono l’attenzione alla cura del territorio che invece era fondamentale nel lavoro delle generazioni precedenti. Solo se ti obbliga il padrone vai a pulire i canalini per la fertirrigazione e fai in modo che il liquame raggiunga ogni angolo del pascolo, per garantire erba buona per l’anno successivo.

iznj2z
Villaggio abbandonato – Valle Po (CN)

Il prato più ripido verrà abbandonato, il pascolo più piccolo non sarà sufficiente a contenere tutti i capi e verrà lasciato indietro. I terreni aziendali non daranno fieno a sufficienza, bisognerà farlo arrivare da fuori, facendo conto affidamento contributi per pagarlo… Non ci interesserà la bontà del prodotto, non ci interesserà nemmeno più il prodotto, ma soprattutto avere le carte in regola per percepire quei finanziamenti. E così via, con molti altri esempi che potrei continuare ad elencarvi. Sono solo io che vedo un castello con le fondamenta di sabbia??

AAA Alpeggio cercasi

L’anno nuovo è appena iniziato, i pascoli di montagna finalmente riposano sotto metri di neve e se ne attende ancora in abbondanza proprio nei prossimi giorni. Perché allora parlare di alpeggi adesso?

p5pzjr
Colle del Colombardo – Val di Susa/Val di Viù (TO)

Perché per il giorno in cui la neve sarà sciolta e l’erba inizierà a “muoversi”, gli allevatori che praticano la transumanza e monticano in alpeggio, devono avere una sede dove salire con le proprie bestie. E non per tutti questo è così scontato.

ydqvsa
Fabbricato d’alpeggio – Chianocco, Val di Susa (TO)

Recentemente mi è capitato di ricevere diversi messaggi da amici e conoscenti che si rivolgono a me per sapere se per caso io sia informata dell’esistenza di qualche alpeggio libero. “Tu che giri, magari sai qualcosa… in Piemonte o anche in Val d’Aosta…“. Immaginatevi cosa possa voler dire per un allevatore non avere la certezza di dove porterà i propri animali nella stagione estiva! Rimanere in pianura… o in fondovalle… a mangiare cosa? A tenere le bestie in stalla d’estate?? Oppure doverle mandare ad altri… C’è sia l’aspetto economico, sia quello sentimental-psicologico! Chi fa questa vita da sempre, si sente morire al pensiero di non poter salire in alpeggio.

plbu2z
Pascoli salendo al Col de Larche – Francia

Ma perché, potrebbero chiedermi i non addetti ai lavori, chi è già in alpeggio non continua ad andare nello stesso posto, stagione dopo stagione? Dovete sapere che vi sono alpeggi di proprietà, per cui quindi non si pone il problema, alpeggi privati o consortili, che vengono affittati agli allevatori con trattativa diretta, e alpeggi pubblici (in Piemonte per lo più comunali, ma esistono anche alpeggi di proprietà regionale, per esempio in Lombardia). Questi ultimi generalmente vanno all’asta alla scadenza del contratto, quindi non è detto che l’affittuario attuale riesca ad aggiudicarseli nuovamente. Esiste il diritto di prelazione, ma la cifra da sborsare è quella che ha vinto l’asta… e potrebbe essere anche troppo elevata per l’allevatore.

dfwijt
Pascoli di inizio stagione – Pian della Mussa, Valli di Lanzo (TO)

Il problema principale è legato alla solita questione dei contributi: non è che oggi non si trovino alpeggi perché il numero degli allevatori è in crescita! La questione è che vi sono territori d’alpe (anche molto vasti) che vengono affittati da chi allevatore non è, ma prende i pascoli e ci mette sopra degli animali per beneficiare di ingenti somme di denaro. Oppure, vi sono allevatori che si sono ingranditi notevolmente e necessitano di anche più di un alpeggio per collocare tutti i loro capi di bestiame. Anche loro beneficiano dei contributi, che permettono loro di essere più competitivi dei medio-piccoli allevatori. E i contributi spingono alcuni ad ingrandirsi anche oltremisura, affittando altri alpeggi dove metter su i propri capi, affidati a personale stipendiato.

cqwvjf
Mandria al pascolo – Valle di Champorcher (AO)

Ecco allora che il giovane che vuole iniziare ad andare in alpeggio (o come nuovo allevatore o dividendosi dalla famiglia) non trova niente di libero. Oppure si tratta del piccolo allevatore che vive in valle, che non è sceso nella pianura ad affittare cascine, che non si è ingrandito fino ad avere centinaia e centinaia di capi. Quello che si arrabatta con i propri animali, produce formaggio, sempre sul filo della sopravvivenza, ma mantiene anche in vita la propria valle, pascolando in bassa quota in primavera e autunno, tagliando il fieno in estate.

dzlo38
Reveraz désot – Valgrisenche (AO)

Qualche giorno fa un amministratore mi diceva che, nello scorso anno, gli affitti degli alpeggi sono stati l’entrata principale per il suo Comune. Non fatico a crederlo, gli alpeggi sono sempre stati una delle principali ricchezze del territorio alpino, solo che oggi non lo sono più per i loro prodotti (formaggi, lana, carne), ma per ciò che mettono in moto questi meccanismi economici che davvero risultato incomprensibili a chi guarda dal di fuori senza conoscerne i dettagli. Gli alpeggi affittati a caro prezzo, quale ricchezza portano? Soldi per le casse comunali… ma non portano territorio vivo, non portano giovani famiglie, non portano produzione e vendita di latticini sul posto… Morale della favola, non ho mai una risposta per chi mi chiede se conosco un alpeggio libero. E mi fa male doverlo dire a coppie di giovani nei cui occhi brilla la passione, la voglia di fare…