L’estate è finita, ma…

Per molti (allevatori, agricoltori e non solo) questa è stata una lunga, dura estate. Caldo e siccità hanno contraddistinto la stagione un po’ in tutta Italia (qua e là poi si sono aggiunti piromani & incendi). Purtroppo però molte persone sembrano non avere ancora una chiara percezione di questa realtà. Fin quando possono aprire il rubinetto e avere acqua a volontà, per loro il problema non sussiste. Dopo settimane, mesi senza pioggia, qualche precipitazione c’è stata, ma non dappertutto.

irgdvs
Autunno in alta Valsavarenche – Pont (AO)

Adesso è iniziato l’autunno, anche gli alberi cambiano colore, ma le tonalità sono spente. Molte foglie avvizziscono ancora sui rami, altre sono già a terra, ma raramente vediamo il bel giallo, rosso, arancione brillante. Per difendersi dalla siccità gli alberi si spogliano, ma qualcuno forse non ce la farà a sopravvivere e non germoglierà alla fine dell’inverno. La terra ha bisogno di acqua: serve sui pascoli, nei boschi, nei ruscelli, ovunque.

ufdvrf
Gregge nel vallone di St. Barthelemy – Nus (AO)

Dove qualche temporale c’è stato, mandrie e greggi sono riuscite bene o male a concludere la stagione, rimanendo su almeno fino a questi giorni, o ancora per qualche settimana. Ma ci sono stati anche casi di alpeggi che hanno dovuto essere scaricati prima del tempo, o perché non c’era più niente da mangiare, o da bere, o ancora perché gli animali rischiavano di cadere sui pendii ripidi, scivolando sull’erba secca.

gvz62h
Pascoli secchi – Lignan (AO)

Un po’ ovunque l’erba che resta da pascolare in questo momento della stagione è così: giallo oro, dura, secca. messa a dura prova dalla mancanza di acqua, dal caldo, dal vento.

4y4ntf
Siccità in Val Chisone – Pequerel (TO)

Non è questo il colore che dovrebbero avere i versanti a metà settembre. Certo, non ci sarebbe stato il verde primaverile, ma l’erba così “bruciata” la si vede solitamente a dicembre o gennaio, se fa degli inverni freddi e senza neve che lasciano scoperti a lungo i pendii.

imavat
Neve estiva sugli alpeggi, Bonalé – La Salle (AO) – foto L.Besenval

Quest’anno invece è pure successo che, dopo prolungate ondate di caldo, improvvisamente le temperature si abbassassero ed arrivasse anche la neve. Ma non era la neve l’elemento eccezionale, chiunque pratichi da decenni il mestiere dell’alpe vi può narrare di diverse nevicate in alpeggio, un po’ i tutti i mesi estivi. Straordinario invece è stato il caldo e le quote a cui è risalito lo zero termico.

xdneot
Fiera di Pragelato – Val Chisone (TO)

Il 14 settembre si è tenuta la consueta Fiera a Pragelato: i prati dove erano collocati gli animali in vendita erano secchi e polverosi come tutto il resto. Ma risalendo la valle veniva da chiedersi: “Cosa mangeranno vacche, pecore e capre, ora che scenderanno dagli alpeggi? Come faranno le greggi vaganti a scendere l’una dopo l’altra? Dove si fermeranno?

sbxfom
Mandria al pascolo, Pequerel – Val Chisone (TO)

Era già impressionante vedere animali che cercavano di sfamarsi brucando quell’erba secca. Chi ci è riuscito, è rimasto su il più possibile, perché i prati di pianura o di fondovalle, se non si aveva la possibilità di irrigarli, non hanno praticamente niente erba.

iw15qh
Gregge prossimo alla discesa dall’alpe – Valle Stura di Demonte (CN) – foto T.Degioanni

Forse le pecore riuscivano a saziarsi più sui pascoli secchi di montagna che non in un prato dove ho intravisto un gregge vagante nei giorni scorsi. Terra polverosa e fessurata, steli gialli di quella che qui in Piemonte chiamiamo baraval (Setaria sp.), una graminacea che gli animali generalmente non mangiano nemmeno quand’è verde.

ypkegr
Discesa dall’alpeggio, vallone di St. Barthelemy – Nus (AO)

Nelle valli risuonano i campanacci delle transumanze, poi molti animali andranno direttamente in stalla, se non vi è nulla da pascolare nei prati. Quando l’erba sarà finita, si passerà ai foraggi conservati, ma anche il raccolto di fieno è stato scarso, tra gelate tardive, caldo e siccità. Gli strascichi di questa difficile estate si pagheranno anche nei mesi a venire. E comunque… continua a non piovere…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...