Una fiera che ritorna in terre “difficili”

Nel mese di aprile sono stata invitata ad Ottone, un piccolo centro della provincia di Piacenza, collocato lungo il torrente Trebbia, a poca distanza dal confine con il Piemonte e la Liguria. Terre di confine, appunto. Ma anche terre dove è difficile vivere.

kt3e4q
Castello della Pietra – Vobbia (GE)

Per arrivare lì me la sono presa “comoda”, facendo un lungo giro in luoghi poco conosciuti. Volevo vedere dal vivo il Castello della Pietra di Vobbia, una costruzione particolare in un luogo dal fascino severo. Anche in questo caso è inevitabile porsi delle domande sul come sia stato costruito, sulla vita, sui commerci, sul passaggio che dovesse esserci all’epoca in queste vallate (il castello è del XI secolo). Oggi sono luoghi scarsamente popolati, i fiumi mostrano evidenti i segni delle alluvioni e mi chiedevo di cosa possa vivere la gente dei paesi che attraversavo.

9pxrxq
Pascoli al monte Buio – confine Piemonte-Liguria

Ho anche fatto una breve escursione, camminando prima nei boschi di faggio e sbucando poi in cresta su pascoli che sicuramente vengono utilizzati nella stagione estiva. Panorami diversi rispetto a quelli alpini, quote inferiori, boschi di latifoglie che terminano drasticamente per lasciare, in cresta, spazio ai pascoli.

3rwt4h
Carrega Ligure (AL)

Il mio viaggio è proseguito su strade così poco frequentate da incontrare meno di cinque auto in circa due ore di tragitto. Villaggi raggiungibili risalendo valli strette e tortuose, fitte di boschi, con pareti rocciose qua e là intaccate da frane che hanno interessato anche la sede stradale. Di cosa si vive quassù? E chi ci vive ancora? Gran parte delle abitazioni sembrava chiusa…

6ltlfw
Capanne di Carrega (AL)

Alle Capanne di Carrega, sul colle, un agriturismo abitato tutto l’anno. Sentivo campanelle risuonare nell’aria, qualche animale al pascolo in quel freddo giorno di primavera doveva esserci. L’impressione generale però era di “sopravvivenza”, piccole strutture, piccole realtà, mancherebbero totalmente gli spazi per aziende dimensioni maggiori (peraltro fuoriluogo quassù) e poi… sembra di essere lontano da tutto, più ancora che non in una vallata alpina. C’è il mare all’orizzonte, ma sicuramente quello è un altro mondo, così come la pianura delle grandi aziende. E’ sufficiente la stagione turistica per riuscire a tirare avanti?

b70lpg
Pascolo tra Liguria ed Emilia – Barchi (PC)

Finalmente ho raggiunto la mia meta. Prima di andare ad Ottone, dove il giorno successivo sarei stata ospite della fiera del bestiame, sono ancora risalita a Barchi, per incontrare Gloria e la sua famiglia. Barchi è un villaggio che si popola d’estate, quando i villeggianti scappano dal caldo, ma in questa stagione non c’è quasi nessuno. La famiglia Pisotti e i loro animali sembrano costituire il nucleo principale. Gloria, insieme ad una compagna di scuola, mi accompagna subito a vedere la mandria dello zio. Saliamo sulla strada sterrata che porta ai pascoli dove gli animali stanno tutto l’anno.

noy7gs
Cavalli al pascolo sull’Appennino tra Liguria ed Emilia

Gloria mi racconta di come questo sia possibile, grazie al clima. Se proprio arriva la neve, allora si interviene con del fieno, ma negli ultimi anni non ci sono state difficoltà. Così gli animali nascono, crescono, brucano, dormono, si abbeverano… Oltre alla mandria di vacche, ci sono i cavalli. Lo zio di Gloria e i suoi cugini mandano avanti l’azienda, che sarà tra le protagoniste della fiera del giorno successivo.

zzbd2t
Il gregge di Gloria – Barchi (PC)

La famiglia di Gloria mi riserva un’accoglienza molto calorosa, che mi fa sentire a casa anche qui dove le montagne sono arrotondate e diverse dall’aspetto che mi è usuale. Ci ritroviamo a parlare di conoscenze comuni, alcune reali, altre incontrate grazie ai social. Poi di qui si parte, una volta all’anno, e si viaggia fino alla fiera di Luserna, dove è possibile vedere tanti animali ed incontrare gli allevatori di un po’ tutto il nord Italia. Gloria mi racconta degli studi a Genova, ma non all’istituto agrario: “Perché lì sono specializzati sulla floricoltura e chi ha gli animali viene preso in giro persino dai compagni di scuola!

ii0whs
Fiera del bestiame – Ottone (PC)

Il giorno successivo però la fiera è lì vicino, ad Ottone. Grazie alla presenza di un nucleo di giovani allevatori intraprendente, alla Proloco e all’Amministrazione, dopo 40 anni, è stata riproposta la Fiera del Bestiame. Ci sono rappresentanti delle varie aziende e avrebbero potuto essere ancora più numerosi, non fosse stato per alcune restrizioni sanitarie in vigore in quel periodo.

ht0gbd
I ragazzi delle scuole intervistano gli allevatori -Fiera di Ottone (PC)

I ragazzi delle scuole raccolgono testimonianze dai vari allevatori e tocca anche a Gloria essere intervistata. Tutti mi dicono che la fiera è stata un successo, non ci si ricorda di aver visto così tanti animali riuniti, qualche anziano parla delle fiere di un tempo, uno di loro mi racconta di quando acquistava i vitelli nelle aziende della zona e li rivendeva in Piemonte, proprio dalle mie parti, affinché fossero ingrassati.

wlgcle
L’arrivo degli animali alla fiera – Ottone (PC)

Ci sono bovini, numerosi cavalli e asini, qualche capra, alcune pecore, un paio di lama. Al mattino ci si riunisce per un interessante convegno, dove si parlerà anche di razze autoctone, di pascoli e di allevamento come importante risorsa per il mantenimento e la gestione del territorio. Al pomeriggio invece il pubblico si ritrova ancora più numeroso nel campo sportivo ad ammirare gli animali, le esibizioni a cavallo, l’opera del maniscalco… Per me viene il momento di rientrare, così riparto contagiata dall’entusiasmo dei nuovi amici conosciuti in quei giorni. Finita la fiera, premiati i partecipanti, si torna però ai problemi quotidiani, che non possono essere affrontati e superati solo con la passione.

2 Replies to “Una fiera che ritorna in terre “difficili””

  1. Salve a tutti sono un piccolo allevatore ligure…vorrei mettermi in contattocon la famiglia pisotti e gloria…di barchi per scambiare alcune idee…lascio la mia mail

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...