Non è come sembra

Abbiamo fatto un veloce viaggio oltralpe, qualche giorno per staccare dalla “routine”. La Francia è vicina, non eccessivamente cara, offre un buon assortimento di paesaggi e luoghi da visitare senza affaticarsi troppo. Non cercavamo le città, quindi buona parte del tempo siamo stati circondati da spazi rurali. Dormendo nelle chambres d’hôtes (l’equivalente francese dei bed&breakfast) c’è modo anche di chiacchierare con i gestori e gli altri ospiti, specialmente se si cena tutti insieme.

gd01ed
Gregge salendo al Colle dell’Izoard – Francia

Non intendo raccontarvi nel dettaglio il nostro viaggio, ma solo presentarvi alcune riflessioni su tematiche emerse nel corso di queste chiacchierate. L’allevamento ovino è molto radicato sul territorio, specialmente nelle regioni del Sud che abbiamo attraversato. La carne è presente nelle macellerie (sia quelle francesi sia, a maggior ragione, nelle numerose macellerie halal che abbiamo visto un po’ in tutte le cittadine) e non manca mai nei menù.

msbfcz
Cartellonistica rivolta ai turisti – Cervières, Francia

Ovunque, lungo le strade, i sentieri e nelle strutture dove abbiamo soggiornato, sono presenti cartelli, locandine e depliant informativi sulla presenza dei cani da guardiania e sul comportamento da tenere. Il gestore di una delle strutture dove abbiamo soggiornato ci diceva che la convivenza cani-turisti è molto problematica. In Francia la razza più utilizzata è quella dei Pastori dei Pirenei, ma… contrariamente a quello che solitamente ci viene detto, non sono così docili. “Ci sono stati molti casi di turisti che sono stati morsicati, i pastori si sono stufati, non sono cani che puoi educare! Non sono cani, loro pensano di essere pecore!!! Molti adesso hanno preso altre razze, come i Pastori del Caucaso o i Pastori dell’Asia Centrale.

ocfpzp
Gregge al pascolo, Comps-sur-Artuby, Francia

Ogni volta che dicevamo che abbiamo animali, una ferme, immediatamente ci chiedevano com’è in Italia la situazione con il lupo. E’ successo ovunque, in zone di montagna e in paesi a poca distanza dalla costa. “Qui il lupo è un grosso problema…“. Non è difficile da credere, sia per il fatto che l’allevamento ovino è così diffuso, sia perché le zone dove il predatore si può rifugiare sono immense. Abbiamo attraversato innumerevoli aree completamente disabitate, coperte di boschi.

akujtp
Pascoli e abbeveratoio su di un altopiano – Caussols, Francia

Altrove invece era la “garriga” a coprire sconfinare zone calcaree, altopiani e gole, con radi boschi, aree cespugliate e distese di erbe dure, spesso spinose, ciuffi di lavanda selvatica e altre piante aromatiche. “Da noi molti pastori sono giovani che hanno fatto un corso a scuola (l’Ecole du Merle di Salon de Provence, ndA), non sono preparati al lupo, agli attacchi. A me piace andare in montagna e mi fermo sempre a parlare con i bergers. C’era una ragazza che era sconvolta, essere su da sola con gli animali e avere attacchi continui, trovare gli animali morti, sbranati, le pecore gravide con il ventre squarciato….“. Ho chiesto se è vero che i pastori possono sparare al lupo: “No, anche se ormai molti sono comunque armati, perché sono stufi di questa situazione. Qualche lupo viene abbattuto in modo ufficiale, ma solo quando si ritiene che sia davvero pericoloso e allora viene fatta intervenire una squadra apposita.

efpzxu
Fattoria didattica a Cervières – Francia

Tutte le persone che ci hanno fatto domande sul lupo erano curiose di sapere se davvero in Italia c’è un buon livello di convivenza tra allevatori e predatori, perché questo è ciò che viene detto loro negli incontri informativi o che appare sugli articoli. Così come qui da noi dicono che in Francia convivono perfettamente… no? Poi il discorso, dal lupo, passava alla crisi che interessa molte aziende. “In Francia c’è un suicidio al giorno tra i paysan“, raccontava una signora. “Va un po’ meglio per quelli che si sono messi a trasformare in proprio, che seguono tutta la filiera nella loro azienda“, ci diceva un altro gestore.

j0nirr
Mercato a Dignes-les-Bains – Francia

Nei mercati sono numerose le bancarelle delle aziende agricole. In generale, non manca mai almeno un paio di piccoli produttori di formaggi di capra e/o pecora. Così ad occhio direi che le vendite sono buone, dato che alle 11:30-12:00 i loro banchetti nei mercati più affollati avevano già praticamente esaurito i formaggi freschi. E i prezzi sono notevolmente più elevati dei nostri. La sensazione che ho, ogni volta che vado in Francia, è che da loro le normative per la trasformazione e vendita siano meno restrittive che da noi. Però non so se fosse pienamente in regola quella signora che si aggirava per le vie di La Ciotat con una borsa con le rotelle “vecchio stile”, un corno di capra in mano. Ogni tanto lo suonava con vigore, dopodiché annunciava a gran voce: “Fromage de chevre!“. La gente si avvicinava e lei estraeva dalla borsa le formaggelle, per incartarne uno o due pezzi, a seconda delle richieste dei clienti.

oluwnz
Vecchia porta in un vicolo del villaggio, Bargemon – Francia

In Piemonte i paesi di montagna sono ancora vivi, ci sono i negozi! Da noi è tutto chiuso, morto!“, così raccontava un signore che in questi anni è stato in ferie in Valle Maira e Valle Varaita. Evidentemente è proprio vero che l’erba del vicino brilla sempre di un verde più intenso… Le nostre vallate montane non se la passano affatto bene, anche se effettivamente qualche negozio che resiste c’è ancora.

tulmzm
Nella parte alta di Tende – Francia
gaitli
Tra i vicoli di Bargemon – Francia

I villaggi di questa parte della Francia sono così belli da visitare se ti piacciono i vicoli e quel senso di indefinita trascuratezza senza tempo. Tra case chiuse da anni e angoli decorati e ricchi di fiori si respira l’atmosfera tipica della Provenza.

hvmdus
Turismo di massa a Saint Paul de Vence – Francia

Poi ci sono i villaggi turistici, dove tutto è stato recuperato, sono proliferati negozi e atelier di artigiani e artisti. Qui arrivano i turisti in massa, pullman interi e decine e decine di auto. Senti parlare tutte le lingue del mondo, c’è gente in qualsiasi ora, fino a tarda sera.

i6evgu
Uno dei tanti gatti incontrati nei villaggi – Villecroze, Francia

Io però preferivo di gran lunga gli altri, quelli dove, nei vicoli, incontravi soprattutto gatti e sentivi odore di aglio che usciva dalle finestre mentre la gente stava cucinando. Non mancava mai anche qualcuno che rientrava con la baguette sottobraccio e quei due o tre tavolini con gruppetti di gente del posto che si beveva un pastis al bar in piazza. E’ vero che non erano più popolati come un tempo, ma il vero abbandono l’ho percepito altrove.

epf4ra
Strada degli artisti a Draguignan – Francia
w8g89m
Colori vivaci e senso di abbandono – Grasse, Francia
fjw0es
Strade silenziose a Grasse – Francia

E’ stato nelle cittadine che mi ha colpito il silenzio e la desolazione di alcune vie. Appena fuori dal centro, ecco decine e decine di serrante abbassate, vetrine polverose, porte serrate da anni. Qua e là tentativi di valorizzazione poi abortiti, strade dedicate agli artisti con i laboratori chiusi o aperti saltuariamente. Non che non succeda anche da noi, dove il commercio spesso si sposta interamente (ahimè) nei grandi centri commerciali. C’è chi trasferisce la sua attività al loro interno e… molti altri invece chiudono definitivamente.

vshser
Prati sfalciati al tramonto – Saint-Vincent-les-Forts, Francia
ad8jdc
Campi di cereali con papaveri e altre “infestanti” – Provenza, Francia
vacpnx
Campi di cereali e coltivazioni di lavanda, Valensole – Francia

Torniamo alla vita rurale. Buona parte del turismo di queste aree è legato al paesaggio rurale e alle sue produzioni. La fioritura della lavanda è uno dei simboli della Provenza, ma poi ci sono anche vigneti e vini, uliveti e olio e così via. Mancasse l’aspetto rurale ed eno-gastronomico, queste terre perderebbero gran parte della loro attrattiva.

lfqkiw
Visita notturna di una famiglia di cinghiali davanti alla porta della nostra camera – Tourtour, Francia

Vi sono però, come dicevo prima, immensi territori quasi disabitati, dove guidi per chilometri senza vedere una casa, o al massimo scorgi un cabanon, una piccola azienda agricola circondata da vecchi macchinari, qualche auto o furgoncino arrugginito e non più funzionante. Oltre ai lupi, sicuramente lì trovano cibo e rifugio moltissimi animali selvatici. In una zona residenziale, con numerose ville circondate da giardini e pini, notavamo un susseguirsi di recinzioni elettrificate, anche se chiaramente all’interno non vi era alcuna forma di allevamento. Nel cuore della notte abbiamo compreso le ragioni: le fotocellule sono scattate e hanno illuminato chi si stava avvicinando alla porta della nostra stanza, una grufolante famiglia di cinghiali, la cui presenza sul territorio è ben nutrita.

iyls9i
Tende, Valle Roya – Francia
lt6q6y
Passaggi coperti e scalinate – Tende, Francia
qlfoew
Al lavoro nell’orto, Tende – Francia

Per concludere, sulla via del ritorno ci siamo finalmente fermati a Tenda (Tende in Francese). Sono passata innumerevoli volte qui, specialmente da bambina, e il villaggio arroccato contro la montagna mi aveva sempre affascinata. Questa volta ho potuto visitarlo con calma, scoprendo un vero gioiellino. Alte case antiche, fontane, portali decorati, ripide scalinate e passaggi coperti tra le case. La parte più viva e nuova è quella lungo il corso della strada che risale la Valle Roya per portare al traforo del Colle di Tenda e quindi a Cuneo, ma merita addentrarsi nelle strette strade lastricate.

hmmxew
Museo della tradizione – Tende, Francia

Si arriva anche ad un museo molto particolare, frutto della passione di un uomo che, per quasi 50 anni, ha collezionato tutto quello che riguardava la vita di questo paese. Oggi il museo è in vendita “a pezzi o in blocco”, così recita il cartello scritto a mano. Ogni articolo ammassato nelle anguste stanze che ospitano la collezione ha un prezzo, dalle credenze alle canaule con campana, dai vasi in vetro ai coltelli e così via. Un posto dove un appassionato potrebbe perdersi per ore… (ho cercato riferimenti on-line su questo museo, ma non ho trovato nulla).

Annunci

Fieno e ancora fieno

Queste pagine sono rimaste in silenzio per qualche giorno… in compenso ferveva l’attività altrove e sarà così per buona parte della stagione estiva. Chi lo vive, sa cosa significa, ma per tutti gli altri bisogna spiegare meglio cosa sia la fienagione.

dn4swc
Fienagione in montagna – Nus (AO)

Quando gli animali sono all’aperto, pascolano e si nutrono direttamente del foraggio, dell’erba. Quando sono in stalla, bisogna alimentarli con foraggio conservato, soprattutto fieno. Uno dei motivi per cui si fa la transumanza, per cui si mandano gli animali in alpeggio, è quello di far sì che si nutrano di quelle erbe disponibili solo nella stagione estiva, lasciando “liberi” i pascoli di pianura, che verranno sfalciati per ottenere per l’appunto il fieno. La stessa cosa accade in fondovalle o sui versanti di mezza quota.

1fpguh
Fieno a 1000 m – Nus (AO)

Lo scorso anno era stato pessimo per il fieno, tra gelate primaverili e siccità estiva. Quest’anno le piogge hanno penalizzato il maggengo, il primo taglio di pianura, mentre in montagna, da queste parti ha smesso di piovere proprio quando gli animali sono saliti in alpeggio a metà giugno. Tempo di pulire le stalle e poi via subito a gran carriera a far fieno, approfittando di sole e giornate ventilate.

nyx6yw
Le andane pronte per l’imballatura – Nus (AO)

Ci va tempo a fare il fieno, specialmente in quota. In pianura oggi, con i mezzi, basta una persona e i macchinari giusti. Quando le estensioni sono vaste e regolari, non c’è nemmeno da scendere dal trattore. Le cose cambiano in montagna, dove ci sono pezzi e pezzettini, tanto per cominciare. Anche dove il terreno è pianeggiante o quasi, pali e paletti delimitano gli appezzamenti, quindi è tutto un girare e manovrare per tagliare, girare, ammucchiare e imballare il tuo pezzo, poi saltare quelli dei confinanti e ricominciare un po’ più in là. Se vuoi fare le cose per bene, meglio ci sia anche sempre qualcuno a terra con il rastrello per ripulire specialmente gli angoli e i punti dove i macchinari inevitabilmente lasciano giù fieno.

d0tr03
Fienagione “ripida” – Nus (AO)

Poi ci sono tutti quei pezzi troppo ripidi per passare con il trattore, che vanno tagliati con la falciatrice, girati a mano, quindi il fieno viene ammucchiato al fondo tirandolo giù man mano con il rastrello. Qualche volta (peggio ancora) bisogna tirarlo in su, e la fatica è ovviamente maggiore. Mentre si è intenti a queste operazioni lunghe e pesanti, è inevitabile pensare all’assurdità di certe cose… Per esempio quanto lavoro ci sia dietro ad un litro di latte, ad un chilo di carne prodotta quassù. Eppure (quasi) nessuno lo riconosce. E non viene pagato più di quanto lo sia in pianura, dove tempi, spazi e modalità di lavoro sono molto differenti.

ilojqi
…e anche questo pezzo è fatto… – Nus (AO)

Ogni azienda ha i suoi macchinari, per fare fieno, perché è inevitabile che sia così. Un conto è il pensionato che ha ancora due bestie o l’hobbista con un paio di capre, quelli possono anche andare avanti con i vecchi macchinari, ma chi fa l’imprenditore agricolo anche solo medio-piccolo, alla fine deve dotarsi di tutto il necessario. E serve il trattore grosso per l’imballatrice, serve la falciatrice e altri mezzi per i pezzi più brutti e ripidi, ecc ecc… Non potrebbe nemmeno fare a metà, per ipotesi, con il vicino, perché i giorni della fienagione sono gli stessi per tutti e nello stesso momento tutti tagliano, tutti imballano. Finito un pezzo, vai a farne un altro, perché devi approfittare del bel tempo e perché le scorte per la lunga stagione invernale devono essere grandi.

q1kvaw
Fienagione a Hers – Verrayes (AO)

Sono giorni di grande frenesia, vedi tutti passare con i macchinari o con i rastrelli, danno una mano anche i ragazzini e i membri della famiglia che fanno altri lavori. Nonostante le parole pessimistiche di chi diceva che avrebbe piovuto tutta l’estate, la stagione è iniziata nel migliore dei modi, ma non bisogna mai sprecare il tempo. Le condizioni meteo potrebbero cambiare, potrebbe arrivare un temporale serale… E così tutti si affrettano. Il fieno poi non aspetta, va tagliato al momento giusto per avere un buon prodotto che sarà gradito alle bestie e permetterà una buona produzione di latte. Una volta tagliato, dev’essere imballato quand’è ben secco, ma senza nemmeno aspettare troppo tempo. Se il clima è favorevole, un giorno si taglia, uno si gira e il terzo si imballa.

6xiept
Ballette “quadre” al fondo del prato in pendenza – Nus (AO)

A seconda del mezzo impiegato, si ottengono le care vecchie “ballette quadre”, più faticose da ottenere (bisogna spingere a mano con la forca il fieno nell’imballatrice), che però possono essere movimentate a mano e stoccate anche nei vecchi fienili delle baite. Oppure in montagna si fanno anche rotoballe (generalmente di dimensioni medie, mentre in pianura sono più grosse) e in questo caso l’imballatrice raccoglie da sola il fieno dalle andane a terra.

sspp7r
Rotoballe a Hers – Verrayes (AO)

Si va avanti di pezzo in pezzo, c’è chi li ha tutti vicini, chi ne ha in frazioni o addirittura in comuni diversi, perché un pezzo è stato ereditato dalla famiglia del papà, uno da quella della mamma, l’altro l’hai preso in affitto e un altro ancora te l’ha lasciato uno che non riesce più a star dietro a questi lavori. C’è chi il fieno lo usa tutto per la propria azienda, chi lo fa per poi venderlo, dato che non ha più animali. C’è chi è in alpeggio e scende a farsi il fieno (mentre operai e famigliari si occupano del bestiame), chi manda via i propri animali per occuparsi della fienagione.

2ene2e
Prati non sfalciati a Hers – Verrayes (AO)

Non trascuriamo poi il valore paesaggistico della fienagione. Dove gli uomini passano a svolgere questa attività, una volta rimosse e stoccate le balle nei fienili, restano bei prati curati dove la pioggia o l’irrigazione in pochi giorni faranno tornare il colore verde e anche qualche fiore. Passato il giusto tempo si procederà con il secondo, magari anche con un terzo taglio (anche se, in montagna, molte volte il terzo viene pascolato dagli animali che tornano dall’alpeggio). Laddove invece i prati sono stati abbandonati, già a fine giugno il colore prevalente è il giallo scuro delle spighe delle graminacee. Difficilmente qui fioriranno altre essenze e anche le piogge in questi appezzamenti non riusciranno a mantenere il bel verde vivo che si osserva invece nei prati sfalciati regolarmente.

cfvfhn

Non so quanto riuscirò ad essere presente su queste pagine nelle prossime settimane/mesi, perché la fienagione continua ad altre quote e poi con il secondo taglio. Vi ricordo però che potete incontrarmi alle presentazioni dei miei libri, che trovate tutte indicate qui. La prima è questo venerdì, 13 luglio 2018, alle ore 21:00 a Rivarolo Canavese.

I segni dell’inverno

Finalmente sembra essere tornato un po’ di sole qui sul Nord Ovest. Tutta l’acqua che abbiamo invocato la scorsa estate/autunno è poi arrivata… ma tra maggio e giugno. Non una cosa del tutto anomala, io da bambina mi ricordo spesso dei mesi di maggio piovosi e qualche anno fa ci fu un inizio stagione d’alpeggio molto umido. Comunque, non è di questo che vi volevo parlare.

8lvds0
Prime ore di pascolo in alpeggio – Praz Croux Désot, Vallone di St.-Barthélemy (AO)

Mentre in pianura e sui fondovalle ferve l’attività di fienagione, per alcuni rimandata anche troppo a lungo, le montagne hanno ripreso a risuonare di campane e campanelle, muggiti e belati, abbaiare di cani e richiami dei pastori. Chi prima, chi dopo, ormai sono quasi tutti saliti in alpeggio con mandrie e greggi.

3sjoyu
Pascoli della Tsa de Fontaney – Vallone di St.-Barthélemy (AO)

Da una certa quota in su, l’erba è ancora molto bassa. Però è normale anche quello, sono state le scorse stagioni ad essere anomale, con primavere anche troppo anticipate. D’altra parte un tempo la salita tradizionale in alpeggio avveniva quasi ovunque nella terza settimana di giugno.

labffe
L’ultima neve è appena sciolta sopra i 2200-2300 m – Vallone di St.-Barthélemy (AO)

Non a caso un tempo gran parte degli alpeggi era organizzata con diversi tramuti, di modo che a inizio stagione si iniziava a pascolare in basso, salendo poi alle quote più alte solo a fine luglio, inizi di agosto. Questo sistema è ancora praticato in alcune aree, mentre altrove non tutte le baite sono più in uso, oppure i pascoli sono stati suddivisi, smembrati, così c’è chi si trova in difficoltà, poiché ha sì l’alpeggio, ma fatica a trascorrervi tutta la stagione.

le2eig
Innevamento in quota – Vallone di St.Barthélemy (AO)

Non è un male che in alto ci sia ancora tanta neve. Questa scioglierà man mano, garantendo acqua anche qualora dovesse smettere di piovere, ma facendo anche sì che l’erba esca poco per volta. Quando gli animali arriveranno quassù, il pascolo sarà ancora verde e fresco, consentendo loro di trascorrere una buona stagione.

ptw09p
Valanga sulla strada che sale alla Conca del Prà – Bobbio Pellice (TO) – (foto M.Verona)
eehmkd
Vegetazione abbattuta dalla neve o trascinata dalle valanghe sulla pista – Vallone di St. Barthélemy (AO)

Non tutto però è positivo. L’inverno ha lasciato anche alcuni strascichi che complicheranno la stagione per molti. Si va dalle strade ancora ingombre dalle valanghe, per le quali si è dovuto intervenire con i mezzi meccanici, a quelle che sono state gravemente danneggiate dalle stesse valanghe o da frane successive.

rfy99t
Segni del passato inverno nella Conca del Prà – Bobbio Pellice (TO) – (foto M.Verona)

Dove le valanghe hanno accumulato tanta neve, anche a quote non così elevate l’erba è ancora molto indietro. Qui non si può ancora salire con gli animali, non avrebbero niente da mangiare… Tocca attendere ancora in stalla o nei prati che dovrebbero venire sfalciati, non pascolati!

enh2o5
Detriti lasciati dalle valanghe sui pascoli della Conca del Prà – Bobbio Pellice (TO) – (foto M.Verona)
6xdhmo
Tronchi, rami e sassi ingombrano i pascoli – Vallone di St. Barthélemy (AO)

E poi ci sono molti pascoli quasi completamente ricoperti da tutto ciò che la forza delle masse nevose distaccatesi dai versanti hanno trascinato a valle: rami, tronchi, alberi interi, sassi, terra. Qui occorrerebbero squadre di persone che vadano urgentemente a ripulire tutto, prima che l’erba cresca. Il pascolamento quassù altrimenti sarà molto difficile… e comunque ci sarà meno da mangiare delle stagioni precedenti.

ar2fuq

4iujx6
La valanga è arrivata fin sulle case di Partia d’Amount – Bobbio Pellice (TO) – (foto M.Verona)

Per finire, ci sono gli edifici. Generalmente sono stati costruiti dove le valanghe non dovrebbero arrivare, ma può succedere che l’evento sia così eccezionale da interessare anche costruzioni che da secoli resistono nello stesso posto. Oppure è stato il peso della neve a farli crollare. Comunque, per qualcuno ci sarà anche questa difficoltà da affrontare, quest’estate (a tal proposito, leggete anche questo articolo).

Come gestire l’alpeggio

L’altro giorno mi ha telefonato un amico allevatore, chiedendomi se avevo visto le “istruzioni” per il pascolo per poter ottenere i contributi relativi all’alpeggio. No… Non ho un’azienda mia e non ho mai seguito dettagliatamente in prima persona il discorso “contributi”, ma ho cercato di informarmi su quello che mi veniva chiesto, perché sicuramente una piccola spiegazione poteva essere utile anche per altri.

5nabno
Pascolo in alpeggio – Val Pellice (TO)

Dunque, ciò di cui si parla, nella vasta galassia dei “contributi”, è il piano di pascolo (o Piano Pastorale Aziendale). Il nome mi fa tornare indietro di vent’anni, quando da studentessa universitaria in Scienze Forestali, nell’ambito del corso di Alpicoltura, avevamo fatto le esercitazioni in campo e ci eravamo occupati proprio dei rilievi vegetazionali, della raccolta dei dati aziendali e della successiva redazione del piano di pascolo. Anche se mi sono laureata per l’appunto in quella disciplina e, pur continuando a gravitare nell’ambito del mondo della zootecnia di montagna, di piani di pascolo non ne ho mai più fatti. Però ho visto portare al pascolo o ho pascolato io stessa molti animali, in situazioni e condizioni differenti.

57hnjs
Pascoli e alpeggi – Vallone di St.Barthélemy (AO)

Nel PSR attuale (2014-2020) la misura 10.1.9 “Gestione eco-sostenibile dei pascoli” indica tutta una serie di strumenti gestionali per il pascolamento e il mantenimento in buon stato dei pascoli. Cosa che gli allevatori di un tempo hanno (quasi) sempre fatto. Oggi però, per ottenere certi contributi specifici legati all’alpeggio (ce ne sono di vario tipo, non sono nemmeno io in grado di spiegarveli tutti), si può presentare le domande relative a tale misura (qui però potete leggere una guida semplificata al PSR per la regione Piemonte). Occorre l’intervento di un professionista che rediga tale piano, che comprende tutta una serie di elementi gestionali, dalla suddivisione delle aree di pascolo al calcolo dei carichi di bestiame e i giorni di pascolamento, ma anche il posizionamento di punti acqua, punti sale, ecc…

uaydei
Un dettaglio del fascicolo mostratomi da un allevatore piemontese

Sicuramente mi potrete dire che “i vecchi hanno sempre saputo come fare a gestire l’alpeggio”. E, nella stragrande maggioranza dei casi, avete anche ragione. Potreste anche dirmi che certe immagini contenute nel fascicolo ad illustrazione degli interventi vi hanno fatto ridere o vi hanno lasciato molto perplessi, facendovi dubitare della validità del tutto. E non avete completamente torto. Però ci sono alcuni aspetti da considerare.

xuzxsb
Pascoli d’alta quota – Vallone di Bellino (CN)

Innanzitutto, se ci siamo sempre lamentati dei contributi che vanno a finire nelle mani sbagliate, se abbiamo inveito contro gli speculatori, contro chi prende i soldi e non porta su nemmeno una bestia… Allora questi contributi non andranno a finire nelle loro tasche, perché qui si richiede di gestire nel migliore dei modi l’alpeggio. Leggete con attenzione, in fondo si chiede all’allevatore di fare al meglio il suo mestiere, garantendo il benessere degli animali, ma anche il mantenimento/miglioramento dei pascoli, di modo che lui o altri possano beneficiarne negli anni a venire.

b56g2w
Mandria in alpeggio a fine stagione – Valle Maira (CN)

Per esempio, con il posizionamento dei punti sale in determinate aree invase da vegetazione “cattiva”, si spingono gli animali a raggiungerle, contribuendo al loro miglioramento. Viceversa, si vuole impedire l’eccessiva concentrazione del bestiame per lunghi periodi in altri punti, al fine di evitare fenomeni di distruzione del pascolo, erosione, ecc. Perché tutto questo? Perché veniamo da anni in cui c’è stato da una parte l’abbandono, dall’altra l’aumento (anche eccessivo) dei capi monticati. Alcune aree non vengono più utilizzate, non ci sono più tante persone che salgono in alpeggio con pochi animali, ma poche persone che salgono con molti, moltissimi capi di bestiame.

wt02vd
Rustico “punto acqua” – Valle Sacra (TO)

Quando abbiamo 2-300 bovini (o anche di più) che vanno tutti i giorni, per settimane, a bere sempre nello stesso posto… possiamo immaginare cosa accade. Idem se la mungitura avviene sempre nel medesimo luogo. Queste misure sono una di quelle auspicate forme di contributi basate sulla qualità e non (solo) sulla quantità. Perché deve esserci un professionista a redigere un piano? Perché purtroppo molti allevatori non sanno più fare il loro mestiere. Perché in alpeggio vengono lasciati operai a gestire la mandria o il gregge, senza la presenza dei datori di lavoro. Perché in questi anni, ahimè, di situazioni negative se ne sono viste sempre di più. E’ vero che i vecchi certe cose le sapevano senza aver preso una laurea, ma non è anche vero che molti “giovani” invece non li hanno più ascoltati? Hanno badato più ai grossi numeri che alla cura del territorio? A prendere ciò che il territorio offriva, senza più dare niente in cambio?

ae0nwf
Vita d’alpeggio in Valtellina (dal sito lombardiabeniculturali.it)
rhiq7m
L’alpeggio di un tempo in Valle d’Aosta (dal sito cogneturismo.it)

Sappiamo bene che tutto ciò è accaduto anche per colpa dei contributi, che hanno stimolato l’avidità di molti… così adesso si corre ai ripari. Il territorio montano è fragile, sia l’abbandono, sia l’eccessivo sfruttamento lo mettono in pericolo. Non si tornerà più ai tempi in cui in un alpeggio salivano magari anche più di dieci persone, compresi bambini che avevano come unico stipendio il (poco) vitto. La cura della montagna di un tempo prevedeva anche questo, non dimentichiamocelo.

p05zcs
Esempi di punti acqua consigliati

In quella misura non c’è scritto che sia vietato far bere gli animali nei torrenti e nei laghi, c’è scritto che bisogna preferire altre soluzioni. Le sfilate di vasche da bagno che spesso troviamo in mezzo ai pascoli sicuramente non sono un bel vedere. Certo, sono pratiche e a buon mercato. Le vasche con il galleggiante, per evitare spreco di acqua, costano di più e non possono essere portate proprio dappertutto. Dove già ci sono grossi abbeveratoi, spero si possano continuare ad usare. Le tazzette in mezzo al pascolo le vedo poco pratiche, sia per la loro collocazione, sia perché gli animali hanno la tendenza a grattarsi contro ogni cosa che trovano. Fanno spesso una brutta fine già le paline in legno della sentieristica, figuriamoci le tazzette!

vf2cab
Abbeverata al fiume – Comboé (AO)

Io la vedo così: le intenzioni sono buone. Poi bisognerebbe, come sempre, usare il buon senso e unire la pratica alla grammatica. Se fossi io a dover redigere il piano di pascolo, parlerei a lungo con l’allevatore e cercherei di capire quel che si può fare effettivamente sul territorio, con le risorse a disposizione, comprese quelle umane. La teoria funziona sempre molto bene sulla carta… ma quando si è poi in alpeggio, con gli animali, con tutti i lavori da fare, con le ore del giorno che sono sempre e solo ventiquattro, con tutti gli imprevisti quotidiani, con la pioggia, la siccità e tutto il resto, il più delle volte tocca arrangiarsi. Se proprio tutto questo non ci va, nessuno è obbligato a presentare le domande per i contributi. Con i tempi che corrono, farne a meno per molti non è facile… Però, per come sembra a me, queste “regole” sono pensate per chi cerca di fare “qualità”. Ormai purtroppo occorrono regole per ogni cosa, la colpa è soprattutto di chi si comporta o si è comportato in modo scorretto, quindi bisogna creare delle norme per arginare la disonestà e le azioni errate.

dcxctb
Grosso abbeveratoio davanti ad un alpeggio – Vallone di St. Barthélemy (AO)

Come sempre, non è facile. Non lo è specialmente per chi ogni giorno ha come priorità quella di far mangiare a sufficienza i propri animali e mal tollera tutti gli ostacoli, gli impedimenti, le intrusioni nel suo mondo di quella che, in generale, viene chiamata “burocrazia”. Qualcuno di voi, allevatori che leggete, ha già provato questo sistema (introdotto già nel precedente PSR)? Come sta andando? Com’è andata? Quali sono le difficoltà principali? Cosa è fattibile e cosa no? Avete voglia di raccontarmelo (anche privatamente) così che possiamo poi continuare il discorso in futuro?

gsxytx
Antichi fabbricati d’alpe – Valli di Lanzo (TO)

La prima domanda è sempre quella

Non scrivo questo post a cuor leggero. Anzi, avrei preferito non scriverlo affatto. Però ci sono stati alcuni fatti che mi hanno portato a riflettere su aspetti che prima non avevo mai preso in considerazione. Inoltre, pur consapevole che questi miei pensieri si perderanno nel mare delle notizie urlate presenti in rete, volevo comunque dirvi la mia, ancora una volta.

mezl4p
Pascoli in Lessinia (VR)

Partiamo dal fatto che ultimamente, durante conferenze e presentazioni di libri, al termine dei miei interventi mi è sempre stata posta la stessa domanda, sia che mi trovassi in Piemonte, in Valle d’Aosta, in Lombardia o in Veneto, sia che avessi parlato di capre, di alpeggi, di giovani allevatori, di pastorizia, di pascoli. Il pubblico per prima cosa mi ha sempre chiesto del LUPO. Se non mi viene richiesto un intervento specifico sull’argomento, tendo a non trattarlo nei miei discorsi, al massimo lo nomino quando parlo delle problematiche della zootecnia di montagna. Però la gente mi chiede sempre quello. Perché?

byvv6f
Zootecnia di montagna – Nus (AO)

Forse ci hanno letto troppe favole da piccoli… Scherzi a parte, parlando di lupi, non bisogna mai dimenticare innanzitutto il loro valore simbolico, sia per chi li considera “nemici”, sia per chi invece li protegge a spada tratta. Non è facile trattare questo argomento, servirebbe un libro intero per toccare tutti i punti di un discorso molto articolato, inoltre ogni volta che scrivo qualcosa a riguardo vedo che c’è sempre chi fraintende o chi replica con toni accesi, spesso senza nemmeno leggere fino alla fine il mio pensiero. Chi mi segue/legge da anni, sa come la penso a riguardo (qui trovate molto, nel mio vecchio blog). Cosa voglio dirvi oggi, di nuovo?

jzennl
Cervo morto rimasto intrappolato in una recinzione mobile elettrificata – Nus (AO)

Partiamo da uno spiacevole incidente. L’altro giorno un grosso cervo maschio in pieno giorno si è scontrato con una recinzione (del modello venduto appositamente come anti-lupo) rimanendovi incastrato ed è morto soffocato. Probabilmente è arrivato di corsa… Le reti sono robuste e più alte di quelle “normali”, per le quali succede che ungulati vari le abbattano e le strappino lacerandone le maglie. Spiace che la cosa sia successa, personalmente non credevo potesse capitare, ma da oggi so invece che la “convivenza” con il lupo può comportare anche questo. Quelle reti dovrebbero servire a proteggere un piccolo gregge, lasciato pascolare in un recinto che viene via via spostato man mano che gli animali consumano erba e foglie. O così, con le reti, o si vendono gli animali, perché nessuno può permettersi di star lì a guardare 15-20 pecore/capre che pascolano, a meno che si tratti di un hobbista che non vive di quello.

pxr5bs
Gregge in alpeggio – Bardonecchia (TO)

Metto le foto per documentare il tutto e… scopro che qualcuno, commentando, arriva persino a porre in dubbio la “legalità” dell’utilizzo delle reti. Ecco, sul lupo (come su tante altre cose) dovrebbero parlare solo gli addetti ai lavori, quelli che conoscono concretamente la realtà. Invece purtroppo le cose non vanno così. E pure tra gli addetti ai lavori trovi anche troppe persone che strumentalizzano il problema, da una parte e dall’altra. C’è chi tira di mezzo la politica, chi interessi personali, chi vuole venderti i suoi cani da guardiania (solo quelli, tutti gli altri non vanno bene!), chi nega l’evidenza, chi continua a ripetere che sono cani randagi, chi afferma che l’uomo deve sparire dal territorio montano…

onzgda
Predazione su piccolo gregge – Val Pellice (TO)

In tutto questo gli allevatori sono spesso due volte vittime. Anche tre o quattro… Vittime degli attacchi, che si verificano e continuano a verificarsi, anche quando cerchi di applicare al meglio tutti quegli strumenti che servono per tentare di “convivere”. Vittime delle strumentalizzazioni. Vittime di una situazione di generale crisi e malcontento. Se vi dico che ci sono allevatori che hanno venduto il loro piccolo gregge “per colpa del lupo” e hanno ricavato una ventina di euro a capo, che cosa vi scandalizza di più?? Il lupo o il prezzo?

gglw9c
Pastore con gregge in alpeggio – Bardonecchia (TO)

Sapete qual è, dal lato degli allevatori, un elemento chiave della questione? L’esasperazione. Il non essere capiti, l’essere giudicati, l’essere condannati a priori… e soprattutto esserlo da persone che sicuramente non affrontano le loro fatiche, i loro sacrifici in nome di un mestiere che è anche una passione e in nome degli animali. C’è chi cerca di resistere in silenzio, senza esporsi, imprecando a bassa voce e chi invece cerca di denunciare al resto del mondo quel che accade. I nuovi mezzi, come i social, possono servire a sentirsi meno soli, raccogliendo la solidarietà e confrontandosi con colleghi di altre parti d’Italia, ma nello stesso tempo un mondo prima abbastanza sconosciuto arriva nella casa di tutti… e quindi ci si esaspera ancora di più leggendo commenti e discussioni infinite da parte di chi non ha niente altro da fare che stare lì seduto a sputare le sue sentenze. Il pastore che, da solo in alpeggio, lancia il suo grido di esasperazione condividendo la foto della sua pecora, della capra, dell’asina o del vitello ucciso si aspetta almeno solidarietà e comprensione. E invece il suo problema diventa ancora più grosso quando trova chi replica con insulti, giudizi sul suo operato o addirittura mette in dubbio i fatti accaduti.

yfwsf6
Gregge di pecore di razza brogna con gli animali superstiti dai recenti attacchi – Erbezzo (VR)

Non è semplice… Lo fosse, delle soluzioni in tutti questi anni le avremmo già trovate. Ma forse c’è anche chi non le vuole trovare… Io soffro quando vedo animali sbranati dal lupo, ma soffro anche quando sento allevatori che si limitano a dire “bisogna ucciderli tutti” senza correre ai ripari in nessun modo. Lo so, lo so bene quant’è difficile, faticoso, costoso in termini di tempo e di denaro farlo… Ma allo stato attuale il lupo non si può abbattere. E anche quelle proposte di abbattimenti (una percentuale sul totale dei lupi ecc ecc) non mi sembrano una cosa saggia. Nel “problema lupo” molti tendono solo ad ascoltare le voci che fanno più comodo, quelle che urlano di più. Gli studiosi di questo animale sono concordi nell’affermare che gli abbattimenti destabilizzerebbero i branchi, con conseguenze ancora peggiori sull’allevamento.

q713hq
Si apre il recinto e si va al pascolo – Sestriere (TO)

Quando mi chiedono che soluzioni avrei io, da anni ripeto sempre quello che è il mio pensiero. Sterminare i lupi non è ragionevole, sono anche utili, nel momento in cui regolano naturalmente la popolazione dei selvatici (sono gli stessi allevatori/agricoltori a lamentarsi di cervi, caprioli, cinghiali che fanno danni ai pascoli, alle coltivazioni). Ma dobbiamo far sì che girino alla larga dagli animali domestici. Quando i vari “esperti” dicono agli allevatori che devono convivere con il lupo, vorrei che lo dicessero con ancora più forza a tutti coloro che la montagna la frequentano per svago, la amministrano, vi lavorano per attività turistiche. Agli allevatori toccano i lupi, quindi devono attrezzarsi con i cani, quindi… con i cani devono convivere tutti gli altri. Ovviamente bisognerebbe avere cani “giusti”, equilibrati, ma bisogna anche avere la pazienza di “fare” un cane da guardiania. Così come non si può pretendere di prendere un cane e farlo lavorare come paratore nel gregge, non si può nemmeno pensare che un cane, anche delle razze adatte per questo scopo, lo si metta nel gregge e questo svolga il suo compito. All’allevatore gli oneri del corretto inserimento, al turista quelli del corretto comportamento in presenza di gregge e cani da guardiania.

y4yj2u
Cani da guardiania – Val Pellice (TO)

La convivenza con il lupo (e i suoi aspetti collaterali) dovrebbe interessare tutti, non solo gli allevatori. Questi sono già esasperati da una situazione di crisi che va dallo scarso valore degli animali nel momento vendita al prezzo degli alpeggi alle stelle, dalla burocrazia in costante crescita alla necessità di aumentare il numero di capi (e conseguentemente la mole di lavoro) per sopravvivere, ecc. Il lupo è il simbolo del nemico con cui il pastore potrebbe combattere ad armi pari (cosa che non può fare con gli speculatori degli alpeggi, con il mercato globale, ecc.). Spiegatemi perché, quando si parla di possibili abbattimenti, chi li propone vuole delle squadre autorizzate appositamente (e pagate!) per fare questo. Se un pastore ottiene un regolare porto d’armi come un cacciatore, perché non può essere lui a sparare al lupo quando lo vede attaccare il suo gregge? Solo in quel caso (e non è nemmeno detto che riesca a centrarlo) lo sparare al lupo avrà anche un effetto educativo nei confronti dell’animale/del branco. Verrà ucciso qualche lupo? Perché… oggi non succede? Ne vengono abbattuti illegalmente, ne vengono avvelenati (con pericolosissimi bocconi che possono essere mangiati anche da altri animali), ne vengono investiti dalle auto.

dapacb
La passione dei giovani – Villar Pellice (TO)

Poi di parole possiamo continuare a farne tante. Sono consapevole che, se non ci si cala nei panni degli allevatori, molte cose non verranno comprese. Così ci saranno quelli che criticheranno, quelli saccenti che continueranno a dire “basta fare così, basta fare cosà” senza sapere cosa significhi pascolare in montagna, portare a spalle una rete, piantarla nel terreno ripido e sassoso. Ci vorrebbe un consulente vero, serio, che studiasse ogni situazione, una ad una, perché molti sono casi a sé e le soluzioni generali non sono applicabili. Io capisco chi vende gli animali “per colpa del lupo”: se ne hai pochi, se abiti a mezza quota in montagna, se ti costa più mantenerli di quel che ti rendono, se hai pagato fieno a caro prezzo per sfamarli d’inverno e poi lasciarli nelle reti dietro casa sai che equivale a metterli in bocca al predatore… Allora arrivi anche a venderli. Io non credo però che la colpa sia “del lupo”. Il lupo è il simbolo di una montagna che muore, dove chi cerca di resistere si sente sempre più abbandonato (e tartassato, e vessato dalla burocrazia, e…).

chj0sd
Tentativi di “convivenza” con il predatore – Erbezzo (VR)

Insomma, come vedete su questo tema c’è sempre tanto da dire e non posso esaurirlo qui in poche righe. Non è che io non voglia più parlare di lupo… è che mi sembra che sia sempre più difficile farlo, per tutte le pressioni di ogni tipo che circondano questa tematica. Lo ripeto ancora una volta, per me il lupo è il simbolo di un territorio, quello montano, che sta diventando sempre più marginale. Sappiamo che è “bello”, è “prezioso”, “fragile”, ma si fa ben poco per mantenerlo, per aiutare le sue genti, che sono comunque le uniche che possono far sì che continui ad essere così com’è.

L’unica salvezza è il prodotto

Quando si parla di Valle d’Aosta, nel resto d’Italia, anche nel confinante Piemonte, c’è la convinzione che si tratti di una di quelle regioni montane dov’è ancora alta l’attenzione e la cura del territorio. Dove fare l’allevatore “conta ancora qualcosa” e le aziende agricole godono di un certo benessere.

tzprom
Prati in fiore – Nus (AO)

Possono averlo pensato anche quelli che, sabato scorso, hanno visto il Giro d’Italia transitare sulle strade della Valle, attraversando villaggi, prati in fiore con i loro sistemi di irrigazione (la cui utilità quest’anno è scarsa, viste le piogge quasi quotidiane). Apparentemente il sistema qui sembra funzionare.

4fr1k1
Salita in alpeggio – Petit Fenis, Nus (AO)

Sempre in questi giorni, tra una nuvola e l’altra, qualcuno può anche essere andato a fare una gita e aver incontrato sulla sua strada qualche transumanza che saliva a piedi verso gli alpeggi, oppure camion e camioncini per il trasporto animale che si dirigevano verso le varie vallate. O ancora ha visto le prime mandrie nei pascoli a mezza quota. Ma nessuno ha visto le decine e decine di animali condotti al macello, perché servono soldi per mandare avanti le aziende, perché gli allevatori sono stufi, sfiduciati, perché questo mestiere non rende più. Non è normale portare al macello le bestie a pochi giorni dalla salita in alpeggio… Cosa sta succedendo?

uax38c
Prati in fiore in una rara giornata di sole – Petit Fenis, Nus (AO)

Si arriva da una stagione invernale lunga e difficile. Tutto è iniziato nell’aprile 2017, quando a fine mese una gelata tardiva ha colpito l’intero comparto agricolo qui e altrove in quasi tutto il Nord Italia. Non sono gelate “solo” le viti, le piante da frutto, le verdure, ma anche l’erba dei prati. Il primo taglio di fieno è stato scarso e di bassa qualità. C’è poi stata un’estate calda e siccitosa, quindi anche i tagli successivi non sono stati buoni, specie dove non si poteva irrigare. Infine le bestie sono scese prima dall’alpeggio, sempre per la siccità, trovandosi a pascolare in anticipo quel che c’era ancora, per poi rientrare in stalla ed iniziare a consumare il (poco) fieno. Quando è stato ora di acquistarlo perché era terminato quello nei fienili, il prezzo era alle stelle. L’inverno è stato lungo, la neve è arrivata presto e, a quote medio-basse, l’ultima è caduta ancora un paio di settimane fa.

a0jfyq
Lo stesso prato dell’immagine precedente dopo il violento temporale di sabato pomeriggio

Ciò nonostante, molti hanno messo fuori gli animali in anticipo, a pascolare quello che avrebbe poi dovuto essere il primo taglio del mese di maggio/giugno. O così, o non avere niente da mettere nelle mangiatoie. Anche il 2018 quindi parte molto male, con l’aggiunta di un meteo che non accenna a stabilizzarsi e, alle piogge, alterna temporali violenti che provocano l’allettamento dell’erba (cioè la schiacciano, come vedete nella foto). Quando finalmente si riuscirà ad iniziare a tagliare, il fieno sarà già vecchio, faticherà ad asciugare, ecc…

oefvq8
Manzette di razza valdostana (castana, pezzata nera, pezzata rossa) – Nus (AO)

Ma non è possibile che sia solo una o due annate “storte” a determinare una crisi così drastica nell’intero settore zootecnico valdostano. Avevo già raccolto voci e impressioni la scorsa estate, attraverso le interviste che sono confluite in “Alpeggi, alpigiani, formaggi della Valle d’Aosta – 23 itinerari“, poi ho letto qua e là sfoghi e commenti di chi non ce la fa più. Essendomi stato commissionato un articolo sull’argomento, ho chiesto un’intervista al Presidente AREV Jean Paul Chadel, che proprio in questi giorni è arrivato al primo anno dalla sua nomina. L’ho incontrato l’altro giorno, reduce da una serie di riunioni che non avevano contribuito a risollevare il suo morale. Diplomato all’Institut Agricole di Aosta, lui stesso allevatore, conosce a fondo questa realtà.

0nmvxe
Mandria in alpeggio – La Manda, Valtournenche (AO)

Lo stato attuale della zootecnia valdostana è disastroso.” Chadel non gira intorno al problema, con grande franchezza dipinge il quadro di una situazione sull’orlo del collasso. “Come tutta l’agricoltura di montagna, si dipende in linea diretta dagli aiuti comunitari, ma questi è dal 2015 che non arrivano, sono parzialmente fermi e le aziende ne hanno bisogno per andare avanti. E’ un sistema suicida, servono perché, allo stato attuale, i costi di gestione delle aziende superano le entrate.

6pety3
Alpeggio danneggiato dalle nevicate – Vallone di Saint Barthelemy, Nus (AO)

C’è stato il costo del fieno che ha inciso, quest’anno c’è una stagione tardiva, molti alpeggi e strade sono state danneggiati durante l’inverno, sono tutti costi che si aggiungono, ma il vero problema sta a monte. Tutta la filiera produttiva valdostana è stata impostata per garantire il benessere degli animali, ma non quello del produttore. I contributi vengono erogati perché a Bruxelles hanno stimato che la gestione del territorio montano, che ha bisogno di cure, senza gli allevatori avrebbe costi 20 volte maggiori. Pertanto vengono dati i contributi. Ma l’unica nostra salvezza è il prodotto, non sono i contributi ad aiutare l’allevamento, l’hanno già distrutto! Per quello adesso siamo in ginocchio!

laqelo
Fontine in alpeggio – Alpe Djouan, Valsavarenche (AO)

In Valle d’Aosta “prodotto” significa soprattutto Fontina. “La Fontina dà lavoro a centinaia di persone, ma non dà da vivere a chi la produce!” Chi vende il latte ai caseifici riceve somme che non pagano i costi per mantenere gli animali, chi vende le Fontine alla cooperativa non ha una remunerazione adeguata. “Il sistema cooperativo dovrebbe aiutarci, ma da una parte siamo noi allevatori a non essere cooperativi, dall’altra il sistema è gestito politicamente e non ha come obiettivo il benessere degli allevatori. Da un punto di vista politico, qui in Valle prima si è speso troppo e male, così oggi il sistema sta crollando.

zjewsb
Alpeggio abbandonato – Conca di By, Ollomont (AO)

C’è il rischio di rimanere senza parole, di fronte a simili affermazioni. Ma Chadel ha ancora qualcosa da dire, per completare le prospettive che attendono l’allevamento valdostano. “Nell’ultimo decennio ha chiuso il 30% delle aziende e non parlo solo di anziani che hanno cessato l’attività senza avere continuità. Il sistema attuale sta crollando. Se questo accadrà, chi sopravviverà lo farà lavorando in altro modo. Si abbandoneranno gli alpeggi scomodi, i mayen, le razze autoctone meno produttive. Anche i prodotti scompariranno, cambierà tutto, persino il paesaggio.” Perché infatti continuare al alzarsi nel cuore della notte per mungere, lavorare due volte al giorno il latte come si fa oggi per la Fontina, vincolata inoltre alle razze locali? Magari ci sarà chi punterà a razze da carne e chi a vacche dalla lattazione più abbondante, a discapito della qualità, del prodotto, del territorio, della tradizione.

h2hlsz
Mandria in alpeggio a By di Farinet – Ollomont (AO)

Oggi chi vuole partire da zero è un pazzo. La stalla e gli investimenti che deve fare non se li ripagherà in tutta la vita. La passione negli allevatori c’è ancora, per forza, ma l’entusiasmo no. Io però continuo ancora a credere in quello che sto facendo. Sapendo le difficoltà che ci sono, il prodotto, i prodotti, sono la nostra unica salvezza. Parlo della Fontina d’alpeggio, che deve essere identificabile dal consumatore. Sarà uno dei nostri punti di partenza. Poi abbiamo un progetto sul latte IGP. Inoltre bisogna valorizzare la carne dei nostri animali: nonostante il metodo di allevamento, sono vendute dai produttori a prezzi inferiori alla media, anche se poi al consumatore nei negozi arrivano ad altre cifre. Il consumatore che abbiamo oggi è più informato e consapevole, quindi capirebbe se ci muovessimo a presentare i prodotti in un altro modo, con più valorizzazione e prezzi che ripaghino gli allevatori del lavoro svolto.

jaxa3n
Pierrey – Vallone di Saint Barthelemy, Nus (AO)

Non so cosa accadrà in futuro, in questa e nelle prossime stagioni. Il clima che si respira tra gli allevatori è effettivamente di profonda sfiducia. Ripensando alle interviste raccolte lo scorso anno, si staccavano dal coro le voci di chi aveva già cambiato qualcosa nel sistema, inventando nuovi prodotti da vendere direttamente o comunque puntando sulla valorizzazione e sul rapporto con il consumatore. Chi questo mondo l’ha sempre vissuto fin dalla nascita, ci può far vedere quante cose sono già andate perse nella gestione degli alpeggi, con pascoli scomodi che non vengono più utilizzati e altri che vengono pascolati “male”. Il concime non sempre viene sparso a fertilizzare i pascoli, sempre meno animali salgono sugli alpeggi… Speriamo cambi qualcosa. Come consumatori, cerchiamo di contribuire, tanti piccoli gesti possono invertire la tendenza. Investiamo un po’ di tempo e di denaro per cercare il prodotto giusto, sia per portarcelo a casa, sia per degustarlo in loco (magari negli agriturismo).

Passione per la lana

Manca ancora l’ultima tappa della mia trasferta. Sono anche stata in Lessinia, ma di quello vi parlerò in seguito, dedicando un post ad un argomento scottante… Volevo invece raccontarvi qualcosa di più tranquillo e rilassante, così vi spiego cos’è stata la Via della Lana.

coe5ho
La Via della Lana – Follina (TV)

Già anni fa ero stata invitata a questa manifestazione, ma erano tempi in cui il pascolo vagante mi impegnava in prima persona, quindi avevo dovuto rifiutare, temendo che la data coincidesse con la transumanza verso l’alpeggio. Quest’anno invece sono riuscita ad organizzarmi e così eccomi arrivare a Follina, in provincia di Treviso.

wkmrh1
Abbazia di Santa Maria – Follina (TV)

Il paese oggi è famoso soprattutto per la meravigliosa Abbazia, un vero gioiellino storico e architettonico. Follina rientra nei borghi più belli d’Italia soprattutto grazie a questo monumento.

dlqane
Follina (TV)

Facendo due passi nella zona centrale più antica, si nota soprattutto la presenza dell’acqua, ma anche quelle di molti (ex) lanifici. Quello dove si tiene la manifestazione invece è ancora attivo e lo scoprirò durante la visita guidata della domenica mattina. Il nome Follina pare derivi dalla “follatura”, uno dei passaggi della lavorazione dei tessuti in lana.

lijiqu
Coperte di lana di pecora alpagota – Lanificio Paoletti, Follina (TV)

Il sabato, dopo la conferenza iniziale, dove si è parlato soprattutto (ovviamente) di lana, c’era modo di visitare alcuni spazi della fabbrica, compresa una stanza dove si potevano comprare gli scampoli più disparati, ma anche morbidissime e caldissime coperte e sciarpe. La situazione “lana”, come ben sanno gli addetti ai lavori, non è buona. I pastori faticano nuovamente a smaltirla (spesso senza nemmeno prendere un soldo), uno stabilimento che si occupava del lavaggio di molta lana nel Nord Italia (in provincia di Bergamo) è sull’orlo del fallimento, il consumatore ne usa poca… Insomma, che futuro c’è? Ci sono piccole iniziative locali di recupero, magari legate ad una razza di pecora o a una valle, ma sono marginali rispetto alla produzione globale. A Biella la lana la raccolgono, la scelgono e la vendono all’asta, consegnando al pastore una “pagella” su quello che ha conferito, ovviamente pagandogliela di conseguenza.

krm6lm
Il becco castrato “tira” il gregge – Follina (TV)

La domenica sono arrivate le pecore, quelle del gregge vagante di Caterina e Sergio, che d’estate salgono in Valcellina, in Friuli Venezia Giulia. Dall’Alpago arrivava un altro gruppetto di animali, che è stato protagonista della tosatura.

oiiye6
Tosatura di pecora alpagota – Follina (TV)

E’ infatti stato mostrato al pubblico come vengono tosate le pecore. Il tosatore non aveva ancora avviata la macchinetta che… già una signora del pubblico aveva esclamato: “Poverine!“. Caterina mi ha preceduta nella replica: “Signora… ma lei perché oggi che fa caldo non ha il cappotto addosso? Pensa che starebbero bene d’estate con tutta la lana addosso?

gyzgqy
Il sig. Paoletti con la pastora Caterina – Follina (TV)

L’animatore/ideatore/motore di tutta la manifestazione è stato soprattutto il sig. Paoletti, titolare del lanificio. Le persone impegnate nella buona riuscita de “La Via della Lana” sono state molte, ma senza la passione e la dedizione della famiglia Paoletti sicuramente queste giornate non sarebbero state così coinvolgenti ed emozionanti.

unccmc
Dalla balla di lana al filo – Follina (TV)

Personalmente devo dire che il momento che in assoluto ho apprezzato maggiormente è stata la visita completa al lanificio. Nel mio caso, la guida è stata il sig. Paoletti in persona. In questi anni vi ho parlato molte volte di passione riferendomi agli allevatori: bene, qui c’era passione allo stesso modo, la passione per la lana, per questa materia prima che qui viene ancora lavorata valorizzandola al meglio, rispettandola, con piena consapevolezza di tutto quello che c’è dietro a quel materiale che arriva in grosse balle compresse.

jdtj30

n1oalw

ftzpbq

x3dfgg
Varie fasi della lavorazione della lana nel Lanificio Paoletti – Follina (TV)

Oggi il lanificio impiega solo più una trentina di persone, produce soprattutto filati per designer e grandi aziende della moda, firme importanti “…che però tirano sul centesimo nel pagare il prodotto. Un vestito che nelle boutique viene venduto a 700 euro avrà 25 euro di costo di tessuto!“. E’ stato estremamente affascinante vedere la lana passare di macchina in macchina e trasformarsi, fino ad avere il tessuto finale. Alcuni macchinari ancora in uso risalgono addirittura agli anni Cinquanta: “E’ quello per fare il tweed, ha tutte le trasmissioni a cinghie. Non lo cambiamo perché è ancora quello che ci permette di avere il prodotto migliore. Ma se si rompe qualcosa bisogna ripararlo, ovviamente non si trovano più i pezzi di ricambio.” In altri macchinari invece è subentrata la tecnologia, i computer. Il signor Paoletti racconta, spiega, mostra al gruppo ogni passaggio e si vede che ama il suo lavoro, quello che fa, fin nei dettagli. Anche nel caso di questo mestiere, se non ci fosse la passione probabilmente la famiglia avrebbe smesso, poiché molte cose, queste giornate in primo luogo, non verrebbero più fatte, dedicandoci così tanto tempo e impegno.

ghsg4q
Col-lana – Follina (TV)

La manifestazione prevedeva anche esposizioni di artigiani, molti dei quali usavano la lana come componente principale dei loro manufatti. Vi erano inoltre laboratori dedicati ai bambini, dove si imparava a fare il feltro, e molto altro ancora.

ia6jpe
La sala delle proiezioni – Follina (TV)

Io ero stata invitata non solo per parlare di pastorizia, ma soprattutto per portare il film “Tutti i giorni è lunedì”, realizzato qualche anno fa con il progetto Propast. Nel video si vedono 5 famiglie di pastori piemontesi, ciascuna con un’impostazione lavorativa differente, a mostrare come oggi non ci sia IL pastore, ma tanti pastori con le loro famiglie, le loro storie.

gjlyrr
Colline del Prosecco – Rolle (TV)

Sono poi ripartita da Follina attraversando le colline del Prosecco. Ho anche sentito parlare tanto di questi vigneti, nei giorni che sono stata là. Vigneti che un tempo appartenevano solo esclusivamente alle colline, mentre oggi hanno colonizzato tutto, anche aree non esattamente vocate a questo genere di coltivazione. L’estensione e l’espansione dei vigneti rappresenta anche un problema per i pastori transumanti… una delle tante difficoltà per il pascolo vagante. Permettetemi di chiudere ringraziando ancora sentitamente tutte le persone che mi hanno accolta e che ho incontrato nelle giornate passate a Follina. Complimenti davvero per la bellissima manifestazione e… al prossimo anno!

Piangere non serve, allora bisogna attrezzarsi per convivere

Continuiamo con il racconto delle mie giornate in altre parti delle Alpi. Ora sono rientrata in Piemonte (e vi ricordo che domani sera presenterò “Capre 2.0” alla Crumiere di Villar Pellice). L’altro giorno invece, lasciato Ponte di Legno, sono salita al Passo del Tonale, passando così dalla Lombardia al Trentino Alto Adige.

64fix1
Passo del Tonale (TN)

Al passo c’era ancora un po’ di neve, ma i pascoli iniziavano ad essere punteggiati di crocus. Non faceva freddo, per cui sicuramente in poco tempo anche lì si farà vedere il verde della primavera. Via via che avanzavo verso il lato trentino, il panorama era occupato dalle infrastrutture turistiche, come in tutte le stazioni invernali. Non un bel vedere…

wht20a
Val di Sole (TN)

Poi però, scendendo nella valle, per chilometri si sono susseguiti meravigliosi paesaggi fatti di boschi e prati, punteggiati da masi e attraversati da strade bianche. Qua e là c’erano anche vacche al pascolo. Ho visto le indicazioni per tanti luoghi dove mi sarebbe piaciuto andare, dai finestrini ho osservato villaggi, castelli, ma dovevo proseguire perché ero attesa in più posti. Sono poi entrata in Val di Non e ho guidato tra infiniti meleti, con un fastidioso odore di antiparassitari che aleggiava nell’aria.

k71mh8
Daniel e Bruno con il gregge 

Ad Ala mi aspettava un amico che non avevo ancora mai incontrato dal vivo, Bruno. Grazie a lui che mi ha accompagnato, sono andata a trovare una “vecchia conoscenza”, Daniel, che quest’anno lavora da quelle parti come pastore. “Lo scorso anno qui c’ero io con il gregge, ma quest’anno non andrò in alpeggio. Le mie pecore le ho date su a Daniel insieme ai cani. Lui lavora per l’allevatore per cui lavoravo io gli anni scorsi. La mia morosa ha una malga, lei non vuole fare la vita nomade, così quest’anno provo io a stare fermo…“. Bruno ha studiato da geometra, ha intrapreso per qualche mese il lavoro d’ufficio, ma ha subito capito che quella non era la sua strada. Così ha iniziato ad andare in alpeggio, “in malga”, come dicono dalle sue parti. E da allora gli animali hanno sempre fatto parte della sua vita.

g2dxtm
Cani da guardiania e gregge – TN

Anche qui ci sono problemi con il lupo, ormai da qualche anno. Io non sono contento che sia tornato il lupo, il lupo non l’abbiamo voluto, né io né gli altri allevatori. Però per me prima di tutto vengono le pecore. Tanti parlano, dicono che bisogna ammazzare tutti i lupi, ma intanto stanno lì e non fanno niente, così gli attacchi continuano e il lupo si insedia sempre più sul territorio. Piangere non serve, bisogna attrezzarsi per convivere.

eiytzo
Bruno con l’asina e il gregge – TN

La convivenza di cui parla Bruno non è pacifica e nemmeno indolore: “Perdite e attacchi ne ho avuti, anche con i cani. Intorno a casa le fototrappole fotografano i lupi di continuo. Con i cani però posso dormire, prima eri sempre lì pronto a scattare, a vedere quello che succedeva.” Il significato di “convivenza” quindi è da intendere come qualcosa di imposto: il lupo c’è, bisogna attrezzarsi con ciò che la legge ci consente di usare. Bruno cerca anche di sensibilizzare i colleghi, far capire che occorre prevenire il problema.

agv2vj
Cane da guardiania nel gregge – TN

Inserire un cane è un lavoro lungo. Per quello bisogna farlo prima, quando non c’è ancora l’urgenza di difendere gli animali da lupi già stabili sul territorio. Io voglio dei cani che facciano il loro lavoro, ma che mi riconoscano anche come capobranco. Se sbagliano, faccio come se fossi uno di loro, li prendo per il collo e li costringo a terra. Per i cani questa è la prova di forza del dominante. I miei cani devono obbedire al tono della mia voce.

ceclfz
Cartelli informativi per i turisti sulla presenza dei cani da guardiania

A volte ci sono problemi con i turisti, ma… è affar loro! Nel senso che ci sono i cartelli e loro devono rispettare le regole. Io i cani li devo avere per difendere il gregge, il turista si deve adeguare.” Daniel racconta che, poche ore prima, un ciclista ha avuto paura dei cani, ma non è successo niente. “I cani devono difendere il gregge, ma non devono nemmeno essere troppo aggressivi con la gente. Però nemmeno troppo socievoli, altrimenti seguono il turista e abbandonano le pecore!

dmxv7b
Il cane da guardiania nel gregge – TN

La posizione di Bruno a riguardo di questi temi non sempre viene capita dai “colleghi”, anche perché, mi dice, ogni tanto il suo pensiero è stato strumentalizzato in certi articoli. Riconosce che non ovunque il problema può essere affrontato nello stesso modo, ma insiste sulla necessità di provare a prevenire, soprattutto con l’inserimento dei cani. Ammette che non sia una cosa semplice, ma proprio per questo bisogna iniziare per tempo, consapevoli che occorra dedicarci tempo e pazienza. “Le reti antilupo da sole non sono sufficienti, il lupo entra come vuole, le salta. Io ho sempre rinforzato tra un picchetto e l’altro con i picchetti che si usano per il filo delle vacche, ma nel recinto ci devono essere anche i cani. Su sul Carrega fare il recinto non è facile, queste reti hanno il doppio piede, è impensabile spostare il recinto frequentemente. Su è tutto sassi, per fare il recinto avevamo fatto i buchi con il tassellatore.

Bisognerebbe cambiare mentalità partendo dal basso

Cari amici, come saprete in questi giorni sono in trasferta: oggi mi trovo a Follina (TV) per la manifestazione “La via della Lana“, dove alle 17:00 proietteremo il film sui pastori piemontesi. Chi fosse in zona e volesse venire a trovarmi… Stamattina ero indecisa se spostarmi ancora o rimaner qui in attesa che inizino gli eventi legati alla manifestazione. Il viaggio però è già stato lungo e domani mi aspetta un ritorno ancora più lungo… Così ho pensato stare tranquilla e iniziare a raccontarvi qualcosa su ciò che ho visto/sentito nei giorni scorsi.

pmdnrc
Andrea Bezzi nel suo punto vendita a Ponte di Legno (BS)

Durante la mia prima tappa ad Edolo, ho ricevuto un messaggio da parte di Andrea Bezzi. Qui potete vedere un breve filmato realizzato sulla sua azienda. Mi chiedeva se riuscivamo ad incontrarci, dato che lui (per ovvi motivi di lavoro) non riusciva a partecipare alla mia presentazione all’Università della Montagna. Dato che il giorno successivo ero di strada, avendo deciso di passare dal Passo del Tonale per spostarmi in Lessinia, ben volentieri ho accettato l’invito. Ho così potuto conoscere un allevatore decisamente speciale, cosa che già immaginavo avendo letto diversi articoli su di lui e sulla sua azienda zootecnica.

zjyaoo
Il punto vendita con vista sulla stagionatura – Ponte di Legno (BS)

L’ho raggiunto a casa sua nel centro di Ponte di Legno: aveva finito di mungere, le vacche ora sono già nei pascoli più a monte, pian piano ci si avvicina alla malga. Così abbiamo fatto colazione con una scodella di latte appena munto, ancora tiepido.  Intanto Andrea raccontava la sua storia, spiegava la sua “filosofia”. Un vero uragano di entusiasmo e concretezza, idee innovative e tradizione. Oltre a ritrovare nelle sue parole molti dei pensieri che esprimo da tempo anche su queste pagine, venivo anche investita da una carica di ottimismo e speranza, cosa che non mi accadeva da tempo, visto che la gran parte degli allevatori che mi è capitato di incontrare ultimamente è rassegnata ad una condizione di crisi che porta verso la sopravvivenza o addirittura la sconfitta.

dnnejo
La stagionatura dello Stilter, formaggio DOP

Bisognerebbe cambiare tutto, sono molte le cose che non vanno. Ma bisognerebbe partire dal basso, solo così si può poi arrivare fino in alto a chi deve prendere le decisioni. Tanto per dire, l’asilo qui ha un bellissimo giardino, ma porteranno fuori i bambini 3-4 volte all’anno, non di più, perché le mamme poi si lamentano che si sporcano! Già di lì le cose non funzionano… I giovani qui sognano solo più di andare a lavorare agli impianti: non credono più nell’agricoltura. Invece agricoltura e turismo qui devono andare di pari passo, non uno prevalere sull’altro. Io ho fatto per anni l’istruttore di sci di fondo, ma ho sempre avuto anche l’azienda.

civby6
Stagionatura dell’az. Bezzi a Ponte di Legno (BS)

Mi porta a vedere il punto vendita e la stagionatura, che contiene le preziose forme di Stilter, la DOP prodotta qui in Alta Valle Camonica, poi anche altri formaggi, il “Case di Viso”, dal nome della sua malga. “Non bisogna lasciarsi abbattere dalle difficoltà, bisogna saper trovare la propria strada per emergere. Alla fine lavora uguale chi si lamenta tutto il tempo senza cambiare nulla e chi invece trova il modo di valorizzare. Il mio prodotto lo vendo ad un prezzo giusto che tenga conto del lavoro che c’è dietro. Sono anche certificato Bio. Ormai il consumatore attento c’è, quello che cerca un prodotto fatto in un certo modo e disposto a spendere una certa cifra. Vendo i miei formaggi anche in mercati e fiere, su in malga, qui a casa… Si valorizza il prodotto puntando sulla qualità. In questo modo si possono tenere meno bestie e trasformare in proprio, invece di dare il latte a pochi centesimi ai caseifici. Ho amici che hanno le stalle in pianura, anche alcuni di loro hanno capito che questa è la strada giusta e hanno trasformato l’azienda con ottimi risultati.

mvjdd9
Case di Viso – Valcamonica (BS)

Andrea mi vuole a tutti i costi accompagnare fin su a Case di Viso, la sua malga. L’aria è frizzante, ma nelle scorse settimane ha fatto caldo, così la neve è già sciolta anche lassù e l’erba inizia a venire verde. Non vede l’ora di salire, come qualsiasi malgaro, e rimanere poi su il più a lungo possibile. “Vado su pian piano pascolando, poi arrivo quassù. Intorno alle case sfalcio, sono terreni privati. Non è tanto per la quantità di fieno che ricavo, ma per mantenere tutto pulito, resta bello verde, anche adesso c’è già più erba. Per mungere uso il carrello mungitura e lo sposto continuamente, così non si rovinano i pascoli.

2w3jfw
La conca di Case di Viso – Valcamonica (BS)

Mentre salivamo, Andrea mi aveva mostrato il punto dove avrebbe voluto edificare la stalla nuova. “Ma non me l’hanno lasciato fare… il piano regolatore non lo consente. Ma pian piano arriverò anche lì.” Non è tipo da arrendersi, ma nemmeno indugia in polemiche. Preferisce raccontarmi come vorrebbe fare questa stalla, con un sistema innovativo di lettiera, la “compost barn”. E’ molto attento al benessere animale, ma anche all’ambiente. “Gli animali che stanno bene danno un prodotto migliore. Le vacche stanno bene libere e soprattutto al pascolo. Qui in montagna devono stare in stalla per forza d’inverno, quindi vorrei una stalla dove possano stare nel miglior modo possibile.

o6a49v
I pascoli sopra a Case di Viso – Valcamonica (BS)

I pascoli più alti intorno alla malga verranno utilizzati da un gregge transumante, tutto il resto invece alimenterà le vacche e le manze di Andrea. “Per fortuna ci sono degli usi civici, così questa malga non è potuta finire in mano a gente che arriva da fuori. Purtroppo questo sistema dei contributi sta facendo dei gravi danni. Bisognerebbe darli per aiutare chi lavora in montagna, ma basandosi su come uno gestisce il territorio.” Mi invita a tornare quando sarà quassù: la bellezza del luogo rende l’invito ancora più allettante… “Le vacche qui mangiano solo erba, il mangime serve giusto per sporcare la mangiatoia perché vengano a farsi mungere. Una volta anche noi davamo mangime in alpeggio, ma non ha senso! Alla fine la resa non cambia più di tanto, ma la qualità sì. Se le bestie sanno che dai il mangime, pascolano meno perché sanno che poi c’è quello da mangiare.” La nostra chiacchierata è stata ben più lunga, ma qui vi ho raccontato le cose principali che vi fanno capire chi è Andrea Bezzi e come gestisce i suoi animali, la sua azienda, e qual è la qualità dei suoi prodotti. Lo ringrazio ancora per il tempo che mi ha dedicato quella mattina, so bene che avrebbe avuto molte cose da fare: “Sai come si dice… c’è più tempo che vita!“, ma intanto sfrecciava per le strette strade sopra a Ponte di Legno. La stagione turistica non è ancora iniziata, il Passo Gavia è ancora chiuso, così non c’era quasi nessuno in giro. L’ho salutato mentre tornava nel suo piccolo caseificio e sono ripartita portando con me un po’ del suo ottimismo e del suo spirito costruttivo.

Storie di pietre (grazie alla tecnologia)

Domenica scorsa siamo andati in Valchiusella, sopra ad Inverso, per vedere la fioritura dei narcisi. C’era l’incognita del meteo, fortemente instabile. Si temeva la pioggia e si temeva pure che quella dei giorni precedenti avesse già rovinato eccessivamente i fiori.

magfz6
Narcisi in fiore ad Inverso – Valchiusella (TO)

Per fortuna il tempo ha tenuto, ma effettivamente la fioritura in certe zone era già quasi al termine. Comunque valeva la pena andare da quelle parti anche solo per vedere il paesaggio molto particolare. Un paesaggio “disegnato” dall’uomo.

xjyf24
Salendo al Colletto di Bossola – Valchiusella (TO)

I pascoli, punteggiati di baite (che qui chiamano “cascine”, anche se niente hanno a che fare con le cascine di pianura), hanno un aspetto ancora curato, anche se si possono distinguere chiaramente zone più verdi, prive di felci e cespugli, da altre apparentemente meno utilizzato.

xyjogy
Genziane in fiore al Colletto di Bossola – Valchiusella (TO)

Siamo arrivati fino al Colletto di Bossola, dove i narcisi erano meno fitti, ma subentravano le genziane. L’erba dei pascoli era ancora molto bassa, anche se la quota non è particolarmente elevata (nemmeno 1400m). Gli alpeggi veri e propri erano più in alto, si intravvedevano appena tra la nebbia.

eqw3hm
Narcisi in fiore – Inverso, Valchiusella (TO)

La sera ho pubblicato alcune di queste immagini su facebook, chiedendo a chi mi segue i nomi delle località dove avevo scattato le foto. Lo spettacolo della fioritura, che in certi punti era proprio nel momento del massimo splendore, già mi aveva appagata. Però… ho ricevuto anche un’inattesa e graditissima sorpresa.

wzhyro
Baite d’alpeggio – Inverso, Valchiusella (TO)

Lo sapete, io amo le vecchie baite. Vorrei sempre che quelle pietre potessero parlare, raccontando la storia di chi le ha costruite, di chi ci ha vissuto, il perché di certi “elementi architettonici” che, talvolta, paiono quasi eccessivi per semplici baite di montagna. Uno dei tanti amici virtuali ha risposto alle mie richieste, con abbondanza di particolari, e così ho iniziato a fargli più domande.

kloj8x
Cascine ad Inverso – Valchiusella (TO)

Andrea (ancora grazie!) mi ha detto che quelle cascine sono sempre state solo sede di alpeggio e non abitazioni permanenti. Anche un tempo, le mandrie (sicuramente più piccole che non oggi) salivano dal fondovalle, utilizzando man mano i pascoli, e spostandosi poi più a monte. Anche a fine stagione la discesa si effettuava a tappe. “I miei bisnonni avevano le vacche a Trausella, con la bella stagione iniziavano a salire alla prima cascina, poi ad una intermedia ed infine ad una di quelle lassù.

kjbgdv
Paesaggio d’alpe – Inverso, Valchiusella (TO)

Gli ho chiesto il perché dei muri in pietra, quelle strane “recinzioni” intorno alle baite. “Naturalmente le vacche non mangiavano nelle immediate vicinanze delle cascine, ma sui pascoli comunali. L’erba delle cascine mio bisnonno la falciava come fieno ed una buona parte la portava giù a Trausella. Guai se le vacche pascolavano nei prati delle cascine. Poi quando iniziava la discesa concimava tutti prati a mano. Altri tempi… altri uomini…

m8xr9c
Il “giardin” – Inverso, Valchiusella (TO)

Per finire, Andrea mi ha anche chiarito il “mistero” di una delle baite dove siamo passati. “Altri uomini… come quello che ha costruito il “Giardin”, mi hanno detto che era un omone forte e quelle pietre le ha fatte lui, in una cava più in alto, e trascinate giù in inverno.

9r53v3
Il Giardin – Inverso, Valchiusella (TO)

Non avevo mai visto un simile “steccato” in pietra. “La mantegna in pietra mio nonno mi aveva detto che era per guidare le vacche alla cascina, per evitare che andassero giù nel prato. Le vacche mangiavano nei prati lì intorno, mentre quello all’interno della recinzione di pietre che hai visto tutto intorno, veniva falciato. Chiaramente un lavoro enorme sicuramente guidato da tanta ambizione.” Che dire… grazie alla tecnologia che ha permesso ad Andrea di raccontarmi/raccontarci queste belle “storie”. Il mio invito a tutti è quello alla riflessione, su cosa voleva dire un tempo vivere in montagna, su come la montagna veniva tenuta, curata, accudita… quando c’erano meno mezzi, meno risorse, ma tutto serviva per la sopravvivenza.